Articoli marcati con tag ‘renault truck’

RENAULT TRUCKS PRESENTA LA SERIE SPECIALE «T HIGH EDITION – TEAM ALPINE»

Dopo la prima serie speciale T High Edition presentata a settembre 2016 in occasione del salone IAA di Hannover, Renault Trucks lancia quest’anno una serie numerata in collaborazione con Alpine, la scuderia francese di gare automobilistiche campione del mondo enduro 2016 LMP2.

Grazie alla partnership tra Renault Trucks e la scuderia Alpine, l’equipe di designer hanno ripreso gli elementi identificativi del marchio ed hanno pensato ogni dettaglio del veicolo per disegnare una serie speciale che fosse simbolo dell’eleganza e del successo francese: «Siamo orgogliosi di scoprire questa magnifica serie limitata con i colori della squadra delle corse che riprende i codici design del marchio Alpine. Ispirandosi al lavoro svolto dai designer di Alpine sull’auto di serie, l’equipe di design di Renault Trucks ha fatto un lavoro formidabile riaffermando il know-how e l’eleganza francese», ha confidato Philippe Sinault, fondatore della scuderia Signatech-Alpine.All’esterno il Renault Trucks T High Edition – Team Alpine si fa notare per l’elegante vernice bianca madreperlata insieme ai rivestimenti con i colori di Alpine. Il design della cabina è sottolineato dalla finezza dei dettagli: i montanti dei retrovisori e i cerchi in alluminio indossano il mitico blu Alpine esaltato da piccoli tocchi di arancione.All’interno il conducente ritrova lo stesso spirito «sport chic» con selleria in pelle bicolore e cruscotto con rifiniture in alluminio che si richiamano allo spirito Alpine. Per offrire maggior comfort al conducente, il T High Edition – Team Alpine ha i braccioli conducente ed il volante in pelle, finemente traforato. E poi l’equipaggiamento pensato per ottimizzare la vita a bordo: plancia di bordo panoramica, schienale da riposo rimovibile e cuccette inferiore e superiore allungabili per avere maggiore spazio durante il riposo.Il T High Edition Team Alpine è dotato di motore 13 litri Euro 6 520 cavalli con sistema di iniezione commonrail. Per offrire performance ottimali in termini di consumo, è dotato del Pack Fuel Eco+ che include il regolatore di velocità predittivo Optivision con GPS Renault Trucks. Monta inoltre degli elementi aerodinamici come i deflettori laterali apribili e fissi sul tetto. Per la massima sicurezza del conducente e degli utenti della strada, la serie speciale integra il Pack Protect, che comprende il regolatore di velocità adattativo, due luci addizionali di curva e fari con lampade allo Xeno.

RENAULT TRUCKS LEZIONE DI CAMION CON IL PROGETTO TRUCK COLLEGE

Anche il 2017 si prospetta un anno positivo per il settore dell’autotrasporto, con performance di vendita per i veicoli pesanti in linea con l’anno precedente. Grazie alle buone numeriche di veicoli circolanti, la domanda di assistenza post-vendita per la manutenzione ordinaria e straordinaria rimane pertanto costante, se non in leggera crescita e quindi le officine dedicate ai veicoli pesanti ricevono una maggiore richiesta d’interventi, a tal punto che alcune di queste hanno manifestato la necessità di aumentare il proprio personale tecnico. “Durante un incontro avvenuto nell’ottobre dello scorso anno, la rete di Renault Trucks ha espresso la necessità di assumere meccanici, abbiamo quindi attivato la nostra Truck Academy per trovare risorse giovani e con la passione per il mondo dei veicoli industriali”, spiega Giampietro Torretta, Responsabile Sviluppo Competenze Reti di Renault Trucks. È iniziato così il programma del Truck College 2016-2017, un corso di formazione di base per studenti del terzo anno degli istituti professionali che seguono il corso triennale per autoriparatori. Il primo passo lo ha compiuto lo stesso Torretta, che ha preso contatto e visitato gli istituti professionali situati nelle zone dove la rete di assistenza Renault Trucks ha espresso l’esigenza di formare e successivamente inserire nuove leve, illustrando modalità e obiettivi della formazione: “Abbiamo trovato subito la collaborazione dei dirigenti scolastici e degli insegnanti, che ci hanno aperto le porte dei loro istituti per parlare agli studenti che raggiungeranno la qualifica il prossimo giugno”. Questo tour informativo ha raccolto ventidue studenti interessati a lavorare nell’ambito dei veicoli industriali, che hanno partecipato alle nove giornate, divise in tre sessioni di tre giorni ciascuna, che si sono svolte presso la Truck Academy, situata nella sede di Volvo Group Italia di Zingonia (Bergamo). Queste aule ospitano i corsi di formazione e di aggiornamento dei meccanici della rete Renault Trucks e quindi hanno una ricca e moderna attrezzatura che riproduce quella di un centro d’assistenza. “La maggior parte degli istituti professionali non ha un indirizzo dedicato ai veicoli industriali, quindi abbiamo preparato un programma introduttivo a questo vario e complesso mondo”, precisa Torretta. “Ciascuna delle tre sessioni tratta un argomento diverso, tenendo conto che le nozioni generali di meccanica fanno parte dell’insegnamento scolastico. Nella prima sessione approfondiamo il concetto di veicolo industriale e le sue differenze costruttive rispetto alle autovetture, focalizzandoci sulla catena cinematica e sull’Euro VI. Nella seconda sessione parliamo degli impianti elettrici e della diagnosi elettronica e nella terza degli altri impianti fondamentali per il camion, ossia quello frenante, quello pneumatico e la climatizzazione”. Tutte le giornate di formazione sono state gestite da Rudi Alborghetti, Formatore Tecnico di Renault Trucks: “Il corso avviene in aula, con spiegazioni tecniche accompagnate da momenti di studio a casa, e in laboratorio, dove simuliamo prove pratiche. Al termine di ogni giornata abbiamo svolto un test di apprendimento. Considerando che la maggior parte dei ragazzi non ha mai messo le mani su un veicolo industriale, i risultati sono sempre stati positivi e sono sicuro che chi di loro proseguirà la sua esperienza professionale in un’officina della rete Renault Trucks inizierà con un marcia in più”. Al termine delle tre sessioni, Gianpietro Torretta e Rudi Alborghetti hanno consegnato agli studenti un attestato di frequenza: “Per questi giovani la cosa più importante è avere una primo approccio all’attività di assistenza dei veicoli pesanti, che è un vantaggio per loro e per le officine che cercano personale”. Il passo finale del Truck College è inviare alle officine, che cercano personale tecnico, un profilo degli studenti che hanno frequentato il corso, per i quali si può aprire un periodo di apprendistato. Tra i partecipanti c’è già chi spera di poter avere lavorare in futuro presso una officina della rete Renault Trucks, come Mohammed Mouhassim, del CFP Zanardelli di Verolanuova (Brescia): “In realtà, in officina ci sono già stato per uno stage ed è stato proprio il titolare a consigliarmi di frequentare questo corso. Ho scelto i camion perché sono molto più vari e complessi delle autovetture e in questi giorni ho veramente imparato molto”. Anche Luca Campana di Pognano (Bergamo), che studia al Patronato San Vincenzo di Bergamo, ama i veicoli pesanti e vuole lavorarci: “Ho fatto uno stage in un’officina per macchine agricole, ma punto ai camion perché ne ho subito il fascino fin da bambino. Di questo corso mi sono rimasti impressi soprattutto i test svolti su un camion vero con le apparecchiature per la diagnosi elettronica”. Il Patronato San Vincenzo ha fornito diversi studenti al Truck College, tra cui Christian Giglio: “Quando ho cominciato a pensare a una specializzazione mi sono indirizzato sui veicoli pesanti e questo corso mi ha convinto a lavorare in questo mondo dopo la scuola. Apprezzo molto che Renault Trucks investa sui giovani per un progetto che porta benefici a tutti. E ora sento come una responsabilità portare a buon fine questo impegno”. Invece, Gianluca De Vitis deve ancora decidere dove indirizzare la sua vita professionale: “La mia famiglia mi ha trasmesso la passione per i motori e ora la sto coltivando per diventare un meccanico. Mi piacciono tutti i veicoli, dalle moto alle macchine da corsa e non ho ancora scelto la mia specializzazione. Dopo questo corso valuto anche la possibilità del camion, comunque imparare cose nuove è sempre importate e ho scoperto che il veicolo pesante ha tanti componenti che non vedi sulle autovetture, come l’impianto pneumatico, che comanda numerose funzioni vitali”. Renault Trucks collabora con le scuole anche su altri progetti, come spiega Torretta: “Oltre al Truck College, offriamo supporto formativo organizzando incontri di una giornata nella nostra sede o portando i nostri formatori nelle scuole per fornire pillole di tecnica. Inoltre, offriamo materiale alle scuole interessate ad aprire un proprio laboratorio per i veicoli pesanti”.

RENAULT TRUCKS RAFFORZA LA PROSSIMITA’ VERSO I PROPRI CLIENTI CON L’APERTURA DELLA CONCESSIONARIA CAVITRUCK

Domenica 25 settembre 2016 l’Amministratore Delegato di Renault Trucks Italia SpA, Giovanni Lo Bianco, ed i tre soci fondatori della nuova concessionaria Cavitruck Srl – Pierangelo Adami, Roberto Clienti e Eugenio Gobbi – hanno inaugurato il nuovo punto di vendita e assistenza del marchio Renault Trucks che si occupa della vendita dei veicoli commerciali ed industriali della casa francese coprendo cinque province tra Lombardia ed Emilia. Si tratta di un’area geografica con una forte presenza d’imprese di autotrasporto e logistica, dove Renault Trucks è ben radicata.

La fascia della via Emilia che parte dal piacentino e raggiunge Modena è un asse fondamentale per la logistica italiana, perché le arterie stradali ed autostradali che attraversano questo territorio conducono verso i porti tirrenici, adriatici, verso i valichi alpini e verso il sud. Così, nella bassa padana operano da decenni migliaia d’imprese di autotrasporto, alcune delle quali sono cresciute fino a raggiungere dimensioni medio-grandi mentre altre si sono riunite in consorzi e cooperative. La posizione strategica di quest’area ha attratto anche la logistica ed oggi in una fascia lunga un centinaio di chilometri incontriamo un grande polo a Piacenza, l’interporto di Parma ed i centri logistici specializzati nell’automotive, nel medicale e nella ceramica tra Reggio Emilia e Modena.

Renault Trucks è ben presente in quest’area fin dai tempi in cui ha attivato una rete di vendita ed assistenza in Italia, ossia la metà degli anni Settanta, fornendo da allora migliaia di veicoli commerciali e industriali alle imprese di trasporto. Oggi la presenza del marchio si rafforza con l’inaugurazione della nuova concessionaria Cavitruck a Fombio, proprio lungo la via Emilia, in prossimità di Piacenza. “Lo scenario economico è ancora incerto, ma abbiamo voluto attuare questo investimento perché crediamo che questa concessionaria diventerà una punta di diamante del marchio Renault Trucks in Italia”, ha dichiarato Pierangelo Adami nel discorso che ha preceduto il taglio del nastro.

RENAULT TRUCKS PRESENTA DUE IMPORTANTI INNOVAZIONI AL COP 21 DI PARIGI

Renault Trucks parteciperà alla Conferenza delle Nazioni Unite COP 21, sui cambiamenti climatici, con due veicoli elettrici innovativi: il Maxity Elettrico con cella a combustibile funzionante ad idrogeno ed un Renault Trucks D 100% elettrico. Questi veicoli sono attualmente in fase di test in condizioni di reale utilizzo da La Poste a Dole (dipartimento Jura) e da Speed Distribution per Guerlain a Parigi.

Symbio FCell, La Poste, McPhy Energy e la Compagnie Nationale du Rhone (CNR) hanno scelto di esporre il Maxity Elettrico con cella a combustibile funzionante a idrogeno presso il loro stand, a Bessin de la Villette, per promuovere e valorizzare le soluzioni ad idrogeno per combattere il cambiamento climatico, nell’ambito dell’iniziativa “Parigi del Futuro”. Renault Trucks in collaborazione con l’azienda La Poste, da febbraio 2015, ha iniziato una fase di sperimentazione con un veicolo elettrico di MTT 4.5 tonnellate, il Renault Maxity Elettrico, alimentato con una cella a combustibile funzionante a idrogeno, sviluppata da Symbio FCell, in grado di raddoppiare l’autonomia del veicolo che passa a 200 chilometri. La soluzione della cella a combustibile funzionante a idrogeno consente di aumentare l’autonomia del veicolo e ridurre i tempi di ricarica dato che il rifornimento di idrogeno è veloce come quello di un veicolo diesel.

Renault Trucks durante COP21 sarà presente in collaborazione con Visites Climat dell’ ADEME Ile de France (French Environment and Energy Management Agency), e offrirà la possibilità di scoprire la propria soluzione per combattere i cambiamenti climatici attualmente in circolazione sulle strade di Parigi. La Visite Climats farà tappa presso la Maison Guerlain sulla 68 avenue des Champs-Elysées, dove sarà possibile scoprire il Renault Trucks D 100% elettrico.

Questo veicolo è in fase di test in condizioni di reale utilizzo da 18 mesi presso l’azienda Speed Distribution Logistique, trasportatore specializzato della zona di Ile de France, non genera alcuna emissione acustica e inquinante e si occupa della consegna notturna presso i negozi parigini di Guerlain.

Questo veicolo è in grado di completare le consegne, in modalità elettrica, per 200 chilometri, grazie a delle ricariche batterie parziali effettuate in base alla capacità delle batterie e della logistica delle consegne.

Renault Trucks testa diversi tipi di tecnologie in condizioni di reale utilizzo, con la collaborazione di aziende clienti interessate all’utilizzo di veicoli urbani a emissioni-zero. L’obiettivo di Renault Trucks, in questo caso, è fornire una soluzione a emissioni-zero, redditizia per i propri clienti, in prospettiva 2020.

RENAULT TRUCKS CONSEGNA 100 VEICOLI A JOST GROUP

Per il rinnovo della propria flotta, Jost Group, uno dei maggiori attori del trasporto e della logistica in Europa, rinnova la propria fiducia in Renault Trucks con l’acquisto di 100 veicoli gamma T, facendo diventare il costruttore francese uno dei maggiori fornitori del gruppo.

I veicoli Renault Trucks T, la cui consegna è stata appena completata, sono stati configurati per rispondere alle esigenze di Jost Group per i trasporti internazionali: “parlando di motorizzazione, il 460 cavalli è per noi il compromesso migliore tra prestazioni e costi totali di gestione del veicolo, specialmente se si considera che i veicoli vengono utilizzati per i trasporti internazionali”, spiega Joseph Schmitz, responsabile acquisti del gruppo. “I veicoli hanno una configurazione identica ed hanno tutti il Pack Fuel Eco per ottimizzare i consumi di carburante dell’intera flotta”.

Il Pack Fuel Eco combina una serie di tecnologie che servono per ridurre il consumo dei veicoli, tra le quali: inibizione modalità power, eco cruise control con modalità ruota libera controllata Optiroll, compressore d’aria disinseribile, pompa sterzo a portata variabile, arresto automatico del motore entro 3 minuti. I veicoli consegnati a Jost hanno il bloccaggio del differenziale, il controllo della velocità, il serbatoio aria e gasolio in alluminio, deflettori tetto e laterali, aria condizionata, Bluetooth/MP3 e frigorifero sotto la cuccetta.

I veicoli Renault Trucks T percorreranno 120.000 chilometri all’anno attraverso Belgio, Lussemburgo, Francia e Olanda. Sono equipaggiati con un sistema idraulico per l’aggancio dei semirimorchi

RENAULT TRUCKS HA CONSEGNATO 32 RENAULT TRUCKS T A JACKY PERRENOT

La partnership tra Renault Trucks e Jacky Perrenot continua. Dopo aver acquistato 33 veicoli Renault Trucks l’anno scorso, questo autotrasportatore, protagonista in molti settori ha ribadito la propria fiducia in Renault Trucks. Giovedì 18 Giugno, infatti, Jacky Perrenot, Presidente e Fondatore del gruppo Zamenhof, ha ricevuto le chiavi di 32 nuovi veicoli Renault Trucks T da Bruno Blin, Presidente di Renault Trucks. I 32 International Truck of the Year 2015 sono stati consegnati nel nuovo showroom di Lione: il Renault Trucks Square.

“Spinto da una forte crescita nel corso degli ultimi anni, il Gruppo Zamenhof dispone di una forza lavoro di oltre 4.000 persone, genera un fatturato di 600 milioni di euro, gestisce 70 siti in Francia e all’estero e ha oltre 3.500 veicoli nella propria flotta”, spiega Jacky Perrenot. “Siamo lieti di rafforzare la nostra collaborazione con Renault Trucks, partnership che ha avuto inizio diversi anni fa. È stato importante per la nostra azienda acquistare veicoli prodotti in Francia, in particolare a Bourg-en-Bresse. Questi 32 camion saranno assegnati a La Flèche Bressane, una consociata di recente costituzione, che ha la propria base a Bourg-en-Bresse. Inoltre, la nostra politica di rinnovamento della flotta (con l’età media dei veicoli di meno di tre anni) oltre alla particolare attenzione all’impatto ambientale, hanno consolidato la nostra decisione di acquistare questi veicoli Renault Trucks Euro 6, eletti International Truck of the Year 2015.”

Bruno Blin, Presidente di Renault Trucks, ha dichiarato: “Siamo molto lieti di consolidare lo stretto rapporto che ci lega da lungo tempo con il Gruppo Jacky Perrenot. La decisione del Gruppo di aumentare il numero di Renault Trucks T nella propria flotta è un’ulteriore prova della qualità del veicolo e della fiducia che esiste tra Perrenot e Renault Trucks “.

I veicoli consegnati sono tutti T 460 cv 4×2 in configurazione trattore. Jacky Perrenot ha scelto, inoltre, per tutti i veicoli, il pacchetto Fuel Eco. Questo pack combina diverse tecnologie intelligenti in grado di ridurre il consumo di carburante quali la modalità power inibita, eco-cruise control con la modalità Optiroll ruota libera controllata, un compressore d’aria disinseribile, una pompa dello sterzo a portata variabile e arresto del motore automatico.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner