Articoli marcati con tag ‘mobilità elettrica’

Renault si associa all’evento “Driving Europe Forward: The Future of Mobility”, organizzato dal Parlamento Europeo.

Driving Europe Forward” si propone di coinvolgere decisori politici e cittadini nel dibattito sulla mobilità del futuro, in particolare sul tema del veicolo elettrico e autonomo. L’innovazione e la ricerca in questi due settori sono già una realtà e i parlamentari hanno avviato una riflessione sui necessari adattamenti per l’Europa. È, quindi, indispensabile coinvolgere fin d’ora i cittadini.

Pioniere e leader del veicolo elettrico in Europa, sulle strade ma anche sui circuiti, Renault condivide ovviamente questa volontà di associare il grande pubblico a questa discussione fondamentale. Presentando la sua Formula E, Renault illustra il modo in cui l’industria si adatta all’evoluzione della mobilità.

L’Europa in movimento: iniziativa della Commissione per una mobilità pulita, competitiva e interconnessa

“L’Europa in movimento” racchiude varie iniziative ad ampio raggio che consentiranno di: rendere il traffico più sicuro; incoraggiare l’adozione di sistemi di pedaggio più equi; ridurre le emissioni di CO2, l’inquinamento atmosferico e la congestione del traffico; ridurre gli oneri burocratici per le imprese; combattere il fenomeno del lavoro nero e garantire ai lavoratori condizioni e tempi di riposo adeguati. I benefici a lungo termine si estenderanno ben oltre il settore dei trasporti, in quanto tali misure promuoveranno l’occupazione, la crescita e gli investimenti, rafforzeranno l’equità sociale, amplieranno le possibilità di scelta dei consumatori e porranno con decisione l’Europa sul binario della diminuzione delle emissioni.

Maroš Šefčovič, Vicepresidente per l’Unione dell’energia, ha dichiarato: “Il mondo dei trasporti si sta trasformando in modo radicale. L’Europa deve cogliere questa opportunità e plasmare il futuro della mobilità. Per noi è un’occasione unica per “reinventare la ruota”. Vorrei che la nostra industria non fosse soltanto coinvolta dal cambiamento globale, ma che ne fosse protagonista.”

Jyrki Katainen, Vicepresidente della Commissione europea e Commissario responsabile per l’Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività, ha affermato: “La nostra impostazione riguardo al tema della mobilità va ben al di là del settore dei trasporti. Oggi assistiamo a un’evoluzione del settore dei trasporti che si inscrive nel quadro di tendenze economiche emergenti come l’economia collaborativa o l’economia circolare. Di conseguenza, è un’opportunità per modernizzare l’economia europea nel suo complesso e spingerla verso una maggiore sostenibilità.”

Violeta Bulc, Commissaria per i Trasporti, ha aggiunto: “L’UE ha l’opportunità unica di modernizzare il trasporto su strada non soltanto in casa propria, ma anche a livello globale. Con le nostre riforme porremo le fondamenta per soluzioni stradali digitali standardizzate, condizioni sociali più eque e regole di mercato applicabili. Le riforme contribuiranno a ridurre i costi socio-economici dei trasporti, come il tempo perduto a causa del traffico, gli incidenti stradali mortali o con feriti gravi e i rischi per la salute derivanti dall’inquinamento e dal rumore, e andranno incontro alle esigenze dei cittadini, delle imprese e della natura. Con norme comuni e servizi transnazionali, inoltre, i viaggi multimodali potranno diventare realtà in tutta Europa.”

La mobilità ha un influsso importante sulla vita quotidiana dei cittadini europei e dà lavoro direttamente a oltre 11 milioni di persone. Si tratta tuttavia di un settore che sta attraversando una serie di trasformazioni tecnologiche, economiche e sociali, il cui ritmo sta accelerando. Sfruttare tali trasformazioni è essenziale per realizzare un’Europa che protegge, dà forza e difende, obiettivo che costituisce una priorità politica della Commissione Juncker. A tale fine, la Commissione ha adottato oggi una strategia a lungo termine per trasformare queste sfide in opportunità e giungere entro il 2025 ad una mobilità intelligente, socialmente equa e competitiva. L’UE guiderà questa transizione con una legislazione mirata e misure di sostegno comprendenti investimenti nelle infrastrutture, nella ricerca e nell’innovazione. In questo modo, in Europa potranno essere sviluppati, offerti e prodotti i migliori veicoli, le migliori attrezzature per i trasporti e le migliori soluzioni per una mobilità pulita, interconnessa e automatizzata.

“L’Europa in movimento” prevede una prima serie di 8 iniziative legislative riguardanti in modo specifico il trasporto su strada. Si tratta di un settore di particolare importanza, sia perché impiega direttamente 5 milioni di europei, sia perché è all’origine di circa un quinto delle emissioni di gas serra dell’UE. Le proposte miglioreranno il funzionamento del mercato del trasporto delle merci su strada e le condizioni sociali e occupazionali dei lavoratori. Tale miglioramento sarà il frutto di una maggiore attenzione al rispetto delle normative, della lotta alle pratiche occupazionali illecite, del taglio degli oneri amministrativi per le aziende e della precisazione delle norme esistenti, ad esempio per quanto riguarda l’applicazione delle leggi nazionali relative al salario minimo.

La Commissione promuove inoltre le soluzioni di mobilità senza interruzioni che permettono ai cittadini e alle imprese di spostarsi più facilmente in tutta Europa. Va in questa direzione la proposta di migliorare l’interoperabilità tra i sistemi di telepedaggio, che consentirà agli utenti della strada di viaggiare nell’intera UE senza doversi preoccupare delle diverse formalità amministrative. Specifiche comuni per i dati relativi al trasporto pubblico, inoltre, permetteranno di pianificare meglio il viaggio e di seguire l’itinerario migliore anche quando questo comporta l’attraversamento di una frontiera.

Questa prima serie di 8 proposte sarà integrata nel corso dei prossimi 12 mesi da altre proposte, fra cui quelle relative alle norme sulle emissioni successive al 2020 per autovetture e furgoni, oltre alle prime norme in assoluto riguardanti le emissioni dei veicoli pesanti, che fanno seguito alla proposta odierna concernente il monitoraggio e la trasmissione di informazioni in tema di emissioni di CO2 e consumo di carburante dei veicoli pesanti. Tali proposte stimoleranno ulteriormente l’innovazione, oltre a contribuire ad aumentare la competitività, ridurre le emissioni di CO2 e migliorare la qualità dell’aria, la salute pubblica e la sicurezza dei trasporti.

Contesto

I trasporti e la mobilità sono fondamentali per l’economia e la competitività dell’Europa. Tale importanza è riflessa dall’ampia gamma di altri quadri politici dell’UE con un’influenza determinante sul settore. La Commissione Juncker si è data delle priorità, quali l’Unione dell’energia, il mercato unico digitale e l’agenda per l’occupazione, la crescita e gli investimenti, che si riverbereranno tutte positivamente sui trasporti e sulla mobilità. La strategia dell’Unione dell’energia del febbraio 2015 individuava uno dei suoi settori di intervento fondamentali nella transizione verso un settore dei trasporti efficiente dal punto di vista energetico e decarbonizzato. Saranno ora attuate le misure già delineate nella strategia per una mobilità a basse emissioni adottata nel luglio 2016. Gli investimenti nelle infrastrutture previsti dal piano di investimenti per l’Europa costituiscono un forte stimolo per lo sviluppo in Europa della mobilità pulita, competitiva e interconnessa del futuro.

Renault Kangoo Z.E.: verso la ricarica wireless dei veicoli elettrici?

Renault presenta oggi un sistema di ricarica dinamica dei veicoli elettrici che permette di ricaricare le batterie in movimento. Con i partner Qualcomm Technologies e Vedecom, Renault ha partecipato alla progettazione di un sistema in grado di ricaricare 20 kW ad una velocità di guida fino a 100 km/h. Nel circuito di prova, i due Renault Kangoo Z.E. possono ricaricarsi simultaneamente mentre sono in marcia, in entrambe le direzioni.

La dimostrazione di ricarica dinamica è avvenuta su una corsia di prova di 100 metri, costruita da Vedecom a Satory, Versailles, vicino a Parigi, nell’ambito del progetto FABRIC. Qualcomm Technologies e Vedecom hanno installato la prima parte del sistema di ricarica dinamica dei veicoli elettrici sulla pista di prova, mentre Vedecom e Renault sono intervenuti nella seconda parte su due Renault Kangoo Z.E. Vedecom lancerà a breve una nuova fase di test per valutare il funzionamento e l’efficacia del trasferimento di energia ai veicoli in una serie di scenari pratici, come l’identificazione e l’autorizzazione di accesso, la coerenza del livello di potenza tra la superficie stradale e il veicolo, la velocità e l’allineamento del veicolo rispetto alla corsia di marcia.

FABRIC* è un progetto che vale 9 milioni di euro, finanziato in parte dall’Unione europea, focalizzato sulla fattibilità tecnologica ed economica e sulla sostenibilità socio-ambientale della ricarica dinamica wireless dei veicoli elettrici. FABRIC è stato lanciato a gennaio 2014 e proseguirà fino a dicembre 2017. È organizzato da un consorzio di 25 partner provenienti da 9 Paesi europei e annovera Case automobilistiche, produttori di ricambi, fornitori di servizi e organismi di ricerca nei settori delle infrastrutture automobilistiche, stradali ed energetiche. L’obiettivo principale di FABRIC è effettuare un’analisi di fattibilità della ricarica dinamica in modalità wireless dei veicoli elettrici per estendere la gamma dei veicoli elettrici.

«Contribuire a questo appassionante progetto ci ha permesso di testare e proseguire la ricerca sulla ricarica dinamica sui nostri Kangoo Z.E.», afferma Eric Feunteun, Direttore del Programma Veicoli Elettrici del Gruppo Renault. «I nostri ingegneri specializzati nella ricerca hanno lavorato in stretta collaborazione con i team di Qualcomm Technologies e Vedecom per dimostrare l’integrazione del sistema di ricarica dinamica dei veicoli elettrici nell’ambito di FABRIC. Per noi la ricarica dinamica è un aspetto che consente di migliorare ulteriormente la fruibilità e l’accessibilità dei veicoli elettrici

«Siamo inventori. Ricarichiamo veicoli elettrici in modalità wireless. Questa dimostrazione di ricarica dinamica è la concretizzazione della nostra idea», spiega Steve Pazol, Vicepresidente e Direttore Generale di Wireless Charging, Qualcomm Incorporated. «Sono molto orgoglioso di quello che abbiamo realizzato. L’associazione di un team di ingegneri esperti provenienti da tutto il mondo e della tecnologia Qualcomm Halo, che copre tutti gli aspetti dei sistemi WEVC, indipendentemente dal magnetismo utilizzato, ci ha permesso di scavalcare i limiti e tracciare la nostra visione del futuro della mobilità urbana.»

Nissan e-NV200 Electrip: il tour di 10.000 km a zero emissioni tra i paesaggi più suggestivi d’Europa

Nissan e-NV200 è protagonista di un tour elettrico di 35 giorni nel cuore dell’Europa per dimostrare come la mobilità 100% elettrica contribuisca ad una maggiore sostenibilità.

Considerato il sempre maggiore interesse verso i veicoli elettrici, Lionel Suissa e il team Electrip attraversano l’Europa continentale in un viaggio di 35 giorni a partire da maggio.

Lionel fa parte di un gruppo di artisti con sede in Francia ed è impegnato nella promozione della mobilità 100% elettrica, per trasmettere ai più giovani il piacere di guidare i veicoli a zero emissioni.

L’avventura del team prende il via a Barcellona e percorre l’intero “corridoio elettrico” europeo fino a Capo Nord, in Norvegia. Nel tratto francese, l’Electrip attraversa anche Wattway, la famosa strada fotovoltaica nei pressi di Le Mans.

Con un’autonomia fino a 170 km con una sola carica*, Nissan e-NV200 rappresenta una soluzione di trasporto efficiente e silenziosa.

Gareth Dunsmore, Direttore Veicoli Elettrici di Nissan Europe, ha dichiarato: “Le vendite di veicoli elettrici Nissan sono in continuo aumento così come le infrastrutture di ricarica. Con oltre 4.000 colonnine pubbliche in tutta Europa, gli automobilisti possono finalmente spostarsi senza doversi preoccupare dell’autonomia”.

Lionel Suissa, membro del team Electrip, ha commentato: “In qualità di sostenitore dei veicoli elettrici per migliorare la qualità dell’aria, credo sia fondamentale che le nuove generazioni capiscano com’è facile e divertente optare per un’auto di questo tipo. L’iniziativa Electrip è pensata espressamente per dimostrare le reali potenzialità della rete di ricarica europea e dei veicoli elettrici e Nissan e-NV200 è il mezzo ideale per portarla a termine”.

NISSAN E-NV200 100% ELETTRICO RIVOLUZIONA LE CONSEGNE DI HARRODS

Nissan e-NV200 100% elettrico entra a far parte della flotta di consegne di Harrods, il grande magazzino di lusso di Londra.

Harrods è solo la più recente delle numerose aziende europee che hanno scelto per la propria flotta aziendale il veicolo commerciale 100% elettrico Nissan e-NV200, raggiungendo oltre 27.000 veicoli elettrici in tutta Europa destinati all’uso professionale. La consegna ufficiale del van elettrico a Harrods è avvenuta presso il lussuoso palazzo di Knightsbridge.

Nissan e-NV200 è stato personalizzato per adattarsi alle consegne di Harrods. Il vano di carico è interamente refrigerato e sono stati aggiunti ripiani su misura per il trasporto di prodotti alimentari in condizioni ottimali. Anche gli esterni sono stati personalizzati con i tradizionali colori di Harrods, verde e oro, per essere immediatamente riconoscibile tra le strade di Londra.

Nissan e-NV200 ha un’autonomia fino a 170 km con una sola carica*, quindi è sufficiente ricaricarlo una volta per portare a termine fino a 50 consegne alla settimana entro il perimetro della capitale, coprendo una distanza media di 241 km. Con costi di esercizio pari ad appena 4 euro per 100 chilometri**, Nissan e-NV200 è un’alternativa pratica che contribuisce a migliorare la qualità dell’aria nel centro cittadino.

Nel 1919 Harrods si serviva già dei van elettrici americani Walker e nel tempo ha realizzato una flotta di 60 veicoli elettrici per consegnare le merci ai clienti londinesi. In seguito, con la diffusione dei motori a benzina, l’elettrico è stato abbandonato. Oggi, grazie all’introduzione e allo sviluppo di nuove infrastrutture e tecnologie, Nissan ha permesso al grande magazzino di ripristinare nella flotta la mobilità 100% elettrica.

Guy Cheston, Media Sales Director di Harrods, ha dichiarato: “È fantastico rivedere van 100% elettrici per le strade di Londra. Harrods è uno dei grandi magazzini più importanti e storici della Gran Bretagna e siamo impegnati nella riduzione delle emissioni. Nel quadro della nostra strategia per la gestione energetica e dei gas serra, i trasporti sono fondamentali per fare davvero la differenza.

“Lo studio di tecnologie innovative, non solo destinate al punto vendita, appartiene alla nostra tradizione: Harrods infatti è stata una delle prime aziende del Regno Unito a disporre di una flotta di veicoli commerciali completamente elettrici con il debutto del nostro indimenticabile van oltre 100 anni fa. Da allora le tecnologie elettriche hanno compiuto passi da gigante, fino a diventare una soluzione di trasporto molto più sostenibile. Nissan è leader indiscusso della tecnologia dei veicoli elettrici, quindi è stato per noi naturale scegliere e-NV200 per realizzare le consegne quotidiane in modo più efficiente e sostenibile.”

Gareth Dunsmore, Direttore Veicoli Elettrici di Nissan Europe, ha dichiarato: “Le aziende di tutta Europa si stanno attivando concretamente per ridurre l’impatto ambientale ed è straordinario che un’icona britannica come Harrods abbia deciso di sposare ancora una volta la filosofia delle tecnologie a zero emissioni e di inserire e-NV200 nella propria flotta. Questo accordo dimostra che i veicoli elettrici come e-NV200 sono l’ideale per ridurre le emissioni di CO2 senza rinunciare alla praticità e alla versatilità necessarie per effettuare consegne in tutta Londra a zero emissioni”.

In qualità di pioniere del mercato elettrico dal 2010, Nissan fornisce soluzioni di Mobilità Intelligente su larga scala e ha commercializzato ad oggi oltre 290.000 unità in tutto il mondo. Insieme a Harrods, sono più di 900 le aziende globali che hanno scelto Nissan per un futuro più sostenibile. Nissan e-NV200, il van più venduto del 2016 in Europa e in Italia coniuga i due modelli pluripremiati: Nissan LEAF e Nissan NV200.

L’elettrico per la logistica del centro città

Finanziata dalla Commissione Europea, la sperimentazione vuole rispondere agli obiettivi del “2011 European White Paper for Transport” e, in particolare, a quello di liberare i grandi centri urbani dalle emissioni causate dal trasporto merci. Infatti, le applicazioni europee di Fr-Evue mostrano soluzioni tecnologiche e politiche atte all’accettazione e alla diffusione dei veicoli elettrici, concentrandosi proprio sulle consegne dell’ultimo miglio nei centri urbani.

Il caso specifico di Milano vede protagonista la consegna di farmaci in Area C, con l’utilizzo del veicolo elettrico NISSAN NV 200, appositamente allestito per il trasporto di prodotti farmaceutici, insieme ad Eurodifarm, società del Gruppo Deutsche Post DHL, specializzata in logistica distributiva di prodotti farmaceutici, diagnostici e biomedicali a temperatura controllata. Si tratta di una sperimentazione particolare in virtù dei vincoli specifici legati al mondo farmaceutico, primo tra tutti la refrigerazione a bordo dei veicoli, con un sistema di monitoraggio della temperatura interna durante il trasporto e la necessità di ricarica simultanea dell’impianto di refrigerazione e di trazione del veicolo.

Il furgone elettrico Nissan, dotato di box isotermico a piastre eutettiche (1,30 m3 con gruppo frigorifero 2-8 °C), ha un’autonomia di 135 km ed equipaggia batterie che possono essere ricaricate velocemente in 30 minuti o in 4 ore da un punto di ricarica pubblica o in 10 ore da una ricarica domestica.

Il veicolo – spiega Paolo Gagliardi La Gala, Quality Assurance di Eurodifarm – utilizza come base la piattaforma logistica di Eurodifarm, situata a Casalmaiocco (circa 22,5 km dal centro di Milano) ed è entrato in esercizio il 4 novembre 2015. Servendo 119 attori tra farmacie, ospedali, cliniche veterinarie, informatori medici scientifici e privati, di cui l’87% è all’interno di Area C, riesce a soddisfare il 20% delle esigenze logistiche di Eurodifarm. Tirando le somme, i costi sostenuti fino ad ora per la gestione del furgone elettrico sono inferiori del 45% rispetto a quelli di un mezzo tradizionale”.

Tra gli altri progetti che mirano a rendere sostenibile la consegna dell’ultimo miglio nelle città ci sono OPTILOG e URBELOG.

Il primo, sviluppato in partnership con il Politecnico di Milano, ha disegnato e sviluppato un’applicazione software per la gestione e il monitoraggio di un modello di logistica urbana a due livelli, applicabile a piccole e grandi città lombarde (Bormio, Cremona, Lecco e Milano). Il modello di OPTILOG si basa sull’utilizzo di piattaforme logistiche urbane che, introducendo una rottura di carico, abilita l’utilizzo di biciclette e veicoli leggeri per la consegna di ultimo miglio.

I siti pilota del progetto URBeLOG, invece, sono le città di Torino e Milano e le funzionalità rese disponibili permettono di sviluppare i processi, i servizi e le applicazioni di City Logistics, aggregando l’ecosistema degli stakeholders e semplificando la gestione e il monitoraggio in tempo reale dei processi logistici dell’ultimo miglio, sia per la Pubblica Amministrazione che per gli operatori del settore. Tra gli obiettivi della sperimentazione c’è la volontà di definire e gestire dinamicamente e in tempo reale le policy di accesso alla Green Area e l’individuazione delle tecnologie da utilizzare per la dotazione infrastrutturale delle piazzole di carico e scarico, come sensoristica all’interno del veicolo e a bordo strada.

NISSAN E-NV200 100% ELETTRICO E THE JAPANESE HOUSE: QUANDO LAVORO, MOBILITÀ E SOSTENIBILITÀ SI INTEGRANO

Abitazione e lavoro rappresentano due bisogni primari dell’individuo. Il modo di soddisfare questi bisogni cambia però in funzione del tempo e del mutare della società e delle città in cui si vive.
Nella società moderna e nella smart city di domani i clienti sono sempre più urbani, digitali, propensi alla condivisione e le nuove tecnologie sono sempre più veloci, immersive, accessibili e in grado quindi di offrire soluzioni innovative ed originali che consentano di ripensare in chiave assolutamente nuova il rapporto tra luogo di lavoro e abitazione.
Nissan, da sempre all’avanguardia nella progettazione e leader in tecnologia, ha interpretato queste esigenze e ha sviluppato il primo ufficio mobile al mondo 100% elettrico su base e-NV200, che coniuga innovazione e design in favore di un’ottimizzazione dello spazio e del tempo, presentando nuove forme di impiego professionale della mobilità.
Il progetto è inserito all’interno della mostra The Japanese House in esposizione al MAXXI di Roma che vede lo spazio muoversi con l’individuo in una prospettiva sempre più legata al lavoro in movimento. Così lavoro, movimento e sostenibilità si integrano: “il mio luogo cammina con me”.

Lavoro in movimento – Nel corso del 20151, il numero delle postazioni di co-working e hot-desking nel mondo è aumentato del 36%, con oltre 500.000 persone che lavorano in condivisione in oltre 8.700 postazioni di lavoro di coworking, in risposta alla ricerca delle piccole imprese e liberi professionisti di una maggiore mobilità e di un’alternativa più economica ai tradizionali uffici in centro città.
Oggi il pendolare medio spende 43 euro al mese per gli spostamenti casa-lavoro e l’affitto annuo di uno spazio adibito a ufficio a Milano costa 490 euro al metro quadro, cifra destinata ad aumentare del 2,1 percento nel corso del prossimo anno2.
Alla luce dei ridotti costi di esercizio dei veicoli elettrici, pari ad appena 4 euro per 100 chilometri3, l’e-NV200 primo ufficio mobile 100% elettrico rappresenta una postazione di lavoro economica, che permette di accedere gratuitamente in centro città nelle zone a traffico limitato e di avvalersi a costo zero dei parcheggi con strisce blu.

Innovazione e design – Nissan e-NV200 inoltre presenta caratteristiche di progettazione all’avanguardia, connettività e comfort, come scrivania ribaltabile integrata, computer con touch-screen, accesso wireless a Internet, luci led azionate via smartphone, sistema di ricarica telefono wireless, impianto audio Bluetooth®, mini frigo e macchina per caffè di qualità professionale.
La Mostra “The Japanese House” dopo il MAXXI di Roma sarà al Barbican di Londra e al MOMAT di Tokyo.

RENAULT SUPPORTA PROGETTI DI SVILUPPODI INFRASTRUTTURE DI RICARICA RAPIDA: LANCIATO EVA+

È stato lanciato ufficialmente oggi, a Bruxelles, EVA+ – ElectricVehiclesArteries-  progetto di sviluppo di un’infrastruttura di ricarica veloce per veicoli elettrici lungo le principali strade ed autostrade in Italia e Austria, che vede Renault tra i principali partner. Al progetto,coordinato da Enel,collaborano Verbund, la principale utility austriaca, ed alcuni tra i principali costruttori automobilistici di veicoli elettrici a livello mondiale.Per il progetto EVA+è stato firmato un accordo di finanziamento, per un valore massimo di 4,2 Milioni di € con INEA (agenzia incaricata dalla Commissione Europea).

Saranno 200 le stazioni di ricarica veloce “multi-standard” installate nei tre anni del progetto, in grado di offrire tutti gli standard di ricarica veloce (ricarica in AC, CSS Combo 2, CHAdeMO) in una sola stazione. Di tali 200 stazioni di ricarica, 180 del tipo Fast Recharge Plus saranno installate in Italia da Enel. Inoltre, saranno sperimentate soluzioni tecnologiche innovative e saranno analizzate le necessità dei clienti per individuare i migliori punti in cui installare le stazioni di ricarica. EVA+, collegando i grandi centri urbani e assicurando la ricarica veloce dei veicoli elettrici secondo gli standard tecnici internazionali, garantirà l’interoperabilità del servizio di ricarica nei Paesi europei, consentendo così ai possessori di veicoli elettrici di effettuare viaggi di lunga percorrenza in maniera sostenibile sia in Italia che in Austria.

Il progetto EVA+ riveste un’importanza strategica per il futuro della mobilità sostenibile su tutto il territorio italiano, consentendo alla mobilità elettrica di varcarel’ambitourbano in cui è stata limitata in questi anni.

Renault, pioniere dei veicoli elettrici in Europa, promuove l’implementazione di punti di ricarica elettrica, in luoghi privati e pubblici. Affiancando le istituzioni ed altri player della mobilità elettrica, tra cui i produttori di energia, Renault supporta, in particolare, numerosi progetti di installazione di punti di ricarica rapida lungo i corridoi autostradali ed i principali assi di circolazione, come il progetto EVA+. Tali colonnine consentono ad esempio aNuova Renault ZOE di recuperare da 80 a 120 km di autonomia durante una pausa di 30min[1].

Ipunti di ricaricarapidasonocirca 2.300in una quindicina di Paesi europei.Per svilupparli, Renaultpartecipa, in particolare, ad alcuni progetti dell’Unione europea, tra cui: il progetto pilota “Corri-Door”,che ha permesso di installare in Francia circa 200punti di ricaricarapida, equivalenti ad una colonnina ogni 80km; il progetto “Fast-E”, cheprevede l’installazione di 241 punti di ricarica in Germania a metà 2017, e di 37 in Belgio entro la fine del 2016 e un progetto simile per aggiungere 30 punti di ricarica in Repubblica Ceca e Slovacchia entro la fine del 2017.

L’implementazione di punti di ricaricaaccessibili al pubblico svolgerà un ruolo essenziale nel cambiamento di scala del mercato del veicolo elettrico. Anche se la ricarica principaleviene realizzata soprattutto a domicilio, il moltiplicarsi dei punti di ricaricapubblici rappresenta, al tempo stesso, una soluzione per estendere il raggio d’azione del veicolo elettrico ed un fattore di tranquillità supplementare per gli automobilisti che esitano ad optare per il veicolo elettrico.

Con 25.648 veicoli elettrici venduti nel 2016 (Twizy esclusa), la Marca Renaultha confermato anche nel 2016 la leadership nel mercato del veicolo elettrico in Europa.Con una quota di mercato del 25%, in Europa 1 veicolo elettrico su 4 è Renault.ZOE resta leader del mercato delle autovetture, con 21.735 immatricolazioni nell’anno (+16%), e Kangoo Z.E. leader tra i veicoli commerciali elettrici, con 3.901 unità.

Renault resta, a tutt’oggi, l’unico costruttore a proporre una gamma completa di veicoli 100% elettrici ad un prezzo accessibile. Chiunque potrà trovare il modello adatto alle proprie esigenze: dalla city car ZOEche offre oggi un’autonomia di 400 km NEDC (la migliore autonomia fra le auto elettriche per il grande pubblico oggi sul mercato), al veicolo commerciale KangooZ.E.,presto disponibile con un’autonomia di 270 km NEDC (la migliore autonomia  fra i veicoli professionali sul mercato)passando per il quadriciclo urbanoTwizy. Renault ha, inoltre, annunciato l’arrivo di Master Z.E. entro fine 2017.

NUOVO KANGOO Z.E.: UN INCREMENTO DI AUTONOMIA DEL 50%

Il  13 gennaio 2017, Renault Pro+ presenterà al Salone di Bruxelles (Belgio) la sua ultima novità elettrica: Nuovo Kangoo Z.E

Renault Pro+ dota Kangoo Z.E. di un nuovo motore ed una nuova batteria che offrono un’autonomia aumentata di oltre il 50%, pari a 270km NEDC(2) al posto dei 170km attuali.

Con 200km di autonomia in condizioni di utilizzo reali, Nuovo Kangoo Z.E. offre la maggiore autonomia disponibile sul mercato dei veicoli commerciali leggeri.

Kangoo Z.E. regala piena soddisfazione alla sua clientela professionale, rispettosa dell’ambiente e amante del suo piacere di guida, delle sue capacità di carico e del suo costo di utilizzo molto competitivo.

Inaugurati a Riva del Garda due nuovi punti di ricarica evway

Domani, 25 ottobre, alle ore 9, due nuovi punti di
ricarica evway da 22 kW saranno inaugurati a Riva del Garda, in Viale Trento 5, alla
presenza del Sindaco Adalberto Mosaner e dell’Assessore alla Mobilità Alessio
Zanoni. Il progetto, nato in collaborazione con Trentino Trasporti, ha già portato
all’installazione di 6 punti di ricarica elettrici evway (2 stazioni a Trento, 2 a
Mezzana e 2 a Riva del Garda) e vedrà l’aggiungersi di nuove installazioni entro la
fine dell’anno a Mezzocorona e Borgovalsugana. Queste charging station si aggiungono
ad altri 3 punti di ricarica già presenti nella Provincia di Trento, installati
nell’ambito di altre iniziative evway.
Anche a Riva del Garda, come per le altre stazioni evway powered by Route220 su
suolo pubblico, la ricarica è offerta da evway fino al 31 Dicembre 2016.
In totale evway ha attivato ad oggi un network di 20 punti di ricarica in tutta
Italia, che ha erogato complessivamente più di 2 mega watt di energia, di cui quasi
la metà nel solo Trentino Alto Adige, che diventa, quindi, la regione più
electric-friendly del circuito evway, grazie anche alla collaborazione con Trentino
Trasporti. La piattaforma completa evway powered by Route220, composta da stazione
di ricarica, sito web, mappa e App, facilita la ricerca e l’accesso alle oltre
80.000 colonnine mappate in Europa (2.000 in Italia) segnalando, inoltre, le altre
attività disponibili in loro corrispondenza. L’offerta sviluppata da evway
rappresenta anche un’opportunità di visibilità per le attività e gli esercizi
commerciali e di sviluppo turistico per i territori.
Download foto
[HIGH](http://fe-mn1.mag-news.it/nl/link?c=khi&d=dq&h=2997bg8t4f28vafkkkfcq9d227&i=2or&iw=1&p=T653219740&s=lp&sn=73&z=1rs)
e
[LOW](http://fe-mn1.mag-news.it/nl/link?c=khi&d=dq&h=303diddo2ghakj8eeg2nu8h5fv&i=2or&iw=1&p=T653219741&s=lp&sn=73&z=1rt)
resolution
About evway, powered by ROUTE220 SpA
Route220
([www.route220.it](http://fe-mn1.mag-news.it/nl/link?c=khi&d=dq&h=2amfpojg0pnkm8dev4in42dg0j&i=2or&iw=1&p=T653219742&s=lp&sn=73&z=1ru))
è la start up innovativa fondata nel 2014 con l’obiettivo di migliorare l’esperienza
degli utenti di veicoli elettrici e di promuovere attività commerciali, di
accoglienza turistica e territorio che credono nella mobilità eco-sostenibile.
Un’offerta completa: stazione di ricarica e piattaforma digitale proprietaria.
Servizi innovativi per la e-mobility e per il viaggiatore responsabile. L’App evway,
sviluppata da Route220, fornisce una mappatura completa e interattiva di tutte le
stazioni di ricarica, in Italia e in Europa, oltre che l’indicazione di punti di
interesse e di attività commerciali
([www.evway.net/it/scarica-app.html](http://fe-mn1.mag-news.it/nl/link?c=khi&d=dq&h=33rn525nc4716iumnjbsfdo2n&i=2or&iw=1&p=T653219743&s=lp&sn=73&z=1rv)).
Ad oggi un network di 20 stazioni proprie, smart e interoperabili, alimentate con
energie rinnovabili.
Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner