Articoli marcati con tag ‘regione toscana’

La Toscana punta sull’auto ad idrogeno

La Toscana punta sull’idrogeno per avere una mobilità a misura d’uomo e di ambiente:  obiettivo che possiamo raggiungere solo lavorando in squadra”. Stella Targetti, vicepresidente di Regione Toscana, commenta in questi termini una delibera approvata ieri dalla Giunta regionale ieri e fra pochi giorni si tradurrà in un protocollo d’intesa fra Regione ed enti locali (Comune di Pontedera e Provincia di Pisa), università (l’ateneo di Pisa e la Scuola Superiore Sant’Anna), soggetti privati (la società consortile “Pont-Tech Pontedera & Tecnologia”). Una intesa per consolidare, valorizzare e sviluppare i risultati delle ricerche già svolte – e realizzate con il sostegno di Regione Toscana – proprio nell’ambito della mobilità ad idrogeno.

L’obiettivo  è dunque promuovere le possibili integrazioni sulla base dei risultati del “Progetto H2 Filiera Idrogeno” (un progetto sottoscritto fra gli stessi soggetti nel febbraio 2007) e di altri progetti co-finanziati dalla Regione Toscana: risultati giudicati “positivi e promettenti” relativamente a concrete possibilità di ulteriori sviluppi, tecnologici e industriali. Ed è proprio questo lo scopo del nuovo protocollo.

Nel quinquennio appena concluso (con fondi di RegioneToscana superiori a 5,1 milioni) l’idrogeno è stato studiato, sul territorio di Pisa, per un suo concreto impiego nei sistemi di mobilità: con il progetto “H2-Filiera idrogeno” è stato realizzato un veicolo leggero da trasporto alimentato a fuel cell (celle a combustibile); con il progetto “SAVIA” è stato costruito un prototipo funzionante di veicolo alimentato a idrogeno e ammoniaca; con “NanocatGeo” è stato progettato un dispositivo elettrochimico per generare idrogeno mediante dispositivi eolici.

Adesso si tratta di proseguire e di valorizzare questa prima parte di lavoro. Sono individuati tre ambiti di particolare interesse: veicoli e dispositivi per la mobilità sostenibile in modo da sviluppare un sistema di mobilità elettrica nelle principali città toscane; i green process per produrre idrogeno e ammoniaca da utilizzare nella propulsione di veicoli sostenibili; la sperimentazione di prototipi per aree urbane e centri storici, porti e ospedali, aeroporti e aree produttive nel quadro del rinnovamento dei rispettivi parco-mezzi a vantaggio dell’utilizzo di veicoli meno inquinanti

“Con questo accordo – sottolinea Stella Targetti – ci prepariamo, come Regione, a cogliere al meglio le opportunità che saranno offerte dai futuri bandi europei e nazionali sulla green economy e le smart cities“.

RFI : Circolazione rallentata tra Pisa e La Spezia per l’esondazione di due torrenti

Circolazione rallentata dalle 6 di questa mattina fra le stazioni Massa Centro e Carrara Avenza, sulla Direttrice Tirrenica Genova – Pisa, per l’esondazione dei torrenti Carrione e Parmignola.

Il traffico ferroviario era stato sospeso alle 0.55 di questa notte, ma l’intervento delle squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana ha permesso la riattivazione del binario in direzione Sud alle ore 6.

l’Intercity Notte 799 Torino Porta Nuova – Salerno, è stato deviato sulla linea Pontremolese per poi proseguire su Salerno via Firenze – Roma con un allungamento dei tempi di viaggio di circa 120 minuti

L’Intercity Notte 796 Salerno – Torino Porta Nuova è stato deviato sulla linea Pisa – Firenze – Bologna – Piacenza – Genova con un allungamento dei tempi di viaggio di circa 120 minuti.

Solo alcuni treni del traffico regionale sono attestati a Sarzana e Massa Centro, previsti tra le due città servizi con autobus sostitutivi

Tutte le informazioni utili ai viaggiatori vengono comunicate a bordo dei treni e nelle stazioni interessate.

Pisa, un milione di euro per la navetta su rotaia

Il rendering del progetto

Un collegamento diretto e veloce tra la stazione ferroviaria di Pisa e l’aeroporto Galileo Galilei. Si chiama “People Mover” la futura navetta su rotaia, che funzionerà ogni giorno dalle 6 alle 24. La Regione Toscana anticiperà al Comune di Pisa un milione di euro per consentire l’avvio della progettazione, che prevede anche una serie di opere annesse e connesse (come la realizzazione di parcheggi scambiatori). Costo totale dell’intervento: 78 milioni di euro.

La data prevista per l’entrata in funzione della speciale navetta su rotaia è fissata al 2015. Il sistema di connessione tra aeroporto e stazione sarà automatico, senza conducente a bordo, della lunghezza di 1 chilometro e 780 metri. La corsa avrà una fermata intermedia e durerà circa 4 minuti e mezzo. Ad aggiudicarsi i lavori un’associazione temporanea di imprese con capogruppo la Leitner di Vipiteno (Bolzano), azienda leader nel settore dei servizi di trasporto a fune. Le altre imprese coinvolte sono la Società Italiana per Condotte d’ Acqua SpA, Inso SpA e Agudio SpA.

Veleni nel mare di Livorno, interviene il ministro

Il ministro Clini

Si incontreranno lunedì prossimo, 16 gennaio, il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e il ministro dell’Ambiente Corrado Clini. Il vertice è stato convocato alla Prefettura di Livorno per esaminare la situazione venutasi a creare dopo la perdita in mare di circa 200 fusti contenenti sostanze pericolose. L’incidente, che ha visto protagonista una nave cargo della Grimaldi, è avvenuto lo scorso 17 dicembre al largo della costa livornese. Dall’incontro dovrebbero uscire misure apposite per prevenire ogni possibile rischio per l’ambiente e la salute pubblica.

Alla riunione parteciperanno anche la Provincia e il Comune di Livorno, la Protezione Civile, l’Istituto Superiore di Sanità, l’Ispra, il Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri, il Corpo delle Capitanerie di Porto Guardia Costiera, ed il Reparto Ambientale Marino delle Capitanerie.
“Il ministero dell’Ambiente – afferma Clini – metterà in campo tutte le professionalità e il sostegno necessari per gli interventi che si decideranno a salvaguardia dell’ambiente marino e del litorale”.

Toscana, pendolari sul piede di guerra. Aumenti da febbraio

Pendolari in sovraffollamento

La stangata arriva anche per i pendolari. Dal mese prossimo in Toscana è previsto un aumento del 20% del prezzo del biglietto del treno e un contestuale rincaro degli abbonamenti, che saranno vincolati alla dichiarazione Isee (l’indicatore della situazione economica equivalente). E i pendolari, che all’interno della regione hanno dato vita a diversi comitati, sono pronti a dissotterrare l’ascia di guerra appena seppellita. “I pendolari aretini sono circa 10mila – dichiara infuriato Maurizio Da Re, portavoce del Comitato Pendolari Valdarno Direttissima – per una trentina di treni diretti”. Treni su cui, oltretutto, i viaggiatori abituali sono costretti come sardine, “mentre le carrozze di prima classe rimangono spesso semivuote”, ribadisce Da Re.

“Chiediamo alla Regione – continua Da Re – di far declassare le carrozze di prima classe sui treni interregionali per Foligno e per Roma, d’intesa con Trenitalia e le Regioni Umbria e Lazio”.

Enac e Regione Toscana per l’aeroporto di Firenze

Enaca e Regione Toscana al tavolo sull'aeroporto peretola

Si è svolto nel pomeriggio del 6 dicembre scorso un incontro presso la Direzione Generale dell’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile per la definizione di alcuni aspetti inerenti la pista dell’Aeroporto di Firenze.
Hanno partecipato alla riunione il Presidente dell’Enac Vito Riggio, il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, il Presidente e l’Amministratore Delegato della ADF, società di gestione Aeroporto di Firenze, Vincenzo Manes e Biagio Marinò, il Direttore Centrale Infrastrutture Aeroporti Enac Alessandro Cardi, il responsabile delle procedure di volo dell’Enav e Achille Granozio, consulente Irpet che, per conto della Regione Toscana, ha recentemente elaborato un’ipotesi di massima per la realizzazione di una pista con differente giacitura.
Il materiale presentato dall’ingegner Granozio, integrato dalle analisi dell’Enav per la parte inerente le procedure di volo, sarà valutato dalle strutture competenti dell’Enac.
L’Enac produrrà, quindi, un dettagliato documento finale per il Consiglio di Amministrazione dell’Ente, per la Regione Toscana e per il Ministero dello Sviluppo e delle Infrastrutture e Trasporti che conterrà le varie opzioni, con le relative valutazioni tecniche e finanziarie.
L’obiettivo è quello di trovare la migliore soluzione possibile per lo sviluppo in sicurezza

Aeroporti, Regione Toscana a caccia delle azioni di Adf

La pista del Vespucci

Le aveva vendute una decina di anni fa, adesso la Regione Toscana rivuole le azioni dell’Aeroporto di Firenze. La proposta di legge per dare il via libera alla Giunta guidata da Enrico Rossi sbarcherà oggi in consiglio regionale. Una volta approvata la legge, la Regione avrà mandato di dare la caccia a un pacchetto azionario di Adf, la società che gestisce lo scalo. La quota è fissata in un minimo del 5% fino ad un massimo del 15%, ma sarà comunque necessario dare avvio ad una procedura di evidenza pubblica, impossibile reperire sul mercato borsistico anche solo la quota minima (ci vorrebbero anni).

Il governatore Rossi si augura di portare a termine il processo, con il raggiungimento del 15%, entro la fine del mandato. Tre anni e mezzo di tempo per entrare a far parte, e con un certo peso, nel Cda dell’azienda. Per cosa? Innanzitutto per indirizzarla verso una maggior integrazione del servizio con l’altro aeroporto toscano, quello di Pisa, ovvero il principale. E poi per limitare la crescita del Vespucci alla periferia di Firenze. “Rimarrà un city airport”, ha chiarito Rossi, tarpando le ali alle mire espansionistiche di Adf. Il potenziamento, dunque, ci sarà, con una nuova pista, ma sarà limitato.

2,5 milioni per l’aeroporto dell’Elba

L'Elba Airport

Una infrastruttura fondamentale per l’Isola d’Elba e strategica per la regione intera. Così l’assessore ai trasporti della Regione Toscana Luca Ceccobao ha definito il mini-aeroporto di Marina di Campo. “Riteniamo che il progetto di sviluppo e le prospettive dell’aeroporto – continua l’assessore – debbano essere condivise e supportate dai soggetti pubblici del territorio”.

Ammonta a circa 2 milioni e mezzo il finanziamento recentemente stanziato dalla Regione in favore della struttura aeroportuale dell’Elba. Le risorse sono destinate a coprire una serie di interventi per l’adeguamento della pista e delle infrastrutture connesse.

La Regione ha inoltre manifestato la volontà di mantenere la partecipazione nella società di gestione Alatoscana, di cui detiene al momento circa il 70%, per mantenere la continuità territoriale tra l’isola e il resto della regione, attraverso collegamenti con Pisa e Firenze.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner