Articoli marcati con tag ‘MM’

Italferr e MM-Metropolitana Milanese: cooperazione per i mercati internazionali

Unire le competenze per incrementare la rispettiva e reciproca presenza nei mercati ferroviari e delle metropolitane internazionali.
E’ questo l’obiettivo dell’accordo di cooperazione fra Italferr (società d’ingegneria del Gruppo FS Italiane) e MM-Metropolitana Milanese (società d’ingegneria e di servizi del Comune di Milano), entrambe impegnate nel settore delle infrastrutture pubbliche.
Lo scopo è quello di mettere in sinergia le competenze tecnico specialistiche, collaborando attraverso lo scambio continuo e programmato delle informazioni commerciali di reciproco interesse, per promuovere i propri prodotti e servizi.
Le due società costituiranno un gruppo di lavoro che effettuerà analisi commerciali rivolte ai mercati di interesse, valutando di volta in volta se presentarsi congiuntamente ed, eventualmente, quale forma associativa adottare per partecipare anche a bandi di gara internazionali.
“Puntiamo a rafforzare la nostra presenza nelle aree dove già abbiamo in corso importanti progetti e continueremo ad impegnarci verso nuovi mercati internazionali”, ha dichiarato Matteo Maria Triglia, Amministratore Delegato di Italferr. “Il nostro obiettivo – prosegue Triglia – è quello di diversificare ulteriormente le attività, misurandoci nei principali ambiti infrastrutturali, oltre che nella progettazione e realizzazione di infrastrutture ferroviarie che rappresentano la nostra competenza core. Con questa sfidante prospettiva siamo favorevoli a partnership qualificate, come quella con MM-Metropolitana Milanese”.
“Abbiamo deciso di muoverci sempre più anche su scala extraeuropea perché pensiamo che il know how ingegneristico da noi accumulato in 60 anni di progettazioni e costruzioni di infrastrutture e reti – ha dichiarato il Presidente di MM-Metropolitana Milanese, Davide Corritore – possa trovare sbocchi in nuove aree del mondo. Perseguiremo questa strategia con un partner così qualificato quale Italferr, dopo aver già conseguito esperienze di collaborazioni positive come l’ultima in Etiopia”.
Italferr opera sul mercato italiano e internazionale nel campo dell’ingegneria delle infrastrutture. Dal 1984 è impegnata in Italia e nel mondo in grandi progetti infrastrutturali, nel settore ferroviario, nel trasporto metropolitano e stradale. Dalla progettazione agli appalti, alla direzione e supervisione dei lavori, alla messa in servizio, al collaudo di linee, stazioni, centri intermodali e interporti, al project management, alle consulenze organizzative, al training e al trasferimento di know how specialistico, in particolare le tecnologie innovative realizzate per le tratte AV/AC italiane. Oggi Italferr è presente in Italia, con 12 sedi, e all’estero con 8 branches in aree strategiche quali il Medio Oriente, le Americhe, l’Europa e l’Africa, con importanti incarichi di progettazione.

Partiti i lavori per la stazione Forlanini del passante a Milano

Sono partiti i lavori per la realizzazione della nuova stazione Forlanini del Passante Ferroviario di Milano. La stazione sarà un importante punto di interscambio tra le linee suburbane del servizio ferroviario regionale e la rete del trasporto pubblico urbano.

Con le linee suburbane S5, S6 e S9, che fermeranno nella nuova stazione, sarà possibile raggiungere comodamente numerose e importanti destinazioni della città e dell’hinterland milanese. Qualche esempio: da qui con il treno e grazie alle corrispondenze con le tre linee M1, M2, M3 e M5 si arriverà velocemente al centro di Milano, alle università, alla Fiera di Rho, all’EXPO, oltre che in tante altre località della Regione, come Monza e la Brianza.

MM FESTEGGIA IN RETE LA GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA

Metropolitana Milanese Spa ha decretato il vincitore del contest Blu Hackathon (neologismo che deriva dal mix tra hacker e marathon) per la migliore App sull’acqua di Milano: la squadra Full Wipe composta da Valentina Lipari, Roberta Lipari, Maria Bianca Meo, Giovanna Matacena e Giovanni Meo (età media di 24 anni) con l’App BluDrops.

La giuria composta dal Presidente Giovanni Valotti e dal Direttore Generale Stefano Cetti di MM, dall’Assessore Pierfrancesco Maran, dal Direttore Generale dell’Ato città di Milano Andrea Zelioli e dal prof. Aldo Campi dell’Università di Bologna ha motivato la scelta del vincitore in quanto l’App BluDrops si è rivelata estremamente innovativa, ricca di idee e sviluppata con grande creatività, privilegiando l’aspetto interattivo e social. L’applicazione è risultata essere rispondente agli obiettivi, utile e fruibile per la cittadinanza, completa dal punto di vista dello sviluppo grafico e informatico, e per questi motivi è stata acquistata da Metropolitana Milanese per il valore di 1.000 euro.

La presentazione delle tre migliori App è online sul sito www.milanoblu.com per garantire visibilità ai developer e alle loro creazioni.
Al concorso hanno partecipato giovani esperti di informatica provenienti da tutta Italia: Crema, Bologna, Milano, Napoli e Como.

“Le nuove tecnologie ci offrono straordinari canali di comunicazione che vogliamo utilizzare per amplificare e rendere pervasivi i messaggi sulla qualità della nostra acqua. Anche questo per noi è un modo per interpretare la pubblica utilità” – ha dichiarato Giovanni Valotti, Presidente di Metropolitana Milanese Spa – “per sviluppare le App ci siamo rivolti soprattutto ai giovani contando sulla loro capacità di creare linguaggi diretti ed efficaci. Un modo nuovo e diverso per rendere la nostra gestione trasparente ai cittadini”.

“Dare ai cittadini informazioni per comprendere le caratteristiche della propria acqua, una delle migliori in Italia e l’unica con un marchio registrato, e permettere loro di conoscere in modo facile e immediato tutti i servizi a cui possono accedere, è un segnale di grande chiarezza e partecipazione”- ha dichiarato l’Assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran – “voglio quindi ringraziare tutti coloro che oggi hanno partecipato al Blu Hackathon e Metropolitana Milanese che ha organizzato questo contest”.

Metro per sole donne in India

Ha fatto scalpore a Nuova Dehli l’avvio della metropolitana riservata alle donne. Dopo le numerose manifestazioni e la spinta mediatica, anche internazionale, seguita alle ripetute violenze su donne e bambine, le autorità cittadine hanno deciso di riservare su ogni convoglio della metropolitana delle carrozze per le donne. Un modo veloce di mettere in sicurezza le donne ma certo non una soluzione. D’altronde i politici hanno dichiarato che cambiare la mentalità degli uomini insegnando il rispetto delle donne non è un obiettivo semplice né raggiungibile. Quindi meglio un “ghetto” sui mezzi pubblici. La battaglia delle donne continua…

Brescia si gode la sua nuova MM

Dallo scorso 2 marzo Brescia, con l’apertura della sua metro driverless di Ansaldo STS-AnsaldoBreda, si aggiunge alla ristretta lista di città italiane, sette, che hanno una metropolitana. Si tratta della prima metro italiana che viene inaugurata tutta insieme: 13,7 km e 17 stazioni costruite in 10 anni senza aperture per tratte funzionali come prassi per tutte le altre metropolitane dello stivale. Altra caratteristica unica è il fatto che una città di poco meno di 200.000 abitanti abbia una metropolitana. L’opera è costata 935 milioni di euro e il Comune di Brescia dovrà sudare lacrime e sangue per pagare il mutuo di 400 milioni di euro da saldare entro i prossimi 30 anni. Ovviamente si sono tagliate le corse dei bus che sono diventate d’adduzione alle fermate della metro e questo garantirà risparmi ma il dubbio sulla sostenibilità a lungo termine di un’opera così costosa, rimane. In ogni modo in questi giorni i bresciani e i molti curiosi arrivati da altre città hanno potuto apprezzare le stazioni, i treni e la comodità di questa bellissima metropolitana. I giudizi positivi sono unanimi, è stato fatto un ottimo lavoro, il sistema di Ansaldo STS si dimostra ancora una volta affidabile, le stazioni sono bellissime, i treni comodi e sono state promosse anche la segnaletica e la promozione della nuova linea. In questi giorni godiamoci questo nuovo fiore all’occhiello dell’industria ferroviaria italiana e diamo atto della tenacia di una città che nonostante tutte le difficoltà è riuscita in un’impresa che molti altri hanno fallito o non hanno ancora portato a termine.

Aperta la linea B1 a Roma

Ha aperto martedì 12 giugno, con la prima corsa delle 5.30, la tratta B1 della linea della metropolitana B di Roma. Si tratta di una diramazione della linea metro B che collega Rebibbia e Laurentina: da Bologna, mentre la linea B prosegue verso est a Tiburtina e Rebibbia, la nuova tratta si dirige verso nord/nordest. Sono tre le nuove stazioni: Sant’Agnese/Annibaliano, Libia e Conca d’Oro, presso il quartiere Montesacro. L’appellativo B1 è destinato a perdersi in quanto sia nelle mappe sui treni che nelle indicazioni alle stazioni la nuova tratta è nominata “B”. Da lunedì 18 giugno cambierà la rete di superficie secondo il piano di riordino redatto dall’Agenzia della Mobilità. TEMPI: 7 anni di lavoro per 3.780 m di tracciato: 540 m/anno, in linea con la media capitolina (480-770 m/anno) ma nettamente superiori ai tempi milanesi, piuttosto che europei in genere. Le stazioni si sviluppano in profondità (Libia scende a -38.50 m), su più livelli tra loro collegati con 15 ascensori e 67 scale mobili. SERVIZIO: finquando non saranno disponibili i treni della nuova commesse CAF, il servizio dovrebbe essere un passaggio verso Conca d’Oro ogni 2 per Rebibbia. Come sostenuto dal Comune di Roma in ora di punta si continuerà ad avere una frequenza di 3,5′ sulla tratta Bologna-Laurentina (17 corse); 5′ sulla tratta Bologna-Rebibbia (12 corse) e 10′ sulla tratta Bologna Conca d’Oro (5 corse). Proseguono intanto i lavori sulla tratta Conca d’Oro-Jonio, che dalla primavera 2013 porteranno a 5 km la lunghezza della B1.

Arrivano i Buttadentro sulle MM milanesi

I Buttadentro arrivano sulle MM milanesi a gennaio

Quelli di Tokyo sono noti in tutto il mondo come “butta dentro”: in guanti bianchi, negli orari di punta premono i passeggeri nei vagoni per far chiudere le porte e rispettare gli orari di marcia. A Milano i nuovi “tutor antifolla” avranno lo stesso obiettivo ma con modalità ben diverse: inviteranno la gente a non insistere per salire a tutti costi su un treno se è già pieno, tanto quello dopo arriverà subito. Non a caso gli addetti ai lavori li definiscono “facilitatori”: dipendenti Atm che, come vigili, dirigeranno il traffico in banchina sulla linea RossDa gennaio i passaggi sulla 1 aumenteranno: in vista del debutto di Area C, il 16, verranno aggiunti due treni. E così anche i passeggeri dovranno salire e scendere più in fretta. Il servizio partirà in fase sperimentale nella prima settimana della congestion charge nelle stazioni di Loreto, Cadorna, Duomo, Centrale e San Babila: nelle prime tre soprattutto tra le 8 e le 10, e nelle altre più che altro tra le 16,30 e le 19.
«A svolgere questo lavoro sarà il personale di sorveglianza — spiega Ettore Kluzer, direttore del servizio metropolitano di Atm — una trentina di addetti alla mattina, la metà nel pomeriggio. Intensificheremo anche i tutor nei mezzanini per l’assistenza, specie nelle stazioni di collegamento con le ferrovie: così chi, con Area C, abbandonerà l’auto sarà ben informato.

da www.repubblica.it

La linea 3 a Milano fino alla Comasina dal 26 marzo

4 nuove stazioni per la linea gialla dal 26 marzo

Apriranno sabato 26 marzo le quattro nuove fermate M3 Dergano, Affori Centro, Affori FN e Comasina. Contestualmente cambiano i percorsi delle linee bus della zona. Il prolungamento, infatti, comporterà un miglioramento dei collegamenti, una maggiore offerta di trasporto pubblico con l’aumento delle corse e della frequenza sia in metropolitana che in superficie. Da sabato, con l’arrivo del metrò a Comasina, le stazioni per la linea gialla da 17 diventeranno 21; sarà, infatti, inaugurato il nuovo percorso di 3,7 chilometri che si va ad aggiungere agli oltre 11 chilometri di galleria che collegano Milano da nord a sud. Già da domani, martedì 22 marzo, per consentire lo svolgimento del pre-esercizio sulla nuova tratta, sulla M3 saranno in vigore i nuovi orari con un aumento delle corse lungo la tratta San Donato-Maciachini. Per garantire le frequenze saranno in servizio 24 treni rispetto ai 19 attuali. Le nuove tabelle orarie saranno affisse in tutte le stazioni della linea “gialla” e consultabili sul sito atm-mi.it. Durante il pre-esercizio, dal 22 al 25 marzo le corse dirette a Comasina, una volta giunte a Maciachini, proseguiranno in fuori servizio.

A Milano M2 fino ad Assago dal 20 febbraio

Finalmente fino al Forum il capolinea della linea verde delle MM milanesi

Dopo molti riinvii l’estensione della linea 2 della metro milanese finalmente raggiungerà il suo nuovo capolinea di Assago. Regione Lombardia, Metropolitana Milanese e Atm hanno infatti confermato domenica 20 febbraio come data di messa in esercizio del nuovo tratto della M2 da Famagosta ad Assago di 4,8 chilometri di tracciato con due nuove fermate, Milanofiori Nord e Milanofiori Forum. Il pre-esercizio è fissato per il 12 febbraio. Una settimana di test a treni vuoti che si concluderanno il 19, il giorno precedente l’inaugurazione.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner