Articoli marcati con tag ‘pedaggi’

Bollino ecologico dal 1° maggio per chi viaggia in Austria

Dal 1° maggio 2017 i veicoli che viaggiano in Austria lungo la A12 tra Kufstein e Zirl, dovranno dimostrare a quale classe di inquinamento ambientale appartengono.  A tal fine, le autorità austriache hanno predisposto un bollino ecologico che esonera i veicoli Euro 6 dal divieto settoriale e, almeno fino al 30 aprile 2017, anche gli euro 5.

All’interno delle “aree IG-L-ban” delle classi Euro3, 4, 5 e 6 dal 1° maggio tutti i veicoli dovranno avere il bollino posto sulla parte destra del parabrezza, di colore variabile a seconda della classe Euro del veicolo:

- giallo Euro 3

- verde Euro 4

- azzurro Euro 5

- viola Euro 6

Chi circola senza bollino sarà soggetto ad una sanzione dell’importo fino a circa 2.200 euro.

Sarà possibile acquistare il contrassegno in Austria direttamente presso enti autorizzati e per la classificazione dei veicoli è necessario presentare documenti quali carta di circolazione, certificato di omologazione, annex CEMT.

Sempre sulla A12 tra Kufstein e Zirl è in vigore anche un divieto notturno di circolazione per i mezzi pesanti oltre le 7,5 t con le seguenti modalità:

- dal 1° maggio al 31 ottobre: dalle ore 22,00 alle ore 05,00;

- dal 1° novembre al 30 aprile: dalle ore 20,00 alle ore 5,00;

- le domeniche e i giorni festivi – durante l’intero anno – dalle ore 23,00 alle ore 5,00.

Hanno l’obbligo del bollino ecologico anche i veicoli Euro 6 esentati dal divieto notturno, sempre dal 1° maggio 2017.

FITA-CNA DICE STOP AGLI AUMENTI DEI PEDAGGI AUTOSTRADALI

Si avvicina  gennaio e come di consueto, dopo i
regali natalizi, arriva l’atteso aumento dei pedaggi autostradale. Atteso da chi? Da
Gavio, Benetton, Toto e altri, ovvero i signori delle autostrade, che attraverso le
loro richieste di incrementi tariffari continuano a prosciugare l’esigua liquidità
di imprese e cittadini. Le più recenti analisi Aiscat ci riportano, nell’ultimo
anno, un traffico dei mezzi pesanti in crescita e quindi sembra ancora più
ingiustificato un rialzo che andrebbe a deprimere una tendenza positiva legata alla
ripresa economica e allo scambio delle merci. “Oggi come negli anni scorsi - ha
dichiarato Cinzia Franchini, Presidente nazionale dell’associazione degli
autotrasportatori artigiani, CNA Fita - continuiamo a richiedere un congelamento
degli aumenti richiesti dai concessionari che impatterebbero immediatamente nei
conti economici delle imprese d’autotrasporto che sono la cinghia di distribuzione
delle ripresa, seppur debole, del nostro paese. I concessionari hanno goduto
nell’ultimo decennio, come ha più volte evidenziato la stessa Autorità dei
Trasporti, di incrementi tariffari annuali che vanno oltre le medie economiche di
altri settori e della stessa inflazione. Per esempio negli ultimi 13 anni, su A24 e
A25, i pedaggi sono cresciuti del 187%. Un trattamento d’eccezione che sarebbe
opportuno riservare a quelle aziende che ogni giorno affrontano il rischio d’impresa
e non sono garantite da rassicuranti Concessioni di Stato. Prosegue la Franchini -
da qui la richiesta al Ministro Delrio di non concedere nel 2017 nessun aumento
delle tariffe a tutte le concessionarie autostradali”.

DKV estende la propria rete nell’Est Europa

I Clienti DKV Euro Service possono ora utilizzare la propria DKV Card per pagare il carburante senza denaro contante anche in Russia e Bielorussia. Entro l’anno, infatti, il fornitore di servizi per il settore della logistica e dei trasporti aggiungerà oltre 500 stazioni di rifornimento al proprio network. I partner DKV in Russia e Bielorussia includono Belorusneft, EKA, Gazprom, Tatneft, PTK, ARIS, Surgutneftegas e Astra e la rete verrà estesa a molte altre compagnie petrolifere.

“Nonostante l’attuale recessione economica, la Russia- uno dei più importanti produttori di energia al mondo – rappresenta un mercato significativo per il futuro, mentre la Bielorussia è un paese di transito strategicamente importante in questo contesto” afferma Klaus Burkart, New Markets Manager di DKV. “I nostri servizi sono presenti su importanti strade di transito, offrendo ai nostri Clienti opportunità di rifornimento economicamente vantaggiose e di alta qualità”.

Le stazioni di rifornimento sono già facilmente individuabili anche grazie agli strumenti DKV Maps e DKV App.

Viapass dal 1 di aprile in Belgio

ll 1° aprile 2016 il sistema di pedaggio satellitare VIAPASS sarà introdotto in Belgio per i mezzi con peso superiore a 3,5 tonnellate. Una On Board Unit obbligatoria sostituirà l’attuale Eurovignetta, questo cambiamento può essere facilmente gestito tramite DKV Euro Service, che garantisce un servizio conveniente e completo per assicurare un passaggio lineare dall’Eurovignetta alla On Board Unit.

Per trarre vantaggio da questo servizio, le aziende di autotrasporto possono inserire i propri dati nel sito web di DKV e caricare i documenti necessari richiesti (i.e. le copie dei certificati di registrazione dei veicoli), autorizzando DKV a registrarsi a suo nome. Dopodiché DKV verificherà i documenti e completerà la registrazione e le procedure d’ordine con l’operatore del pedaggio Satellic NV. Infine, le On Board Unit verranno inviate alle società di autotrasporto.
Per maggiori informazioni visita il sito

https://www.dkv-euroservice.com/it

A GIUGNO NUOVI AUMENTI DEI PEDAGGI AUTOSTRADALI? CNA-FITA PRONTA A VALUTARE LA PROCLAMAZIONE DEL FERMO DELL’AUTOTRASPORTO

Chiediamo al Governo – ha dichiarato Cinzia Franchini, presidente nazionale dell’associazione degli autotrasportatori artigiani – di chiarirci se sta con quei concessionari che hanno potuto beneficiare, in anni di durissima crisi economica, di aumenti tariffari a due cifre che gli hanno consentito di realizzare utili rilevantissimi o con quelle imprese che grazie al loro intraprendere sono ancora sul mercato. Apprendiamo infatti da una nota stampa di Aiscat, l’associazione dei concessionari autostradali, che il presidente Fabrizio Palenzona, ha richiesto, direttamente al Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, adeguamenti tariffari dei pedaggi autostradali per giugno e il prolungamento delle concessioni senza indire nuove gare. Tutto ciò rivendicando “la centralità del principio della certezza giuridica che impone il rispetto dei contratti ed accordi sottoscritti”. A questo punto – ha proseguito la Franchini – CNA-Fita, che ha a cuore invece la centralità del principio di equità per una buona Politica, si dichiara pronta ad attuare una grande mobilitazione dell’autotrasporto contro la politica lobbystica dei concessionari che sta letteralmente impoverendo tutta la mobilità del Paese. Da subito si metterà in azione chiedendo ad Unatras, il coordinamento unitario dell’autotrasporto, di condividere la propria proposta per difendere le tasche degli autotrasportatori e si attiverà per coinvolgere e sensibilizzare l’attenzione delle altre utenze, per sventare il rischio di nuovi scellerati aumenti di pedaggi. Da tempo infatti richiediamo al Governo di fare chiarezza su questioni delicate come il pedaggiamento delle autostrade reali e lo sviluppo anche di quelle autostrade virtuali (UIRNET), dove la presenza ed il ruolo dei concessionari autostradali incombe pressantemente sopra la testa dell’autotrasporto italiano. CNA-Fita ha avanzato proposte chiare e innovative, di sicuro non tacciabili di corporativismo, nell’interesse del Paese quanto della categoria e per questo non potremo accettare nuovi balzelli all’insegna di una vecchia.. anzi vecchissima politica”.

DKV Euro Service lancia il nuovo sito web

Più moderno, dinamico e migliorato dal punto di vista tecnico: è il nuovo sito web DKV Euro Service, online dal 24 gennaio 2015 e disponibile in 8 lingue per Germania, Regno Unito, Olanda, Italia, Belgio, Polonia, Francia, Repubblica Ceca, Austria, Svizzera, Spagna e Slovacchia (e altre 11 ulteriori lingue sono in preparazione).
Il punto di vista dei Clienti DKV è stato il punto di partenza per il nuovo progetto web. Le loro richieste più ricorrenti, emerse da un sondaggio, hanno infatti dato indicazioni precise: layout semplice, testi più brevi e informazioni focalizzate per argomento.
“Abbiamo dato molta importanza alla facilità d’uso, con un sistema di navigazione chiaro e informazioni presentate in maniera semplice” afferma Ulrich Wolter, Direttore Marketing DKV. Inoltre, sempre più utenti utilizzano un device mobile e quindi il nuovo sito web è ottimizzato per una navigazione anche da smartphone e tablet.
Anche l’area protetta dedicata ai Clienti ha un nuovo look e nuove funzioni. Con il DKV COCKPIT, DKV offre ai suoi Clienti uno strumento di gestione globale, che può essere utilizzato per ordinare prodotti online, e molto altro ancora.
Il nuovo sito DKV è all’indirizzo di sempre: www.dkv-euroservice.com.

CNA-FITA, IN ARRIVO PER L’AUTOTRASPORTO 250 MILIONI, RESI STRUTTURALI. CONFERMATE LE RISORSE PER “LE SPESE NON DOCUMENTATE”.

Il Governo ha pure recepito la richiesta avanzata dall’ Associazione artigiana di estendere, ancora per almeno un anno, la possibilità di dimostrare il requisito della capacità finanziaria attraverso una polizza assicurativa anche per le imprese che già operano sul mercato e non solo per le nuove iscritte all’Albo dell’autotrasporto. “E’ nostra intenzione proseguire nel dialogo con l’Esecutivo nella convinzione che possa, come già sta accadendo, meglio comprendere le vere esigenze dell’autotrasporto” è quanto affermato dalla presidente nazionale, Cinzia Franchini, a margine dell’incontro che si è tenuto ieri al Ministero dei Trasporti con il sottosegretario Del Basso De Caro. Nei prossimi giorni verranno emanate alcune circolari esplicative che recepiscono e chiariscono diverse criticità portate all’attenzione del ministero, dalla scheda di trasporto ai tempi di pagamento. Ora nell’agenda CNA-Fita le priorità su cui chiediamo un tempestivo intervento al Governo sono ILVA e SISTRI.

Anita contro l’aumento dei pedaggi autostradali

Ancora una volta dobbiamo registrare aumenti delle tariffe autostradali, anche se più moderati rispetto agli anni passati, in un periodo in cui il sistema produttivo italiano perde continuamente competitività rispetto agli altri Paesi sia europei sia mondiali.

ANITA ritiene che si debba trovare un modo per interrompere la spirale di aumenti dei pedaggi che da troppi anni i trasportatori subiscono dai monopoli delle concessionarie autostradali. Con la maggior parte dei costi fissi, e a valori storici, e in considerazione dei continui aumenti delle percorrenze dei veicoli sulle autostrade, non si capisce come mai i pedaggi continuino a salire.

“Ci saremmo aspettati che il Ministero dei trasporti vigilasse meglio e che le concessionarie autostradali tenessero conto della situazione in cui versano il Paese e le imprese del settore dell’autotrasporto – ha commentato il Presidente di ANITA, Thomas Baumgartner e ha aggiunto – un aumento dei pedaggi che ricade sugli utenti non aiuta in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo”.

“Le concessionarie autostradali dovrebbero mettere in atto politiche orientate ad eliminare le inefficienze al proprio interno al fine di ridurre i costi che puntualmente ricadono sull’utenza – ha concluso Baumgartner – dal momento che i bilanci delle società concessionarie autostradali sono sempre in attivo e ciò evidenzia l’esistenza di un discreto margine dovuto anche all’incremento delle porte munite di telepass ed al minore impiego di personale addetto”.

LUPI, DOPO LA RICONFERMA AL MINISTERO DEI TRASPORTI, CAMBI VERSO ALL’EMERGENZA PEDAGGI E CABOTAGGIO

Apprezzabile per CNA-Fita la riconferma di Maurizio Lupi al Ministero dei Trasporti che ottiene almeno un primo risultato ovvero la continuità nella gestione politica del dicastero. L’autotrasporto artigiano si aspetta adesso però una discontinuità reale per quanto riguarda le soluzioni alle questioni aperte su cui lo stesso Lupi ha più volte rassicurato la categoria. Si parta dai pedaggi e si affronti subito anche la questione del cabotaggio. Per il primo punto attendiamo ancora gli sconti, promessi dal Ministro, che noi chiediamo vengano concessi per recuperare i vergognosi aumenti subiti a partire dal primo gennaio scorso, con il telepass e direttamente al casello. Per il secondo punto invece il Ministro si attivi subito in Europa affinché si possa mettere in azione quanto prima la clausola di salvaguardia per contrastare il cabotaggio estero che ha raggiunto livelli legali e non, insopportabili. Per tutto ciò non c’è più tempo e le decisioni devono arrivare puntuali nel breve periodo dimostrando che la politica di questo nuovo Governo sta realmente cambiando verso alle emergenze più pressanti.

Onlit da rivedere il meccanismo degli aumenti delle autostrade

Onlit sugli aumenti dei pedaggi autostradali

Le concessionarie autostradali possono contare su ”aumenti tariffari che vanno dal 3 al 5%, ben oltre l’inflazione”, in base a un ”antiquato meccanismo di price-cup che deve essere rivisto”. Lo scrive l’Osservatorio nazionale sulle liberalizzazioni nei trasporti in una nota in cui si afferma che finora sono stati consentiti ”incrementi automatici nonostante i minori costi di personale, i maggiori ricavi, per effetto del traffico in crescita, ed il fatto che i costi di realizzazione della rete autostradale sono gia’ stati in buona parte ammortizzati”. A fronte dei nuovi aumenti l’Osservatorio chiede che ”vengano analizzati a fondo i programmi di investimento e le gestioni dei 23 concessionari, per evitare che gli introiti tariffari servano, come nel caso della Serravalle, per costruire l’impero autostradale lombardo (Pedemontana, TEM e Brebemi), tanto inutile quanto costoso”.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner