Articoli marcati con tag ‘porti dell’adriatico’

PORTI NAPA – ASSEMBLEA ANNUALE – SIGLATO IL NUOVO PIANO STRATEGICO

La firma di un ‘ memorandum of understanding’, che mette nero su bianco il piano strategico, individuando priorita’, bisogni e richieste da presentare all’ Europa e agli stati membri, e’ il risultato a cui sono arrivati i rappresentanti dei porti del Napa (Venezia, Trieste, Koper e Rijeka), che si sono riuniti presso la sede dell’ Autorita’ portuale di Venezia. ” La nostra assemblea semestrale – ha spiegato Paolo Costa, presidente dell’ Autorita’ portuale veneziana e del Napa – e’ importante in quanto cade in un momento in cui e’ cambiato lo scenario europeo, visto che da qualche giorno il Parlamento e il Consiglio europeo hanno approvato due regolamenti, che confermano i nostri tra i porti di primo livello e dettano lo sviluppo infrastrutturale europeo di qui al 2030. E’ per questo che abbiamo sentito la necessita’ di ridefinire i nostri obiettivi, attraverso la firma di questo memorandum, che stabilisce le linee principali. I risultati, mercantili e di traffico, raggiunti sul campo in questi anni ci hanno infatti dimostrato che, se noi pensassimo a noi stessi come un unico porto, come viene gia’ percepito dai nostri utenti, saremmo il terzo o quarto scalo europeo”. Costa ha sottolineato come, quest’ anno, si sia vicini a raggiungere i due milioni di teu, ” con una crescita che e’ proseguita anche negli anni di crisi”. ” Il motivo del nostro successo – ha proseguito – e’ il fatto che l’ Adriatico e’ l’ unico posto del Mediterraneo teoricamente cosi’ vicino a due grandi mercati, da Belgrado a Roma. Sta a noi mantenere queste possibilita”’. Il memorandum ha quindi stabilito degli obiettivi: da quelli ambientali (” che anticipino le scelte europee dei prossimi dieci anni”) alla continuazione dell’ approfondimento dei collegamenti informatici, dalla prosecuzione delle attivita’ di mercato unitarie (” ci presenteremo alle piu’ importanti fiere come Napa”) alla continuazione dei lavori di collegamento alle rete ferroviarie e di navigazione interna che stanno alle spalle degli scali (” a partire dal primo cofinanziamento europeo, partito da pochi giorni”). ” Completeremo – ha chiarito Costa – nel prossimo semestre i dettagli operativi di quanto definito oggi nel memorandum, per rendere trasparente la strategia”. Il memorandum ha infine previsto la possibilita’ di aprire il Napa non solo ai porti ‘ Core’, ma anche a quelli ‘ Comprehensive’, quelli cioe’ di secondo livello, ma di interesse europeo, come Monfalcone, che ha gia’ chiesto di aderire. ” Abbiamo previsto anche – conclude Costa – la possibilita’ di allargarci anche ad altri soggetti operativi e ai nostri utenti, anche avanmare o entroterra, con i quali e’ gia’ stato avviato qualche colloquio”.

ENAC PARTECIPA AL PROGETTO ADRI-SEAPLANES

L’obiettivo principale dell’Adriatic-Seaplanes Project è quello di valutare la fattibilità tecnica, economica e normativa di un sistema di trasporto realizzato tramite idrovolanti (mezzi aerei che decollano e atterranno sull’acqua) che colleghi alcuni porti dell’Adriatico attrezzati allo scopo.
Il progetto è stato finanziato nell’ambito del Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico 2007-2013 e vede la partecipazione oltre che dell’Enac, di altre istituzioni quali la Provincia di Teramo, l’Autorità Portuale di Brindisi, il Porto di Bar (Montenegro), la Regione Puglia – Assessorato ai Trasporti e Vie di Comunicazione, la Prefettura di Corfù (Grecia), il Porto di Valona (Albania), l’Autorità Portuale di Pola (Croazia) e il Ministero dei Trasporti del Montenegro.
L’Enac ha in particolare il compito di analizzare gli aspetti regolatori e individuare un modello operativo coerente con le diverse normative vigenti nei vari Stati interessati. Per questo motivo all’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile è stato chiesto di creare un comitato ad hoc – Adriatic Seaplane Committee – proprio per fornire un supporto tecnico e normativo alle istituzioni coinvolte, al fine di armonizzare le norme dei vari Stati nel lancio e nella realizzazione del progetto di trasporto e collegamento in questa parte del Mediterraneo.
Nei giorni scorsi hanno avuto luogo i primi test tecnici dei voli con idrovolanti tra alcuni porti dell’Adriatico che aderiscono all’iniziativa.
L’evento conclusivo, in corso oggi e domani, consiste in un meeting con gli Enti, le associazioni e gli operatori locali coinvolti nel progetto, per l’avvio dell’Adriatic Seaplane Committee, l’organo consultivo e regolatorio del progetto stesso promosso dall’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile e costituito dalle autorità per l’aviazione civile delle Nazioni coinvolte.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner