Articoli marcati con tag ‘rimozione’

Concordia: processo ‘decide’ rimozione e smantellamento

Il relitto della Costa Concordia è la fonte di prova fondamentale del processo sul naufragio contro Francesco Schettino: prima di smantellarla, a Genova, però, la società proprietaria deve chiedere al tribunale di Grosseto il dissequestro e indicare i motivi e i modi. Sarà demolita tutta, o si potrà farlo solo parzialmente? Ancora i legali di Costa Crociere, presenti in forze a Grosseto, non hanno presentato al collegio giudicante l’istanza necessaria al dissequestro e attendono di vedere come si mettono le udienze tecniche di questa settimana. “Aspettiamo, vediamo come si sviluppa il processo in questi giorni”, ha detto l’avvocato Marco De Luca in una pausa, facendo capire che la questione riveste una certa complessità. Il processo, dunque, sembra avere l’ultima parola anche sull’operazione di rimozione da Giglio e sulla gigantesca opera di demolizione prevista. Senza la richiesta formale di Costa, comunque, il tribunale non attiva l’iter per il dissequestro. E la nave, in teoria, rimane al Giglio, anche se pronta a esser trainata via. Non solo. Per tutto questo serve il parere preliminare, favorevole, della procura, che oltre al naufragio, sopra il relitto ha, nel tempo, avviato altre inchieste collaterali, come quella sulla morte del sub spagnolo, proprio mentre lavorava sott’acqua per le operazioni ‘pro’ rimozione, o quella per cui venne indagato il responsabile del ‘parbuckling’ Franco Porcellacchia per violazione dei sigilli, avendo voluto accedere alla sala del generatore d’emergenza senza autorizzazione. Oppure l’inchiesta per danni ambientali. Lo staff legale della compagnia – che nel processo figura come responsabile civile, non solo come parte civile – osserva i temi via via sciorinati da numerosi consulenti tecnici (domani toccherà a quelli di Schettino) sentiti dopo i periti del tribunale su navigazione e funzionamento delle dotazioni della nave. Se la strada del dissequestro si mostrasse più complicata e richiedesse tempo, viene spiegato, in sott’ordine potrà essere chiesto al tribunale la ‘sola’ autorizzazione a trasferire la Concordia dal Giglio. La nave resterebbe sequestrata, ma intanto potrebbe essere rimorchiata fino a Genova soddisfacendo almeno una delle due fasi finali, ma distinte e complementari, di tutta l’operazione di smaltimento. Su quale opzione puntare ancora non è chiaro a Grosseto mentre altrove sembra scontata una rapida evoluzione della vicenda. Oggi l’udienza si è aperta con una dichiarazione spontanea di Schettino. L’imputato ha preso la parola per difendersi dall’ accusa di abbandono dei passeggeri e di non averli assistiti nella delicatissima fase dell’evacuazione, quella in cui sono morte 32 persone. Schettino ha parlato delle scialuppe. Ne rimasero incastrate tre, a causa dell’inclinazione della nave. I passeggeri dovettero scendere e raggiungere altri punti di imbarco aumentando i rischi personali durante l’affondamento. Schettino ha voluto dire che “se lo sbraccio delle scialuppe fuori dai ponti non avviene in modo completo, la scialuppa può rimanere incastrata anche se non c’è sbandamento della nave”. E lo ‘sbraccio’ delle lance lo si fa con verricelli di sganciamento, alimentati elettricamente, che non poterono funzionare perché non ricevevano energia sia perché i motori andarono subito fuori uso, sia – come ha dimostrato la perizia supplementare – perché funzionò male perfino il generatore di emergenza, che non erogò l’energia necessaria.

Orio al serio chiuso oggi per la rimozione di ordigni bellici

L’Enac rende noto che oggi, 6 marzo 2014, l’Aeroporto di Bergamo Orio al Serio verrà chiuso al traffico civile dalle 09:00 alle 13:00 per le attività connesse alla rimozione di alcuni ordigni bellici inesplosi, rinvenuti all’interno del sedime aeroportuale durante i lavori di ampliamento del piazzale aeromobili.
Le compagnie aeree hanno riprogrammato i voli della fascia oraria interessata dalla chiusura, nonché altri voli a ridosso di tale orario, e hanno già provveduto a informare i passeggeri coinvolti, con avvisi pubblicati sui propri siti web e mediante invio di comunicazioni tramite e- mail e messaggi telefonici.
L’Enac invita i passeggeri con voli programmati da e per lo scalo di Bergamo durante la giornata di giovedì 6 marzo, a contattare la propria compagnia aerea e a verificare la riprogrammazione degli orari sul sito della società di gestione Sacbo, all’indirizzo www.sacbo.it.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner