Articoli marcati con tag ‘Mauro Moretti’

Moretti: “FS, una bella storia italiana”

Quella di Ferrovie dello Stato è una storia italiana positiva fatta di sfide e duro lavoro compiuto da una squadra forte, i ferrovieri, di cui qui, adesso, io non sono che il portavoce pro tempore.
Così Mauro Moretti, AD di FS Italiane, presentando il Piano Industriale 2014/2017 alla comunità finanziaria e alla stampa nazionale e internazionale, sintetizza il processo compiuto dall’Azienda negli ultimi 8 anni.
“Eravamo sull’orlo del fallimento e oggi invece FS Italiane ha numeri e capacità per operare con successo nel mercato interno e internazionale. Quando sono arrivato – ha proseguito il top manager – il rapporto margine Ebitda era negativo per 10 punti percentuali, una situazione disastrosa. Adesso è positivo per 23,1 punti: un risultato che non trova felici esempi di confronto, siamo saliti di oltre 33 punti. E’ servito un grosso lavoro per portare avanti la riconversione e il risanamento. L’alternativa era il fallimento”.

Il piano presentato oggi prevede investimenti per 24 miliardi di euro, di cui 8,5 miliardi in autofinanziamento, 6,4 dei quali destinati ai servizi di trasporto e a nuovi treni, con un focus particolare sul trasporto pubblico locale.

Uno sguardo anche ai nuovi Frecciarossa 1000, i treni ad Alta Velocità del futuro: “I primi Frecciarossa 1000 saranno pronti in occasione di Expo 2015 e sono destinati a raggiungere i 350 km orari. La flotta sarà completata nel 2017”.

Mauro Moretti eletto Presidente UIC Europe

Nell’intervento di accettazione dell’importante incarico internazionale, Moretti ha sostenuto la necessità di avere un sistema ferroviario competitivo per uno sviluppo dei trasporti sostenibile e responsabile. Questa missione sarà perseguita se la ferrovia saprà investire in innovazione tecnologica e spingerà per una maggiore standardizzazione e interoperabilità delle reti nazionali.

In particolare Moretti si è soffermato sul programma di ricerca 2014-2020 Shift to Rail, a cui l’Unione Europea destinerà oltre 1.000 milioni di euro. FS Italiane, membro del comitato direttivo dell’iniziativa, vi parteciperà direttamente, mentre l’UIC Europa rappresenterà tutte le imprese

Moretti: Per i treni locali, tariffe differenziate in base alle fasce orarie

Per il trasporto regionale “un’ipotesi che deve essere affrontata è quella di fasce tariffarie differenziate, come ci sono negli altri Paesi, con sistemi di incentivazione e disincentivazione di certi orari”. Così l’AD delle FS Italiane, Mauro Moretti, a margine del convegno Imprenditoria e Startup femminili”.
La proposta, se attuata dalle Regioni alle quali compete stabilire la politica tariffaria, potrebbe invogliare chiunque può e non è legato a timbrature rigide o orari fissi a muoversi fuori dalle fasce di massima frequentazione, traendone anche un vantaggio economico.
Per facilitare la vita dei cittadini e migliorare la qualità del servizio dei trasporti pubblici locali, infatti, Moretti propone di “ripensare anche il regime degli orari delle attività nelle grandi città”. “Se tutti iniziano a lavorare nello stesso momento - dice – abbiamo treni affollati per un’ora e vuoti per altre venti. Viceversa se, come si fa in altri Paesi, l’orario d’apertura di scuole e uffici della pubblica amministrazione viene spalmato su 2 o 3 ore si potrebbe evitare l’effetto “ore di punta” e, a parità di risorse disponibili, offrire un servizio migliore”.

Moretti: “Milano – Venezia e Napoli – Bari le opere più importanti da completare”

“L’opera più importante da completare è la Milano – Venezia e, a Sud, la Napoli – Bari”. Lo ha detto a Venezia Mauro Moretti nel corso del convegno Le priorità per la politica dei trasporti di Sipotra, Società italiana di politica dei trasporti,.
Nel suo intervento l’AD di FS Italiane ha auspicato che “per le opere fondamentali non vadano polverizzati i finanziamenti europei disponibili. In paesi di 600 abitanti – ha proseguito – non è possibile fare fermate ferroviarie, come non è pensabile collegare con il treno tutti gli aeroporti italiani”.
Rispondendo sul problema del sovraffollamento dei treni, il numero uno di Ferrovie ha ricordato che “occorrono più risorse, perché i convogli sono pochi e, allo stato delle cose, non possiamo fare miracoli, ma soltanto garantire la massima efficienza. Ci vuole inoltre una programmazione omogenea delle linee, anche se occorre tempo per i servizi a medio – lungo termine”.
Moretti ha proseguito dicendo che negli investimenti per i trasporti la logica deve essere quella che “si fa solo quello che dà risultati migliori per rilanciare il sistema dei trasporti”. Il top manager ha quindi affermato di aspettarsi passi avanti positivi dalla nuova Autorità dei trasporti, e che questa abbia la forza per poter parlare e dettare le regole a cui conformarci”.
L’AD di FS Italiane ha sottolineato, infine, che per mantenere in equilibrio il settore dei trasporti nel Paese “bisogna recuperare quella normalissima cosa in base alla quale chi usa un servizio ne paga il prezzo. Quante aziende di trasporto – ha chiesto retoricamente alla platea di imprenditori – stanno in piedi oggi in Italia? Non vi sembra che ci sia un problema di rapporti tra servizi e infrastrutture? Voglio dire questo – ha concluso – perché altrimenti non sta in piedi niente”.

Le Frecce Trenitalia a ottobre si tingono di rosa: prende il via la terza edizione di Frecciarosa .

FS Italiane conferma anche quest’anno il suo impegno nel promuovere la campagna di sensibilizzazione e prevenzione delle malattie femminili condotta insieme all’ Associazione IncontraDonna onlus, con il patrocinio del Ministero della Salute.
Una campagna che allarga i suoi orizzonti all’intero universo femminile mettendo al centro dell’attenzione, per un intero mese, le donne, la loro salute, i loro diritti, il loro mondo.
A sostenere l’intero progetto, che vedrà la collaborazione di vari partner, anche la Consigliera Nazionale di Parità.
L’edizione 2013 di Frecciarosa, inaugurata oggi a Roma Termini alla presenza dell’Amministratore Delegato di FS Italiane Mauro Moretti, punterà a consolidare il successo e l’attenzione raccolta nelle precedenti edizioni, quando ha raggiunto oltre 2 milioni di clienti, coinvolgendo centinaia di loro in consulenze e visite gratuite e distribuendo oltre 100mila vademecum sulla salute.
Il programma di Frecciarosa 2013 riproporrà quindi le consulenze mediche a bordo treno – per tutto il mese di ottobre, dal lunedì al venerdì,  bordo di due Frecciarossa Roma-Milano -  e la diffusione di vademecum ricchi di consigli e indicazioni utili non solo per le donne ma per tutta la famiglia.
Si parlerà infatti di prevenzione anche al maschile, di buone abitudini alimentari, stili di vita, con un’attenzione particolare ai bambini e al tema del rischio genetico, tema quanto mai attuale dopo il caso mediatico di Angelina Jolie.
FSNews.it, giornale online del Gruppo FS Italiane, ospiterà per l’intero mese un filo diretto con le clienti interessate ad approfondire i temi trattati dal vademecum e a rivolgere domande agli specialisti dell’Associazione IncontraDonna onlus. Le risposte saranno pubblicate in pagine dedicate facilmente raggiungibili dalla Home Page.
Un’attenzione particolare sarà riservata anche ai temi dei diritti, delle pari opportunità e della sicurezza sul lavoro con un convegno in programma a fine ottobre organizzato in collaborazione con l’Università LUISS e iniziative promosse da INAIL.
Frecciarosa sarà anche divertimento, bellezza e glamour:  ritratti fotografico scattati da un fotografo professionista di Donna Moderna, consulenze di bellezza e una fashion blogger accompagneranno le donne in viaggio con suggerimenti sul make up e consigli di stile e tendenze
Un concorso, legato al lancio dell’atteso film “Grace di Monaco”, Mette in palio premi per le viaggiatrici, mentre la partnership con lo spettacolo “Romeo e Giulietta” offrirà sconti per assistere al musical, in scena a Roma dal 18 ottobre.
Attenzione anche al mondo della cultura, con l’istituzione da parte di FS Italiane di uno speciale premio Frecciarosa nell’ambito della quinta edizione del Premio letterario De Sanctis.
Migliaia di buoni sconto verranno infine distribuiti, nel mese di ottobre, alle clienti Trenitalia. Potranno usarli per acquistare biglietti per viaggi con Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca.

Moretti: “FS Italiane in salute, è il momento di investire”

Stiamo investendo 10 miliardi in autofinanziamento, di questi 5 per treni nuovi, dei quali 3 per il trasporto regionale. Possiamo spendere perché siamo un’Azienda in salute, una delle poche imprese che in Italia ha un trend positivo da qualche anno.
Così Mauro Moretti, a margine del convegno Nostra Madre Terra, ad Assisi. L’AD di FS Italiane ha descritto un’Azienda solida, “una sorta di singolarità nel settore dei trasporti”. Una singolarità che ha permesso alla Società di uscire da una crisi profonda e approdare oggi alla migliore efficienza europea. “Essere in salute – ha detto l’AD – significa che adesso dobbiamo spendere, facendo interventi in autofinanziamento, dal momento che lo Stato ha scarse risorse e le Regioni ancora meno.
Il top manager ha indicato in particolare due campi d’azione: il trasporto integrato nelle grandi città e quello delle merci, facendo altresì notare che non si può andare avanti in un Paese in cui è incentivato solamente il trasporto su gomma. “Noi stiamo facendo importanti investimenti per il trasporto locale: per l’acquisto di nuovi treni ci sono 3 miliardi, anche se ce ne vorrebbero 6, ma ci vorrebbe anche la mano pubblica come succede negli altri Paesi, perché non bastano le sole iniziative di impresa”.
L’incontro ad Assisi è stato soprattutto l’occasione per discutere di ambiente e trasporto ecocompatibile: “Occorre favorire la gente che va a piedi e in bicicletta – ha detto Moretti sottolineando la necessità di politiche mirate – ed riorganizzare per cellule le città in modo tale che riescano ad avere sfogo sulle vie di comunicazione fondate o sulla tramvia, o sulla metropolitana, sulla ferrovia leggera o su quella regionale”.

Intervenendo poi al meeting dedicato a energia sostenibile, cura e custodia dell’ambiente, Moretti ha ricordato come “il trasporto su rotaia sia il più compatibile con l’ambiente, per due buoni motivi: consuma poca energia – risparmiando per unità di persone o cose trasportate – e può utilizzare, soprattutto in Italia, tutte le modalità di produzione di energia elettrica, quindi anche le forme rinnovabili. Pochi sanno – ha aggiunto – che l’Italia è in Europa il Paese che ha il più alto tasso di elettrificazione, l’80% della nostra rete, mentre ad esempio la Germania, che tutti prendono come riferimento, ha poco più del 50%”. Si tratta di un grande patrimonio già costruito e perfettamente utilizzabile da tutte le forme di energia”.
Parlando con i giornalisti, Moretti ha poi manifestato il suo interesse per la Società Umbria Mobilità, ritenendo che il trasporto locale “sia una cosa che va ricomposta e che non si può gestire con migliaia di imprese fallite. Noi siamo in grado di poter esprimere una professionalità in campo molto elevato come abbiamo dimostrato a Firenze, e possiamo farlo anche in altre realtà”.

Protezione Civile: FS Italiane e Dipartimento rafforzano collaborazione

Consolidare la collaborazione istituzionale e conseguire la massima efficacia ed efficienza operativa nelle comuni attività emergenziali, nelle fasi di previsione, prevenzione e gestione dei rischi naturali e antropici che possano incidere negativamente sulla circolazione ferroviaria e compromettere l’incolumità della popolazione.
Questi gli obiettivi della nuova convenzione sottoscritta  da Franco Gabrielli, Capo del Dipartimento della Protezione Civile, e Mauro Moretti, Amministratore Delegato del Gruppo FS Italiane.
Le principali attività disciplinate all’interno della Convenzione, in vigore per quattro anni, riguardano, tra l’altro, le procedure per lo scambio di informazioni e per gli interventi in caso di emergenza, il coordinamento tra le sale operative del Gruppo FS Italiane e Dipartimento della Protezione Civile, l’organizzazione di attività di specifici percorsi formativi e di aggiornamento rivolte al proprio personale, nonché il sostegno alle attività esercitative che verranno promosse al fine di verificare, migliorare e sviluppare nuove procedure e modelli di intervento.
Il Gruppo FS Italiane, una delle più grandi realtà industriali italiane, patrimonio dello Stato, ha da sempre accompagnato la crescita economica, sociale e civile del Paese. Tutti i ferrovieri sentono quindi come un proprio dovere – ha detto Mauro Moretti, AD del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane – quello di mettere la propria esperienza e professionalità a disposizione di chi è chiamato a coordinare e dirigere, per conto dello Stato, gli interventi in aiuto delle popolazioni colpite da calamità ed emergenze, e cioè la Protezione Civile. La collaborazione con il Dipartimento si consolida e diventa oggi, con quest’accordo, ancora più efficace grazie ad un modello di intervento condiviso e allargato a tutte le realtà presenti sul territorio che renderà, quindi, più rapide ed efficienti le azioni di soccorso”.
L’accordo sottoscritto, inoltre, rappresenterà il quadro di riferimento per eventuali protocolli che potranno essere firmati tra il Gruppo FS Italiane e le competenti articolazioni territoriali del Servizio Nazionale della Protezione Civile.

Lupi e Quagliariello visitano Dia. Man. Te

Il treno diagnostico di RFI, Dia.Man.Te. (acronimo di Diagnostica e Manutenzione
Tecnologica), e le attività che periodicamente effettua sulle linee Alta Velocità
per monitorarne e certificarne lo stato di sicurezza, è stato visitato questa
mattina a Roma Termini dai ministri delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio
Lupi, e delle Riforme Costituzionali, Gaetano Quagliariello.
I ministri sono stati accolti dall'amministratore delegato del Gruppo Ferrovie dello
Stato Italiane, Mauro Moretti, accompagnato dall'AD di RFI Michele Mario Elia.
Dia.Man.Te. ultimo nato fra i treni diagnostici del Gruppo FS Italiane, da gennaio è
inserito nel ciclo industriale della produzione in quanto certifica lo stato
dell'infrastruttura ferroviaria ai fini della sicurezza e della programmazione di
piani di manutenzione, costantemente aggiornati in basi ai dati forniti dal treno
diagnostico.
Dia.man.te. è in grado di controllare, istante per istante, oltre 200 parametri
relativi a: armamento (binario e pietrisco); energia (linea di alimentazione
elettrica dei treni); segnalamento (sistema ERTMS/ETCS - European Rail Traffic
Management System/European Train Control System); telecomunicazioni (sistema radio
GSM-R) e dinamica di marcia dei treni.
Il treno, ideato e progettato da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane), è
attrezzato con tecnologie d'avanguardia tutte made in Italy realizzate dal Gruppo
Mer Mec di Monopoli il cui amministratore delegato è Vito Pertosa, anch'egli
presente alla visita.
La flotta dei treni diagnostici di Rete Ferroviaria Italiana, tra le più moderne ed
innovative al mondo, comprende anche l'ETR500 Y1 (specializzato in controlli alle
interazioni ruota-rotaia e pantografo-catenaRia e nella certificazione delle linee
per la operatività); Archimede, operativo dal 2003, dedicato alle linee
convenzionali per testarne armamento, energia, segnalamento, telecomunicazioni e
dinamica di marcia.
A questi si aggiungono Talete, misura tutti i valori di allineamento e di livello
delle rotaie utilizzando laser a triangolazione ottica e giroscopi; Aldebaran, che
per primo ha impiegato la tecnologia laser per misurare tutti i parametri della
linea di contatto e dell'interazione tra pantografo e cavi; Caronte è il primo al
mondo a certificare su tutta la rete il corretto funzionamento dei sistemi di
protezione della marcia dei treni; e Galileo che effettua il controllo con
ultrasuoni e la video-ispezione digitale dell'integrità delle rotaie.

Diventa operativa la Fondazione FS Italiane

Nel corso del primo Consiglio di Amministrazione della neonata Fondazione,
presieduto da Mauro Moretti, è stato nominato Direttore Luigi Cantamessa.
La missione della Fondazione FS, costituita il 6 marzo, è quella di promuovere,
valorizzare e divulgare l'immenso patrimonio del Gruppo FS Italiane, composto da
treni storici, beni bibliotecari e archivistici, oltre ai materiali audiovisivi.

La Fondazione FS Italiane diventa quindi operativa, in un mese ricco di significato
per il mondo ferroviario nazionale. Nel luglio del 1905, infatti, le Ferrovie dello
Stato rilevarono la gestione delle reti ferroviarie del Regno d'Italia: Adriatica,
Mediterranea e Sicula.

L'obiettivo della Fondazione FS Italiane, nel cui board siedono con Mauro Moretti
anche Michele Mario Elia e Vincenzo Soprano, AD rispettivamente delle due altre
Società fondatrici (Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia), non è quello di
celebrare il passato ma dare impulso nel Paese alla riscoperta della storia delle
ferrovie nazionali divulgandone la cultura, valorizzando il Museo Ferroviario
Nazionale di Pietrarsa, struttura museale unica nel suo genere, organizzando
l'attività di treni storico-turistici, "gioielli di famiglia" del Gruppo FS
Italiane, perfettamente restaurati e funzionanti, che in circa 10 regioni italiane
con i treni d'epoca consentono la riscoperta dell'Italia "minore" dai paesaggi
mozzafiato, agli itinerari alternativi per un turismo "dolce" nella provincia
italiana.

Il treno dei bambini arriva in vaticano

Arriverà domenica 23 giugno, poco prima delle 12, all'interno di Città del Vaticano,
nella stazione San Pietro, il Treno dei Bambini, uno speciale Frecciargento che
trasporterà a Roma oltre 250 bambini in difficoltà. Ad attenderli in stazione e a
salutare il loro arrivo nella Capitale ci sarà direttamente Papa Francesco, assieme
al presidente del Gruppo FS Italiane Lamberto Cardia e all'ad Mauro Moretti.
Il convoglio, sui cui viaggeranno anche circa 150 adulti accompagnatori, partirà
dalla stazione di Milano Centrale di primo mattino e fermerà anche a Bologna e
Firenze, creando nelle stazioni particolari momenti di festa. A bordo del treno,
invece, i bambini saranno impegnati in percorsi educativi ed artistici, organizzati
dal personale FS Italiane.
Per l'ingresso nella Stazione Vaticana, che non è dotata di rete elettrica, il
Frecciargento, composto da 7 carrozze, sarà agganciato a un locomotore diesel. Dopo
l'incontro con il Santo Padre, il convoglio ripartirà alla volta di Milano.
Il Gruppo FS Italiane metterà in campo tutte le forze produttive necessarie per
assicurare un viaggio sereno ai bambini e per lasciare loro un ottimo ricordo
dell'esperienza, attraverso il lavoro delle donne e degli uomini di Rete Ferroviaria
Italiana e di Trenitalia.
Questo "viaggio attraverso la bellezza", promosso dal Cortile dei Bambini, conferma
ancora una volta l'impegno sociale del Gruppo FS Italiane, reso concreto dalle
numerose iniziative intraprese negli ultimi anni.
Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner