Articoli marcati con tag ‘napa’

IL COMMISSARIO EUROPEO VIOLETA BULC HA INCONTRATO I RAPPRESENTANTI DEI PORTI DEL NAPA

Il Commissario Europeo dei Transporti Violeta Bulc, ha incontrato al Porto sloveno di Koper i rappresentanti dei Porti dell’Alto Adriatico, membri dell’Associazione NAPA, riuniti per l’Assemblea Generale: i porti italiani di Venezia e Trieste e il porto croato di Rijeka. All’incontro hanno partecipato anche i rappresentanti dei porti di Monfalcone e Chioggia, che hanno chiesto di diventare membri del NAPA.
Il Commissario Bulc ha sottolineato il suo interesse per i porti del Nord Adriatico che sono stati riconosciuti come “Porti Core” della rete TEN-T già nel 2011 e confermati nodi strategici anche dei due principali corridoi europei: il corridoio Baltico-Adriatico e il corridoio Mediterraneo. Per questa ragione, il Commissario si è dimostrato particolarmente interessato ai piani di sviluppo di ciascun porto.
Il potenziale della regione è ancora inutilizzato, ed è questo il motivo per cui i porti del NAPA hanno ambiziosi piani infrastrutturali.
Per questo i rappresentanti dei porti del NAPA hanno chiesto al Commissario Bulc di sostenere lo sviluppo infrastrutturale in ciascun porto membro e i relativi sistemi logistici che garantiranno il pieno sviluppo dei Corridoi della “Core Network” europea.
I rappresentanti del NAPA hanno infine sottolineato che il rafforzamento del ruolo delle porte d’accesso dei porti del Sud Europa (NAPA, Mediterraneo e Mar Nero) consentirà di ribilanciare i traffici tra il nord e il sud, incrementando l’efficienza dell’intero sistema.

ASSEMBLEA GENERALE DEI PORTI NAPA: LA PRESIDENZA PASSA A TRIESTE, CRESCITA COMPLESSIVA CONTAINER DEL +9% IL NAPA SI ALLARGA ANCHE A MONFALCONE E CHIOGGIA

Nel corso dell’Assemblea Generale dei porti NAPA (North Adriatic Ports Association) tenutasi oggi a Trieste, i Presidenti nel prendere atto degli ottimi risultati ottenuti negli ultimi mesi, hanno riaffermato l’intenzione di continuare a lavorare congiuntamente realizzando iniziative focalizzate principalmente sulla promozione e la cooperazione istituzionale tra gli scali.

Il 2014 è stato un anno particolarmente positivo per tutti i porti Napa che fanno registrare una movimentazione complessiva di 1.835.960 TEU nel 2014 per una crescita nel settore container del +9% (rispetto allo stesso periodo del 2013), segno che la strategia di cooperazione è vincente e che ha consentito di far crescere il traffico container dal 2010 (anno di fondazione dell’associazione) ad oggi del +43%.

AL NAPA UN CO-FINANZIAMENTO DI 2.8 MILIONI DALL’UE

L’Unione Europea, all’interno del bando Ten-T 2013, ha concesso ai porti
dell’Alto Adriatico un cofinanziamento al 50% (2.8 milioni di euro) per la
realizzazione di studi e progetti per lo sviluppo delle connessioni
intermodali (Autostrade del Mare) tra i porti al fine di integrare il
trasporto via acqua, ferrovia e strada in maniera più efficiente.
Per la prima volta nella storia dell’UE, capofila del progetto è la Croazia
L’azione si pone l’obiettivo di supportare i futuri progetti di sviluppo dei
porti Adriatici, in avanzato stato di progettazione, contribuire così allo
sviluppo degli scali quali punti di interconnessione tra i diversi sistemi
di trasporto, non solo marittimi.

Passa a Capodistria la presidenza del NAPA

Nel corso dell’Assemblea Generale dei porti NAPA
(North Adriatic Ports Association) tenutasi a Capodistria (Slovenia), i Presidenti
nel prendere atto degli ottimi risultati ottenuti negli ultimi mesi, hanno
riaffermato l’intenzione di continuare a lavorare congiuntamente realizzando
iniziative focalizzate principalmente sulla promozione e la cooperazione
istituzionale tra gli scali.

Seguendo lo schema rotazione della presidenza, dal 14 aprile e fino alla fine del
2014, la presidenza di turno viene affidata (da Venezia) a Capodistria al
neo-insediato Mr. Andraž Novak. Il 2014 sarà un anno particolarmente sfidante per
tutti gli scali, in particolare per iniziative rivolte all’Europa a partire dalle
nuove prospettive di finanziamento 2014-2020; i membri dell’Associazione hanno
quindi espresso pieno supporto al nuovo presidente.

Il 2014 sarà molto intenso anche dal punto di vista promozionale, i porti Napa
parteciperanno a quattro  importanti eventi del settore dei trasporti. 

 Non ultimo, il Napa è stato confermato dalla Innovation&Network Executive Agency
(INEA) della Commissione Europea quale best practice nel settore della cooperazione
portuale, l’agenzia ha chiesto all’associazione di ospitare il tour di studio di una
delegazione di porti norvegesi 

PORTI NAPA – ASSEMBLEA ANNUALE – SIGLATO IL NUOVO PIANO STRATEGICO

La firma di un ‘ memorandum of understanding’, che mette nero su bianco il piano strategico, individuando priorita’, bisogni e richieste da presentare all’ Europa e agli stati membri, e’ il risultato a cui sono arrivati i rappresentanti dei porti del Napa (Venezia, Trieste, Koper e Rijeka), che si sono riuniti presso la sede dell’ Autorita’ portuale di Venezia. ” La nostra assemblea semestrale – ha spiegato Paolo Costa, presidente dell’ Autorita’ portuale veneziana e del Napa – e’ importante in quanto cade in un momento in cui e’ cambiato lo scenario europeo, visto che da qualche giorno il Parlamento e il Consiglio europeo hanno approvato due regolamenti, che confermano i nostri tra i porti di primo livello e dettano lo sviluppo infrastrutturale europeo di qui al 2030. E’ per questo che abbiamo sentito la necessita’ di ridefinire i nostri obiettivi, attraverso la firma di questo memorandum, che stabilisce le linee principali. I risultati, mercantili e di traffico, raggiunti sul campo in questi anni ci hanno infatti dimostrato che, se noi pensassimo a noi stessi come un unico porto, come viene gia’ percepito dai nostri utenti, saremmo il terzo o quarto scalo europeo”. Costa ha sottolineato come, quest’ anno, si sia vicini a raggiungere i due milioni di teu, ” con una crescita che e’ proseguita anche negli anni di crisi”. ” Il motivo del nostro successo – ha proseguito – e’ il fatto che l’ Adriatico e’ l’ unico posto del Mediterraneo teoricamente cosi’ vicino a due grandi mercati, da Belgrado a Roma. Sta a noi mantenere queste possibilita”’. Il memorandum ha quindi stabilito degli obiettivi: da quelli ambientali (” che anticipino le scelte europee dei prossimi dieci anni”) alla continuazione dell’ approfondimento dei collegamenti informatici, dalla prosecuzione delle attivita’ di mercato unitarie (” ci presenteremo alle piu’ importanti fiere come Napa”) alla continuazione dei lavori di collegamento alle rete ferroviarie e di navigazione interna che stanno alle spalle degli scali (” a partire dal primo cofinanziamento europeo, partito da pochi giorni”). ” Completeremo – ha chiarito Costa – nel prossimo semestre i dettagli operativi di quanto definito oggi nel memorandum, per rendere trasparente la strategia”. Il memorandum ha infine previsto la possibilita’ di aprire il Napa non solo ai porti ‘ Core’, ma anche a quelli ‘ Comprehensive’, quelli cioe’ di secondo livello, ma di interesse europeo, come Monfalcone, che ha gia’ chiesto di aderire. ” Abbiamo previsto anche – conclude Costa – la possibilita’ di allargarci anche ad altri soggetti operativi e ai nostri utenti, anche avanmare o entroterra, con i quali e’ gia’ stato avviato qualche colloquio”.

BRUXELLES, PARLAMENTO EUROPEO EVENTO ITS NAPA

Il 25 e 26 novembre si é svolto a Bruxelles nella sede del Parlamento Europeo l’evento conclusivo del Progetto ITS NAPA. La due giorni è stata organizzata dal Porti dell’Associazione Napa (North Adriatic Ports Association) in collaborazione con la sede della Regione Veneto a Bruxelles e il Parlamento Europeo, grazie al supporto dell’on. Antonio Cancian.
Il progetto, del valore di 1.4 milioni di euro e co-finanziato al 50% dal Programma europeo TEN-T, ha consentito di armonizzare i servizi di Intelligent Transport System (ITS) dei 5 porti coinvolti (Venezia, Trieste, Ravenna, Luka Koper e Rijeka) attraverso un prototipo di piattaforma informatica comune che offra agli operatori dello shipping un servizio integrato di import/export delle merci: un esempio concreto di realizzazione di un’infrastruttura immateriale tra nodi logistici già auspicato dall’Unione Europea.
Il primo evento (lunedì 25 novembre ore 18.00 presso il Parlamento Europeo – Room JAN 6 Q1) focalizza l’attenzione su “Il ruolo dei porti del Nord Adriatico nella politica portuale europea” e vedrà la partecipazione di Brian Simpson (Presidente della Commissione TRAN del Parlamento) di Dimitrios Theologitis (DG MOVE Commissione Europea, Capo Unità Porti) del Presidente in carica del Napa e del Porto di Venezia Paolo Costa nonché dell’On. Antonio Cancian e di tutti i rappresentanti dei Porti Napa.
Il secondo (martedì 26 novembre ore 9.00 presso la sede della Regione Veneto – Avenue de Tervuren, 67) ha un taglio più tecnico ed è volto ad illustrare i risultati concreti del progetto ITS Adriatic Multiport Gateway e all’analisi del futuro sviluppo delle Autostrade del Mare all’interno della nuova rete di trasporti disegnata dall’UE.
Paolo Costa, Presidente Napa in carica e Presidente dell’Autorità portuale di Venezia, ha dichiarato: “L’approvazione, la scorsa settimana a Strasburgo, dei regolamenti Ten-T che consacrano l’Alto Adriatico come radice marittima di due dei nove corridori essenziali europei e l’annuncio quasi ufficiale che la P3 network (l’alleanza fra le tre più grandi compagnie container del mondo) includerà anche i porti di Capodistria, Trieste, e Fiume nei loro servizi Far East-Europa, ci conferma che la strategia NAPA sta dando i suoi frutti, anche se dei servizi della P3 beneficeranno solo metà dei porti dell’Alto Adriatico. L’inclusione dei porti adriatici tra gli scali di un così importante player, come la P3 network, è la conferma dell’interesse delle grandi compagnie di navigazione verso l’Adriatico. Ora sta a noi portare a termine tutti i progetti infrastrutturali necessari per essere pronti ad accogliere, anche sul lato occidentale dell’Adriatico, le navi provenienti dal Far East”.

IL NAPA AFFILA LE ARMI

I porti del NAPA, soddisfatti dagli obiettivi infrastrutturali raggiunti e consacrati nel processo di adozione della nuova regolamentazione europea della rete Ten-T e della CEF (Connecting Europe Facility), hanno  avviato l’attività di aggiornamento del proprio piano strategico individuando priorità, bisogni e richieste da presentare all’Europa e agli Stati Membri.

Il primo obiettivo resta quello di “far sentire la propria voce ed essere pronti a ricoprire il ruolo di nodo fondamentale per la rete infrastrutturale europea”, per questo il Presidente di turno dell’Associazione Napa Prof. Paolo Costa, ha fissato una serie di incontri con ciascun porto associato, il primo si è tenuto a Rijeka (Fiume).

Nel corso degli incontri tecnici si ridefinirà l’agenda strategica del NAPA da portare poi all’approvazione nell’assemblea generale del 16 dicembre, che si terrà a Venezia,

Paolo Costa sui fondi all’APTrieste

La notizia della firma del decreto interministeriale che assegna
all’Autorità portuale di Trieste il finanziamento di 32 milioni di euro che
consentiranno di realizzare a Trieste una piattaforma portuale e logistica
del valore di 132 milioni di euro è una splendida notizia - ha dichiarato Paolo Costa -
per Trieste, per i porti di Venezia , Koper e Rijeka che , con Trieste , sono uniti
nel NAPA (North Adriatic Port Association) e per l'intero multi-porto dell'Alto
Adriatico.
Alla Presidente del Porto di Trieste Marina Monassi vanno i complimenti e le
mie congratulazioni sia come Presidente dell’Autorità Portuale di Venezia
sia come Presidente di turno dell'associazione NAPA, anche a nome dei
colleghi di Koper e Rjieka. La nuova piattaforma logistica di Trieste
costituisce un altro importante tassello del mosaico teso a costruire quel
sistema portuale multi scalo capace, in Alto Adriatico, di raggiungere la
massa critica necessaria per fare dei porti NAPA un gateway che riequilibra
da sud l'alimentazione dei mercati europei, soprattutto centro orientali,
ri-contendendo anche ai porti del Baltico mercati "naturali" oggi sottratti
dai porti del Mare del Nord.

Il NAPA all’Asean Ports & shipping 2013

ll NAPA ha partecipato come keynote speaker alla conferenza internazionale “Asean Ports & shipping 2013″ tenutasi dal 10 al 12 luglio ad Ho Chi Minh City.

L’Autorità Portuale di Venezia, che detiene attualmente la presidenza del NAPA, ha presentato una relazione dal titolo “North Adriatic serving the ASEAN markets: trends and prospects” alla platea internazionale composta da operatori portuali, giornalisti, consulenti globali di logistica, compagnie di navigazione, produttori di gru e mezzi di movimentazione portuale.

Tra gli incontri di approfondimento più interessanti quello con il Vietnam International Container terminal – di proprietà singaporiana e giapponese, che gestisce il traffico container nei principali porti del Paese - e quello con la Saigon Newport Authority, che gestisce il porto per cui passa il 40% del traffico del Paese.

Così come il Napa è ponte verso il bacino più ricco dell’UE, il Vietnam gode di una posizione geo-politico-economica che gli consente di essere la porta di accesso verso tutto il vasto mercato dell’ASEAN: 600 milioni di abitanti, “nuova fabbrica” del continente asiatico, un’area che nel 2018 diventerà un mercato unico per la circolazione di merci, persone, capitali, servizi.

ASSEMBLEA DEI PORTI NAPA: PAROLA D’ORDINE CRESCERE

Si è tenuta a Venezia l’Assemblea degli scali del Napa (North Adriatic Ports Association). Nel corso dell'incontro i
Presidenti hanno convenuto che molte delle priorità infrastrutturali europee si giocano in Alto Adriatico e che il ruolo che gli scali
possono giocare nello scacchiere è, e sarà, cruciale.
Per questo i porti del Napa sostengono vicendevolmente i progetti di sviluppo di ciascun porto membro, nella convinzione che la crescita di
uno apporti benefici a tutti gli scali e che solo assieme sarà possibile diventare quel grande hub che l'Europa chiede.
Nel corso dell'Assemblea infatti, i quattro Presidente hanno rinnovato l'impegno a definire un piano di sviluppo coordinato per il
potenziamento infrastrutturale complessivo del Multiport Gateway del Nord Adriatico, integrando i progetti di sviluppo di ciascun porto.
In questi anni di collaborazione è stato più volte dimostrato, convengono i Presidenti -che gli armatori non scelgono di percorre
l'Adriatico per scalare solo un porto ma è necessario fare sistema anche per garantire agli armatori più alternative ciascuna che si distingue
ed è attraente per le sue peculiarità”, un mix perfetto che può attirare le grandi compagnie dal Far East e da tutti i mercati emergenti.
I porti del Nord Adriatico hanno infatti realizzato importanti infrastrutture a sostegno della crescita, il porto di Rijeka ha terminato i
lavori per la realizzazione del terminal container che prevede due gru per accogliere navi post panamax, mentre il design e la costruzione
del nuovo terminal container sono già iniziate ; lo scalo di Trieste sta implementando il Molo VII° con nuove gru in dotazione.
A Capodistria verrà effettuato un importante lavoro di escavo per consentire l'attracco di navi portacontainer più grandi e Venezia,
terminato l’escavo che ha portato i fondali a -12 metri si prepara ad ospitare i traghetti da fine 2013 nel nuovo terminal dedicato alle
Autostrade del Mare di Fusina e i container nel nuovo terminal portuale d'altura con fondali naturali a -20 metri.
“La parola d’ordine è dunque crescere, offrire nuove possibilità di business alle compagnie armatoriali e diventare quel punto di riferimento
che l’Europa ci chiede di essere. Allo sviluppo lato mare dovrà corrispondere un altrettanto importante sviluppo della rete stradale e
ferroviaria; anche per questo ci dovremo attrezzare, ciascuno per competenza, nella convinzione che lo sviluppo di ciascun porto sarà
la fortuna di tutti”, così hanno dichiarato i presidenti del Napa al termine dell'Assemblea aggiungendo -un
caloroso benvenuto al porto di Rijeka (Croazia) che dal 1° luglio entra in Europa.
Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner