Articoli marcati con tag ‘rinfuse’

Porto Genova: sì a proroghe per tre terminal, no a Rinfuse

“Abbiamo sbloccato il dossier sulle concessioni che da lungo tempo aspettava una soluzione” annuncia il presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mar ligure Occidentale Paolo Emilio Signorini al termine della riunione del Comitato di gestione. Approvata l’estensione delle concessioni dei terminal Sech (fino al 2045), Spinelli (2054) e San Giorgio (2030) e anche le linee guida per l’assegnazione al Consorzio Bettolo (65% Msc e 35% Gip) della concessione per il terminal di Calata Bettolo che sarà pronto nel 2019 per 33 anni. L’unico “no” è arrivato per il Terminal Rinfuse, che chiedeva una proroga a partire dal 2020. “Abbiamo negato la proroga a causa del precario stato di salute gestionale finanziaria del terminal e di un parziale utilizzo di queste aree” sottolinea Signorini.

L’80% della società Terminal Rinfuse Genova che gestisce il terminal è appena stato ceduto da Italiana Coke per l’80% a Spinelli e Msc, ma L’Autorità portuale non è stata informata in anticipo e anche per evitare che avvengano simili episodi in futuro, nel nuovo regolamento concessorio approvato oggi “si prevede che ogni mutamento negli assetti di controllo di un terminalista debba essere autorizzato dall’Autorità di sistema portuale” sottolinea Signorini, mentre finora l’ente è stato “spettatore”. Ufficializzata anche la nomina a segretario generale di Marco Sanguineri, 55 anni, attuale direttore pianificazione dell’ente, che dal 15 maggio prenderà il posto di Sandro Carena.

Tornando ai rinnovi che hanno ottenuto il via libera “il messaggio di fondo è sbloccare celermente gli investimenti dei privati con le proroghe e mettere a valore un grosso investimento pubblico su Calata Bettolo, dove poi ci saranno gli investimenti dei privati” dice Signorini. In tutto gli investimenti privati ammontano a 350 milioni di euro, di cui 121 milioni Sech, 182 milioni Spinelli, 29 milioni Terminal San Giorgio, investimenti in infrastrutture, gru, armamento piazzali, impianti fissi. Per realizzare Bettolo l’Autorità di sistema ha già investito 230 milioni, compresi i dragaggi, inoltre ci sono altri 71 milioni di euro previsti per la messa in funzione.

Ravenna,traffico in crescita(+8,71%) gennaio-febbraio

Nei primi due mesi dell’anno sono state movimentate 3.823.895 tonnellate, in crescita di 306.459 tonnellate, ovvero l’8,71% in più rispetto agli stessi mesi del 2013. In particolare gli sbarchi sono stati pari a 3,3 milioni di tonnellate (+8,2%), mentre gli imbarchi ammontano a 0,5 milioni di tonnellate (+12,0%). Sono i dati del porto di Ravenna diffusi dall’Autorità portuale ravennate. Il traffico di febbraio è stato di 1.668.632 tonnellate, 10 mila tonnellate in meno rispetto a febbraio 2013 (-0,6%). Analizzando le merci per condizionamento si evince che le merci secche, hanno segnato una crescita del 12,2% (280 mila tonnellate in più), le rinfuse liquide hanno, invece, subito un calo del 12,7%, mentre per le merci unitizzate, quelle in container risultano in calo dell’8,3%, mentre continua il buon andamento di quelle su rotabili con una crescita del 126,7% (quasi 150 mila tonnellate). L’incremento in valore assoluto più evidente è per i prodotti metallurgici, passati da 778 mila a 921 mila tonnellate, in crescita del 18,4% e provenienti principalmente da Taranto, Germania e Russia. Sul dato incide il fatto che da gennaio 2014 l’acciaieria Arvedi di Cremona abbia “dirottato” su Ravenna circa un milione di tonnellate di metallurgici che, in precedenza, sbarcavano al porto di Venezia. Buono anche il risultato relativo alle materie prime per le ceramiche, soprattutto argilla e feldspato, che, con quasi 130 mila tonnellate in più rispetto a gennaio e febbraio 2013, hanno registrato un incremento pari al 34,0%. Grazie ad un eccezionale sbarco di frumento, proveniente perlopiù dall’America (Canada e USA), risultano in crescita anche i prodotti agricoli, passati da 269 mila a 367 mila tonnellate (+36,7%). Tra le rinfuse liquide si è riscontrato un forte calo dei prodotti petroliferi, con 117 mila tonnellate in meno (-29,9%) ed un incremento dei prodotti chimici liquidi, con 27.501 tonnellate in più (+17,2%). Per i container si sono registrati 28.581 TEUs per i mesi di gennaio e febbraio, 3.347 TEUs in meno (-10,5%) rispetto al 2013. In particolare il calo più significativo ha riguardato i vuoti (-24,9%), mentre è stato di 1.553 TEUs per i pieni (- 6,3%). Il traffico di febbraio è stato pari a 15.439 TEUs, -9,9% rispetto a febbraio 2013. Per quanto riguarda i trailer sulle linee delle Autostrade del Mare sono stati movimentati 7.041 trailer contro i 5.297 dello scorso gennaio-febbraio sulla Ravenna-Catania, mentre per la linea Ravenna-Brindisi i pezzi registrati sono stati 2.026 contro i 550 di gennaio-febbraio 2013. Sulla linea della Grimaldi con la Grecia, inaugurata proprio a gennaio, i primi due mesi hanno visto 410 pezzi da/per Igoumetisa e 1.383 da/per Patrasso. In totale nei primi due mesi sono stati movimentati 11.051 trailer contro i 6.022 del 2013 (+83,5%).

Segno positivo a luglio per i traffici nel porto di Genova

Aumentano le merci convenzionali, tengono i contenitori e cresce il numero dei croceristi. Il mese di Luglio, per il Porto di Genova, conferma una situazione di tenuta dei traffici. Ol comparto delle merci convenzionali che ha registrato un +6,4%, grazie alla performance degli olii minerali aumentati del 31%.
In totale, quindi, il traffico commerciale ha visto una crescita dell’8,6% mentre il totale generale e’ salito all’11,4%. Si conferma il trend positivo delle autostrade del mare, con una crescita del +4,6%. Cresce anche il traffico siderurgico che fa registrare un + 72,3%. Lieve la crescita per il traffico container, con un +1,9% per un totale di 188.519 teu. Bene il comparto delle crociere con un aumento dei passeggeri del 37,7%.

Buoni risultati per l’APSavona nel mese di giugno

Aumentano le merci movimentate, migliora il trend dei container e crescono le crociere. Sono dati molto positivi quelli resi noti dal Porto di Savona-Vado per il mese di giugno che confermano il trend positivo dei primi sei mesi dell’anno, chiusi con un aumento delle merci movimentate dello 0,44% pari a 27.969 tonnellate in piu’ rispetto allo stesso periodo 2012.

In dettaglio, nel primo semestre, aumentano del 13% le merci convenzionali grazie al buon risultato degli acciai, che hanno triplicato i numeri rispetto al 2012. Risultato ampiamente favorevole per i rotabili che confermano il trend in continua crescita (+44,9%). Segno positivo anche per le rinfuse solide, +5.9% con i minerali raddoppiati (85.151 tonnellate in piu’).

Pur evidenziando una ripresa, la merce containerizzata e’ ancora contrassegnata da una flessione anche se il miglioramento del trend da gennaio e’ stato una costante. Aumentano anche i passeggeri che, nell’insieme chiudono il semestre con un 26.6% in piu’. Risultato a due cifre per le crociere, +40.6% mentre resta in flessione il comparto traghetti (-15.3%) sul quale hanno pesato, oltre alla recessione, anche le condizioni meteorologiche avverse che hanno influito sui passaggi per le isole.

Giugno si chiude con un +133.019 tonnellate di merce movimentate rispetto allo stesso mese del 2012 (+13,4%), un miglioramento generalizzato e distribuito si tutte le macrocategorie. Positivo il settore dei contenitori (+8,8%), mentre ancora in crescita risulta quello dei passeggeri delle crociere che chiudono con 15.887 unita’ in piu’ rispetto a giugno 2012 (+27,3%).

www.ansa.it

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner