Articoli marcati con tag ‘Grandi Stazioni’

Il Ministro Delrio oggi in sopralluogo al cantiere della stazione AV/AC di Afragola

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, ha effettuato nel pomeriggio un sopralluogo al cantiere della stazione AV/AC di Afragola, con i vertici di Rete Ferroviaria Italiana, di Italferr e di Astaldi, che sta realizzando l’infrastruttura.

“I lavori stanno procedendo nei tempi previsti, consentendo di aprire il 1° giugno 2017” – ha dichiarato il Ministro – “e l’opera di Zaha Hadid sta prendendo forma per manifestarsi in tutta la sua bellezza”.

“Ma soprattutto” – ha continuato il Ministro – “nei costi e nei tempi previsti avremo una stazione che consentirà di abbreviare i tempi di collegamento con il Sud e il primo vero nodo intermodale a Sud con lo scambio ferro/gomma e con i collegamenti verso la città. Per questo l’opera rappresenta anche un simbolo per un Sud che cambia passo nel trasporto delle persone e delle merci.”

In pochi mesi quest’opera che sembrava il simbolo di un Mezzogiorno che non ce la fa diventerà il simbolo di un Mezzogiorno che ce la fa”.

Grandi Stazioni: Riccardo Maria Monti è il nuovo presidente

Il Consiglio di Amministrazione di Grandi Stazioni – società del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane partecipata da Eurostazioni – ha cooptato e nominato presidente Riccardo Maria Monti.

Nella stessa seduta di oggi il Consiglio ha anche cooptato quale amministratore Francesca Serra.

La composizione del Consiglio è pertanto la seguente: Presidente Riccardo Maria Monti, Amministratore Delegato Paolo Gallo, Consiglieri Monica Cacciapuoti, Massimiliano Capece Minutolo Del Sasso, Fabio Corsico, Vittorio de Silvio, Maria Rosaria Gradilone, Francesco Rossi, Francesca Serra.

Il Collegio dei Sindaci è composto da:  Giuseppe Spinelli, Claudio Bianchi, Monica Petrella.

Stazione Tiburtina: un nuovo modo di vivere la città.

Una smart city su misura per viaggiatori e cittadini. Una città nella città che da oggi ospita la mostra MOVEAT – Le vie del cibo: dalla Roma antica all’Europa moderna.

Nata nel 2010 con una galleria-ponte di vetro di grande pregio sospesa sui binari e firmata da Paolo Desideri (ABDR Architetti Associati), la stazione Tiburtina AV oggi è un vero e proprio hub che unisce negozi a nuovi servizi.

Tutt’intorno le aree di proprietà FS si riqualificano ospitando, tra l’altro, nuovi laboratori di ricerca scientifica e didattica per gli studenti della Sapienza.

Da oggi Roma Tiburtina ospita MOVEAT – Le vie del cibo: dalla Roma antica all’Europa Moderna.

Dedicata alla storia dei trasporti alimentari e promossa da Ferrovie dello Stato Italiane insieme a Grandi Stazioni.

Reduce dal successo a Expo Milano 2015, l’esposizione fa tappa nell’hub romano di FS Italiane fino al 15 giugno 2016, in occasione del Giubileo straordinario della Misericordia.

Ideata da Andrea Schiavo e allestita dalla Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l’area archeologica di Roma, MOVEAT viene proposta al pubblico romano in una delle “bolle” della nuova stazione Tiburtina tutti i giorni dalle 9 alle 18.

Un percorso interattivo fra reperti, immagini, mappe e scritti testimonia l’attenzione al cibo.

L’approvvigionamento e la nutrizione nella Roma antica sono raccontati mettendo in luce la centralità italiana nelle rotte d’Europa e del mondo allora conosciuto.

Un primo video mostra le principali rotte alimentari durante l’impero romano: la rotta del grano, del vino, dell’olio d’oliva, del garum, delle spezie.

Un secondo video è invece dedicato al trasporto di alimenti su rotaie, con treni dei secoli passati che collegavano luoghi di produzione e consumo distanti anche migliaia di chilometri.

La città nella città: WI-FI gratuito e pianoforte, shopping in stazione e albero di Natale

Attività commerciali e di servizio a disposizione dei viaggiatori, un’area green attrezzata per l’attesa, una rete wifi gratuita e una App che aiuta a orientarsi.

A Tiburtina c’è anche il pianoforte: un invito alla musica rivolto a cittadini, passeggeri e visitatori 365 giorni all’anno.

Un vero cuore pulsante nella città arricchito in questi giorni da un grande albero di Natale dove cittadini e viaggiatori, durante lo shopping natalizio in stazione, potranno lasciare un bigliettino appeso con un desiderio.

La solidarietà viaggia con noi

Grazie a un piccolo contributo l’Ostello Caritas “Don Luigi di Liegro” di Roma Termini potrà finalmente tornare ad essere in modo pieno un punto di riferimento per quanti vivono in condizioni di disagio.

Dal 6 dicembre al 10 gennaio la solidarietà viaggerà sui nostri treni e nelle nostre stazioni: 70 dipendenti del nostro Gruppo volontari, in compagnia dei volontari Caritas, a coinvolgeranno i nostri clienti richiedendo una donazione di almeno 3 euro in cambio di  una barretta di cioccolato, un piccolo gesto per dare a chi è meno fortunato di noi la possibilità di riprendere una vita dignitosa.

Accanto al coinvolgimento dei clienti sui treni, sarà possibile donare anche attraverso le biglietterie, le self service di Trenitalia e nei FRECCIAClub.

L’Ostello, dato in comodato d’uso gratuito a don Luigi di Liegro nel 1987, è stato infatti profondamente ristrutturato e diventerà uno dei più grandi e moderni centri di accoglienza notturna e diurna europei per persone senza fissa dimora, capace di erogare 600 pasti caldi al giorno e ospitare in modo dignitoso per la notte circa 200 persone.

È un luogo così tanto importante e simbolico per quello che rappresenta in termini di accoglienza dei poveri, che Papa Francesco ha deciso di considerarlo una tappa del Giubileo della Misericordia: la struttura avrà infatti una sua Porta Santa che i pellegrini attraverseranno nel proprio percorso giubilare.

La struttura è pressocché pronta, mancano gli arredi e qualche altro piccolo intervento, e occorre una cifra di circa 300 mila euro.

Grandi Stazioni: FS e Eurostazioni avviano il processo di privatizzazio

Ferrovie dello Stato Italiane ed Eurostazioni, a seguito della delibera del Consiglio di Amministrazione di Grandi Stazioni dello scorso 30 giugno, hanno avviato il processo di privatizzazione relativo alla vendita dell’intero capitale sociale della nuova GS Retail, subordinatamente alla scissione di Grandi Stazioni, attraverso una procedura competitiva.

Il CdA di Grandi Stazioni dello scorso 30 giugno aveva deliberato la scissione non proporzionale di GS in tre aziende: GS Rail, GS Immobiliare e GS Retail.

L’Amministratore Delegato di Grandi Stazioni, Paolo Gallo, ha così commentato: “Oggi si apre un nuovo capitolo per Grandi Stazioni. L’avvio del processo di privatizzazione pone sul mercato un soggetto unico nel panorama mondiale sia per le esperienze nella gestione unitaria di tutte le principali stazioni ferroviarie italiane e ceche, sia per le potenzialità di espansione commerciale e di penetrazione sul mercato Retail.
Siamo sicuri di poter raccogliere numerose manifestazioni di interesse, che attendiamo per il 14 dicembre”.

L’operazione di scissione sarà realizzata attraverso lo scorporo e la contestuale assegnazione alla costituenda società Grandi Stazioni Retail, tra le altre, delle attività relative allo sfruttamento economico in esclusiva degli spazi commerciali, media & advertising, deposito bagagli, servizi igienici nelle 14 principali stazioni ferroviarie italiane e nelle due stazioni in Repubblica Ceca, Praga Centrale e Mariánské Lázně.

Le stazioni italiane sono Bari Centrale, Bologna Centrale, Firenze S. Maria Novella, Genova Brignole, Genova Piazza Principe, Milano Centrale, Napoli Centrale e Piazza Garibaldi, Palermo Centrale, Roma Termini, Torino Porta Nuova, Venezia Mestre, Venezia S. Lucia, Verona Porta Nuova e Roma Tiburtina.

Il bando di gara internazionale volto a raccogliere le manifestazioni di interesse per partecipare alla procedure è disponibile sul sito internet www.fsitaliane.it e www.grandistazioni.it

Privatizzazione FS Italiane, Delrio:” Stiamo valutando la soluzione migliore”

Il Governo sta valutando le soluzioni migliori per la privatizzazione di FS Italiane. È quanto si è appreso oggi dal Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Graziano Delrio a margine del Workshop sul IV Pacchetto Ferroviario organizzato dal Gruppo FS Italiane e CER a Expo Milano 2015.

L’ipotesi originaria – ha spiegato il Ministro – era quella di quotare l’intero gruppo”. Poi, però, “sulla base degli approfondimenti fatti, abbiamo visto che in questo tipo di quotazioni ci sarebbero problemi anche se si quotasse solo la parte passeggeri o merci”. Per questo “stiamo comparando le diverse ipotesi”. “Io – ha aggiunto Delrio – resto favorevole a non quotare la rete, ma stiamo discutendo su quale sia la soluzione migliore”.

Sulla privatizzazione è intervenuto, sempre a margine del Workshop, l’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato Italiane, Michele Mario Elia annunciando che entro fine mese sarà pubblicato il bando per la vendita di Grandi Stazioni: “Stiamo andando avanti, stiamo preparando il bando che sara’ pronto entro fine mese. Ci sono molti soggetti interessati a questo asset”.
Elia ha anche detto che “l’ambizione di FS è quella di espandersi con i servizi AV anche in Francia e Belgio”.

In questa prospettiva è fondamentale che il IV Pacchetto Ferroviario, al centro dei lavori del Workshop di Expo Milano, preveda una clausola di reciprocità indispensabile per impedire alle imprese provenienti da mercati chiusi di competere in quelli liberalizzati.

La privatizzazione del Gruppo FS Italiane prevista dal Ministero dell’Economia e delle Finanze con l’entrata in borsa di una quotazione minoritaria, richiede che le regole europee costituiscano un incoraggiamento e non un ostacolo per gli investitori che si aspettano una giusta remunerazione dei capitali investiti e il IV Pacchetto dovrebbe in sostanza anche creare le condizioni per attrarre investimenti.

A Roma Tiburtina un giardino tra i binari

il successo ottenuto dal Garden allestito lo scorso giugno a Venezia Santa Lucia, Grandi Stazioni ha deciso di creare anche a Roma Tiburtina uno spazio verde che dia ai viaggiatori un benvenuto tutto green e offra a turisti e cittadini un orto urbano da vivere nel cuore della capitale.

E’ un format innovativo di green architecture sostenibile, che offre uno spazio dedicato a tutti e in cui tutti possono dare il proprio contributo attivamente, seminando la pianta preferita e lasciandosi accogliere da un mix multisensoriale di profumi e colori, creato da centinaia di piante.

Ispirato al celebre Giardino Botanico di Villa Adriana di Tivoli, considerato un capolavoro naturale e artistico senza tempo, il Garden Roma Tiburtina – oltre 300 mq nella piazza ipogea – è concepito come un grande labirinto vegetale ed esperienziale, che unisce in un percorso unico un orto urbano, un giardino delle meraviglie, un’oasi verde nel cuore della Stazione.

Realizzato secondo i precetti degli Horti Sallustiani, il Garden Roma Tiburtina è composto da centinaia di piante disposte in sei labirinti vegetali e circondate da vasche pubbliche, in cui ciascun visitatore potrà mettere a dimora la varietà di semi preferiti e diventare protagonista nella valorizzazione della sua Stazione.

35 varietà botaniche diverse tra piante aromatiche, insalate, fiori e piante ornamentali accolgono i turisti e i viaggiatori per un momento di relax o di piacevole attesa del proprio treno, sulle sedute ecosostenibili realizzate pallet riciclati.

Hostess e Steward “giardinieri”, con fioriere mobili quali postazioni di engagement, danno il benvenuto ai viaggiatori offrendo loro una busta di semi, da piantare nelle vasche predisposte nel Green Garden di Stazione.

L’Urban Green Garden di Roma Tiburtina sottolinea la fruizione non convenzionale delle Stazioni proposta da Grandi Stazioni, già arricchite dal pianoforte libero che invita alla musica cittadini, passeggeri e visitatori 365 giorni all’anno.

Un nuovo modo di pensare, una vera e propria ‘piazza’ che aggrega e offre servizi, divertimenti, cultura e, da oggi, anche la possibilità di un’esperienza green.

Il Garden è stato ideato e realizzato dall’agenzia up! strategy to action.

Mobilità sostenibile: stazioni più bike friendly

Sviluppare nuove forme di collaborazione per favorire l’integrazione modale treno/bicicletta. Elaborare progetti di potenziamento infrastrutturale per migliorare l’accessibilità delle stazioni e facilitare, a chi usa le due ruote, gli spostamenti in ambito ferroviario (marciapiedi, sottopassaggi pedonali).

Attrezzare circa 180 stazioni a livello nazionale, nell’ambito del progetto 500 stazioni di RFI, con stalli dedicati per il parcheggio delle biciclette.

Sono gli obiettivi del Protocollo d’Intesa fra la Federazione Italiana Amici della Bicicletta Onlus (FIAB) e Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane), siglato oggi a Roma da Giulietta Pagliaccio, Presidente nazionale della FIAB, e da Maurizio Gentile, Amministratore Delegato di Rete Ferroviaria Italiana (RFI), in occasione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile (16 – 22 settembre).

L’accordo prevede la realizzazione di stalli (pavimentati e anche coperti) riservati al parcheggio di biciclette; l’installazione nelle scale dei sottopassaggi pedonali di sistemi (scivoli, ascensori dimensionati) per facilitare salita e discesa dei viaggiatori, senza bici in spalla; l’utilizzo di locali non più funzionali alle attività ferroviarie per noleggio e manutenzione delle due ruote; la creazione di aree dedicate al bike sharing nei piazzali antistanti le stazioni ferroviarie, nelle città in cui il servizio è operativo; e infine l’installazione di segnaletica fissa e variabile dedicata.

Opere per le quali saranno presentati progetti ad hoc al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e che saranno realizzate in parte con i fondi già a disposizione di RFI e in parte con i finanziamenti pubblici destinati alla mobilità sostenibile.

Gli interventi sono così suddivisi tra le stazioni del territorio nazionale: Liguria (27), Lombardia (26), Toscana (21), Lazio (17), Emilia Romagna (16), Puglia (14), Piemonte (11), Marche (8), Calabria (7), Veneto (6), Campania (5), Sicilia (5), Friuli Venezia Giulia (4), Sardegna (4), Umbria (3), Abruzzo (2) e Basilicata (2).

Per Giulietta Pagliaccio, Presidente FIAB: L’accordo siglato oggi con RFI dà concretezza a un articolato programma di collaborazione con il mondo del trasporto su rotaia che, attraverso la convenzione stipulata a inizio anno con Trenitalia, ad esempio, ci vede già impegnati al tavolo di lavoro misto e permanente nato per elaborare e promuovere iniziative a favore dello sviluppo dell’intermodalità fra bicicletta e treno. Il progetto 500 stazioni – ha continuato la Presidente – prevede, infatti, un adeguamento delle stazioni ferroviarie con interventi e strutture che consentano l’accesso con la bici e facilitino l’intermodalità tra due mezzi di trasporto sostenibili.

La convenzione con FIAB – sottolinea Maurizio Gentile, AD RFI – rientra in un più ampio progetto di “mobilità dolce” per la quale RFI è impegnata nello sviluppo di progetti che favoriscano sempre più l’integrazione fra bicicletta e treno. Il nostro obiettivo – conclude Gentile – è attrezzare le stazioni italiane per consentire l’integrazione modale, grazie alla quale i passeggeri partendo in bici dalla propria abitazione trovino un primo punto di sosta in stazione, per facilitare l’utilizzo del treno per arrivare a destinazione. Il Protocollo d’Intesa con FIAB è un ulteriore tassello, assieme ai percorsi ciclopedonali adiacenti ai binari, di questo processo virtuoso ed ecosostenibile.

Il CDA del Gruppo FS Italiane approva l’operazione di riorganizzazione di Grandi Stazioni

Il Consiglio di amministrazione di Ferrovie dello Stato Italiane, riunitosi oggi sotto la presidenza di Marcello Messori, ha approvato all’unanimità l’operazione di riorganizzazione di Grandi Stazioni.

L’operazione sarà realizzata con la scissione non proporzionale dei rami di attività di GS il cui patrimonio sarà conferito a due società per azioni di nuova costituzione.

Il CdA ha deliberato, ai fini della predisposizione del progetto di scissione, di non rinunciare alla relazione degli esperti (art. 2501 sexies codice civile come richiamato dall’art. 2506 ter codice civile), la cui nomina sarà richiesta con apposita istanza al Tribunale.

Il CdA ha quindi invitato l’Amministratore Delegato, Michele Mario Elia, a compiere tutte le attività propedeutiche, compresa la predisposizione delle bozze di Accordo di scissione e dei connessi accordi tra i soci e del bando di gara, che saranno sottoposti all’approvazione del CdA di FS Italiane.

Sempre oggi, l’assemblea della Società ha approvato il bilancio del 2014 che era passato al vaglio del Consiglio di Amministrazione il 24 aprile scorso.

Ntv, Reggio Emilia cuore delle corse

Raddoppiano anche i collegamenti da/per la stazione Mediopadana di Reggio Emilia, con dodici treni al giorno in arrivo o in partenza da Nord, dalla tratta Torino-Milano o, da Sud, dalla Bologna-Firenze-Roma-Napoli.

Il treno rosso di NTV conferma anche le dieci corse giornaliere tra Roma e Venezia, e altri due collegamenti dalla laguna allungano il percorso su Napoli. L’offerta sulla città partenopea risulta, quindi, potenziata con altri otto collegamenti giornalieri, che si vanno a sommare ai ventidue già esistenti.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner