Articoli marcati con tag ‘jazz’

Trenitalia Regionale, consegnato oggi un nuovo Jazz per i pendolari toscani

Un nuovo Jazz arricchisce da oggi, in Toscana, la flotta dei treni per i clienti regionali di Trenitalia. Inizierà a circolare fin dai prossimi giorni nell’area Lucca – Pisa – Livorno.

La consegna è avvenuta questa mattina, nella stazione di Firenze Santa Maria Novella, alla presenza dell’assessore regionale ai Trasporti, Vincenzo Ceccarelli e del direttore della Divisione Passeggeri Regionale di Trenitalia, Orazio Iacono.

Con l’arrivo sulle linee regionali di questo Jazz salgono a 61 i treni nuovi consegnati da Trenitalia al servizio ferroviario toscano dal 2013 ad oggi. Diventeranno 63 entro fine anno, secondo il programma condiviso con la Regione Toscana che prevede nel 2017 la consegna di altri 2 (1 Jazz e 1 Swing) convogli.

Il deciso ammodernamento del parco rotabili ha già dato tangibili frutti sul fronte del comfort, della regolarità e della security, ma potrà conoscere un’ulteriore e definitiva svolta con un Contratto di Servizio di più lunga durata su cui le parti stanno lavorando.

L’appuntamento odierno, con lo sguardo già proiettato al futuro, è servito quindi anche per analizzare il lavoro svolto in Toscana da Trenitalia Regionale negli ultimi quattro anni e fotografare la situazione attuale.

Sono oggi 224mila i passeggeri che mediamente ogni giorno feriale salgono sulle 788 corse gestite dalla direzione toscana di Trenitalia, che conta 1877 dipendenti e un parco di 97 locomotori, 555 carrozze e 116 automotrici, elettriche e diesel. La rete commerciale può giovarsi di 4679 punti vendita, capillarmente presenti sul territorio regionale grazie alle varie convenzioni siglate negli ultimi anni anche con la rete dei tabaccai, di Sisal e di Lottomatica.

Dal 2012 a oggi i passeggeri sono cresciuti di circa il 4,5%, l’età media della flotta è scesa del 18%, i guasti ai treni sono diminuiti del 70% e le cancellazioni del 68%, la puntualità reale percepita dai passeggeri, quella che tiene conto di tutti i treni, prescindendo dalle cause del ritardo, è salita del 3,5% e il gradimento complessivo, espresso nei rilevamenti demoscopici, ha conosciuto una crescita del 12 %.  In valori assoluti le cancellazioni riguardano circa lo 0,8% delle corse programmate, indice di assoluta eccellenza a livello europeo (in Francia è l’1,3% e in Gran Bretagna, mediamente, il 3%) mentre la puntualità vale il 90,9% nel 2016. Dato che raggiunge il 97% se si escludono i ritardi non imputabili a Trenitalia.

Oltre a consolidare e migliorare le ottime performance raggiunte negli ultimi mesi, Trenitalia Regionale è al lavoro su diversi fronti. Tra gli altri quello di costruire un’efficace integrazione con le altre modalità di trasporto e mettere a punto un’offerta sempre più adeguata alle esigenze del territorio toscano e dei suoi abitanti.

Sul primo fronte si avvierà a giugno la sperimentazione di una Card, la Card Unica Regionale, che consentirà di caricare su un unico supporto abbonamenti e biglietti di corsa semplice, favorendo così integrazione modale, tariffaria e dei sistemi di vendita.

Sull’altro, da condividere con il committente Regione, l’obiettivo è incrementare la frequenza delle corse nelle aree suburbane e la velocità, accorciando i tempi di viaggio, nelle aree extraurbane, favorendo poi  l’interscambio modale sul servizio metropolitano. Insomma, armonizzare le diverse offerte di viaggio alle diverse esigenze e creare, al contempo, i presupposti per un’efficace intermodalità.

In Trentino arriva il primo Jazz con sedili in loden

Sedili in pregiata stoffa loden per i treni Jazz che circoleranno in Trentino. E’ una delle particolarità dei nuovi convogli, sei in tutto, che entro il 2016 saranno consegnati ai pendolari trentini che si sposteranno con i servizi regionali di Trenitalia sulla direttrice del Brennero. Il primo esemplare di treno Jazz, realizzato da Alstom, è stato consegnato oggi a Trento alla presenza delle istituzioni locali e dei rappresentanti di Trenitalia.

Le caratteristiche dei tessuti in loden – materiale resistente, elegante e impermeabile, idrorepellente, ignifugo e oleorepellente, realizzato dalla ditta Moessmer – rendono i rivestimenti dei sedili dei nuovi treni Jazz di Trenitalia facili alla pulizia e capaci di mantenere, con il passare del tempo, le proprie caratteristiche di qualità.

Storicamente utilizzato per panni, pantaloni e altri tipi di indumenti per le classi meno abbienti, questo tessuto tipico del Tirolo divenne un capo di moda quando la fabbrica Loden Moessmer realizzò un mantello bianco che andò in regalo all’imperatore Francesco Giuseppe. Successivamente, da tessuto considerato povero, il loden iniziò a essere utilizzato per produrre abiti da caccia e da montagna per la nobiltà austroungarica.

Lo speciale materiale rappresenta ancora oggi una particolarità che già caratterizza i convogli di tipologia Flirt e che conferirà ai nuovi treni Jazz un tocco localistico nel comfort del viaggio in tutta sicurezza. La stoffa loden presente sui sedili dei servizi Jazz di Trenitalia è stata infatti sottoposta a diversi trattamenti di sfregamento e umidità per testarne la solidità ed è stata soggetta a uno speciale brevetto per l’utilizzo sui treni. Consente una pulizia immediata, non attira macchie e, in caso di incendio, non emana vapori tossici.

I contratti di lunga durata permettono un cambio di tutta la flotta passando da un’età media di 26 anni a 6,9 anni. Una vera rivoluzione che consente di arrivare ad una puntualità entro i 5 minuti del 95% dei treni.

Trenitalia Regionale Campania: consegnato il primo treno jazz

La cerimonia del tradizionale taglio del nastro si è svolta sui binari dell’Impianto Frecciarossa di Gianturco, in occasione di una visita del Presidente della Regione Campania,Vincenzo De Luca, ai capannoni del più importante polo manutentivo dei treni veloci nel Mezzogiorno.

A fare gli onori di casa, gli amministratori delegati di Ferrovie dello Stato Italiane, Renato Mazzoncini, e di Trenitalia, Barbara Morgante.
Tra gli ospiti, Pierre-Louis Bertina, Amministratore Delegato di Alstom Ferroviaria, l’azienda costruttrice del Jazz, ultimo modello della famiglia Coradia Meridian, prodotto da Alstom Italia e commissionato da Trenitalia per il trasporto regionale.

Il treno consegnato oggi è il primo dei 12 esemplari destinati alla Campania entro il 2016, che già a settembre avranno raggiunto le 10 unità.

L’arrivo dei nuovi treni costituisce l’inizio della progressiva sostituzione delle ormai vetuste “Ale 724” che dall’inizio degli anni ‘80 effettuano i collegamenti di tipo metropolitano sulla Linea 2 e sull’itinerario Napoli – Torre Annunziata – Salerno.

Primi in Campania ad apprezzare le caratteristiche dei nuovi convogli, i passeggeri del Regionale 21280 in partenza oggi da Salerno (15.24) per Napoli Campi Flegrei (17.22).

I nuovi treni Jazz per i pendolari del Lazio

Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha presentato alla stazione Termini insieme all Amministratore delegato di Trenitalia, Barbara Morgante, e all’Assessore regionale alle Politiche del Territorio e alla Mobilità, Michele Civita, uno dei nuovi treni Jazz in esercizio sulle ferrovie regionali.

Prosegue il miglioramento del comfort e della performance sulle linee ferroviarie regionali del Lazio gestite da Trenitalia grazie al rinnovo della flotta che, dallo scorso mese di Dicembre ad oggi, è passato dal 70% all’82% di nuovi treni. Grazie alla messa in servizio di 11 convogli Jazz e 19 carrozze Vivalto (che rientrano nel piano di investimenti che la Regione sta per firmare con Trenitalia) e in aggiunta alle 130 carrozze Vivalto già consegnate insieme ai 5 treni Jazz per il Leonardo Express e a 26 nuovi locomotori, si avvicina l’obiettivo del rinnovo di tutto il materiale rotabile a disposizione dei pendolari del Lazio. Con gli arrivi nel mese di Aprile di ulteriori treni (17 vetture Vivalto e 8 convogli Jazz), viene completato il rinnovo della flotta su alcune linee e incrementata la composizione di alcuni treni per i pendolari.

I miglioramenti sono apprezzabili sia in termini di comfort di viaggio che per l’incremento di posti offerti per treno, in particolare sulle linee:

FL 4 (Roma – Albano, Roma – Frascati, Roma – Velletri)dove viene completato il rinnovo della flotta con l’introduzione dei nuovi treni Jazz con allestimento base, adatto a percorsi suburbani a media frequentazione, con 308 posti a sedere compresi 2 posti per disabili, con accesso a raso al binario (senza gradini), bagni attrezzati per disabili e ampie aree di accesso;

FL 7 (Roma – Formia) dove è stato completato il passaggio dai convogli a media distanza ai nuovi treni Vivalto per ulteriori 18 treni. Si tratta di un ulteriore passo avanti verso il rinnovo completo della flotta della linea con l’utilizzo di nuovi complessi Vivalto su 30 treni giorno rispetto a i 12 precedenti: il numero di treni completamente rinnovati è pari al 45% di quelli in circolazione. Un’ulteriore novità è rappresentata dal fatto che i nuovi convogli Vivalto sono composti da 6 carrozze con 720 posti a sedere (+14% rispetto alla composizione attuale). Giornalmente sulla FL 7 sono offerti 1.620 posti in più con un aumento dei posti offerti nei giorni feriali pari al 3,7%.

Andamento performance

Grazie agli sforzi gestionali e finanziari continua il miglioramento della puntualità anche nel primo trimestre 2016 sia considerando l’impatto delle cause esterne che al netto di queste ultime.

Puntualità intero network (%) media 2016 media 2015 2016 vs 2015
entro 0-5′ ( con esclusione cause esterne) 93,9 88,9 5,0
entro 0-5′ ( comprese le cause esterne) 92,1 86,5 5,6

Le cancellazioni dei treni nel primo trimestre 2016 rispetto al 2015 si sono ridotte del 51% passando da 887 a 431 rispetto ad oltre 74 mila treni programmati .

I prossimi passi saranno rivolti soprattutto all’incremento della capacità di trasporto su diverse linee e al miglioramento ulteriore di puntualità e regolarità di trasporto.

Sule linee principali del Lazio, nel corso dell’ultimo triennio, sono stati incrementati i collegamenti ed è stato migliorato il comfort di viaggio per i pendolari. Rispetto al 2012, il numero di collegamenti giornalieri è passato da 838 a 906 corse (+8,1%).

Gli interventi descritti hanno generato un miglioramento del comfort di viaggio, percepito chiaramente dalla clientela che, nell’ultima rilevazione della customer satisfaction, si è ritenuta soddisfatta nel 70,5% dei casi contro il 60,6% dell’omologo periodo del 2015 (marzo). Mentre dal 2012, quando le rilevazioni erano pari al 55,7 di viaggiatori soddisfatti, l’incremento è stato di circa + 14,8%.

Un robusto aumento del trasporto su ferro è il cuore del Piano della Mobilità regionale e delle azioni messe in campo in questi mesi dalla Giunta regionale.

Con la linea ferroviaria FL3 passante, nuove linee di servizio metropolitano nella Capitale: con il prolungamento da Roma Ostiense a Roma Tirburtina della FL3 (Roma – Viterbo) e lo sviluppo dei servizi in occasione del Giubileo (52 collegamenti in più rispetto ai precedenti 154), finalmente Roma ha una nuova linea passante che, collegando la zona Nord Ovest della città con il versante Est, si configura come un vero e proprio servizio metropolitano con l’aggiunta di ulteriori 24.000 posti a sedere in più/giorno tra Roma Tiburtina e Roma Ostiense, 200 chilometri di rete su ferro al servizio di Roma e della sua area metropolitana.

Attraverso interventi di potenziamento tecnologico e infrastrutturale da parte di Rete Ferroviaria Italiana , che in alcuni casi permettono già il passaggio di un treno ogni 7,5 minuti, è previsto un aumento della capacità delle linee per consentire un incremento della frequenza dei treni nell’area metropolitana.

Chiusura dell’anello ferroviario a Nord. Messo a regime il nuovo assetto infrastrutturale e tecnologico e rimodulati gli orari dei treni, il prossimo passo sarà la chiusura dell’anello ferroviario a nord. Aggiornando l’accordo con Rete Ferroviaria Italiana e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sulle “Opere infrastrutturali su ferro”, la Regione punta alla chiusura dell’anello per farlo diventare il fulcro del trasporto pubblico locale dell’intera area metropolitana.

Leonardo Express Roma Termini – Fiumicino Aeroporto
Dal mese di marzo sono aumentati i collegamenti no- stop da Roma Termini a Fiumicino Aeroporto: 110 collegamenti giornalieri, con un incremento di 2.200 posti pari al 7,8% in più. Dalle 7.35 alle 20.05 in partenza da Roma e dalle 8.23 alle 20.00 da Fiumicino, la frequenza del Leonardo Express è di un treno ogni 15 minuti

Alta Velocità a Fiumicino Aeroporto. Dallo scorso mese di dicembre. Grazie ad un accordo sottoscritto con Trenitalia e Rete Ferroviaria Italiana, viaggiano due coppie di treni ad alta velocità diretti da Fiumicino a Venezia, passando per Roma, Firenze e Bologna, che stanno contribuendo al rilancio competitivo del principale aeroporto internazionale italiano e dei trasporti verso la Capitale.

Firenze, Santa Maria Novella: i nuovi Jazz e Swing presentati venerdì 13 febbraio

I nuovi treni Jazz e Swing, dedicati ai pendolari, saranno presentati alla Regione Toscana venerdì prossimo, 13 febbraio, alle 12.30 al binario 5 della stazione di Firenze Santa Maria Novella.

Alla cerimonia saranno presenti il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, l’Assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Vincenzo Cecarelli, l’AD di Trenitalia Vincenzo Soprano, l’AD di Alstom Italia Pierre-Louis Bertina e il Presidente del CdA PESA Tomasz Zaboklicki, oltre al Direttore Divisione Passeggeri Regionale Trenitalia Orazio Iacono e al Direttore Regionale Trenitalia Toscana Gianluca Scarpellini.

Per sottolineare l’importanza della doppia consegna dei treni, il taglio del nastro sarà accompagnato dalle note dal vivo di un complesso jazz & swing. All’inaugurazione seguirà la visita dei treni.

Musica nuova sui binari delle Marche: arriva Jazz

A consegnare ad Ancona il primo dei 4 Jazz previsti per i pendolari marchigiani è stato oggi l’AD di Trenitalia Vincenzo Soprano. Presenti alla cerimonia il Presidente della Regione Gian Mario Spacca, l’assessore regionale ai Trasporti Luigi Viventi, il sindaco di Ancona Valeria Mancinelli e, per Trenitalia, il Direttore della Divisione Passeggeri Regionale Francesco Cioffi e il Direttore Marche Danilo Antolini.

Quello presentato oggi è il primo dei 70 Jazz che arriveranno nei prossimi mesi nelle Regioni italiane che ne hanno richiesto l’acquisto a Trenitalia con il Contratto di Servizio 2009-2014.

La commessa costituisce una tranche fondamentale del programma nazionale d’investimento di 3 miliardi di euro dedicato al trasporto regionale: 200 nuovi treni e 235 convogli completamente rinnovati entro i prossimi mesi.

Una flotta, quella regionale, che sarà connotata anche da una nuova livrea esterna: un look del tutto rinnovato che contraddistinguerà la carrozzeria di tutti i treni regionali, dalla Sicilia alla Valle d’Aosta, caratterizzato da un forte contrasto tra lo sfondo antracite opaco e le marcate pennellate di colore.

Per le Marche il programma prevede, oltre ai 4 treni Jazz, anche l’arrivo di 8 complessi diesel che, tra la fine del 2014 e giugno 2015, entreranno in esercizio sulla Civitanova Marche – Macerata – Fabriano.

Il nuovo treno Jazz sarà operativo, da lunedì 14 aprile, sulla tratta Ancona – San Benedetto del Tronto – Ascoli Piceno.

Entro aprile entreranno in esercizio anche gli altri 3 convogli, che circoleranno tra Ancona e Fabriano e tra Ancona e Pesaro.

La flotta regionale di Trenitalia cresce e si ammoderna

La flotta regionale di Trenitalia cresce e si ammoderna: arrivano nuovi e confortevoli treni con un look del tutto rinnovato che, d’ora in poi, connoterà tutta la flotta.

JAZZ

Protagonista assoluto, al suo battesimo ufficiale, il nuovo elettrotreno Jazz, commissionato da Trenitalia ad Alstom Ferroviaria, progettato e fabbricato interamente in Italia, dotato di soluzioni tecnologiche all’avanguardia che ne fanno un campione di innovazione, velocità, comfort e versatilità.

Saranno 70 gli elettrotreni Jazz che Trenitalia consegnerà nei prossimi mesi alle Regioni, iniziando da Marche e Umbria, per proseguire poi con Piemonte, Abruzzo, e Calabria, Lombardia* e Lazio, che avevano pianificato l’acquisto di questa tipologia di treni nel Contratto di Servizio 2009-2014.

Il nuovo treno Jazz di Trenitalia

VIVALTO

Insieme ai Jazz sono in consegna i nuovi Vivalto, in tutto 90 treni, 500 le nuove carrozze commissionate da Trenitalia, di cui 185 già consegnate, che diventeranno 350 a fine anno, in servizio nel Lazio, in Liguria, Piemonte, Toscana, Friuli, Veneto e Lombardia.

E464

Sono invece ben 569 le locomotive E464, in parte utilizzate in accoppiamento con le carrozze Vivalto, oggi in forza alla flotta Trenitalia, altre 29 ne sono state ordinate recentemente e porteranno il contingente a sfiorare le 600 unità.

In arrivo, infine, a partire da fine 2014 – inizio 2015, 40 automotrici diesel che saranno consegnate ad Abruzzo, Basilicata, Calabria, Marche, Molise e Toscana.

Rilevanti anche gli investimenti per l’ammodernamento e il completo revamping della flotta esistente che, a regime, produrranno 235 treni completamente ristrutturati: 200 con carrozze Media Distanza (MD) e 35 con carrozze a Piano Ribassato (PR).

Tutti i treni della flotta regionale, sia i nuovi sia quelli sottoposti a importanti interventi di ammodernamento strutturale, si contraddistingueranno d’ora in avanti per una carrozzeria esterna del tutto rinnovata e personalizzata con colori vivaci e accattivanti.

Carrozze e locomotive aggiornano il loro look esibendo una livrea esterna vivace, accattivante e dinamica che verrà estesa all’intera flotta regionale  – dalla Sicilia alla Val d’Aosta, tutta la flotta regionale di Trenitalia avrà nei prossimi mesi un’identica e ben riconoscibile fisionomia - e che si propone di simboleggiare, anche esteticamente, modernità e leggerezza, intesa come valore, unite all’eccezionale energia ed impegno profuse da Trenitalia in questo particolare settore.

Non ha infatti precedenti, almeno in tempi recenti, lo sforzo finanziario messo in atto nel trasporto regionale dalla società di trasporto del Gruppo FS Italiane, con investimenti in autofinanziamento per 3 miliardi di euro, destinati ad ammodernare la flotta e a rinnovare tutte le tecnologie al servizio dei pendolari.

Gli investimenti in treni e tecnologie si aggiungono a specifiche iniziative per il Trasporto Pubblico Locale che connotano alcuni passaggi salienti del nuovo Piano Industriale 2014-2017 di FS Italiane, e riguardano interventi di RFI sulle infrastrutture, in particolare nei nodi urbani, e proposte tecniche sui modelli di offerta che, se condivisi dalle Regioni, potranno imprimere una positiva svolta a qualità ed efficacia del servizio ferroviario nelle aree metropolitane, suburbane e regionali.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner