Articoli marcati con tag ‘nave’

Nave drone: fantascienza o realtà?

La notizia apparsa su TTM, testata di assoluto rilievo nel settore marittimo, lancia la novità: entro i prossimi 10 anni il debutto della prima nave drone per utilizzi commerciali.
L’iniziativa gestita dal Consorzio Munin – finanziato da UE, Rolls Royce Marine e l’ente di Classifica DNV.

Progetto che, naturalmente, dovrebbe farci riflettere – ancora una volta – su dove probabilmente gli armatori hanno cercato sempre di andare: ridurre i costi di gestione del personale marittimo.
Come forse alcuni sanno i costi medi di gestione di una nave mercantile sono molti, tra questi c’è chiaramente il costo – variabile – degli equipaggi oscillante, dai dati a campione in nostro possesso, tra il 55% (bandiera Italiana) e il 44% di altre bandiere (FoC ITF approved). Che una certa fetta di industria marittima, perciò non solo esclusivamente di vocazione tecnologica, sia andata spesso su queste rotte non è certo un segreto: dalle iniziative nazionali atte a creare ufficiali bivalenti (macchinisti – capitani) alle battaglie per ridurre all’osso le tabelle minime di armamento, di strada, giusta o sbagliata, sene è fatta parecchia.
Scontata e, aggiungiamo noi, sacrosanta, l’opposizione dell’ITF (sindacato internazionale dei marittimi) che mette l’accento sul fatto che il primo elemento in quanto a sicurezza sia dato proprio dalla presenza umana.
Presenza che ad onore del vero può essere veramente efficace solo se vi sia veramente, sia a bordo che a terra, una reale e congrua preparazione professionale sia del personale marittimo che di quello tecnico di terra. In caso contrario, eccettuando la fisiologica presenza dell’errore umano in tutte le attività umane, si vedranno ancora dei sinistri (vedi Concordia e l’ultimo del Lysblink Seaways, dato apparentemente dallo stato di ebbrezza dell’ufficiale di guardia) dati, paradossalmente, sì dalla presenza umana ma scaturiti dalla scarsa preparazione e dalla sottovalutazione dell’elemento sicurezza proprio da questi ultimi.
Ma neppure gli assicuratori e talune rappresentanze armatoriali (Baltic and International Maritime Council) nascondono alcune comprensibili criticità verso la nave drone: ad esempio si chiedono come verrà eventualmente gestita l’avaria in navigazione e, aggiungiamo noi, come si potrà anche gestire, “tutelando” il mezzo, l’assistenza ed il rimorchio…
Altre legittime criticità stanno naturalmente nel dover rivedere non solo il diritto marittimo ma anche e soprattutto fattori tecnico formativi per il personale di condotta, nonché l’approntamento di taluni sistemi di navigazione, che se non implementati, rispetto a quelli ad oggi di ausilio alla navigazione, non potranno certo garantire, verosimilmente, un sostenibile livello e grado di sicurezza nella navigazione e nelle operazioni commerciali.
Utopia o Fantascienza la nave drone? Staremo a vedere.
Daniele Motta
Perito e Consulente Navale

Da liguria Nautica

Porti: una partenza in più sulla linea Cagliari-Vado Ligure

Una partenza in più sulla linea marittima della compagnia Grendi Cagliari-Vado Ligure. Da tre a quattro: la nave, oltre il lunedì, il mercoledì e il sabato, salperà da luglio da entrambi i porti anche di martedì.
L’operazione è resa possibile dalla presenza sulla linea di due navi gemelle che possono arrivare sino alla velocità di 22 nodi: l’aumento della velocità di crociera e la diminuzione dei tempi di imbarco e sbarco in porto hanno consentito di estendere il servizio.
“Il progetto – ha spiegato l’amministratore delegato di Grendi, Antonio Musso – è ambizioso, visto il perdurare della crisi, e oneroso sul piano economico, perché il consumo del bunker marittimo aumenta molto, ma è stato reso possibile grazie ad una serie di circostanze favorevoli”. Le nuove navi – precisa la compagnia – inserite tra la fine dello scorso anno e l’inizio di questo hanno dato un’affidabilità e una stabilità al servizio di linea marittima tale da far aumentare in modo costante e continuativo gli imbarchi. Risultati: Grendi – questi i dati diffusi dal grupp – ha visto crescere sia i volumi di rotabili (12% all’anno) che il fatturato conseguente (15% all’anno). Un ruolo importante ha giocato anche il nuovo magazzino del Porto Canale di Cagliari, inaugurato ad aprile 2013, mentre ha assunto una rilevanza logistica notevole in seguito alla joint venture distributiva tra Grendi e Buratti e Parodi. Il progetto, partito a inizio giugno, ha portato alla costituzione di una nuova società, GP Logistica, a partecipazione paritetica fra Buratti e Parodi e Grendi. In fase avanzata un progetto di intermodalità nave/treno, dalle banchine di Vado Ligure a Modena: le merci provenienti e dirette in Sardegna verranno imbarcate su un treno dedicato tre volte alla settimana. “L’obiettivo – sottolinea la compagnia – è di sfruttare le infrastrutture ferroviarie del terminal savonese oggi scarsamente utilizzate e di diminuire il traffico su strada nell’ottica della sostenibilità, un tema al quale da sempre il Gruppo guarda con attenzione”

All’asta la prima nave Deiulemar Shipping

E’ stata già venduta all’asta in Francia la prima nave di Deiulemar Shipping, la compagnia di navigazione il cui fallimento ha coinvolto 10 mila famiglie di risparmiatori soprattutto di Torre del Greco e dintorni che avevano acquistato titoli obbligazionari irregolari per un ammontare superiore a 700 milioni di euro. Lo scrive Ship2shore, il magazine settimanale on-line di shipping, porti, trasporti e logistica, precisando che proprio in questi giorni i curatori fallimentari di Deiulemar Shipping hanno avviato le procedure per la vendita a evidenza pubblica di due navi gasiere.
Il Tribunale di Aix en Provence, si legge nel sito, ha appena completato la vendita all’asta della bulk carrier Valeria Della Gatta finita alla società greca Diana Shipping per 14,75 milioni di euro. La nave, precisa Ship2Shore, si trova attualmente nel porto di Marsiglia Fos dov’è stata fermata su istanza di Centrobanca che vanta un’ipoteca di primo grado per un finanziamento navale accordato al momento della consegna da parte del cantiere quando il suo valore era di circa 40 milioni di dollari. Questa nave però rientra fra quelle messe sotto sequestro dalla procura di Torre Annunziata nei mesi passati.
Non è chiaro, dunque, se la somma ottenuta dalla vendita sarà immediatamente disponibile per ripagare i creditori o se invece dovrà passare prima dai curatori fallimentari, né se la nave verrà liberata dal sequestro disposto a tutela dei risparmiatori.

Celebrity Silhouette presto in Italia

La nuova nave di lusso arriverà a Roma al termine della crociera inaugurale, che salperà il 21 luglio da Anversa

È imponente e super lussuosa l’ultima nave da crociera della Celebrity Cruises, brand della Royal Caribbean International. Con 122 mila tonnellate di stazza, 315 metri di lunghezza e la possibilità di ospitare 3000 passeggeri più 1250 membri d’equipaggio, la “Celebrity Silhouette” verrà battezzata il prossimo 21 luglio nel porto di Amburgo. Da lì poi partirà per una crociera di inaugurazione che si concluderà con l’approdo al Porto di Civitavecchia, da cui partiranno una serie di crociere di 12 o 13 giorni con meta finale in Israele. La Celebrity Silhouette offre cabine confortevoli, servizi di intrattenimento all’avanguardia e location suggestive, tra cui un prato inglese naturale di 2000 mq per giocare a golf e un ristorante di alta gastronomia con 56 coperti.

Salvi tutti i passeggeri della nave dispersa per lo Tsunami

Salvi gli 81 passeggeri della nave dispersa nello tsunami

Sono tutti sani e salvi i passeggeri di una nave di cui non si aveva traccia, dopo lo tsunami che ha colpito ieri la costa nord-est del Giappone, in seguito al sisma.  A bordo c’erano 81 persone che, secondo l’agenzia di stampa Jiji, sono state soccorse dagli elicotteri dell’esercito e della guardia costiera. La nave si trovava al largo della prefettura di Miyagi al passaggio dell’onda anomala. Appartiene a una impresa di costruzione navale del porto di Ishionomaki.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner