Articoli marcati con tag ‘Regione Puglia’

Perocchio. “ ..dal 2015 la ripresa, promozione sui mercati esteri e migliori normative “

Al 12° SNIM , l’unico Salone Nautico della Puglia inauguratosi ieri alla presenza del sottosegretario alle Infrastrutture Umberto Basso De Caro e del direttore generale del dicastero Cosimo Durante , presenti le massime autorità civili e militari, Assomarinas, per voce del suo presidente Roberto Perocchio ha sottolineato l’importanza dell’evento fieristico per l’animazione del mercato nautico anche se “ l’anno in corso, numeri alla mano, presenta le stesse difficoltà del 2013 mentre gli operatori attendono la ripresa per il prossimo anno quando potrà partire il credito al consumo ed il Governo avrà ricreato il clima di fiducia nell’utenza”. Il presidente ha inoltre ricordato come sia già allo studio un miglior coordinamento dei controlli, l’attivazione del registro elettronico delle imbarcazioni (n.d.r. per la cui attuazione il Consiglio di Stato ha recentemente espresso parere favorevole e la cui accelerazione è stata confermata nell’intervento del Sottosegretario De Caro), nonché il riconoscimento del turismo nautico come importante risorsa economica per il Paese.
Non è mancato poi un preciso riferimento alla portualità turistica pugliese ricordando all’assessore regionale allo Sviluppo Economico Loredana Capone che con il nuovo porto di Manfredonia ed il porto turistico di Cala Ponte che sarà inaugurato a breve, “ si è notevolmente incrementata per la Regione l’offerta di ormeggi ma – ha sottolineato Perocchio – “ in considerazione della crisi del mercato interno e dell’attuale eccesso di offerta di posti barca a livello nazionale con 17.000 nuovi posti barca realizzati negli ultimi 6 anni e 20.000 in via di completamento , è necessario che la Regione, forte delle sue competenze in materia, intensifichi la promozione turistica anche a favore della nautica sui mercati esteri”.
Ha inoltre ricordato il successo registrato nella regione Friuli Venezia Giulia dall’introduzione , con legge regionale, dei “marina resort” ,( normativa che può essere prodotta anche per le regioni a statuto ordinario grazie alle competenze regionali in materia di turismo) , che inquadra il porto turistico come “impresa turistico ricettiva” , innescando conseguentemente alcuni vantaggi fiscali propri del settore alberghiero, “ necessari – ha concluso il Presidente – a compensare il settore nautico dai danni derivati dalla tassa di possesso”.
Pieno accordo col presidente di Assomarinas sulla promozione all’estero e sull’attenuazione dei controlli in mare da parte del presidente nazionale di Assonautica Alfredo Malcarne mentre è stato il Sottosegretario De Caro a confermare la volontà del Governo di riportare la nautica ai livelli ante 2008 quando il comparto contribuiva con oltre 6 Mld al PIL nazionale.

Puglia: accordo per la diffusione dei distributori di metano in autostrada

Anche in Puglia ci saranno distributori di metano in autostrada. Lo prevede un accordo siglato dall’assessorato allo sviluppo economico della regione Puglia, da Aiscat (Associazione italiana società concessionarie autostrade e trafori) e da varie associazioni del settore della distribuzione del metano, tra cui Federmetano.

“Si tratta di un accordo – dice il presidente di Federmetano, Dante Natali – che segue quello già sottoscritto dalle Regioni Emilia Romagna, Liguria, Lombardia e Piemonte. Il nostro auspicio è che anche altre regioni seguano l’esempio di quelle più virtuose che hanno già promosso accordi per la diffusione, anche in autostrada, dei punti di rifornimento di metano. In questo modo si può contribuire a diminuire l’impatto ambientale dei mezzi di trasporto a motore, visto che il metano è il carburante più ecologico tra quelli oggi maggiormente diffusi. Con questo accordo, poi, si offre ai cittadini pugliesi, ed ai molti che si recano in Puglia a trascorrere le loro vacanze, la possibilità di risparmiare sulla spesa per il carburante: infatti il metano è nettamente più economico di benz ina e gasolio”.

ENAC PARTECIPA AL PROGETTO ADRI-SEAPLANES

L’obiettivo principale dell’Adriatic-Seaplanes Project è quello di valutare la fattibilità tecnica, economica e normativa di un sistema di trasporto realizzato tramite idrovolanti (mezzi aerei che decollano e atterranno sull’acqua) che colleghi alcuni porti dell’Adriatico attrezzati allo scopo.
Il progetto è stato finanziato nell’ambito del Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico 2007-2013 e vede la partecipazione oltre che dell’Enac, di altre istituzioni quali la Provincia di Teramo, l’Autorità Portuale di Brindisi, il Porto di Bar (Montenegro), la Regione Puglia – Assessorato ai Trasporti e Vie di Comunicazione, la Prefettura di Corfù (Grecia), il Porto di Valona (Albania), l’Autorità Portuale di Pola (Croazia) e il Ministero dei Trasporti del Montenegro.
L’Enac ha in particolare il compito di analizzare gli aspetti regolatori e individuare un modello operativo coerente con le diverse normative vigenti nei vari Stati interessati. Per questo motivo all’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile è stato chiesto di creare un comitato ad hoc – Adriatic Seaplane Committee – proprio per fornire un supporto tecnico e normativo alle istituzioni coinvolte, al fine di armonizzare le norme dei vari Stati nel lancio e nella realizzazione del progetto di trasporto e collegamento in questa parte del Mediterraneo.
Nei giorni scorsi hanno avuto luogo i primi test tecnici dei voli con idrovolanti tra alcuni porti dell’Adriatico che aderiscono all’iniziativa.
L’evento conclusivo, in corso oggi e domani, consiste in un meeting con gli Enti, le associazioni e gli operatori locali coinvolti nel progetto, per l’avvio dell’Adriatic Seaplane Committee, l’organo consultivo e regolatorio del progetto stesso promosso dall’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile e costituito dalle autorità per l’aviazione civile delle Nazioni coinvolte.

Puglia: migliore progettualità per i porti turistici

La Regione Puglia si e’ attivata per evitare la frammentarieta’ dei finanziamenti e rafforzare, con appositi studi, la progettualita’ dei porti turistici. Anche allo scopo di facilitare una corretta progettazione e l’ottenimento piu’ veloce delle relative autorizzazioni, la Regione ha coinvolto il Laboratorio di Ricerca e Sperimentazione per la Difesa delle Coste (Lic) del Dipartimento d’Ingegneria delle Acque di Bari, attivando una collaborazione con il Politecnico. Questa e’ finalizzata alla realizzazione di modelli fisici utili a verificare la realizzabilita’ di progetti riguardanti i porti turistici previsti nella programmazione regionale. Il modello fisico che si realizza in vasca al laboratorio Lic permette concretamente di realizzare l’opera simulando preventivamente la situazione che si verrebbe a creare nel porto. ”Tutto ha come obiettivo principale – spiega in una nota l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Loredana Capone – quello di proteggere la costa pugliese realizzando interventi di ampliamento e ammodernamento compatibili con le esigenze di tutela”

www.ansa.it

Nuovi sviluppi per il porto di Taranto

Per realizzare e sviluppare i collegamenti stradali tra il porto di Taranto e le aree retro portuali e’ stato sottoscritto un protocollo d’intesa tra Autorita’ portuale, Regione Puglia e Basilicata, Provincia di Taranto, Potenza e Matera, ed i sindaci dei comuni ionici.
La costituzione del sistema logistico del porto di Taranto e’ diretta ad attrarre anche nuovi insediamenti produttivi. ”Sara’ costituito – spiega il presidene dell’Ap di Taranto, Sergio Prete – un gruppo di lavoro composto da tecnici indicati dalle rispettive amministrazioni per la redazione di una mappa ricognitiva delle infrastrutture logistiche e trasportistiche esistenti. L’Ap predisporra’ una bozza di regolamento per la condivisione e realizzazione di procedure amministrative semplificate e per l’attuazione di incentivi fiscali finalizzati all’attrazione di nuovi insediamenti produttivi”.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner