Articoli marcati con tag ‘moto’

Automotoretrò 2016: il fascino del passato su due e quattro ruote

Si aprono le porte della 34esima edizione di Automotoretrò, l’evento dedicato agli
appassionati del motorismo storico. La kermesse, organizzata da Bea srl in
collaborazione con GL events Italia-Lingotto Fiere, che nel 2015 ha visto la
partecipazione di oltre 60.000 visitatori, 300 piloti e più di 1200 espositori,
inaugura il prossimo 12 febbraio al Lingotto Fiere di Torino, Via Nizza 294, per una
tre giorni interamente dedicata al mondo dei motori.
La rassegna, distribuita su una superficie di oltre 100.000 metri quadri, abbinata
anche quest’anno ad Automotoracing, l’evento collocato all’Oval dedicato al tuning e
alle “alte prestazioni”, rappresenta un momento di grande festa che accomuna
collezionisti, piloti, motociclisti ma anche semplici appassionati e curiosi.

“Questa edizione si preannuncia già da alcuni mesi la più spettacolare di sempre -
afferma Beppe Gianoglio organizzatore di Automotoretrò - già tre mesi fa l’80% degli
spazi espositivi erano stati prenotati dagli espositori. Questo, oltre a farci
enormemente piacere, ci sprona ad aumentare sempre di più i nostri sforzi,
proponendo, così ogni anno, una manifestazione sempre nuova e coinvolgente. Insieme
ad Automotoracing, che ci accompagna ormai da sette anni, vogliamo far vivere ai
visitatori il motorismo a 360°, spaziando dalla presentazione dei prototipi della
Collezione Bertone fino alla gara Master Città di Torino per gli amanti dell’alta
velocità ”

Numerose sono poi le Case automobilistiche ufficiali che hanno deciso di partecipare
ad Automotoretrò, andando così a soddisfare le esigenze e le curiosità dei
visitatori. Tra le tante ricordiamo: lo stand ufficiale Abarth Classiche, illustre
casa automobilistica italiana nata nel 1949 come scuderia sportiva, diventata poi
un’icona grazie alle sue vetture uniche per dimensione, forma, velocità ed
attitudine; lo stand della celebre casa automobilistica britannica Jaguar,
specializzata nel settore delle vetture di lusso e sportive; la mitica Autobianchi,
insieme al registro storico Land Rover e a Mercedes First Hand.

Un’edizione ancora più ricca quella di quest’anno, fiore all’occhiello della 34esima
edizione di Automotoretrò sarà l’esposizione, in anteprima assoluta, di una decina
di prototipi appartenenti alla Collezione Bertone, che per la prima volta saranno
visibili al grande pubblico dopo l’acquisizione da parte dell’ASI, tra questi:
Bertone Runabout del 1969, NSU Trapeze del 1973, Chevrolet Ramarro del 1984,
Chevrolet Nivola del 1990, Bertone Karisma del 1994, Lancia Kayak del 1995, Bertone
Birusa del 2003, Bertone Barchetta del 2007. La celebre collezione, composta da 79
gioielli, è stata vinta all’asta lo scorso 28 settembre con una cospicua offerta da
quasi 3,5 milioni di euro ed attualmente è in attesa di una collocazione stabile.
Nello stand Ford, verrà invece presentata la nuovissima Ford Mondeo Vignale, vettura
che celebrerà l’omonima Carrozzeria, fondata nel 1946 da Alfredo Vignale. Per
l’occasione lo spazio espositivo Ford sarà allestito con fotografie e materiale
iconografico, facendo così rivivere al pubblico la storia della Carrozzeria. Sabato
13 febbraio, al padiglione 2, verrà presentato il libro, “Rally’70. Una storia,
tante storie”, ad opera di Emanuele Sanfront, che con storie inedite sul mondo delle
corse e fotografie in bianco e nero, racconterà gli anni d'oro delle gare,
riportandoci così ai mitici anni ’70 e ’80. Per l’occasione, saranno presenti nello
stand piloti, navigatori e meccanici. Un’opportunità, quindi, da non perdere, per
incontrare campioni e personaggi come Amilcare Ballestrieri, Tony Carello, Piero
Sodano, Daniele Audetto, Silvio Maiga, Alcide Paganelli, Luciano Trombotto, Mauro
Pregliasco, Federico Ormezzano, Ninni Russo, Arnaldo Bernacchini, Dario Cerrato,
Geppi Cerri, Gianfranco Silecchia, Sergio Martinetto, Luigino Podda, Vittorio
Reisoli, Luca Pazielli, Nicola Bianchi, e tanti altri protagonisti del mondo dei
rally e dell’automobilismo sportivo.

Automotoretrò sarà anche l’occasione per celebrare diversi compleanni: dai 50 anni
della Lamborghini Miura e della Alfa Romeo Duetto, alle celebrazioni per i 70 anni
della Vespa e della Cisitalia D46, auto rivoluzionaria per l’epoca che si potrà
ammirare per l’occasione, agli 80 anni della Topolino e i 110 anni della Lancia.

Buone notizie anche per gli appassionati delle due ruote, che ormai da anni seguono
con interesse queste manifestazioni: infatti in questa edizione le moto presenti
saranno il 50% in più rispetto all’anno precedente. Negli oltre 16 stand dedicati
alle due ruote, si potranno, infatti, ammirare alcuni mezzi delle più famose case
motociclistiche nazionali ed internazionali come: Ducati, Aprilia, MV Agusta,
Gilera, Moto Guzzi, BMW, Triumph (presente con il Registro Storico), Royal Enfield e
Norton. Largo spazio al tema della “regolarità”: saranno presenti numerose
motociclette da Cross ed Enduro della famosa Casa motociclistica tedesca Maico.

Come da tradizione, Automotoretrò non è solamente automobili e motociclette: al
fianco di commercianti, restauratori e dei numerosi club italiani che ogni anno
espongono i propri gioielli, ogni edizione offre uno spazio sempre più ampio ai
settori del ricambi, dell’abbigliamento vintage, dell’oggettistica e dei modellini
di auto e trattori, capaci di attrarre grandi e piccoli.

Torna a Milano “Missione Mobilità”

Riaprire il dialogo tra la filiera delle due e quattro ruote e l’Esecutivo, dopo l’inconcludente esperienza della Consulta dell’auto; stimolare un serio e costruttivo dibattito sul presente e sul futuro della mobilità; illustrare, attraverso approfondite analisi, i principali trend che stanno modificando le dinamiche della mobilità cittadina; risvegliare la passione da sempre legata a filo doppio alla guida di auto e moto.

Sono questi i principali obiettivi della nuova tappa di Missione Mobilità, l’evento promosso da AMOER – Associazione per una Mobilità Equa e Responsabile – il prossimo 7 aprile a Milano (Hotel Melià, in via Masaccio, 19) dalle ore 9.30 alle 16.

Reduce dalle tre positive esperienze degli scorsi anni (a Torino, Roma e Milano), Missione Mobilità torna nella capitale economico-finanziaria del Paese con una giornata ricca di incontri che vedranno confrontarsi istituzioni, imprenditori, giornalisti, esperti del mondo scientifico e universitario, rappresentanti della filiera della mobilità e appassionati dei motori su argomenti di stretta attualità per il settore.
“Rivoluzione Mobilità: ma la passione dove la mettiamo?”, è il titolo e il tema guida dell’iniziativa.

Protagoniste della giornata, come da tradizione, saranno le provocazioni e le idee portate avanti dalla Task Force della Mobilità di AMOER, il Think Tank composto da giornalisti, docenti, esperti e appassionati delle quattro e due ruote, che seguirà i lavori commentando e sollecitando i diversi ospiti che si alterneranno sul palco e avanzando le “proposte per reagire alla crisi”.
Seguirà il Talk Show moderato da Klaus Davi nel corso del quale gli ospiti-relatori saranno chiamati a lanciare uno spot per l’automotive sul tema “Motori: la passione prima di tutto”, idee e provocazioni per rilanciare immagine e passione per la mobilità.

Toccherà poi ai rappresentanti della filiera dell’automotive (Massimo Nordio – Presidente UNRAE, Roberto Vavassori – Presidente ANFIA, Filippo Pavan Bernacchi – Presidente Federauto, Pier Francesco Caliari – Direttore Generale ANCMA, Fabrizio Ruggiero – Presidente ANIASA, Fabio Bertolotti – Direttore Assogomma e Giorgio Boiani – Vice Presidente AsConAuto) moderati dal presidente di AMOER-Missione Mobilità, Pierluigi Bonora, confrontarsi con esponenti della politica nazionale nel corso della tavola rotonda dal titolo “Le istituzioni battano un colpo”.
A seguire la presentazione della ricerca/provocazione curata, come nelle scorse edizioni, da AlixPartenrs sul tema “Car sharing, dal possesso alla fruibilità dell’auto. Sfide e opportunità della nuova mobilità urbana”, i cui principali risultati saranno anticipati la mattina e approfonditi nel pomeriggio dall’Ing. Giacomo Mori – Managing Director di AlixPartners e dal moderatore Gian Primo Quagliano – Presidente Econometrica e Centro Studi Promotor con i rappresentanti di Case Automobilistiche e Aziende del settore.

Nel corso della giornata spazio anche al Premio AMOER Missione Mobilità destinato all’iniziativa che per il Movimento di opinione si è meglio distinta a sostegno della mobilità a motore.

“Non devono trarre in inganno i primi segnali positivi mostrati dal mercato dell’auto negli ultimi due mesi”, osserva Pierluigi Bonora giornalista e Presidente di AMOER, “la crisi è ancora profonda per un settore che difficilmente potrà fare peggio dello scorso anno, ma che in pochi mesi ha bruciato altri posti di lavoro e risorse. Con la chiusura dell’esperienza di dialogo portata avanti dal precedente Governo, il “cerino” è rimasto nuovamente acceso tra le mani delle Associazioni di categoria che pure confidavano nel dialogo aperto dalla Consulta dell’Auto. In queste prime settimane il tema della crisi dell’auto non è stato però minimamente sfiorato dal nuovo Esecutivo, almeno ufficialmente; e intanto l’accanimento sull’automotive è continuato con l’aumento, pur se già previsto, delle accise sui carburanti, il decimo ritocco al rialzo in Italia negli ultimi cinque anni. Missione Mobilità, ancora una volta, vuole contribuire a portare i problemi del settore all’attenzione dei media e delle Istituzioni attraverso un dibattito franco e mirato”.

Moto e bici sono i mezzi di trasporto più soddisfacenti per gli italiani

Nel 2012 la moto e la bicicletta sono stati i mezzi di trasporto più soddisfacenti per gli italiani. e Moto e bici sono infatti al primo posto ex aequo nella classifica sulla soddisfazione per i mezzi di

trasporto, con un punteggio di 8,4 in una scala che va da un minimo di 0 a un massimo di 10. Al

secondo posto di questa classifica si piazza l’automobile, che ottiene un voto medio di 8,1. La

graduatoria continua con metropolitana (7,5), autobus extraurbani (6,6) e infine treni locali, tram e

autobus urbani (6,1). Questo è quanto emerge da un’elaborazione del Centro Studi Continental su

dati Isfort.

Nel 2012 i mezzi privati hanno riscosso un gradimento da parte degli utenti decisamente più alto

rispetto ai mezzi pubblici. Ciò è senz’altro dovuto alla maggiore libertà di movimento e di autonomia che i mezzi privati garantiscono, poiché non sono legati agli orari e alle tratte prestabilite del trasporto pubblico (come autobus, tram, treni e metropolitane).

Il fatto, invece, che moto e bici registrino punteggi di soddisfazione maggiori rispetto all’auto trova

Le sue ragioni nelle caratteristiche particolari di questi mezzi di trasporto, che possono offrire una

maneggevolezza e una praticità di utilizzo molto superiore, qualità apprezzate soprattutto nel

traffico cittadino. È molto significativa a questo proposito la prima posizione in graduatoria (sia

pure ex aequo) della bicicletta, mezzo di trasporto ecosostenibile per eccellenza che ricopre un

ruolo sempre più importante per risolvere i problemi legati alla mobilità nelle aree urbane.

Il forte gradimento del pubblico per i mezzi a due ruote è un’ulteriore ragione che dovrebbe

indurre i pubblici poteri a interventi per ridurre il più possibile i fattori specifici di rischio per gli

utilizzatori di questi mezzi. D’altra parte, sostiene il Centro Studi Continental, è anche necessario

che gli utilizzatori di mezzi a due ruote rispettino in maniera rigorosa le norme sulla circolazione e

curino lo stato di efficienza dei loro mezzi, senza dimenticare i pneumatici (mantenendone il livello

di pressione corretto e sostituendoli tempestivamente quando sono usurati o danneggiati), per

evitare potenziali situazioni di pericolo sulla strada.

Auto, a giugno cresce il mercato dell’usato

I passaggi di proprietà crescono dell'1% rispetto all'anno scorso.

Sarà che siamo in tempi di crisi. Fatto sta che ogni 100 autovetture nuove vendute nel mese di giugno ne sono state vendute 141 usate. I passaggi di proprietà delle auto aumentano dell’1% rispetto allo scorso giugno mentre per le moto si registra una flessione dello 0,6%. Nel complesso, nel primo semestre 2011 la crescita del mercato dell’usato raggiunge il 2,6% per le auto e il 4% per i motocicli.

Lo rivelano i dati dell’ultimo bollettino mensile “Auto-Trend”, l’analisi statistica dell’ACI sui dati del PRA disponibile sul sito www.aci.it.

Ancora, il primato delle radiazioni lo detengono le moto con un +19,2% mentre le auto segnano un -6,1%. In totale, da gennaio le radiazioni crescono del 2,7% per le moto e diminuiscono del 22,9% per le auto.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner