Articoli marcati con tag ‘indagine’

Il caso Tirrenia al vaglio dell’Ue

Tirrenia sotto la lente

Restano accesi i riflettori dell’Unione Europea sul caso Tirrenia. L’indagine aperta sulla privatizzazione, fa sapere il portavoce per la concorrenza Joaquin Almunia, resterà aperta finché non sarà chiarito se l’operazione è stata realizzata ricorrendo ad aiuti di Stato in violazione delle norme comunitarie.

Nel mirino di Bruxelles, in base all’indagine ufficializzata all’inizio di ottobre dello scorso anno, ci sono in particolare le compensazioni per obblighi di servizio pubblico corrisposte alle società dell’ex gruppo di Stato che, secondo la Commissione europea, potrebbero costituire un indebito vantaggio rispetto alla concorrenza. In gioco ci sarebbero complessivamente alcune centinaia di milioni di euro di aiuti che rischiano di essere giudicati non conformi alle norme Ue.

Nel frattempo Cin, la compagnia di navigazione che ha preso le redini di Tirrenia, ha convocato i sindacati per il primo agosto per approfondire le tematiche relative alle azioni di rilancio dell’azienda.

Costa Concordia, l’Sos lanciato troppo tardi. Indagato il comandante

La Costa Concordia al largo dell'isola del Giglio

E’ in stato di fermo il comandante della Costa Concordia, Francesco Schettino, accusato di omicidio colposo plurimo, disastro e abbandono della nave, in seguito al tragico incidente avvenuto sabato sera a una manciata di metri dall’isola del Giglio. Secondo la testimonianza di un membro dell’equipaggio Schettino avrebbe dato l’ordine di avvicinarsi all’isola per mostrarla a un maitre originario proprio del Giglio.

E’ stata questa manovra che ha provocato la falla nella chiglia e l’immediato allagamento della sala macchine della nave. Ma il comandante non è sotto accusa solo per essere andato fuori rotta (la nave si trovava a soli 150 metri dalla costa), ma anche per i passaggi successivi all’incidente. Innanzitutto non sarebbe stato lui a dare l’allarme: la scatola nera racconta che la nave si è incagliata alle 21.58. Alle 22.10 l’equipaggio comunica alla capitaneria di porto di avere un problema al generatore ma non parla di urti o secche. L’allarme vero e proprio scatta alle 22.30, molto in ritardo, come messo in rilievo dai pm di Grosseto. Schettino invece rivendica ”la correttezza della manovra” e dice di aver puntato sul Giglio ”per evitare il naufragio in mare aperto”. Schettino dovrà anche rispondere per aver abbandonato la nave prima che tutti i passeggeri fossero messi in salvo.

Intanto anche la Costa Crociere lo scarica e parla di “errori di giudizio che hanno avuto gravissime conseguenze”. Il bilancio delle vittime è salito a sei persone, 17 i dispersi, tre i sopravvissuti recuperati ieri ancora a bordo della nave, tra cui un commissario di bordo.

A pranzo in elicottero, sospesa la licenza a Piscicelli

L'elicottero in spiaggia

Sospensione o ritiro della licenza da pilota di elicottero, questo rischia l’imprenditore atterrato su una spiaggia dell’Argentario per Santo Stefano. Protagonista della vicenda l’imprenditore Francesco Maria De Vito Piscicelli, già noto per la risata sul sisma che devastò L’Aquila. Piscicelli voleva portare a pranzo fuori la madre e ha scelto un’entrata in grande stile, prendendo l’elicottero e atterrando direttamente in riva al mare, senza nessun tipo di permesso.

Adesso la vicenda è al centro di un’indagine del ministero dei Trasporti, che intende verificare, insieme all’Enac, se ci sono gli estremi per sospendere o ritirare la licenza al comandante del velivolo. Per il momento la licenza è stata sospesa.

Auto, calano ancora le immatricolazioni

Calano le immatricolazioni a luglio

Sono state 137.442 le auto immatricolate nel mese di luglio, il 10% in meno del già debole luglio 2010. Effetto della manovra finanziaria, secondo il Centro Studi Promotor di Bologna. “Il dato sulle immatricolazioni di auto a luglio – sottolinea una nota – è la prima indicazione statistica sull’economia reale dopo la manovra. La domanda di auto ha accusato fortemente la stangata, che ha aumentato ancora una volta le accise e ha introdotto superbolli mentre la propensione ad acquistare automobili era stata già pesantemente colpita dal caro-carburante, dagli aumenti di IPT e imposte sull’assicurazione e soprattutto dalla debolezza dell’economia reale”.

Il risultato di luglio costringe a rivedere ancora le previsioni per l’intero anno, che si attestano ormai al di sotto di 1.800.000 immatricolazioni. Un dato confermato dall’inchiesta congiunturale effettuata dal Centro Studi Promotor: il 91% dei concessionari lamenta bassa affluenza di acquirenti nei saloni di vendita, mentre l’indicatore del clima di fiducia degli operatori del settore, già molto depresso, cala di quasi 4 punti. Per risalire la china, secondo gli operatori del settore, occorrerebbe adottare provvedimenti urgenti di rilancio dell’economia. Ma l’andamento dei mercati mondiali, per ora, non lascia ben sperare.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner