Articoli marcati con tag ‘#Salvaiciclisti’

A Reggio Emilia gli Stati generali della Mobilità nuova

Città più ciclabili

Velocità massima in città a 30 km/h, piccoli e puntuali interventi in favore di pedoni e ciclisti e reti ciclabili. E’ la “mobilità nuova”, che prima di tutto si presenta come una rivoluzione culturale per noi cittadini nati e cresciuti nel guscio dell’auto. E’ ciò che emerge della due giorni di Reggio Emilia degli Stati generali della Bici e della Mobilità nuova, evento nazionale organizzato da Anci, Legambiente, Fiab e Salvaiciclisti, con la collaborazione del Comune e l’adesione della Presidenza della Repubblica.

Diversi e internazionali gli spunti su cui si sono confrontati amministratori pubblici, associazioni e cittadini durante le giornate del 5 e 6 ottobre. Soprattutto soluzioni pratiche, interventi chirurgici in grado di “far cambiare strada all’Italia” e diffondere nel nostro Paese una cultura della ciclabilità paragonabile a quella del nord Europa. Cinque le aree di riflessione: normativa (modifiche al Codice della strada e altre normative correlate), organizzazione della mobilità urbana (moderazione del traffico, Zone 30, Ztl, Ztm), governance (politiche nazionali, investimenti, incentivi/disincentivi), cultura ed educazione alla mobilità sostenibile (formazione, informazione e comunicazione con l’obiettivo di far crescere l’opinione pubblica sul tema) e reti ciclabili (circuiti nazionali e locali). Adesso la palla torna agli amministratori.

Traffico, oltre 3mila firme per zone con limite 30 km/h

Tremila firme per #Salvaiciclisti

E’ già a quota 3mila firme e oltre la petizione, lanciata pochi giorni fa dal movimento #Salvaiciclisti, per chiedere l’istituzione del limite di 30 km/h nelle aree residenziali di tutte le città italiane.

La petizione, supportata dalla piattaforma Change.org (change.org/30elode), si rivolge ai presidenti di Camera e Senato, a quello della commissione trasporti della Camera e a tutti i parlamentari per ridurre di 20 km/h il limite massimo autorizzato in città. “Investire una persona a 50, a 75 o a 100 km/h – si legge nella petizione – equivale a spingerla giù dal balcone del terzo, del settimo o del tredicesimo piano di un palazzo. Le possibilità di sopravvivenza non serve neppure calcolarle”. Senza contare, si legge ancora, che “7.625 pedoni e 2.665 ciclisti uccisi in 10 anni sulle strade italiane sono un tributo troppo alto da pagare per l’ebbrezza della velocità ed è per questo che chiediamo che venga immediatamente introdotto il limite di velocità massimo di 30 Km/h in tutte le aree residenziali d’Italia, con eccezione delle arterie a scorrimento veloce”.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner