Articoli marcati con tag ‘regione Piemonte’

Trasporto ferroviario regionale: la situazione sulle linee piemontesi

Alcune informazioni in merito a quanto denunciato dalla Regione Piemonte sul servizio ferroviario, partendo dai ritardi di questa mattina sulla linea SFM 2 Pinerolo-Chivasso.

Come già comunicato, i problemi riscontrati, questa mattina, sulla linea SFM 2 Pinerolo-Chivasso, sono stati causati dal conducente di un mezzo pesante – con sagoma eccedente i limiti consentiti – che, nell’oltrepassare un passaggio a livello,  ha danneggiato le sbarre e la linea di alimentazione elettrica.

Questo ha obbligato alla sospensione della circolazione per poter ripristinare gli ingenti danni provocati, in particolare ai 500 metri di linea di alimentazione completamente da sostituire.

Per quanto riguarda le altre linee regionali, in particolare la linea Torino-Savona, ricordiamo come gli eventi atmosferici che si sono verificati nella seconda metà del mese di novembre, con fenomeni di pioggia particolarmente intensa e anomala in particolare nel cuneese, abbiano provocato movimenti franosi, nati nella quasi totalità di casi da terreni non di proprietà ferroviaria.
Questi episodi hanno imposto a Rfi l’introduzione di rallentamenti nei tratti di linea interessati dal dissesto.

Le temperature particolarmente basse riscontrate nel mese di gennaio hanno, invece, creato fenomeni gelivi sulla linea di alimentazione e ai binari difficilmente preventivabili. A questo si sono aggiunti numerosi atti vandalici e il mancato rispetto del Codice della Strada da parte degli automobilisti in transito dai passaggi a livello con conseguenti danneggiamenti e ripercussioni sulla circolazione, in particolare sulle linee Torino-Pinerolo, Chivasso-Ivrea e Alba-Carmagnola.

Rete Ferroviaria Italiana ha continuato a garantire il proprio costante impegno per ridurre le conseguenze sulla circolazione di queste problematiche che, vista la loro comparsa improvvisa e non preventivabile, non è stato possibile annullare completamente. In particolare sono state organizzate, tramite le squadre di manutenzione, azioni di lubrificazione delle linee aree di alimentazione per ridurre il fenomeno gelivo, presenziamenti fin dalle prime ore della mattina per assicurare il tempestivo pronto intervento sugli impianti in caso di guasto e la predisposizione di squadre dedicate alla manutenzione dei passaggi a livello.

Seppur con la consapevolezza che i disagi ci sono stati, le rilevazioni certificate evidenziano un aumento della puntualità* nel mese di gennaio rispetto il mese precedente, a conferma della bontà dei provvedimenti presi. Infatti tutte le linee gestite da Trenitalia registrano un trend positivo con un miglioramento della puntualità del 4,1% sull’SFM2 Pinerolo-Chivasso, +7,4 % sulla linea SFM4 Torino-Bra-Alba, il 3% in più dei collegamenti puntuali sull’SFM7 Torino-Fossano arrivando a superare l’11% di miglioramento sulle linee Torino-Savona,  Torino-Milano e Alba-Cavallermaggiore dove i dati certificati riscontrano che il 97,9 % dei treni è arrivato puntuale.

Un servizio anche più affidabile grazie a un deciso calo del numero dei treni cancellati, sceso, a gennaio, del 23 % rispetto al mese precedente e del 59% rispetto a novembre 2016.

Nei prossimi mesi saranno implementati ulteriormente gli interventi di manutenzione straordinaria e rinnovo degli impianti ferroviari del nodo di Torino e su tutte le linee che hanno manifestato criticità nelle ultime settimane mentre sui tratti di linea della Torino-Savona in cui oggi sono presenti i rallentamenti, RFI sta intervenendo con la realizzazione di importanti opere di contenimento con l’obiettivo di eliminarli, quasi completamente, entro la primavera.

In questo quadro assume ancora più importanza l’attività avviata da RFI e Regione Piemonte per procedere velocemente nella ricerca di soluzioni e intese con gli Enti Locali per ridurre il numero dei passaggi a livello sulle linee, in particolare quelle con un numero elevato.

Trasformare ex reti ferrovie in piste bici

Il Piemonte punta a un progetto unico in Italia: trasformare in piste ciclabili le reti ferroviarie dismesse da almeno dieci anni. Il Consiglio regionale ha approvato un emendamento in tal senso, proposto dal Pd e collegato alla manovra finanziaria 2013.
”Stiamo lavorando a un progetto sperimentale di questo tipo già da diversi mesi – ha detto l’assessore regionale al Turismo, Alberto Cirio -. Stiamo discutendo anche con Rfi per ottenere il comodato d’uso gratuito. Per la tecnologia utilizzata l’idea non avrebbe altri esempi in Italia”.
Il progetto prevede di utilizzare pannelli di gomma adagiati sulle rotaie, di dimensioni tali da rendere la pista percorribile in entrambi i sensi di marcia. ”Si tratta di una modalità innovativa che ha tre punti di forza – ha sottolineato Cirio: è economica, non impatta sull’ambiente ed è reversibile, nel caso in cui si decidesse di riattivare il tratto ferroviario”.
I tempi di realizzazione sarebbero brevi e la Regione potrebbe sostenere economicamente il progetto attraverso i fondi Fas per il sistema turistico.

Autorità dei Trasporti: Cota, avrà sede a Torino

“Torino sarà sede dell’authority trasporti”. Lo afferma il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, sulla homepage del suo sito web. “E’ quanto contenuto nell’emendamento al DL n. 76 a firma Malan approvato nelle commissioni VI e XI del Senato – prosegue Cota -. Mi ha appena comunicato la notizia il presidente Mauro Marino, con cui ero in contatto per seguire l’iter della procedura”. “La squadra Piemonte funziona”, conclude Cota.

Cota/Burlando : investire sul porto di Genova

Ammodernare il porto di Genova per metterlo nelle condizioni di competere con i grandi porti del Nord Europa non e’ solo un interesse della citta’ di Genova. E’ un interesse della macroregione Piemonte-Lombardia-Liguria, e piu’ in generale dell’Italia. Ne sono convinti i presidenti di Piemonte, Roberto Cota, e Liguria, Claudio Burlando, che oggi sono tornati ad incontrarsi a Torino per rilanciare gli accordi presi due settimane orsono a Genova. Insieme al presidente della Lombardia, Roberto Maroni, sono uniti nello sforzo comune di sollecitare il governo a scommettere sul grande capitolo della logistica. Che significa porto, terzo valico, interporto.
Cota e Burlando lo hanno ribadito oggi a Torino al termine di un incontro tra le delegazioni delle rispettive giunte regionali. ”Non ho paura di usare la parola macroregione – ha detto Burlando -. Perche’ la scelta che si ha davanti e’ semplice: se si vuole competere a livello globale bisogna adeguare le nostre infrastrutture, a cominciare dal porto. Ne hanno bisogno le imprese piemontesi, lombarde, venete”. ”Il nostro obiettivo – ha aggiunto Cota – e’ di far sentire la nostra voce a Roma, uniti. Una macroregione alpino-mediterranea richiede la necessita’ di parlare con una voce sola”.
Cota e Burlando convengono sul fatto che il porto di Genova e’ ormai troppo piccolo per intercettare i nuovi flussi mercantili, soprattutto quelli asiatici e del Nord Africa. E’ necessario dunque spostare l’attuale diga foranea di 500 metri, investimento da un miliardo di euro. ”E’ evidente che si tratta di una scelta strategica – ha sottolineato Burlando -. Ma e’ proprio questa la scelta che abbiamo di fronte come Paese. Non a caso lo avevano capito benissimo cinquant’anni fa, quando nell’organismo che presiedeva il porto di Genova, il Cap, sedevano stabilmente anche i sindaci di Torino e Milano”. Gia’ oggi da Genova, Savona e Spezia transitano 3,2 milioni di teus (twenty feet unit, l’unita’ di misura dei container).
”Si tratta del 60% delle merci che arrivano o partono in Italia via nave. Hanno bisogno di uno sbocco verso gli spazi della pianura, perche’ a Genova gli spazi non ci sono”. E’ interesse di Lombardia, Piemonte e Liguria, ma in senso lato dell’Italia intera, fare in modo che quegli spazi vengano trovati, per gestire i flussi in funzione di volumi, criteri e tempistiche al passo coi tempi. Da qui l’esigenza di portare a termine di Terzo Valico, ”facendo pero’ attenzione di partire col piede giusto – ha sottolineato Cota – evitando che ci sia un’altra Val di Susa”.Per tutti questi motivi i presidenti di Piemonte, Liguria e Lombardia sono intenzionati ”ad andare avanti diritti, senza cambiare rotta – ha detto Burlando -. La collaborazione con Cota e Maroni ha un enorme valore. Il Nord-Ovest non puo’ essere trattato come una forza divisa. Se mettiamo insieme le nostre potenzialita’, diventiamo una macroregione logisticamente molto, molto importante per tutto il Paese”.
Cota e Burlando si sono accordati su un documento per dare vita a una cabina di regia comune tra Piemonte, Liguria e Lombardia per coordinare i rispettivi piani sulla logistica. ”C’e’ la volonta’ comune di proseguire sul Terzo vaico – ha precisato Cota -. Ma c’e’ in primo luogo il bisogno di ammodernare il Porto di Genova. Abbiamo sottoscritto un protocollo d’intesa e intendiamo rispettarlo”. Il prossimo 25 luglio previsto un incontro con il ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando.

FS: Viaggi Slow Price per il Salone del Gusto

Particolari agevolazioni saranno riservate ai clienti di Trenitalia (Gruppo FS) in visita al nuovo Salone del Gusto e Terra Madre
la manifestazione di Slow Food,Regione Piemonte e Città di Torino , in programma a Torino dal 25 al 29 Ottobre 2012

presentata oggi alla stampa.
Tutti i soci Cartafreccia e i clienti Frecciarossa e Frecciabianca in arrivo a
Torino otterranno nei cinque giorni della manifestazione una riduzione del 20% sul
ticket d'ingresso, purché la data del viaggio coincida con quella di visita al
Salone. Nella giornata inaugurale e in quella conclusiva, giovedì 25 e lunedì 29
ottobre, i soci Cartafreccia ORO e PLATINO in arrivo a Torino con le Frecce
riceveranno due biglietti d'ingresso al prezzo di uno.
Salone del Gusto e Terra Madre quest'anno si fondono in unico evento che racconta la
straordinaria diversità agroalimentare di ogni continente. E premia chi produce un
cibo la cui qualità è definita dalla sostenibilità ambientale, dalla bontà
organolettica e dalla giustizia sociale. Un'iniziativa in linea con la politica di
Ferrovie dello Stato Italiane che ha di recente contribuito a realizzare e ha
sottoscritto la Carta di Sostenibilità Ambientale, promossa da Confindustria e dal
Ministero dell'Ambiente, come contributo italiano alla Conferenza sullo sviluppo
sostenibile "Rio +20", convocata dalle Nazioni Unite a Rio de Janeiro, dal 20 al 22
giugno 2012.
La virtuosità ambientalista del treno è ben evidenziata dai sistemi Ecopassenger e
EcoTransIT due sistemi di calcolo disponibili online sul sito web di Ferrovie dello
Stato Italiane che consentono una rapida comparazione tra viaggi in aereo, auto,
treno e camion rispettivamente di passeggeri e merci, calcolando i consumi
energetici di ciascuno e le relative emissioni in atmosfera di CO2 e dei principali
inquinanti.
Questo particolare confronto sarà evidenziato anche dagli organizzatori in occasione
del Salone del Gusto e Terra Madre, dove verrà calcolato il risparmio di CO2 cui il
visitatore ha contribuito scegliendo il treno.
I dettagli dell'iniziativa eco-sostenibile saranno illustrati nella sezione
"Promozioni e Offerte" di trenitalia.com<http://www.trenitalia.com>. Informazioni
anche su slowfood.it<http://www.slowfood.it>.

Arenaways a Milano prima delle 9.00

Arenaways ottiene di arrivare a Milano prima delle 9.00

«Siamo ancora molto lontani dall’essere soddisfatti – ha dichiarato Giuseppe Arena, Amministratore Delegato di Arenaways – ma poter finalmente arrivare a Milano prima delle 9.00 è un segnale positivo perché ci consente di offrire un servizio finalmente sensato, almeno per i pendolari che lavorano nei pressi di Porta Garibaldi». Sulla base del consuntivo dei primi 4 mesi, che dal lunedì al venerdì ha evidenziato una media passeggeri di circa 130 al giorno, e al fine di contenere i costi di un bilancio che senza fermate intermedie continua ad essere in perdita, Arenaways ha deciso di sospendere le tratte pomeridiane, che operavano con una media di 8 passeggeri. Allo stesso tempo Arenaways conferma la promozione 10€ a tratta, 100€ per  l’abbonamento, anche per tutto il mese di aprile, con la possibilità di acquistare sia il biglietto sia l’abbonamento a bordo, ovviamente senza sovrapprezzo.

«Ho appreso in questi giorni della nascita del Coordinamento Comitati Pendolari del Piemonte – ha dichiarato Giuseppe Arena – e sono molto contento perché purtroppo ritengo che solo unendo le singole voci in un unico coro ci si possa far sentire da chi continua a fare orecchie da mercante sui problemi del trasporto passeggeri in Piemonte.



Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner