Articoli marcati con tag ‘pooling’

Malvestio: “Pallet problema urgente per l’autotrasporto italiano. Scambi e professionisti dei bancali possibili soluzioni”

Pallet pooling e “professionisti dei bancali” per sanare la situazione italiana dello scambio dei pallets nell’autotrasporto che rappresenta un unicum (negativo) in Europa. La ricetta è di Antonio Malvestio, presidente del Freight Leaders Council, l’associazione che da 25 anni studia l’evoluzione della logistica e riunisce i maggiori operatori del settore, intervenuto ieri al convegno sul tema organizzato a Bologna dal Gruppo CDS in collaborazione con FIAP, Federazione Italiana Autotrasportatori Professionali.Dal confronto con gli operatori è emerso che la situazione dei pallets in Italia non ha avuto evoluzioni positive negli ultimi anni e rimane uno dei tanti talloni d’Achille della movimentazione delle merci via strada. L’ex sottosegretario, Bartolomeo Giachino, al quale va indubbiamente il merito di un mandato particolarmente attento alle problematiche dell’autotrasporto, ha sottolineato durante il convegno, come siano state lasciate dormienti una serie di norme varate a sostegno del settore e per le quali i controlli latitano.Malvestio ha invitato le aziende di trasporto, notoriamente l’anello debole del sistema dei trasporti merci Italiani, a fare una attenta e puntigliosa analisi dei costi relativi alla gestione dei pallets per poter documentare le spese effettivamente sostenute. Il presidente del FLC ha anche lanciato l’idea di formare dei veri e propri professionisti dei pallets, con “stages per neolaureati che tanto faticano a trovare impieghi interessanti per completare gli studi”. “Una conoscenza approfondita dei propri costi  per gestire i bancali – ha ribadito Malvestio – assieme ad una migliore conoscenza delle leggi esistenti faciliterebbe senz’altro la negoziazione e consentirebbe di classificare i committenti in base alla distanza dalle buone pratiche”Infine, il presidente del FLC ha indicato l’interscambio dei pallets (pallet pooling) come una pratica con molti benefici e perfetta compatibilità economica per grandi realtà, mentre risulta meno conveniente per la gestione di flussi minimi.

1 MILIONE DI MEZZI PALLET PER CHEP ITALIA!

CHEP Italia, filiale italiana del leader mondiale nelle soluzioni di pooling di pallet e contenitori, raggiunge un traguardo importante: la consegna del milionesimo pallet 80×60 effettuata lo scorso agosto!

Il mezzo pallet fa parte della famiglia dei pallet espositori che migliorano la visibilità dei prodotti nei punti vendita e riducono la possibilità di esaurimento scorte, incrementando così le vendite all’interno del punto vendita. Diretta conseguenza è una riduzione dei costi di rifornimento, unita a un più semplice e veloce posizionamento del prodotto, con un impatto diretto sui costi. Inoltre, ma non ultimo, il pallet espositore, permette di incrementare la visibilità del marchio esposto.

Dal canto suo il pallet 80×60 è uno strumento estremamente flessibile in quanto in grado di massimizzare lo spazio disponibile per il consumatore al punto vendita.

Non ultimo, il mezzo pallet CHEP contribuisce enormemente alla sostenibilità ambientale: il suo utilizzo all’interno della supply chain ogni anno ha infatti permesso di risparmiare 564 tonnellate di CO2, di utilizzare il 45% in meno di pallet bianchi e di consumare il 74% in meno di legno.

I pallet 80×60 CHEP dispongono naturalmente di tutte le caratteristiche di qualità, solidità e robustezza di tutti gli altri pallet CHEP e in particolare i supporti angolari in acciaio garantiscono la massima stabilità durante la movimentazione. Numerosi clienti dell’Industria e della Grande Distribuzione hanno iniziato ad utilizzare sempre di più questi prodotti negli ultimi anni.

Come evidenziato nel sito www.lanostraricetta.it, la tutela ambientale è da sempre parte della mission di Coca-Cola HBC Italia. Il percorso di riduzione delle emissioni di CO2, già intrapreso da anni, è proseguito dal 2012 con alcuni interventi indiretti sulle fonti di emissione. Coca-Cola HBC Italia ha operato una revisione generale delle politiche di trasporto e ha in parte sostituito il sistema di trasporto tradizionale delle acque minerali con uno nuovo intermodale, garantendo così un minore impatto ambientale. “Oltre a numerose partnership raggiunte per contribuire a proteggere i bacini idrografici locali, aumentare il riciclo dei materiali e promuovere uno stile di vita sano e attivo, i nostri sforzi sono anche diretti a ridurre al minimo l’impatto ambientale legato alle nostre stesse attività” sottolinea Manuel Biella, Logistic Director di Coca-Cola HBC Italia. “Grazie all’uso dei pallet CHEP 80*60 ad esempio, oltre a utilizzare meno legno per movimentare i nostri prodotti e risparmiare tonnellate di CO2, di fatto aumentiamo anche l’efficienza dei nostri processi”

“Il vantaggio del pallet 80×60 è che può essere posizionato direttamente nel punto vendita, evitando inutili movimentazioni, oltre a incrementare l’omogeneità e l’efficienza nell’ultima parte della filiera logistica, dove le unità di trasporto sono di norma molto diverse,” sottolinea Giuseppe Congia Sales Manager di Cellino Group.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner