Articoli marcati con tag ‘Piacenza’

Trenitalia Rgionale Emilia Romagna: settimo nuovo Vivalto in servizio da oggi fra Piacenza e Rimini

Un nuovo Vivalto, in servizio da oggi, porta infatti a sette il numero dei convogli di ultima generazione introdotti, a partire da maggio corso dalla società di trasporto del Gruppo FS.

Con la consegna nei prossimi mesi di un ulteriore Vivalto, tutti i collegamenti di tipo Regionale Veloce fra Piacenza e Rimini saranno effettuati con le nuove carrozze.
Complessivamente sono infatti otto i convogli di questo tipo acquistati da Trenitalia per l’Emilia Romagna, con un investimento di circa 57 milioni di Euro, di cui 10,6 contributo della Regione Emilia Romagna.

Pensati per medie distanze e alte frequentazioni, i Vivalto si distinguono per capienza (carrozze a doppio piano per un totale di 600 posti a sedere), migliore fruibilità da parte dei passeggeri a mobilità ridotta, informazione visiva e sonora più puntuale e sistemi per implementare la safety del viaggio.
Già attivi a bordo, infatti, i pulsanti di allarme per comunicare via citofono con il personale di bordo in caso di emergenza, mentre sono in fase di attivazione telecamere e monitor per la ripresa e diffusione in diretta delle immagini per un viaggio più sereno e come deterrente contro malintenzionati e vandali.

I benefici del progressivo ringiovanimento del parco mezzi regionale di Trenitalia non si limitano però al solo comfort di viaggio.
La maggiore affidabilità dei mezzi è infatti elemento essenziale per una maggiore regolarità del servizio complessivo.

I Vivalto utilizzano locomotive E464, dotate di sistemi di manutenzione dinamica.
Sofisticati sensori installati a bordo dei mezzi trasmettono migliaia di informazioni all’interno delle officine, consentendo ai tecnici di monitorare in tempo reale da remoto lo stato dei veicoli, con l’obiettivo di prevenire i guasti, potenziando la disponibilità e l’affidabilità del servizio per i passeggeri e riducendo al contempo i costi di manutenzione e di servizio.

Nell’anno appena trascorso l’89,7% dei treni regionali dell’Emilia Romagna è arrivato puntuale a destinazione, percentuale che sale al 93,3% se si escludono i ritardi provocati da eventi esterni.
Dati entrambi migliorativi rispetto al 2015, quando le percentuali erano state rispettivamente dell’89,6 e del 92,9%. Parallelamente sono drasticamente calate le cancellazioni, scese del 50% nel 2016 rispetto all’anno precedente.

La conferma del buon andamento arriva anche dal monitoraggio della percezione che i clienti hanno del servizio offerto.
I dati consolidati dell’anno 2016 evidenziato una soddisfazione del viaggio nel complesso dell’ 82,5%, in crescita di oltre quattro punti percentuali rispetto al 2015.

Il 2017 porterà novità anche per i pendolari delle linee Bologna – Porretta, Bologna – Prato e Bologna – Poggio Rusco dove, d’intesa con la Regione Emilia Romagna, Trenitalia aumenterà il numero di collegamenti effettuati con treni Stadler ETR 350, grazie al conferimento di convogli da parte della Regione.
Ricordiamo che già da aprile dello scorso anno Trenitalia garantisce, con treni ETR350, 12 corse fra Bologna e Porretta e 8 fra Bologna e Marzabotto.

Si avvicina poi la data che segnerà la vera svolta nel servizio pendolare in Emilia Romagna.
Entro il 2019 sarà infatti nuovo l’intero parco dei treni regionali, come previsto dalla gara di affidamento dei servizi ferroviari regionali.

Del nuovo parco faranno parte anche i nuovi treni Rock di Trenitalia, la cui produzione è stata ufficialmente avviata a gennaio negli stabilimenti Hitachi Rail Italy.
I primi 39 esemplari saranno destinati infatti proprio all’Emilia Romagna.

Entra in servizio sulla linea Piacenza-Rimini un nuovo treno Vivalto, il settimo in meno di un anno, che va ad aggiungere un nuovo tassello al piano di miglioramento del trasporto regionale - ha ricordato l’assessore alle Infrastrutture e trasporti della Regione Emilia-Romagna, Raffaele Donini. “Un anno fa ci siamo impegnati a velocizzare il più possibile questo processo e per farlo la Regione ha anticipato una fornitura di 22 nuovi treni entro il 2017. Sono contento di poter dire – ha aggiunto- che grazie all’impegno di tutti siamo in anticipo sui tempi con 7 Vivalto e 5 treni Stadler già in funzione su diverse linee regionali. Il trasporto su ferro in Emilia – Romagna è al centro delle nostre scelte e questi risultati rendono il traguardo del rinnovo dei parco treni previsto per il 2019 ancora più vicino”.

Logistica, staffetta Piacenza-La Spezia per BiLog

Staffetta tra Piacenza e La Spezia per BiLog, la biennale della logistica che si terrà il 15 e 16 febbraio nella città emiliana. La seconda edizione sarà alla Spezia. La commissario dell’Ap spezzina Carla Roncallo ha incontrato nei giorni scorsi la commissione tecnica per attuare il protocollo d’intesa con il Comune di Piacenza. Un incontro per fare il punto sul lavoro di questi mesi, dopo la sigla del protocollo nel luglio 2015, per la realizzazione della mostra-convegno che si terrà a Piacenza Expo. Un evento che punta a potenziare le relazioni commerciali e le connessioni tra il distretto logistico di Piacenza e il porto della Spezia nella nuova Autorità di Sistema Portuale. Tra i temi toccati nella due giorni il trasporto ferroviario e la connessione tra porto e retroporto, la digitalizzazione della logistica, la sostenibilità ambientale, la rete Ten-T, le autostrade del mare.
Il prossimo incontro tra Roncallo, commissione tecnica e Comune si terrà a gennaio a Piacenza.

Piacenza, nuovo scalo merci: via libera di RFI per il trasferimento da stazione a polo logistico Le Mose

Un nuovo fascio di binari per collegare la stazione di Piacenza al polo logistico Le Mose, e graduale trasferimento dello scalo merci nel comparto industriale della frazione piacentina.

Rete Ferroviaria Italiana ha accolto la richiesta – presentata dal Consorzio Uno AP3 – per l’allacciamento del terminal Le Mose all’infrastruttura ferroviaria nazionale, intervento necessario a garantire l’atteso sviluppo dell’intermodalità e benefici concreti al sistema economico e infrastrutturale del territorio. Entro novanta giorni il Consorzio presenterà a RFI il progetto definitivo.

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco di Piacenza Paolo Dosi. “È evidente – ha dichiarato Dosi – la ricaduta positiva che questo sistema potrà avere in termini ambientali e di impatto sul traffico, riducendo notevolmente la necessità di ricorrere al trasporto su gomma. Senza dimenticare che, liberando un’area considerevole all’interno della stazione ferroviaria, ciò potrà lasciare spazio a nuove strutture che migliorino la qualità dei servizi per i viaggiatori. Ringrazio quindi RFI per aver creduto in questo progetto, così come i soci del Consorzio Uno Ap3: Ikea, Generali Properties, Real Estate Srl”.

Il progetto consentirà di sviluppare il traffico merci, obiettivo che insieme al miglioramento degli standard di regolarità, puntualità e qualità del trasporto regionale, è al centro del Piano d’impresa del Gruppo FS Italiane.

“Quanto sarà realizzato a Piacenza – ha ricordato Rete Ferroviaria Italiana – è frutto della positiva collaborazione fra RFI, gli operatori del Consorzio Uno Ap3 e il Comune di Piacenza, il cui ruolo di coordinatore è stato fondamentale per raggiungere l’obiettivo”.

Nasce Seta, società unica per i trasporti su gomma in Emilia

Un filobus a Modena

Un solo operatore per il trasporto su gomma in Emilia occidentale. Nascerà ufficialmente il 17 ottobre prossimo Seta, Società emiliana trasporti autofiloviari, in cui confluiranno Atcm spa, che opera nel modenese e sulla costa, Tempi spa, che si occupa del trasporto a Piacenza, e il ramo gomma di Act Reggio Emilia.

Il percorso è cominciato tre anni fa, con la privatizzazione del 49% di Atcm e il risanamento dei conti. Poi la scelta di unificare i trasporti di Modena, Reggio e Piacenza, con i vari passaggi attraverso i rispettivi consigli comunali.

Seta sarà operativa dal 1 gennaio 2012, con un organico di 1.134 dipendenti, 892 mezzi marcianti e un valore della produzione superiore a 87 milioni di euro. Bus e filobus copriranno circa 32 milioni di chilometri tra urbano ed extraurbano.

L’Anas celebra con la città di Piacenza i 150 anni dell’Unità d’Italia

Piacenza

Il ponte sul fiume Po, aperto al traffico da ANAS lo scorso 18 dicembre, si  illuminerà a festa per celebrare con la città di Piacenza i 150 anni dell’Unità d’Italia. L’impianto di illuminazionee artistico, farà splendere le prime tre campate del ponte e metterà in risalto l’architettura dell’opera. Contemporaneamente verrà inaugurata la diramazione che collega la pista ciclopedonale sul ponte per lo scavalco del fiume e la sottostante Via Nino Bixio di Piacenza.

Il Presidente Ciucci: “L’illuminazione del ponte sul Po in occasione di una ricorrenza importante per la città di Piacenza è per l’Anas motivo di grande soddisfazione per un’opera che rappresenta la laboriosità e la competenza degli italiani”

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner