Articoli marcati con tag ‘iaa 2016’

Bosch, futuri tir ibridi diesel e autonomi nei convogli

Si chiama VisionX il concept che anticipa la visione del colosso della componentistica automotive Bosch per ciò che riguarda il futuro dei veicoli industriali. La proposta – presentata al Salone IAA Hannover che si apre oggi al pubblico – punta alla creazione di una ‘macchina intelligente’ come motrice per autoarticolati da 40 tonnellate di peso complessivo.

”Connessi, elettrificati e autonomi: Ecco come saranno gli autocarri in futuro: connessi, elettrificati e autonomi, cioè le caratteristiche che Bosch ha racchiuso in VisionX – ha detto MarkusHeyn, membro del board di Robert Bosch – compresa una delle tecnologie innovative come il platooning, cioè la capacità di muoversi in convoglio in modalità autonoma, una caratteristica che, oltre a facilitare la vita degli autisti nei lunghi viaggi, si traduce anche in un significativo aumento della sicurezza”.

In futuro, vari sistemi di assistenza degli autocarri e degli autoarticolati verranno combinati con l’automazione per rendere i veicoli più sicuri e più affidabili, quasi come se viaggiassero su binari. Durante il viaggio i mezzi riceveranno in tempo reale da Bosch IoT Cloud tutti i dati di cui hanno bisogno, tra cui informazioni sul percorso, condizioni del traffico, deviazioni e attrezzature di scarico disponibili alla destinazione, evitando tempi di inattività. Inoltre, sarà l’autocarro stesso ad occuparsi di alcuni aspetti della guida: per esempio, una volta raggiunta l’autostrada, si unirà a un convoglio, ossia una sorta di treno merci formato da autocarri, diventando uno dei vari veicoli che sono connessi elettronicamente e collegati al veicolo in testa. I veicoli del convoglio accelereranno, freneranno e sterzeranno in modo sincronizzato, portando la guida autonoma a un nuovo livello, aumentando la sicurezza ed eliminando lo stress per l’autista.

Sarà l’uomo a guidare l’autocarro finché il sistema di bordo non riceverà dati che individuano un convoglio adatto. Allora il veicolo diventerà ‘autonomo’ e procederà da solo sotto la supervisione dell’autista. L’inverso succederà quando l’autocarro dovrà abbandonare il convoglio per uscire dall’autostrada; in quella situazione l’autista riprenderà il comando per completare il viaggio in modalità manuale o parzialmente autonoma. ”Gli autocarri connessi e autonomi rappresentano il futuro – ha detto Heyn – e Bosch intende svolgere un ruolo importante nel loro sviluppo”. Altro elemento di cambiamento per rivoluzionare i trasporti su gomma del futuro sarà la propulsione diesel ibrida, presente nel concept Vision X, in cui un motore a gasolio è accoppiato a unità elettriche per agevolare la marcia in convoglio con un coordinamento ottimale di frenata, accelerazione e sterzata. Tutto questo si tradurrà in minori costi di esercizio, in quanto da solo lo sfruttamento dell’effetto scia consente un risparmio di carburante fino al 10%. VisionX di Bosch si propone anche come parte della catena logistica connessa: ”Perfettamente connesso l’autocarro del futuro diventerà un componente chiave dei processi logistici internazionali – ha spiegato Heyn – ad esempio con l’accettazione dei documenti di spedizione al caricamento del mezzo, all’esecuzione di manovre automatiche quando il veicolo giunge a destinazione. Accedendo a Bosch IoT Cloud, autotrasportatori e clienti potranno sapere in qualsiasi momento dove si trovano l’autocarro e il carico. Inoltre, gli autisti potranno trovare e prenotare i parcheggi lungo il percorso, rendendo il viaggio meno stressante.

Mercedes-Benz Trucks: anteprima IAA 2016

In Europa, Mercedes-Benz Actros è l’autocarro di linea pesante per antonomasia. Nel 1996, la prima generazione del gigante della Stella festeggiava la sua première al Salone Internazionale dei Veicoli Industriali. Da allora Actros è stato venduto in oltre un milione di esemplari. L’attuale generazione continua a fissare nuovi parametri di riferimento e per il suo ventennale è stata rinnovata con sistemi di sicurezza innovativi e un’ulteriore ottimizzazione dei consumi. Per festeggiare questo importante anniversario, nasce un’edizione limitata caratterizzata da un equipaggiamento esclusivo. La presentazione è prevista a settembre, in occasione del Salone Internazionale dei Veicoli Industriali.
Actros Mercedes-Benz: dal 1996 il riferimento per gli autocarri pesanti
Redditività, sicurezza, comfort: l’Actros rappresenta lo standard di riferimento per il trasporto di linea pesante in Europa. Equipaggiata con freni a disco su tutte le ruote e sistema frenante elettronico (EBS), la prima generazione, del 1996, diede inizio ad una vera rivoluzione nel campo della sicurezza, che proseguì negli anni successivi con numerosi sistemi di assistenza alla guida. Quando si parla di sicurezza, bisogna riconoscere che tutte le innovazioni pionieristiche degli autocarri moderni hanno fatto il loro debutto internazionale a bordo dell’Actros – fino al nuovo Active Brake Assist ABA 4 e al sistema di assistenza alla svolta. L’Actros è sempre stato un punto di riferimento in termini d’innovazione anche per i cambi parzialmente o completamente automatizzati e il Tempomat ad azione preventiva Predictive Powertrain Control (PPC).
La cabina di guida a pianale piatto è diventata con l’Actros il nuovo standard del trasporto di linea. Grazie ai sistemi Highway Pilot e Highway Pilot Connect per la guida interconnessa in convoglio, l’Actros è già oggi sulla strada verso la guida autonoma. Con oltre 145.000 esemplari venduti dal 2011, l’attuale serie è leader del mercato europeo nel proprio segmento.
Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner