Articoli marcati con tag ‘Honda’

La lezione giapponese

Su questo spazio molte volte ho rappresentato l’unica possibilità per la mobilità elettrica di acquisire spazio sul mercato solo se si comporta come una “economia di sistema” e non come una tradizionale “economia di prodotto”.

Una conferma di questa visione arriva dal Giappone. Le società automobilistiche: Honda, Toyota, Nissan, Mitsubishi agguerrite concorrenti sul fronte delle vetture a trazione endotermica diventano invece alleate per quanto riguarda elettrico e ibrido plug-in; hanno infatti dato vita ad un progetto comune per creare una rete di punti di ricarica su tutto il Giappone adatti a entrambi i tipi di veicolo.

E’ evidente che il tema della “distribuzione dell’energia” è il tema principale per la diffusione della mobilità a zero emissioni e che non è possibile avere un mercato basato solo su coloro che hanno la disponibilità di un punto di ricarica privato; occorre applicare la stessa strategia che Henry Ford applicò all’automobile oltre 100 anni fa promuovendo lo sviluppi di una rete di distribuzione dei carburanti ed affrancandosi dai farmacisti (avete letto bene) che fino ad allora vendevano la benzina.

Il tema è ben noto anche in Italia, non a caso questa primavera è stato siglato un accordo tra ENI ed ENEL per una fase sperimentale di installazione di colonnine di ricarica made in ENEL all’interno della rete di distribuzione ENI. Un primo passo, timido, verso una distribuzione capillare, la stessa ENEL ha presentato tempo addietro una proposta di “distributore di energia”, che potrebbe avere alcuni vantaggi rispetto ai distributori di carburanti tradizionali, come ad esempio, la possibilità di essere presente nel centro delle città laddove correttamente sono stati banditi i distributori di benzina.

Stazione di rifornimento ENEL

Anche in questo caso vi è bisogno di un gesto da parte delle amministrazioni locali che debbono guardare a questa innovazione come una possibilità importante per determinare lo sviluppo di nuove forme di mobilità integrata, sostenibile, connessa.

Sono queste infatti le parole d’ordine con le quali si dovrà progettare la mobilità per le città del XXI secolo.

Questi i temi di “Smart Mobility World” una manifestazione che vuole mettere a sistema le idee, il sapere, le tecnologie, utili per gestire la mobilità delle grandi metropoli urbane e che si terrà a Torino dal 26 al 27 settembre.

Un buon segnale anche per i torinesi, che oggi vivono nell’unica città del nord Italia priva di punti di ricarica per auto elettriche, pensare che forse una città che ospita aziende come GM o i tedeschi di Italdesign o gli indiani di Tata possa sganciarsi dalle linee guida imposte dal gruppo Fiat per pensare ad una mobilità moderna.

Honda presenta la stazione solare ad idrogeno

Honda Motor Co., Ltd. ha presentato la stazione solare ad idrogeno agli Uffici della Prefettura di Saitama. Quest’iniziativa fa parte del programma di test per i veicoli elettrici di prossima generazione per la mobilità personale, a cui stanno attualmente collaborando Honda, Iwatani e la Prefettura di Saitama.
Inoltre Honda ha equipaggiato FCX Clarity, veicolo elettrico a celle a combustibile, con una presa di corrente perché possa funzionare come fonte di alimentazione a 9kW. Poiché FCX Clarity utilizza una reazione chimica tra idrogeno e ossigeno per produrre energia con zero emissioni di CO2, grazie alla nuova presa di corrente il veicolo sarà in grado di funzionare anche come generatore elettrico portatile con zero emissioni di CO2.
È la prima volta che in Giappone viene installato un sistema completo per produrre, stoccare e distribuire idrogeno con zero emissioni di CO2. Un sistema di elettrolisi a forte
pressione di acqua, sviluppato in esclusiva da Honda, produce idrogeno. Grazie all’assenza di un compressore meccanico, il sistema è silenzioso e ad elevata efficienza energetica. Utilizzando la forza solare e la rete elettrica, il sistema è in grado di produrre 1,5 kg di idrogeno in 24 ore, consentendo a FCX Clarity un’autonomia di circa 150 chilometri o 90 miglia. L’obiettivo di Honda è di sviluppare ulteriormente il sistema, al fine di fornire fonti di energia pulita per la casa del futuro.

da electricmobility.it

Le piccole invadono il Motor Show di Bologna

Il mercato sembra guardare verso giovani e anziani, i più colpiti dalla crisi.

Le “piccole” sfidano il calo del mercato automobilistico italiano (-9,25%) al Motor Show di Bologna.

Sfileranno la Nuova Panda e Volkswagen up’. Per quanto riguarda la seconda, il responsabile Luca De Meo dice: avrà ”l’Italia come secondo mercato” sapendo di parlare di ”Un segmento che nei prossimi anni, secondo le stime, crescera’ del 20%. Una grossa opportunità”. Santo Ficili, responsabile Mercato Italia del brand Fiat non sembra preoccupato di quest’intrusione.
Anche Renault punta sulle piccole, per andare in contro a giovani e anziani, i più colpiti dalla crisi, così vedremo nuova Twingo. Audi presenterà l’Audi A1 Sportback, ci sarà la nuova Honda Civic, la Ford B-Max e la nuova DR1 S.

USA: Fiat 500 supera tutti.

Fiat fa parte del gruppo Chrysler.

In settembre, negli USA, Fiat ha supetaro gli altri brand del gruppo con una media di 40 unità per dealer. Dopo Fiat: Dodge (che comprende i truck Ram) con 31 unità in media, poi Jeep (17) e Chrysler (11), per un totale di 59 unità medie mese.

Secondo Allpar.com, le vendite per concessionario della Chrysler, combinate con quelle della Fiat, supererebbero quelle della rete Toyota, Nissan e Honda.

Fiat domina il mercato brasiliano.

Fiat

Fiat, in Brasile è prima tra le marche nei primi otto mesi. Secondo i dati Fenabrave (Federacao Nacional da Distribuicao de Veiculos Automotores) si parla di 501.166 unità vendute per un 22,44% del mercato. Segue Volkswagen con 461.567, per il 20,66% del mercato. Poco sotto la General Motors, con 410.760 unità e il 18,39% del mercato. Poi Ford (210.348 unità pari al 9,42% di mercato), Renault (15,12%), Hyundai (3,31%), Honda (2,93%), Citroën (2,75%), Toyota (2,65%) e Peugeot (2,58%).

In compenso la Gol (Volkswagen) ha battuto la Fiat Uno (27.203 esemplari venduti contro 24.947). Subito dietro la Chevrolet Celta e Fiat Strada.

CEVA e Honda, partnership rinnovata per altri 3 anni

CEVA continuerà a gestire le attività logistiche di Honda in Europa

Il contratto tra CEVA Logististics, uno dei principali operatori logistici al mondo, e Honda of the UK Manifacturing (HUM), filiale dell’azienda automobilistica Honda, è stato rinnovato per un altro triennio.

CEVA Ground Europe continuerà a gestire le attività logistiche inbound del cliente a livello europeo coordinando la raccolta di componenti dai fornitori e il loro trasporto all’impianto di produzione HUM di Swidon, nel Regno Unito.

“Il nostro obiettivo principale – ha dichiarato Dave Taylor, Divisional Manager di HUM – era progettare una supply chain più efficiente, e nel perseguire tale scopo abbiamo incrementato la flessibilità e la visibilità dei componenti, riducendo nel contempo i costi e le emissioni di CO2. La decisione di rinnovare questo accordo deriva dalla relazione forte e positiva con il nostro partner”.

Honda: in Giappone introduce monitoraggio per le radiazioni

Stabilimento Honda

La casa automobilistica Honda ha attuato una nuova procedura di sicurezza nei porti di Nagoya e Yokoama per permettere la misurazione dei livelli di radiazioni dei veicoli che sono destinati all’esportazione. Dopo le case giapponesi Toyota e Nissan adesso anche la Honda deve rassicurare la propria clientela  rispetto ai problemi della radioattività nei suoi veicoli. La casa automobilistica nipponica afferma che il livello di radiazioni, misurata dalle agenzie ufficiali, nei settori in cui si trovano gli stabilimenti Honda non raggiunge livelli per minacciare la salute. Questa procedura sarà estesa anche ad altri prodotti e componenti e in più località produttive.

Honda Civic GX a metano per l’ottava volta auto più ecologica degli USA

Honda Civic GX

La Honda Civic GX si guadagna per l’ottava volta di fila il podio di auto più verde degli Stati Uniti. Una macchina a metano così continua a battere i modelli ibridi ed elettrici.

La classifica delle auto più ecologiche degli USA è snocciolata da ACEEE (American Council for Energy-Efficent Economy), un’organizzazione indipendente.

La casa automobilistica giapponese, forte del successo, intende proporre la soluzione metano per il 2012 e ricorda che l’auto ha un’emissione di sostanze nocive prossima allo zero.

Dai ripetuti successi della Civic comunque emerge che il metano rappresenta una soluzione efficace e già pronta per porre rimedio alle emissioni dei mezzi motorizzati.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner