Articoli marcati con tag ‘portacontainer’

MSC PALOMA, ARRIVA AL PORTO DI TRIESTE UNA NAVE DA 14 MILA TEU

E' previsto per giovedì 15 dicembre l'arrivo al molo VII del porto di Trieste della
"MSC Paloma", nave da 14mila Teu che, a poco meno di un anno di distanza, sposterà
ancora il record quale portacontainer con la maggiore capacità mai entrata nel Mare
Adriatico. Il record precedente, sempre con ormeggio sulle banchine gestite da
Trieste Marine Terminal, apparteneva alla MSC Luciana con 11.660 Teu, seguita da
altre navi gemelle dopo il suo arrivo nei primi giorni di gennaio.

"L'evoluzione e la crescita del porto di Trieste - ha commentato il presidente
dell'AdSP dell'Adriatico Orientale, Zeno D'Agostino -  continuano insieme ai
maggiori protagonisti mondiali del settore. In maniera progressiva si stanno
realizzando gli scenari che premiano le strategie dei nostri terminalisti e del
porto più in generale, consentendo un pieno rilancio dell'economia del nostro
territorio. Le grandi compagnie concentrano i traffici negli scali che hanno le
infrastrutture e i servizi più idonei, ma soprattutto più efficienti. MSC ha
investito direttamente nel molo VII e nel porto di Trieste più di un anno fa e sta
confermando la fiducia in noi con l'arrivo di nuovi traffici che solo giganti come
la MSC Paloma possono gestire in maniera ottimale".

Costruita nel 2010 dal cantiere coreano Daewoo Shipbuilding&Marine Engineering, la
"MSC Paloma" misura oltre 365 metri di lunghezza per poco più di 51 di larghezza,
mentre i contenitori sono disposti lungo 20 file.
Appartenente alle meganavi con il "castello" e il ponte di comando circa a metà
della lunghezza, la "MSC Paloma" può ormeggiare allo scalo giuliano grazie ai
fondali naturali da 18 metri, mentre il recente ammodernamento delle gru di banchina
consentirà a TMT di operare sulla nave con l'efficienza richiesta ai più moderni
porti nazionali ed internazionali. L'inserimento su questo servizio di navi di
maggiore capacità è un evidente segnale della volontà di rafforzamento della
presenza e della crescita di traffico sul porto di Trieste e su TMT.

Il molo VII, infatti, è oggi l'unico dell'Adriatico in grado di ormeggiare in
contemporanea due meganavi oceaniche, con una capacità che sarà ulteriormente
rafforzata dagli imminenti investimenti privati.
I recenti interventi pubblici - affiancati da nuovi progetti finanziati per un
totale di circa 50 milioni di euro - sull'infrastruttura ferroviaria dello scalo,
infine, stanno mantenendo il trend di crescita che questa tipologia di traffici
hanno assunto nell'ultimo decennio.

MSC Lucania attracca a Trieste

E’ arrivata nei giorni scorsi al Porto di Trieste la Msc Luciana, nave da 11.660 Teu che fa segnare un nuovo record per il Molo Settimo. Si tratta infatti, specifica una nota dell’Autorità Portuale, della portacontainer con la maggiore capacità mai entrata in Adriatico. La Msc Luciana, costruita nel 2009, misura 363,5 metri di lunghezza per 45,6 di larghezza, caratteristica quest’ultima che le consente di disporre i contenitori su 18 file. Le operazioni di carico e scarico potranno essere effettuate grazie alle recenti modifiche apportate alle gru gestite da Trieste Marine Terminal.

Il Molo Settimo è l’unica banchina dell’Adriatico a poter ospitare in contemporanea due meganavi oceaniche. La Msc Luciana fa parte del servizio “2M”, joint service tra Maersk Line e Msc che collega l’Adriatico all’Estremo Oriente.

Nei mesi scorsi i record di portata per navi che avevano toccato il Porto di Trieste, scalo che può vantare fondali profondi ben 18 metri, erano stati battuti da altre due meganavi dello stesso Consorzio, ma della compagnia di navigazione Maersk: la Gerda Maersk e la Maersk Altair

ATTRACCA A VENEZIA LA CMA CGM CORNEILLE

È arrivata  presso il terminal container Vecon di Porto Marghera la nave portacontainer più grande mai entrata nello scalo lagunare.

Una toccata, resa possibile dal raggiungimento dei nuovi pescaggi a meno 11.50 metri ad aprile 2013, che sarà propedeutica all’attivazione di una nuova linea diretta dal Far East denominata Phoenician Express.

Un risultato raggiunto grazie agli sforzi congiunti di tutti -  ha dichiarato in banchina il Presidente dell’Autorità Portuale Paolo Costa – che consentirà allo scalo veneziano di essere nuovamente collegato con una linea diretta con i mercati e le economie oggi più produttive. I benefici si faranno sentire per imprese terminaliste dello scalo ma soprattutto per tutti gli imprenditori del Nordest che potranno contare su un collegamento quindicinale con il Far East a supporto dell’export e della crescita”.

Arriva a Cagliari la Eurocargo Alexandria

Una maxi-nave da quattromila metri lineari di stiva per il trasporto di camion e rimorchi dal 17 marzo nel porto di Cagliari. E’ la Eurocargo Alexandria, e coprira’ la linea Salerno-Cagliari-Valencia.
”Si tratta di un’importante novita’ – ha spiegato il presidente dell’Autorita’ Portuale di Cagliari, Piergiorgio Massidda – perche’ la nuova nave, varata appena due anni fa, aumentera’ sensibilmente la capacita’ di carico delle tratte e la qualita’ complessiva delle linee”.
Un’imbarcazione che rafforza i collegamenti tra Sardegna, Spagna e Mezzogiorno. ”L’impiego di questa unita’, in un momento in cui e’ difficile fare investimenti – continua Massidda – testimonia il forte impegno del Gruppo Grimaldi nel favorire il trasporto marittimo delle merci tra il Sud dell’Italia, Sicilia inclusa, per Cagliari e per la Spagna ed il Portogallo, e tra la Sardegna e la penisola iberica e ci fa ben sperare per il futuro commerciale del nostro scalo

L’Emma Maersk approda a Palermo

Il fatto che la Maersk abbia scelto la Sicilia per le delicate e impegnative operazioni di riparazione e manutenzione della sua Ammiraglia, non può che gratificarci, rappresentando un riconoscimento della professionalità e della qualità del comparto marittimo nostrano». Con queste parole il marketing manager di Est (Europea servizi terminalistici) Antonio Pandolfo, ha commentato  l’arrivo a Palermo di “Emma Maersk”, una delle otto portacontainer più grandi al mondo.

L’agenzia marittima siciliana ha avuto l’incarico di curare l’approdo e la permanenza della nave da parte dell’Armatore di una delle più grandi aziende leader del mercato: «Questa commessa – continua il rappresentante di Est – rappresenterà di certo una boccata d’ossigeno per la Fincantieri, che impegnerà a rotazione le sue maestranze per quattro mesi circa, e per l’economia dell’Isola più in generale: sarà una vetrina anche per dimostrare la competenza del comparto siciliano dello shipping, a garanzia dello sviluppo dei nostri porti e dei servizi offerti».

La Emma Maersk è stata la prima nave oltre i 10.000 TEU di capacità introdotta nel mercato nel 2006. Insieme a altre sette navi gemelle, fa parte della PS-class, una delle più moderne, soprattutto dal punto di vista dell’attenzione agli impatti ambientali. L’Ammiraglia due settimane fa ha subito un allagamento in sala macchine ed è stata trainata dal Suez Canal Container Terminal, dov’è stata ormeggiata a seguito dell’incidente.

La jolly perla consegnata alla Ignazio Messina

È stata consegnata nei giorni scorsi presso i cantieri coreani Daewoo la M/n ro-ro portacontainer Jolly Perla, seconda delle quattro unità gemelle ordinate dalla Ignazio Messina & C SpA.

La nave salperà dal porto di Shanghai con un pieno carico di rotabili che sbarcherà nel porto algerino di Djen Djen e poi proseguirà con destinazione Genova dal cui porto capolinea della  società genovese sarà inserita sulla linea Mediterraneo/Mar Rosso/Africa Orientale/Sud Africa.

La M/n Jolly Perla batte bandiera italiana, è iscritta presso la il Compartimento Marittimo di Genova, certificata dal RINA e composta da 20 membri di equipaggio dei quali 16 italiani con a capo il Comandante Salvatore Cammareri  di  La Spezia.

Avanza così , con questo secondo  ulteriore step che segue il varo della Jolly Diamante,   il Piano Industriale  che porterà il Gruppo armatoriale Messina a dotarsi di quattro  nuove navi ro-ro portacontainer che, con una capacità di 3.100 teu, oppure oltre 6.350 metri lineari di carico rotabile, saranno fra le più grandi di questo tipo mai costruite al mondo.

La costruzione della M/n Jolly Perla e delle tre gemelle costituisce   una autentica  svolta per la Ignazio Messina & C SpA che è entrata sul mercato delle newbuilding con l’obbiettivo principale di un ammodernamento della flotta di proprietà.

Interamente progettate dai tecnici del Gruppo armatoriale genovese sotto la guida dell’Ing. Allieri e finanziate dal Gruppo  Banca Carige, le nuove navi  sono a  tecnologia avanzata e dotate dei più moderni sistemi anti-inquinamento, come un sofisticato ed innovativo sistema di pulizia dei gas di scarico e per questo prime al mondo ad ottenere da parte del RINA la qualifica GREENPLUS che certifica il massimo rispetto dell’ambiente; lunghe 240 metri e larghe 37,50 m, in grado di trasportare a una velocità di 21,5 nodi sino a 3.100 teu ovvero con una capacità di carico rotabile, di ogni tipo e peso, di 6.350 metri lineari.

Le nuove unità disporranno di grande flessibilità operativa, in particolare di un pescaggio che consentirà loro di operare anche in quei porti che, per i bassi fondali e le infrastrutture di terra inadeguate, non possono ricevere oggi le grandi navi porta containers.

Le quattro unità gemelle dispongono inoltre di una rampa di carico progettata per consentire il trasporto di carichi eccezionali e di materiale impiantistico sino a 7 metri di altezza con una portata di 350 tonnellate. Tutte e quattro le navi batteranno bandiera italiana, saranno iscritte al Registro Internazionale  ed operate da equipaggi con personale di nazionalità prevalentemente italiana.

Il valore complessivo dell’investimento supera i 300 milioni di dollari.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner