Articoli marcati con tag ‘logistica’

Leroy Merlin sceglie CEVA per la gestione in-house del magazzino e per la distribuzione in Italia

Leroy Merlin, azienda leader della Distribuzione Moderna specializzata in bricolage e fai-da-te, e CEVA Logistics, uno dei principali operatori logistici al mondo, hanno annunciato un accordo di quattro anni per la gestione in-house del magazzino e per la distribuzione in tutta Italia.

Leroy Merlin ha deciso di affidare a CEVA la gestione del nuovo magazzino, localizzato a Castel San Giovanni (PC), e della distribuzione di tutte le tipologie di prodotto, dalle porte alle luci fino all’erba sintetica. Uno staff di 150 persone si occuperà all’interno del magazzino dell’approntamento degli ordini di rifornimento verso i 48 punti vendita dislocati su tutto il territorio nazionale, oltre ad una ventina dislocati in Grecia, Cipro e Romania. Il magazzino, di 92.000 metri quadrati, è organizzato in 2 macro aree: una destinata alle attività di cross-docking e l’altra riservata alle attività dedicate al canale E-commerce. Annualmente dal magazzino di Castel San Giovanni partono più di 25 mila mezzi, di cui circa il 40% riguarda il servizio di trasporto intermodale (Gomma-Ferro-Gomma), garantendo così un risparmio nelle emissioni di polveri sottili e di CO2.

Più valore e “cultura della sicurezza” grazie alle soluzioni Toyota

Avere consapevolezza dei pericoli ed adottare un approccio sistematico di tipo sia preventivo che formativo sono i primi fondamentali passi per affrontare il problema della sicurezza in magazzino. Nella seconda tappa del road show “Think Safety, Think Toyota – Soluzioni per la sicurezza nei magazzini”, che si è tenuta a Roma il 13 Settembre presso l’impianto Würth, Toyota Material Handling Italia (TMHIT) ha presentato le soluzioni e le tecnologie sviluppate in accordo con le logiche del Toyota Safety System. «Partiamo dall’osservazione e dall’analisi del contesto lavorativo per arrivare all’identificazione di metodi e dispositivi tecnologici, che se applicati possono incrementare la sicurezza ed eliminare i rischi connessi all’utilizzo del carrello elevatore nei depositi e nelle piattaforme logistiche», ha spiegato Davide Santi, After Sales Service Manager di Toyota Material Handling Italia. «Dobbiamo essere consapevoli dei pericoli ed anche del fatto che spesso manca una vera e propria ‘cultura della sicurezza’». Tra gli obiettivi dell’evento itinerante ideato ed organizzato da TMHIT – che dopo Napoli e Roma, fino a Novembre, toccherà altre quattro città italiane – c’è dunque anche quello di fare di ogni tappa un’occasione per riflettere insieme ad aziende, esperti, istituzioni e media su un tema, quello della sicurezza negli spazi lavorativi, di grande attualità.

Durante l’evento romano, è stata inoltre portata la testimonianza di COSER GROUP, gruppo che gestisce le attività di handling nell’impianto per conto di Gros (Gruppo Romano Supermercati) a Guidonia Montecelio, a pochi chilometri dalla Capitale. All’interno dello stabilimento dove, circa tre anni fa, Gros ha concentrato tutte le attività legate ai prodotti secchi, sono state fatte molte scelte a favore della sicurezza. Tra queste c’è l’adozione di I_Site, il sistema di gestione della flotta firmato Toyota. «Cercavamo una soluzione “su misura” che, al di là di una comunque necessaria ottimizzazione dei costi di gestione e manutenzione della flotta, ci aiutasse a crescere nel suo utilizzo», ha raccontato Fabrizio Possenti, Responsabile Tecnico di COSER GROUP.

Installato sui 75 carrelli elevatori al lavoro nel Ce.Di. di Gros, Toyota I_Site ha il merito di aver contribuito ad aumentare coinvolgimento, consapevolezza,

IL PORTO DI TRIESTE SI PRESENTA A SHANGHAI

Si è appena conclusa la missione in Cina organizzata dall'Autorità Portuale di
Trieste, in occasione della "Transport Logistic China", manifestazione fieristica di
rilevanza internazionale, che si svolge a Shanghai con cadenza biennale, in
alternanza all'evento europeo di Monaco di Baviera.
Presenti oltre al commissario dell'APT, Zeno D'Agostino, i rappresentanti della
Samer & co Shipping, Francesco Parisi Casa di Spedizioni, Trieste Marine Terminal e
Korman Italia.
Oltre allo stand NAPA (North Adriatic Ports Association), il porto di Trieste ha
partecipato per la prima volta al padiglione collettivo organizzato da Assoporti,
sotto l'emblema "Italy all in one".
"Obiettivo della missione  - ha affermato D'Agostino -  è stato quello di favorire
lo sviluppo delle relazioni economiche tra Trieste e la Cina, presentando il nostro
scalo ai grandi player di settore e potenziali investitori. Nel 2015 l'interscambio
tra Italia e Cina, ha superato i 38 miliardi di euro, con una crescita dell'8 %
rispetto al 2014. E' un mercato fondamentale, a cui il porto di Trieste deve
guardare con rinnovato interesse".
L'evento cardine della missione, svoltosi fuori dal contesto della fiera, è stato il
meeting di presentazione dello scalo giuliano alla comunità logistica di Shanghai,
organizzato in collaborazione con lo Studio Legale Zunarelli che ha aperto una
filiale nella città cinese dal 2007 e vanta una lunga esperienza a livello
internazionale in diritto marittimo.  "The Port of Trieste meets the Logistic
Community of Shanghai", questo il titolo dell'iniziativa che ha visto la
partecipazione di un'audience altamente qualificata con più di 60 presenze di 40
aziende internazionali e locali del settore shipping e logistica tra cui MSC, CMA,
Evergreen, COSCO, Sinotrans.
"Un porto con molti vantaggi competitivi che non conoscevamo" - ha ricordato Jin
Yu-Lai, della Kai-Rong Law Firm, primario Studio Legale marittimista di Shanghai,
che ha introdotto l'evento: "Trieste si trova sulla rotta della via della seta e
l'iniziativa One Belt one Road, di recente promossa dal Governo di Pechino, può
portare un rinnovato interesse da parte di investitori cinesi per il porto
giuliano".
Forte interessamento da parte dei convenuti per alcuni punti di forza offerti dal
porto giuliano. Collegamenti intermodali diretti verso l'Italia e i paesi
dell'Europa Centro Orientale, presenza di fondali naturali di 18 metri capaci di
servire le più grandi navi transoceaniche e un piano regolatore approvato che
"finalmente può dare garanzie agli investitori evitando lunghi iter burocratici"
come ha sottolineato il commissario D'Agostino durante il suo intervento. A seguire,
la parola è passata ai rappresentanti dei tre maggiori terminal dello scalo:
Fabrizio Zerbini (Trieste Marine Terminal), Paolo Nassimbeni (Samer & Co. Shipping),
Tomaso Parisi (Francesco Parisi Casa di Spedizioni). Infine un ampio focus sui
vantaggi e le peculiarità del regime di porto franco, spiegati da Alberto Pasino
dello Studio Legale Zunarelli & Associati, ha catturato l'attenzione degli operatori
cinesi che vi hanno trovato alcune similitudini con la "Pilot Free Trade Zone" di
Shanghai.
Soddisfatto della missione il commissario D'Agostino che rilancia: "Penso già al
prossimo step. E' necessario tornare a breve in Cina per consolidare il lavoro di
questi giorni. Le aziende cinesi hanno manifestato grande interesse a  incrementare
i traffici europei via Trieste. Soprattutto la valorizzazione del porto franco in
una nuova chiave logistico-industriale è un potenziale da sfruttare"

FedEX acquisisce TNT Express, nasce un colosso dei trasporti

Quattro miliardi e mezzo di euro è il valore dell’operazione che segna la nascita di un nuovo colosso nel business delle spedizioni internazionali, con l’acquisizione da parte della statunitense FedEx dell’olandese Tnt. Gli azionisti di Tnt avevano dato il loro via libera lo scorso 18 maggio, dopo l’approvazione delle autorità Usa e quelle europee arrivata in seguito a indagini durate oltre sei mesi. L’obiettivo alla base dell’accordo è quello di integrare le aree di mercato delle due società e i business complementari. FedEx è la più grande società di trasporto espresso al mondo, presente in più di 220 Paesi, con una rete globale e integrata di trasporti.

·         Come sottolinea David Binks, presidente di FedEx Europe, da ieri anche CEO di Tnt,« L’ acquisizione ci consentirà di espandere le nostre capacità a livello globale e incrementare il nostro business nei mercati in cui Tnt ha una forte presenza, come l’Europa, dove FedEx ha una quota relativamente piccola di consegne regionali e nazionali. E viceversa».

·         Il punto di forza del nuovo gruppo sarà la presenza capillare sul territorio, supportata da un network in grado di connettere tutti gli hub nei diversi continenti (Asia e Africa comprese), in tempi sempre più brevi. L’acquisizione permetterà anche un rafforzamento nel segmento dell’ecommerce dove il business più tradizionale di FedEx e Tnt deve misurarsi con colossi come Amazon. «Quello delle vendite online è un business che cresce ogni anno a doppia cifra e noi non possiamo restarne fuori. Ci aspettiamo di sfruttare la diversità della squadre combinate proprio per offrire ancora più possibilità ai nostri clienti». E rassicura: «Vogliamo espanderci, non ci saranno tagli. La nuova realtà avrà oltre 400 mila dipendenti nel mondo».

Hupac inizia il 2016 con nuovi collegamenti e una rete potenziata

Evoluzione del traffico Nel 2015 Hupac SA, operatore svizzero del traffico intermodale, ha trasportato su rotaia circa 662.000 spedizioni stradali, un volume corrispondente a una crescita dello 0,2% rispetto all’esercizio precedente, ancora una volta riconducibile all’aumento di quasi il 5% generato dal traffico non transalpino. Il traffico merci transalpino attraverso la Svizzera ha segnato una leggera flessione, pari allo 0,6%. Nel traffico transalpino via Brennero si è dovuto sospendere un collegamento, con una conseguente flessione di volume di poco inferiore al 20%. Il traffico merci è stato penalizzato da numerose giornate di sciopero e da interruzioni di linea dovute a cantieri e incidenti, con conseguenze negative sul volume di traffico conseguito.

Shuttle Net con nuovi collegamenti All’inizio dell’anno Hupac ha inserito nella propria offerta numerosi nuovi collegamenti. Il treno shuttle Zeebrugge D Novara effettua tre rotazioni alla settimana che sono di particolare interesse per il segmento dei megatrailer, mentre il collegamento shuttle Venlo D Busto Arsizio offre cinque partenze alla settimana allacciando per la prima volta l’area economica del Limburgo olandese alla rete di Hupac. Per il segmento dell’Italia meridionale è stata operata una ristrutturazione dello shuttle Busto D Bari, in collaborazione con l’operatore italiano Cemat, intesa ad offrire alla clientela un orario ancora più attraente.

Novità importanti interessano anche il traffico intermodale con la Polonia, dove dall’inizio dell’anno il terminal di Kutno, nei pressi di Varsavia, funge da piattaforma hub per il traffico sull’asse est-ovest. Qui convergono i treni shuttle di Hupac provenienti da Ludwigshafen, Schwarzheide e Anversa, oltre al nuovo treno shuttle proveniente da Duisburg gestito in cooperazione con PCC e Kombiverkehr. Da qui le spedizioni possono viaggiare fino a Mosca con il shuttle Hupac che fa servizio due volte alla settimana, per poi essere inoltrate verso le aree dell’Asia Centrale e dell’Estremo Oriente. Completa l’offerta il collegamento tra Schwarzheide e la Polonia meridionale introdotto nel maggio 2015.

Primi successi nel settore commerciale Company Shuttle Nuovi collegamenti sono stati realizzati anche dalla business unit Company Shuttle di recente costituzione. Dall’inizio dell’anno un treno shuttle fa servizio tra Rotterdam e Novara con quattro round trips alla settimana. Un altro treno opera quotidianamente tra l’Italia settentrionale e l’area economica del Limburgo olandese. A metà gennaio il collegamento ferroviario tra Copenhagen e la regione della Ruhr, avviato nell’autunno 2015, è stato potenziato con un raccordo fino all’area limburghese.

La business unit Company Shuttle offre a clienti con elevati volumi di traffico delle soluzioni su misura che si ispirano a criteri di modularità. I clienti disposti ad assumersi il rischio di saturazione dei treni trovano in Hupac un partner esperto nella gestione ottimale del servizio.

Prospettive per il 2016 Per l’anno corrente Hupac prevede che la domanda di servizi di trasporto si manterrà stabile. Fattori di insicurezza sono il calo di prezzo del gasolio, che favorisce il trasporto di merci su strada, e la parità euro/franco che penalizza la concorrenzialità dell’offerta di trasporti svizzera. „Intendiamo consolidare la nostra rete nel mercato chiave dell’Europa occidentale, specialmente alla luce dell’ormai imminente messa in esercizio della galleria di base del Gottardo a fine anno“, annuncia Bernhard Kunz, direttore di Hupac. La „galleria più lunga del mondo“ è attualmente in fase di test e sarà disponibile per il mercato a partire dal dicembre 2016. „La NFTA aumenterà la produttività e l’attrattività del traffico intermodale, una grande opportunità a cui ci stiamo preparando con metodo“, afferma Kunz. Altri mercati interessanti sono l’Europa orientale e sudorientale, oltre all’Estremo Oriente, dove Hupac potenzierà il proprio impegno per soddisfare la crescente domanda

Locati 22.000mq in immobile logistico a Calvignasco

– JLL ha perfezionato un il contratto di locazione per circa 22.000mq nel polo logistico di Calvignasco, location di grande interesse situata a breve distanza dal casello della autostrada A7 di Binasco, nei pressi di Milano.

L’immobile è un magazzino di grado A, equipaggiato con oltre 40 baie di carico e dotato di un’importante area esterna. E’ stato selezionato tramite un processo competitivo che ha coinvolto più operatori logistici e più immobili, per le sue specifiche caratteristiche che lo rendono idoneo allo stoccaggio di prodotti specifici.

E’ stato locato a Messagerie del Garda (MDG), importante operatore italiano operante nella logistica e nella gestione di magazzini. All’interno del magazzino MDG gestirà lo stoccaggio e la movimentazione dei prodotti di un primario gruppo internazionale attivo nel settore industriale.

Commenta Roberto Piterà, Head of Logistics & Industrial Group di JLL:  “Questa transazione testimonia come la qualità continui ad essere il driver principale nelle scelte logistiche: qualità dell’immobile, della location e di tutti i partner coinvolti.”

Dichiara Mario Beschi, Presidente di MDG: “Grazie al supporto strategico di JLL siamo riusciti ad individuare nei tempi e nei valori sfidanti imposti dal nostro cliente la migliore soluzione sul mercato, anche rispetto alle specifiche tecniche necessarie per la finalizzazione del tender, a conclusione di un intenso processo di selezione durato più di 8 mesi.”

XPO Logistics si prepara per la stagione di shopping natalizio

XPO Logistics, leader in Europa nella logistica e-commerce, ha intensificato le sue risorse dedicate alle sue operazioni di supply chain in Italia per far fronte al significativo aumento dei volumi da gestire durante le festività natalizie.

Le vacanze di Natale e Capodanno e le vendite di gennaio comportano un incremento del traffico di merci verso i negozi ed un considerevole aumento degli acquisti online. Quest’anno, in Italia, è previsto un aumento del volume delle consegne stagionali di oltre il 20 % rispetto al 2014.

Nei mesi di dicembre e gennaio, il numero di ordini gestiti dai team italiani di supply chain di XPO Logistics in un solo giorno può essere fino a quattro volte superiore rispetto al solito. In preparazione a ciò, l’azienda ha notevolmente aumentato il proprio organico nei suoi cinque depositi dedicati all’e-commerce. Sono in atto anche controlli di inventario di grandi volumi, con rigorosi processi di gestione del magazzino e connessioni tecnologiche tra XPO Logistics ed i sistemi dei clienti per gli ordini, il fulfilment ed il tracking.

Si prevede che circa 150.000 colli saranno gestiti dai nostri team di supply chain entro la fine del periodo di spedizioni per le festività“, ha dichiarato Ube Gaspari, Amministratore Delegato della filiale italiana di XPO Logistics. “Abbiamo esperienza di lunga data nell’assunzione di personale e nell’attuazione di soluzioni affidabili e flessibili per garantire che i nostri clienti possano operare in modo efficiente nei periodi di picco. Siamo assolutamente pronti per la stagione”.

I pallet CHEP ottengono la conformità al marchio FITOK

CHEP, leader mondiale di soluzioni di pooling di pallet, ha ottenuto l’autorizzazione all’utilizzo del marchio FITOK, che certifica la conformità fitosanitaria degli imballaggi in legno allo Standard ISPM[1] n. 15 della FAO.

Gestito da Conlegno, il permesso di utilizzo del Marchio Fitosanitario viene concesso solo dopo le ispezioni del Comitato Tecnico Conlegno, il quale certifica la conformità ai requisiti richiesti e attesta che il legno utilizzato è stato trattato per impedire la diffusione di organismi nocivi. I pallet contrassegnati dal marchio FITOK consentono di velocizzare il passaggio alle dogane e garantiscono il pieno rispetto dell’ambiente e la salvaguardia del patrimonio boschivo a favore dello sviluppo sostenibile.

CHEP Italia, da sempre attiva in materia di sostenibilità, ha ottenuto la piena conformità alle specifiche richieste, attraverso audit specifici presso i Centri di Servizi svolti dagli enti di verifica per conto di Conlegno. In un’ottica di estremo impegno in materia di sostenibilità infatti, la riduzione del rischio fitosanitario connesso alla movimentazione di imballaggi in legno è uno dei piani primari di protezione dell’ambiente.
“Il team Operations di CHEP Italia che ha seguito le attività sul territorio nazionale ha approcciato l’attività con Conlegno in un’ottica positiva di partnership volta al bene comune: la tutela dell’ambiente come risorsa primaria e fondamentale” spiega Federica Ferrario, Senior Manager Operations di CHEP Italia.
“Occorre sottolineare che il rispetto dell’ambiente per CHEP inizia all’origine stessa del pallet, attraverso la verifica della provenienza del legname da foreste controllate. In questo ambito, CHEP è l’unica azienda di pooling del mondo a vantare le certificazioni rilasciate da due delle organizzazioni per la gestione forestale più rispettate nel mondo. (Forest Stewardship Council –FSC- e Programme for the Endorsement of Forest Certification –PEFC-)” conclude Paola Floris, Country General Manager di CHEP Italia.

FD&L: una moderna società di logistica integrata

FD&L è una società di logistica integrata specializzata, dal 1995, nei servizi di micro logistica e logistica dei ricambi operante sul territorio nazionale ed internazionale, in grado di fornire soluzioni su misura, veloci ed efficienti, grazie alla consolidata partnership con SDA, Poste Italiane e FedEx.

FD&L è una società privata all’interno del gruppo Poste Italiane per questo garantisce delle tariffe molto competitive: Poste Italiane effettua infatti il servizio postale in tutto il mondo ma svolge anche le attività di e-commerce a livello internazionale. FD&L assicura pertanto le consegne in tutte le località coperte dai servizi postali, per esempio in Russia (dove non operano DHL ed UPS) grazie ad un accordo stipulato con Poste Russe che consente di consegnare le merci al CAP (evitando la dogana fino ad una certa cifra).

La partnership con SDA (di proprietà di Poste italiane), per l’Italia, rappresenta un ulteriore vantaggio strategico ed una significativa riduzione dei costi: tutte le merci preparate entro le 17,00 vengono inviate immediatamente e consegnate entro il giorno successivo, senza necessità di ricorrere ad un corriere espresso. FD&L è infatti rivenditore dei servizi SDA (dal 2001) e può decidere autonomamente il prezzo del trasporto, con notevoli agevolazioni per la clientela che può effettuare le distribuzioni, a costi estremamente contenuti, sia in Italia che nel mondo.

FD&L (sempre all’interno di Poste Italiane) dispone inoltre di 8.000 uffici postali per il pick & pay: questo servizio è rivolto ai clienti, del settore e-commerce, che desiderano sfruttare la capillarità degli uffici postali in l’Italia ed all’estero, consentendo al destinatario di effettuare il ritiro in base alle sue disponibilità.

FD&L: non solo logistica…

FD&L è un partner affidabile e flessibile per tutte le attività di distribuzione dei prodotti, servizi e di assistenza post vendita: sviluppa infatti con i propri clienti soluzioni su misura che vanno oltre la semplice logistica (ad es. attività promozionali e di marketing). Grazie alla moderna struttura operativa con sedi a Mezzago (MB) e Bernate Ticino (MI), dotate di sistemi hardware e software innovativi, FD&L può eseguire la gestione in outsourcing del magazzino con relativa ottimizzazione dei costi. FD&L si occupa di micrologistica, entro i 50 kg ed opera con REPLICA, il miglior sistema informatico disponibile in Italia per la logistica, estremamente flessibile ed adatto a qualsiasi esigenza della clientela. La forte specializzazione nella logistica dei ricambi, attraverso sistemi completamente automatizzati, permette di rendere più efficiente la supply chain e di effettuare consegne in 24 ore in tutta Europa a prezzi assolutamente imbattibili.

XPO Logistics acquisisce Con-way

XPO Logistics e Con-way hanno annunciato la conclusione di un accordo definitivo per l’acquisizione di Con-way da parte di XPO Logistics. L’operazione potenzierà la gamma di soluzioni per la gestione della supply chain offerte da XPO, trasformando l’azienda nel secondo provider del Nord America in termini di dimensioni per i servizi di carico parziale (LTL), estendendone, inoltre, la piattaforma globale di logistica su contratto. XPO capitalizzerà, anche, le sinergie derivanti dalla combinazione con le attività di trasporto gestito, trasporto a carico completo e freight brokerage.

Azienda con sede centrale in Ann Arbor, Michigan (USA), Con-way è inclusa nella classifica Fortune 500 e dispone di una rete di trasporto e di logistica con 582 sedi operative e circa 30.000 dipendenti al servizio di 36.000 clienti. Per l’intero anno 2015, secondo il consensus degli analisti, i ricavi e l’EBITDA rettificato di Con-way sono stimati rispettivamente a 5,7 Md$ e a 528 M$. La transazione dovrebbe avrebbe avere un effetto sostanzialmente accrescitivo sui ricavi di XPO nei primi 12 mesi. Tutti i rami operativi acquisiti – Con-way Freight, Menlo Logistics, Con-way Truckload e Con-way Multimodal – adotteranno il brand XPO Logistics.

Bradley Jacobs, Chairman e Chief Executive Officer di XPO Logistics, ha affermato: “Cogliendo l’opportunità di acquisizione di Con-way faremo di XPO il secondo provider per dimensioni di servizi di carico parziale (LTL) in Nord America, un mercato di 35 Md$. Il carico parziale è un’attività ad alto valore aggiunto, non mercificata, utilizzata da quasi tutti i nostri clienti. Con-way è una piattaforma di primo piano che gestiremo con uno sguardo nuovo, come parte integrante della nostra più ampia offerta. Vorrei sottolineare che ci assicureremo la proprietà strategica di asset che avvantaggeranno la nostra società ed i nostri clienti nei periodi di maggiore tensione. Un altro gioiello della corona di questa operazione è Menlo Logistics, filiale di Con-way, che figura tra i primi 30 fornitori globali asset-light di logistica su contratto ed opera altre linee di business nel freight brokerage e nel trasporto gestito. Menlo offre i propri servizi a clienti di primo piano della logistica su contratto, in mercati verticali come l’alta tecnologia, la sanità ed il commercio, che completano gli altri mercati verticali già serviti da XPO”.

Douglas Stotlar, Presidente e Chief Executive Officer di Con-way, ha dichiarato: “Questa importante transazione offre un’immediata valorizzazione ai nostri azionisti ed è il riflesso dell’eccezionale contributo offerto dai nostri dipendenti nei nostri 86 anni di storia. L’aggregazione significherà più servizi per i nostri clienti, più chilometri per i nostri autisti e più opportunità di carriera per i nostri dipendenti all’interno dell’organizzazione globale di XPO. Siamo impazienti di lavorare con il team XPO al completamento dell’operazione ed alla realizzazione di una transizione fluida”.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner