Articoli marcati con tag ‘Napoli’

Linea Napoli – Bari: viaggio del Ministro Delrio per l’apertura del tratto Cervaro – Bovino

Viaggio inaugurale questa mattina tra Cervaro e Bovino, lungo il primo tratto della linea Napoli – Bari ad essere aperto al traffico ferroviario dopo la nomina del Commissario di Governo e la Legge Sblocca Italia.

A bordo del treno, partito da Foggia con destinazione Benevento, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio e l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Rete Ferroviaria Italiana Maurizio Gentile insieme a rappresentanti delle istituzioni locali.

Il nuovo tracciato ferroviario tra Cervaro e Bovino è stato realizzato nel territorio pugliese, parte in variante e parte in affiancamento alla linea esistente completamente rinnovata, sotto la direzione lavori di Italferr, la società di ingegneria del Gruppo FS Italiane. Per consentire l’innalzamento della velocità di percorrenza dei treni da 150 km/h fino a 200 km/h è stato implementato un nuovo apparato tecnologico per il distanziamento treni (ACC-M)* che governerà l’intera tratta dal Posto centrale di Napoli. L’incremento della velocità fino a 200 km/h sarà raggiunto a settembre 2017 con corse prova propedeutiche. Potenziato anche il sistema di alimentazione elettrica dei treni. Durante la realizzazione del raddoppio ferroviario sono stati eliminati tutti i passaggi a livello.

L’attivazione dei primi 23 km di raddoppio offre un servizio di trasporto più affidabile in termini di sicurezza, regolarità e puntualità e una maggiore capacità di traffico sia per i treni passeggeri che per i merci.

L’entrata in esercizio del nuovo tratto di linea Cervaro – Bovino rientra tra gli interventi per l’attivazione dell’itinerario che collegherà il Capoluogo campano con la Puglia, nell’ambito del Corridoio europeo TEN-T Scandinavo – Mediterraneo.

L’investimento economico complessivo è di circa 270 milioni di euro.

Entro il 2019 saranno bandite le gare per tutte i tratti di linea della Napoli – Bari mentre il completamento degli interventi è previsto nel 2026, quando sarà possibile andare da Bari a Napoli in 2 ore e fino a Roma in 3 ore. Già prima di tale data sono comunque previste progressive riduzioni dei tempi di viaggio, grazie all’apertura per fasi dei nuovi tratti di linea.

Con l’attivazione di oggi si realizza un altro step del cronoprogramma previsto dal Commissario di Governo, Maurizio Gentile, per l’itinerario Napoli – Bari. A marzo di quest’anno sono stati aggiudicati i primi due lotti della Napoli – Bari (Napoli-Cancello e Cancello – Frasso Telesino) per un valore di oltre 700 milioni di euro, i cui lavori saranno completati nel 2022.

Inoltre, dall’11 giugno è attiva la nuova stazione di Napoli Afragola, destinata a diventare la Porta del Sud per i treni provenienti e diretti al Sud.

Atitech di Napoli sigla accordo per la manutenzione degli aerei iraniani

Napoli capitale della manutenzione degli aerei. Atitech, azienda italiana specializzata nel campo della cosiddetta Mro (Maintenance, Repair and Overhaul) con sede e hangar operativi presso l’aeroporto internazionale di Capodichino ha infatti siglato un importante accordo commerciale con le autorità iraniane per la gestione dei servizi di manutenzione di tre vettori aerei: Zagross Airlines, Qeshm Airlines e Iran Air Tour.
L’accordo siglato da Atitech, espressione dei rinnovati rapporti commerciali tra Italia ed Iran dopo la storica fine dell’embargo, è il risultato di un anno di lavoro svolto da Vittorio Cantone, esperto di internazionalizzazione e sviluppo dei mercati esteri, e Farrokh Mehrabi, rappresentante in Italia di importanti compagnie iraniane attive nel settore dell’aviazione civile (Jetmax) e in quello petrolchimico (Petromax) in sintonia con il presidente Atitech Gianni Lettieri.
Il primo aereo atterrato all’aeroporto partenopeo di Capodichino per effettuare manutenzione negli hangar Atitech è stato un A-320 di Zagross Airlines. Nei prossimi giorni sono previsti gli arrivi degli aeromobili di Qeshm Airlines e di Iran Air tour.

Atitech è una Mro (Maintenance, Repair and Overhaul) indipendente situata a Napoli, presso l’aeroporto internazionale di Capodichino, in una regione ad alta densità per l’industria aeronautica. L’azienda fornisce servizi di manutenzione pesante rivolta ai più diffusi modelli di aerei al mondo ed ha come obiettivo, l’espansione delle proprie capability e location.
L’azienda propone i propri servizi alla maggior parte di vettori presenti nell’Emea (Europe- Middle East-Africa) ed è pienamente in grado di supportare le richieste provenienti dai clienti terzi, forte delle sue “8 baie” dedicate alla manutenzione ed ad “1 baia” dedicata esclusivamente alla verniciatura.
Grazie alla sua pluriennale esperienza, oggi è una delle più grandi Mro in Europa in grado di offrire supporto manutentivo per i seguenti modelli di aeromobili: MD-80, B-737CL/NG,A-320F ed Embraer 175/190. L’esperienza sulla famiglia A-320F è iniziata nel 2003 con più di 1000 controlli di manutenzione pesante effettuati nella struttura di Napoli. Tali esperienze comprendono: manutenzioni pesanti per alcuni vettori italiani e stranieri; ristrutturazione interni cabina; supporto ingegneria (parte 21, sub part J – Doa approvato); verniciatura aeromobili; controlli non distruttivi

La città metropolitana di Napoli nel contesto della Regione Campania

La sala congressi del Museo di Pietrarsa ha ospitato stamattina il convegno “La Città Metropolitana di Napoli nel contesto della regione Campania”, la conferenza di presentazione del Programma Nazionale 2016-2018 della Associazione Quale Velocità, Quale Città (QVQC).

All’importante momento di confronto su tematiche cardine per la interconnessione del territorio alle reti europee sono intervenuti – oltre ai rappresentanti di Enti ed Istituzioni locali – Carlo De Vito, Amministratore delegato di FS Sistemi Urbani e presidente di QVQC, Francesca Moraci, Vicepresidente del GIS QVQC e docente ordinario di Urbanistica e membro del Consiglio di Amministrazione di Anas, Margherita Migliaccio, Direttore Generale per lo Sviluppo del Territorio, Programmazione e Progetti Internazionali del Ministero Infrastrutture e Trasporti, Francesco Coppola, Vicepresidente del GIS QVQC, e Barbara Acreman, Dirigente V Divisione del MIT.

Passati in rassegna i molteplici ambiti di studio del Laboratorio e lo stato dell’arte delle infrastrutture, tra le quali la nuova stazione AV Napoli Afragola e il suo importante ruolo strategico di collegamento e interscambio nel Corridoio Scandinavo Mediterraneo sull’asse Nord – Sud.

Il programma delle attività da intraprendere sarà coordinato da QVQC che indicherà Promotori-Organizzatori, Gruppi di Studio, di Proposta e Progetto, metodo di lavoro, costi, obiettivi attesi e strumenti di comunicazione.

“Il progetto QVQC – ha affermato Carlo De Vito – è di grande interesse per l’individuazione di opportunità di crescita e sviluppo dei territori per l’effetto delle opere connesse all’Alta Velocità/Alta Capacità, in linea con il nuovo piano industriale di Ferrovie dello Stato Italiane che fa dell’integrazione modale uno degli obiettivi più importanti”.

“Il Nodo di Napoli – ha dichiarato Francesca Moraci – è centrale e strategico in un’ottica di collegamenti trasportistici europei. Il Laboratorio Territoriale QVQC – Città Metropolitana di Napoli nel contesto della regione Campania si propone quindi di studiare l’ottimale integrazione logistica e trasportistica a livello Ambientale, Territoriale, Metropolitano ed Urbano dell’attraversamento, nella regione Campania, del Corridoio TEN-T Scandinavo Mediterraneo. Lo studio, al fine di fornire risposte congrue alle esigenze di sviluppo socio-economico, affronta le politiche per la mobilità ed il trasporto integrato dell’Unione Europea e Nazionale ai livelli Regionale, Metropolitano ed Urbano”.

Meridiana Fly: Vola da Napoli: 28.000 posti da 47 euro e New York a partire da 257 euro

Dal capoluogo partenopeo si parte per le prossime vacanze estive verso le spiagge
della Grecia e delle Baleari, con Ibiza, Rodi, Mykonos, Santorini e Skiathos. Per
chi vuole godersi il mare italiano, già a partire dalla prossima Pasqua, la Costa
Smeralda sarà collegata grazie all'avvio del volo diretto per Olbia (da Venerdì 3
aprile), che si aggiunge ai voli annuali per Cagliari e Catania.

Per un week - end nelle più belle capitali europee si può scegliere tra Madrid,
Londra, Atene e Mosca, collegate tutto l'anno con l'aeroporto internazionale di
Capodichino.

La promozione prevede 28.000 posti a partire da 47 euro solo andata, tutto incluso a
persona sui voli nazionali e internazionali e 1500 posti a partire da 257 euro per
volare a New York, grazie al collegamento diretto operativo ogni Mercoledì e Venerdì
dal prossimo 1° aprile. Napoli è anche una ricercata destinazione: la città ricca di
storia, musei e scorci di rara bellezza, l'esclusiva costiera amalfitana, le isole
di Capri, Procida e Ischia, sono la cornice ideale per una vacanza di cultura,
sport, mare e relax.

Partire per Napoli o lasciare la città per un breve periodo di vacanza oggi è più
facile e conveniente: basta acquistare entro il 23 Marzo per volare dal 30 Marzo al
24 Ottobre.

Meridiana: GENOVA – NAPOLI A PARTIRE DA € 23 TUTTO INCLUSO!

Meridiana ha il piacere di annunciare che è partito il nuovo volo Genova-Napoli. La Compagnia collega il capoluogo ligure con il capoluogo campano dal lunedì al venerdì con frequenza giornaliera.

Gli orari da inserire nella propria agenda prevedono un volo da Genova alle 17:20 con arrivo a Napoli alle 18.35 e un volo da Napoli al mattino alle 10:30 con arrivo a Genova alle 11.50.

Il volo per Napoli, i cui biglietti sono in vendita a partire da 23€ tutto compreso (incluso il bagaglio in stiva) offre anche la possibilità di poter proseguire via Napoli tutti i giorni dal lunedì al venerdì verso mete altre mete domestiche quali Catania e Cagliari.

Andrea Andorno, Chief Commerciale Officer di Meridiana dichiara: “siamo lieti di confermarci come il vettore di riferimento per i collegamenti tra il nord e il sud Italia, dando così una risposta concreta alle esigenze per i viaggi d’affari e non solo”.

Marco Arato, presidente dell’Aeroporto di Genova dichiara: “L’avvio del nuovo collegamento Genova-Napoli di Meridiana è un’opportunità di crescita per il nostro scalo e per tutto il territorio, consentendo sia viaggi di piacere e lavoro verso Napoli, sia l’arrivo di turisti verso la nostra regione. Gli orari infatti consentono di partire dal capoluogo campano in mattinata, trascorrere uno o più giorni in Liguria e ripartire nel pomeriggio verso Capodichino. Siamo convinti che questo collegamento verrà incontro alle esigenze delle aziende, ma anche dei turisti che vorranno visitare la nostra regione”.
I biglietti per tutte le nuove rotte Meridiana sono in vendita su www.meridiana.com, chiamando il Call Center Meridiana al numero 89.29.28 e presso tutte le agenzie di viaggio.

Meridiana annuncia 7 nuovi voli diretti da Napoli per Bologna, Genova, Milano Malpensa, Ginevra, Leopoli, Madrid e Sharm El Sheikh

Il rilancio di Meridiana per uscire dalla crisi parte da Napoli. A pochi giorni dall’annuncio dei 1600 esuberi tra piloti, assistenti di volo, personale di terra e maintenance, la compagnia dell’Aga Khan annuncia la sua strategia per arginare la concorrenza dei vettori low cost, sfruttando anche gli interstizi che saranno lasciati liberi da Alitalia dopo l’alleanza con Etihad. Napoli diventa uno scalo strategico insieme ad Olbia e a partire dalla stagione invernale avrà 4 aeromobili Boeing 737 basati a Capodichino per coprire le 17 destinazioni nazionali e internazionali con l’obiettivo di puntare a un milione di passeggeri l’anno, con un incremento del 50% dopo i 200 mila trasportati nel periodo estivo. «Meridiana sta implementando un radicale piano di ristrutturazione su più fronti – ha detto nel corso di una conferenza stampa Andrea Andorno, chief commercial officer di Meridiana -. L’investimento dell’hub di Napoli conferma il rilancio della compagnia sui mercati di interesse strategico». Sugli esuberi, Andorno ha specificato che questi «sono propedeutici ad una nuova competitività sul mercato europeo e ci consentiranno di essere concorrenziali con altre compagnie europee».

Certo non poteva cadere in un momento peggiore per la compagnia l’annuncio della strategia per battere la concorrenza dei vettori low cost («noi rimaniamo una compagnia tradizionale non maltrattiamo i passeggeri», ha commentato Andorno), ma le aggressive tariffe per volare su Linate, Verona, Catania, Torino, Venezia e Cagliari puntano a fare diventare Napoli l’hub del Mediterranneo.

Il ritiro di Alitalia da alcune rotte domestiche, rafforza il ruolo di fideraggio delle compagnie domestiche per i vettori internazionali interessati a raccogliere passeggeri per le destinazioni estere. Meridiana, che da Napoli volerà a Londra-Gatwick, Mosca, Kiev oltre a Madrid, Atene e Sharm El Sheikh, ha avviato su alcuni voli la collaborazione con British Airways e Iberia: «In futuro non escludiamo di rafforzare questa alleanza», ha aggiunto il manager. Nessuna trattiva in corso, invece, con il vettore del Qatar come ventilato nei giorni scorsi.

Meridiana, con 4 milioni di passeggeri si colloca come secondo vettore nazionale dopo Alitalia che alla luce dell’accordo con Etihad «è sempre più lontana dal nostro modello perché per noi la lotta alla concorrenza si fa con altri soggetti». L’hub di Napoli è escluso dal piano degli esuberi (561 a Malpensa, 213 Verona, 608 Olbia, 188 Cagliari e 64 in altre sedi) quasi tutti in cassa integrazione dal 2011.

Con la ristrutturazione annunciata, i dipendenti di Meridiana resteranno circa 950, secondo quanto previsto dal piano industriale a cui sta lavorando l’ad Roberto Scaramella arrivato in Meridiana dal 2013. Una situazione difficile quella del vettore controllato al 100% dal fondo Akfed dell’Aga Khan che in sette anni ha iniettato nella compagnia circa 600 milioni di euro: la crisi del mercato, la concorrenza dei vettori low cost e la difficoltà di individuare una strategia significativa sono stati fatali. Meridiana negli anni si è fusa con Eurlofly e con Air Italy ma i risultati non sono arrivati. Nel piano industriale è incluso il fondamentale rinnovo della flotta con una ventina di Boeing 737 che andranno a sostituire gli attuali 27 aerei tra cui una decina di Md80 ormai obsoleti, azzerare le perdite già ridotte a circa 95 milioni dai 180 milioni del 2013 e arrivare al break even operativo entro il 2015 con l’auspicio di rivedere l’utile l’anno successivo. Una sfida non facile per una compagnia che finora è dipesa dal sostegno del suo azionista.

da Ilsole24ore

Dal 1 agosto operativo il volo Meridiana da Napoli a Spalato

Il volo Napoli-Spalato è operativo ogni Venerdì, dal 1° agosto al 5 settembre, parte alle 13.15 da Capodichino e decolla da Spalato alle 15.10. I prezzi a persona, per un viaggio di andata e ritorno, tutto incluso, partono da 131 euro.
“Guardiamo sempre a nuovi orizzonti dove atterrare coi nostri aerei e i nostri passeggeri per i quali non smettiamo di cogliere le opportunità che il panorama globale ci offre costantemente”, fa sapere Andrea Andorno, responsabile commerciale di Meridiana, “siamo lieti soprattutto di poter offrire nuove destinazioni, come la Croazia, anche a coloro che hanno la passione per il viaggio ma la disponibilità di muoversi soltanto nei mesi estivi”.
A Spalato è da non perdere la spiaggia Kajuni, sabbiosa e rocciosa a sud del Monte Marjan che governa la penisola a soli 2,5 km dal centro della città. A solo un chilometro c’è la spiaggia più famosa di Spalato: Bacvice. Acqua bassissima, cristallina ideale per praticare il famosissimo gioco tutto locale, il picigin. Per chi ama l’arte, la storia e la cultura a Spalato può visitare il Palazzo di Diocleziano, la porta Aurea e la cattedrale con il suo celebre campanile.
Per maggiori informazioni su orari e offerte Meridiana, basta consultare il sito meridiana.com, la app e il mobile, telefonando al Call Center 89 29 28 o rivolgendosi alla propria agenzia di viaggio di fiducia.

PORT&SHIPPING TECH 2014, 26 e 27 giugno Napoli, un evento della Naples Shipping Week

Innovazione e cooperazione per lo sviluppo del cluster marittimo del Mediterraneo” questo il titolo della sesta edizione di Port&ShippingTech, manifestazione internazionale dedicata alla logistica, allo shipping e allo sviluppo del sistema logistico-portuale, che si svolgerà a Napoli il 26 e 27 giugno presso la Stazione Marittima di Napoli.

Una due giorni che vedrà autorevoli rappresentanti provenienti, da Istituzioni locali e nazionali, Commissione Europea, finanza e grandi aziende del settore, confrontarsi su:
GREEN SHIPPING SUMMIT 2014 (26/27 giugno), protagoniste le best practice aziendali per una gestione efficiente dell’innovazione tecnologica “verde” e la nuova direttiva europea sulle infrastrutture per i combustibili alternativi;
SMART PORT (26 giugno) ovvero progetti all’avanguardia per l’ottimizzazione della logistica portuale con un focus sui corridoi europei, doganali e marittimi;
NAPOLI E L’ITALIA UN PONTE SUL MEDITERRANEO (26 giugno): un approfondimento sulla crescita degli scambi e le opportunità di sviluppo nel Nord Africa, il mare dell’accoglienza.
INFRASTRUTTURE, LOGISTICA E STRUMENTI FINANZIARI (26 giugno): cosa si è fatto, cosa si potrà fare;
MONDO CRUISE (26 giugno): Luxury Cruise &Mega Yacht, un’opportunità di mercato per la promozione del turismo costiero;
SUSTAINABLE CRUISE (26 giugno);
BACK TO MED (27 giugno), una nuova sfida per i paesi del Mediterraneo ovvero la collaborazione tra Porto e Città tra innovazione e sviluppo
SAFETY (27 giugno), prevenzione incidenti, infortuni e safety nel settore dello shipping e della logistica portuale
Port&ShippingTech, main conference della prima edizione della Naples Shipping Week (23/28 giugno 2014), una settimana di eventi culturali, conferenze e incontri, organizzata da International Propeller Clubs e da ClickUtility Team, per dare maggiore enfasi al settore coinvolgendo tutto il cluster marittimo è un appuntamento aperto all’intera community dello shipping italiano e internazionale.

Napul’è… (storie di car sharing napoletano)

Vi sono alcune parole che stanno caratterizzando la mobilità del XXI secolo e due di queste sono riferite in particolar modo alla mobilità urbana: car sharing e mobilità elettrica.

Non a caso le più importanti aziende automobilistiche stanno strutturando delle linee di business per andare a soddisfare le esigenze di spostamento delle persone e anche delle merci in maniera differente.

Il termometro di questo cambiamento epocale può essere il successo registrato a Milano dal car sharing one-way che già oggi vede 1100 veicoli disponibili e altri 500 in arrivo a breve considerando tutti gli operatori che hanno vinto i bandi del Comune per divenire operatori.

Il capostitpite di questo cambiamento è stato Car2Go, pensato come un alternativo modo per far guidare una Smart, che oggi a Milano conta 60.000 iscritti, uno smacco per il car sharing gestito dalla ICS che per anni ha annaspato come tutti gli altri da loro gestiti in dodici città italiane.

La causa non è da ricercarsi nel fascino della Smart ma nella modalità di fruizione del servizio; il car sharing tradizionale detto tecnicamente round trip obbliga infatti a riconsegnare il veicolo nel parcheggio da cui si è prelevato o, in alcuni casi, in un parcheggio del gestore del car sharing. Una soluzione molto vincolante e poco flessibile adatta a spostamenti prevedibili e programmabili, insomma l’esatto opposto di quanto oggi il mondo del lavoro e anche quello ludico richiedono.

il dover parcheggiare in aree prestabilite può essere un limite alla diffusione del car sharing

Non così Car2Go che invece è offerto con logica open ended o one way, vale a dire che prendi il veicolo e lo lasci dove vuoi all’interno della zona servita. Non a caso a Milano e Roma i bandi redatti dai Comuni per il rilascio delle licenze prevedevano esattamente questo tipo di car sharing, che oggi occorre dirlo viene gestito dalla maggior parte degli operatori con veicoli termici – benzina o gasolio – ma che potrebbe avere una valenza ambientale amplificata con una flotta di veicoli elettrici.

Già perchè i veicoli elettrici ci sono, funzionano e vi sono anche operatori di car sharing che si sono specializzati in questa nicchia di mercato. Anche qui vi è un capostipite, come sempre, che non è milanese e neppure romano ma napoletano: la Bee.

È fatta direte voi! Se è vero che “è la somma che fa il totale” – come diceva Totò – abbiamo ottenuto un gran risultato per l’ambiente ed anche uno per la fruibilità del servizio e Napoli potrebbe essere un esempio per tutte le città italiane recuperando un po’ di credibilità rispetto a tutte le recenti vicende poco edificanti per la reputazione cittadina.

E invece no. A Napoli il car sharing one-way non si può fare. Quello che a Milano e Roma ritengono indispensabile per avvicinarsi alla mobilità delle grandi metropoli europee a Napoli è vietato. Questione di vil denaro, sembrerebbe.

Pare infatti che il Comune escluda questa opzione, vincolandola al fatto che dovrebbe permettere a tutti i veicoli elettrici di parcheggiare gratuitamente nelle strisce blu e questo comporterebbe un danno alle dissestate finanze pubbliche.

Per cronaca occorre ricordare che il Comune ha un buco di 1,2 miliardi di euro e che la Corte dei Conti ha dichiarato questo deficit “irreversibile”.

Non saranno quindi gli spiccioli derivanti dal mancato pagamento della sosta di qualche veicoli elettrico a cambiare le sorti del bilancio e viene il sospetto che dietro alla scelta ci siano altre ragioni, sempre economiche, che nel caso specifico si nascondano dietro al nome Ciro.

Ciro è un progetto sperimentale da 2 milioni di euro finanziato dalla EU per la mobilità elettrica a Napoli. Ma che bisogno c’è di sperimentare se esiste già un servizio privato che sta sul mercato? Ma questa è un’altra storia.

Napul’è mille paure…

Meridiana, nuovo volo Napoli Venezia dal 16 aprile

Meridiana annuncia un nuovo collegamento giornaliero (eccetto il Sabato)fra Napoli e Venezia, che verrà inaugurato il prossimo 16 aprile.
Salgono così a 23 le destinazioni Meridiana, che detiene il primato su Capodichino per numero di aeroporti collegati.
Il volo, operato da uno dei sette Boeing 737 della flotta Meridiana, avrà una frequenza giornaliera con esclusione del Sabato ed è in vendita da oggi con tariffe a partire da 49 euro a persona, a tratta, bagaglio incluso.

La Compagnia, infatti, in Italia collega Napoli con Cagliari, Catania, Milano Linate, Milano Malpensa, Olbia, Torino, Venezia e Verona.

Venendo ai voli internazionali, le novità della stagione 2014 vedono dal 30 marzo l’inaugurazione del Napoli-Londra Gatwick, mentre dal 6 giugno sarà operativo il volo per Atene. Infine, dal 7 giugno si decolla per Mosca.

Meridiana riconferma una stagione estiva ricca e dai colori internazionali con i voli fra Napoli e New York, Nizza, Rodi, Santorini, Mykonos, Creta, Zante, Ibiza, Palma di Maiorca, Lourdes, Tel Aviv e Kiev.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner