Articoli marcati con tag ‘new york’

Emirates offre viaggi estivi con le Frecce di Trenitalia per chi vola a New York

Emirates offre da oggi viaggi estivi con le Frecce Trenitalia per chi vola da Milano Malpensa a New York.
È l’iniziativa firmata da Emirates, il “connettore globale” di persone e luoghi, e Trenitalia, il vettore leader dell’Alta Velocità, che rende sempre più forte l’integrazione treno – aereo.
Ai clienti che scelgono Emirates per volare in Business Class e First Class tra Milano e New York, dal primo luglio al 31 agosto infatti, sarà offerto un biglietto andata e ritorno con le Frecce Trenitalia da e per Milano, coincidenti con il volo scelto da Malpensa. I biglietti treno più aereo sono in vendita fino al 30 giugno.
La promozione include tutti i Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca che collegano le principali città italiane a Milano. Arrivati qui, i passeggeri Emirates-Trenitalia potranno usufruire del servizio chauffeur dalla Stazione Centrale all’aeroporto di Malpensa
Fabio Lazzerini, General Manager di Emirates in Italia, ha dichiarato: Questa partnership contribuirà a sviluppare – proprio per la sinergia tra aereo e treno – il business ed il turismo tra Italia e Stati Uniti, sfruttando le potenzialità delle Frecce Trenitalia e del sistema Alta Velocità. Oltre 70.000 passeggeri hanno già prenotato per viaggiare con Emirates su questa rotta fino ad Agosto, evidenziando una chiara richiesta da parte dei clienti.
Questa nuova intesa con Emirates, che è già nostro partner – ha evidenziato Gianfranco Battisti Direttore Divisione Passeggeri e Alta Velocità – consolida la strategia di Trenitalia che punta a rendere sempre più capillare l’integrazione treno – aereo. L’obiettivo è anche quello di favorire lo scambio culturale, sociale ed economico tra due grandi Paesi come gli Stati Uniti e l’ Italia e siamo sicuri – ha concluso – che il nuovo accordo costituisce un altro passo avanti verso la completa integrazione dei sistemi di vendita dei biglietti treno più aereo.
Dopo l’acquisto del biglietto aereo, l’agenzia di viaggi o direttamente il cliente possono contattare il call center Emirates che provvederà all’emissione del biglietto del treno, in coincidenza con il volo. Il biglietto Trenitalia sarà inviato direttamente al passeggero in formato elettronico.
Tutte le informazioni, inclusa la lista completa delle città dalle quali è possibile viaggiare sulle Frecce Trenitalia con destinazione Milano, sui siti web emirates.it e trenitalia.com.

Auto elettriche vintage al posto delle carrozze a Central Park

Giorni contati per le caratteristiche carrozze di New York. Il neo eletto sindaco della Grande Mela Bill de Blasio, riferisce Gas2, potrebbe sostituire le classiche carrozzelle a cavalli di Central Park con veicoli alternativi come le auto elettriche ‘vintage’. New York è una metropoli di interesse mondiale. Ha punti di riferimento famosi e conosciuti come Broadway, Times Square e, naturalmente, Central Park dove le coppie possono prendere una carrozza trainata da cavalli per un tour romantico della città. L’arrivo delle auto elettriche d’epoca, al posto dei cavalli, è fortemente voluto dagli animalisti, secondo i quali far camminare i cavalli per le strade di New York è pericoloso e disumano. L’eventuale scelta del sindaco è appoggiata anche dai sostenitori dell’auto elettrica desiderosi di veder circolare un maggior numero di auto a batteria per le vie della Grande Mela. I meno contenti sono, ovviamente, i turisti che perdono l’occasione di muoversi da Central Park a bordo delle famose e spettacolari carrozze trainate dai cavalli.

Per quanto riguarda le auto elettriche d’epoca, la scelta è ampia e diversificata, visto che un tempo l’energia elettrica era l’alimentazione preferita per le automobili. Negli anni intorno al 1900, il 38% delle quasi 34.000 automobili americane erano alimentate ad energia elettrica ed erano superate solo dai veicoli a vapore. Le automobili a benzina rappresentavano solo il 22 % delle vendite. Naturalmente i primi veicoli elettrici dell’epoca non sono né economici, né facili da guidare per la tecnologia arcaica con cui sono costruiti. E’ probabile, quindi che il sindaco faccia ricorso alle numerose repliche di antiche auto elettriche, oggi ricostruite simili alle originali. Più discutibile, invece, che le carrozze trainate dai cavalli possano essere giudicate inumane o pericolose. I cavalli, sostengono alcuni, sono stati utilizzati per centinaia d’anni per trasportare di tutto, dai cannoni alle carrozze. E gli incidenti che coinvolgono le carrozze sono abbastanza rari. Un sito web, dedicato alla lotta contro le carrozze trainate da cavalli, elenca solo sei casi di incidente dal 2006. Per ora la sfida è aperta. Non resta che vedere come andrà a finire.

Arriva Sandy, cancellati più di 7.400 voli da e per NY

Un'immagine dell'uragano Sandy

Grande allerta per l’arrivo di Sandy, l’uragano che minaccia la città di New York. Bloccati i trasporti, sia urbani che non, cancellati migliaia di voli da e per la Grande Mela, chiusa la Borsa di Wall Street. Il peggio dovrebbe avvenire nella notte tra oggi e domani, ma le prime avvisaglie si faranno sentire fin dalla mattinata di oggi. Il sistema di trasporti pubblici cittadino, il più grande degli Stati Uniti con 8,5 milioni di persone al giorno, si ferma con le stazioni della metropolitana, inclusa quella di Times Square, una delle più affollate al mondo, che appare spettrale. Chiuse le caffetterie Starbucks e i grandi magazzini Macy’s e Bloomingdale’s. Wall Street oggi non apre e forse neanche domani: è la prima volta dall’11 settembre 2001 e la prima volta in 27 anni per condizioni climatiche, che la Borsa resta chiusa.

Ma tutta la East Coast è in allarme: le compagnie aeree hanno cancellato finora oltre 7.400 voli, gli evacuati sono centinaia di migliaia, 375.000 solo a New York. Il presidente americano Barack Obama ha firmato la dichiarazione per lo stato di emergenza per New Jersey, New York, Maryland, Distretto di Columbia e Massachusetts. Cancellati diversi comizi pre-elettorali del Presidente e dello sfidante Romney.

Dalla prima auto volante all’ultima Limo, al via il NY Auto Show

La celebre Limo bianca

C’è l’auto che vola, realizzata da Terrafugia, piccolo costruttore del Massachussets, agli ultimi esemplari della limousine bianca tanto amata dagli americani (e dai giapponesi per i matrimoni). C’è la mitica DeLorian di Ritorno al futuro e la Infiniti LE Concept di Renault Nissan, completamente elettrica, ma superlusso. Al via nella Grande Mela il New York International Auto Show, tradizionale banco di prova per le tre grandi dell’auto a stelle e strisce – General Motors, Ford e Chrysler – in lotta con l’avanzata dei costruttori giapponesi, europei e coreani.

Tra gli esemplari da museo in mostra la prima Cobra mai costruita, la Viper resuscitata da Chrysler e i vecchi cab gialli Chevrolet mandati in pensione dal minibus Nissan NV, nominato taxi ufficiale di New York. Sul viale del tramonto anche la Licoln Town Car, la grande berlina a trazione posteriore usata come base per le classiche limousine bianche degli Stati Uniti. Gli ultimi esemplari finiranno nei musei o forse saranno spediti in Italia e sulle strade di Miami, di Chicago e di New York saranno sostituite dalla Lincoln MKT Town Car.

Tra le novità, invece, il nuovo pick-up Ram di Chrysler, che ha ridotto il peso e tagliato i consumi del motore V6 benzina, sempre più richiesto al posto dei tradizionali (e assetati) V8.

Porti, linea diretta tra Genova e New York, riparte l’accordo interrotto dopo l’11/09

Il porto di New York

Meno “carte” e meno spese. Riparte l’accordo tra il porto di Genova e quello di New York, che era stato interrotto dopo l’11 settembre 2001. L’intesa è stata rinnovata a Manhattan, sullo storico molo 88, a bordo della nave da crociera italiana Msc Poesia. Il protocollo porterà all’intensificazione degli scambi commerciali tra le due autorità portuali, un flusso che vale già oggi oltre un milione di tonnellate. Meno spese, ma anche tempi più rapidi, dunque, nel segno di una maggiore efficienza e di rapporti più costanti e stabili. Quest’anno a New York sono arrivati 42 container che trasportavano soprattutto prodotti alimentari, arredamento e tutto ciò che viene indicato come “Made in Italy”. L’Italia invece importa principalmente materiale tecnologico. Gli Stati Uniti hanno individuato il porto di Genova come principale porto per sperimentare Megaport, una nuova tecnologia per il controllo della radioattività.

Irene lascia New York, primi voli da stasera

Un albero caduto nelle strade di NY

Alla fine l’uragano Irene ha risparmiato New York. Danni molto più contenuti di quel che si pensava, ciclone declassato a tempesta tropicale e, strade allagate e alberi crollati a parte, tutto finito nel giro di tre ore. Gli scali newyorkesi, però, sono rimasti chiusi da sabato, proprio in uno dei periodi di maggior affluenza di turisti, soprattutto italiani.

Dopo 9.125 voli cancellati, l’aeroporto di Washington ha già riaperto, mentre il Jfk e gli altri due scali della Grande Mela (la Guardia e Newark) dovrebbero riprendere le attività regolarmente a partire da questa sera. Migliaia le persone rimaste a terra nell’ultimo weekend.

Dopo una prima giornata di proteste, ieri a Fiumicino si sono presentati in pochi per avere informazioni sui voli per gli Usa, per lo più turisti americani di ritorno in patria. Chi aveva acquistato un biglietto Alitalia potrà cambiare prenotazione fino al 12 settembre.

New York: Bloomberg annuncia il restyling del porto

New York

New York

Dopo anni di oblio la grande mela riscopre di essere in primo luogo una città di mare. Il suo sindaco Michael Bloomberg ha deciso di ridisegnare il fronte del porto annunciando un piano urbanistico che punta, nei prossimi 10 anni, a ridefinire l’intero litorale marittimo e fluviale della città. Il consiglio comunale ha deciso di stanziare 700 milioni di dollari per il progetto che comprende: la riqualificazione del territorio demaniale che si affaccia sul mare, il recupero di spiagge e paludi, creare parchi acquatici pubblici, ridefinire i camminamenti e rimodellare le “passeggiate” a filo d’acqua. Il piano prevede il rilancio del settore della navigazione turistica, il miglioramento di tutto il fronte del porto, con interventi sui grandi ponti che collegano le cinque zone di New York, sia sui parchi già in corso di realizzazione.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner