Articoli marcati con tag ‘Madrid’

car2go arriva a Madrid con il primo progetto pilota al mondo di car sharing completamente elettrico

car2go, pioniere e leader mondiale nel campo del car-sharing a flusso libero, arriva oggi a Madrid, trentunesima città, lanciando il primo servizio spagnolo di auto in condivisione con una flotta iniziale di 350 smart fortwo 100% elettriche. I veicoli car2go possono essere utilizzati in qualsiasi momento, senza stazioni di noleggio prestabilite all’interno dell’area operativa di 53 chilometri quadrati.  Madrid dà così il benvenuto alla Mobilità Elettrica diventando un riferimento internazionale per il contributo che con car2go sarà possibile dare alla mobilità urbana in chiave totalmente eco-compatibile.

Meridiana annuncia 7 nuovi voli diretti da Napoli per Bologna, Genova, Milano Malpensa, Ginevra, Leopoli, Madrid e Sharm El Sheikh

Il rilancio di Meridiana per uscire dalla crisi parte da Napoli. A pochi giorni dall’annuncio dei 1600 esuberi tra piloti, assistenti di volo, personale di terra e maintenance, la compagnia dell’Aga Khan annuncia la sua strategia per arginare la concorrenza dei vettori low cost, sfruttando anche gli interstizi che saranno lasciati liberi da Alitalia dopo l’alleanza con Etihad. Napoli diventa uno scalo strategico insieme ad Olbia e a partire dalla stagione invernale avrà 4 aeromobili Boeing 737 basati a Capodichino per coprire le 17 destinazioni nazionali e internazionali con l’obiettivo di puntare a un milione di passeggeri l’anno, con un incremento del 50% dopo i 200 mila trasportati nel periodo estivo. «Meridiana sta implementando un radicale piano di ristrutturazione su più fronti – ha detto nel corso di una conferenza stampa Andrea Andorno, chief commercial officer di Meridiana -. L’investimento dell’hub di Napoli conferma il rilancio della compagnia sui mercati di interesse strategico». Sugli esuberi, Andorno ha specificato che questi «sono propedeutici ad una nuova competitività sul mercato europeo e ci consentiranno di essere concorrenziali con altre compagnie europee».

Certo non poteva cadere in un momento peggiore per la compagnia l’annuncio della strategia per battere la concorrenza dei vettori low cost («noi rimaniamo una compagnia tradizionale non maltrattiamo i passeggeri», ha commentato Andorno), ma le aggressive tariffe per volare su Linate, Verona, Catania, Torino, Venezia e Cagliari puntano a fare diventare Napoli l’hub del Mediterranneo.

Il ritiro di Alitalia da alcune rotte domestiche, rafforza il ruolo di fideraggio delle compagnie domestiche per i vettori internazionali interessati a raccogliere passeggeri per le destinazioni estere. Meridiana, che da Napoli volerà a Londra-Gatwick, Mosca, Kiev oltre a Madrid, Atene e Sharm El Sheikh, ha avviato su alcuni voli la collaborazione con British Airways e Iberia: «In futuro non escludiamo di rafforzare questa alleanza», ha aggiunto il manager. Nessuna trattiva in corso, invece, con il vettore del Qatar come ventilato nei giorni scorsi.

Meridiana, con 4 milioni di passeggeri si colloca come secondo vettore nazionale dopo Alitalia che alla luce dell’accordo con Etihad «è sempre più lontana dal nostro modello perché per noi la lotta alla concorrenza si fa con altri soggetti». L’hub di Napoli è escluso dal piano degli esuberi (561 a Malpensa, 213 Verona, 608 Olbia, 188 Cagliari e 64 in altre sedi) quasi tutti in cassa integrazione dal 2011.

Con la ristrutturazione annunciata, i dipendenti di Meridiana resteranno circa 950, secondo quanto previsto dal piano industriale a cui sta lavorando l’ad Roberto Scaramella arrivato in Meridiana dal 2013. Una situazione difficile quella del vettore controllato al 100% dal fondo Akfed dell’Aga Khan che in sette anni ha iniettato nella compagnia circa 600 milioni di euro: la crisi del mercato, la concorrenza dei vettori low cost e la difficoltà di individuare una strategia significativa sono stati fatali. Meridiana negli anni si è fusa con Eurlofly e con Air Italy ma i risultati non sono arrivati. Nel piano industriale è incluso il fondamentale rinnovo della flotta con una ventina di Boeing 737 che andranno a sostituire gli attuali 27 aerei tra cui una decina di Md80 ormai obsoleti, azzerare le perdite già ridotte a circa 95 milioni dai 180 milioni del 2013 e arrivare al break even operativo entro il 2015 con l’auspicio di rivedere l’utile l’anno successivo. Una sfida non facile per una compagnia che finora è dipesa dal sostegno del suo azionista.

da Ilsole24ore

Madrid sponsorizza la sua metropolitana

Se ne è parlato tanto come ipotesi e progetti più o meno concreti ma Madrid è arrivata prima e ora ha il primato, invidiabile o meno, di essere la prima città che ha deciso di far sponsorizzare la sua metropolitana. Nello specifico da questo giugno la stazione più importante della città, “Sol”, si chiamerà “Vodafone Sol” e dal primo settembre l’intera linea 2, quella rossa (il colore del logo dello sponsor), sarà “Linea 2 Vodafone” con il logo della multinazionale inglese a fianco di ogni indicazione con il “2″. Il contratto attualmente è per tre anni e porterà nelle casse di Metro de Madrid tre milioni di euro all’anno.

Una scelta, che il Governo locale ha fatto per scongiurare ulteriori aumenti dei biglietti e riduzioni del servizio a fronte di una crisi economica che anche in Spagna è particolarmente difficile. Ovviamente, una scelta così radicale ha portato molto malumore tra i cittadini madrileni che sentono come venduta la loro identità anche se non manca chi, in modo più pragmatico, ha accettato la novità di buon grado pur di non dover spendere di più per il biglietto o abbonamento. A questo punto non resta che aspettare che la “novità” raggiunga l’Italia. Crediamo sia solo questione di tempo prima che avremo una “linea 1 Vodafone” a Milano (essendo rossa) o una “Linea A Vodafone” a Roma (in questo caso servirà virare un po’ l’arancio aragosta della A…). Ma non è detto che qualche marchio italiano non si faccia avanti prima. Chissà che non ci capiterà di scendere, in un ipotetico futuro, a “Mulino Bianco Duomo” o “Tod’s Colosseo”… E voi che ne pensate?

TNT City Logistic con i trecicli elettrici anche in Spagna

TNT Express España ha avviato con successo
l’utilizzo di due tricicli elettrici per la distribuzione nelle zone più
centrali di Madrid e nel Barrio de Las Letras. Questa soluzione
alternativa consente di utilizzare un’opzione di trasporto efficiente e
sostenibile riducendo sia le emissioni sia l’intasamento del traffico dei
centri storici.
Lo start up madrileno, avvenuto ad aprile di quest’anno, è stato premiato
con il riconoscimento “Muévete Verde” nella categoria del trasporto
commerciale. Il premio mette in luce le “best practices” a favore della
mobilità sostenibile in Madrid. Già nel primo anno di utilizzo è stata
prevista una riduzione delle emissioni nocive pari a 11,5 tonnellate di
CO2.
I benefici sono anche per i clienti di TNT: il centro di Madrid, infatti,
è soggetto a restrizioni del traffico e l’utilizzo dei tricicli consente
di bypassarle e di effettuare ritiri e consegne senza restrizioni
temporali.
Il progetto di ritiri e consegne di TNT in centro città tramite tricicli a
pedalata assistita è parte del programma di soluzioni sostenibili per la
distribuzione nell’ultimo miglio di TNT Express denominata City logistics.

TNT utilizza questi mezzi in Spagna, oltre che a Madrid, anche a
Barcellona, dove sono attivi altri tre tricicli, e in diverse altre città
europee: sono oltre 30 i veicoli di questo tipo attualmente circolanti, ed
in particolare a Ginevra, Londra, Parigi, Bruxelles. I tricicli sono
impiegati anche in Italia, dove dal  2011 sono stati “varati” tricicli a
pedalata assistita nelle città di Padova, Vicenza e, prossimamente, Milano
e Torino, con l’obiettivo di implementare in modo progressivo e costante
il numero di tricicli in Italia entro il 2013.
Veicoli elettrici e a pedalata assistita sono presenti nelle flotte TNT,
oltrechè in Spagna e Italia, anche in UK, Francia e Turchia.
TNT non punta solo sull’utilizzo di mezzi a basso impatto ambientale, ma
lavora parallelamente all’ottimizzazione dei propri processi operativi per
ottimizzare la percorrenza dei propri mezzi e quindi le emissioni nocive,
come dimostra il suo progetto GO (Global Optimization) premiato con il
prestigioso riconoscimento internazionale Franz Edelmann 2012.
Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner