Articoli marcati con tag ‘Sicilia.’

Autotrasporto, 5 giorni di stop in Sicilia e Calabria

Sciopero annunciato

Cinque giorni di stop per gli autotrasportatori siciliani e calabresi dal 24 al 28 novembre prossimi. Lo hanno annunciato le associazioni di categoria Aias e Aitc. A rischio il trasporto merci nelle due regioni. Il fermo è stato proclamato in quanto “sulle questioni sollevate dai ‘padroncini’ non sono stati trovati spiragli di dialogo con alcun organo istituzionale”, dichiara il presidente Aias Giuseppe Richichi.

”Come più volte ribadito – osserva Richichi – le problematiche del settore, unite alle difficoltà economiche generali, hanno generato il crac delle nostre attività, costringendo oltre 15mila imprese alla chiusura o un indebitamento che si protrarrà talmente a lungo da essere lasciato in ‘eredita” anche alle prossime generazioni”.

Windjet ci riprova, nuovo marchio e nuove rotte

Windjet riparte a dicembre

Si chiama Aereo Linee Siciliane la compagnia risorta dalle ceneri di Windjet, defunta (o almeno in stato comatoso) dallo scorso agosto. Il nuovo vettore low cost dovrebbe ripartire dai primi di dicembre. La Newco – si legge sul quotidiano La Sicilia – coprirà per il momento tratte nazionali con quattro aeromobili.

Secondo quanto riportato dal giornale, l’Enac avrebbe riassegnato alla compagnia aerea i diritti di traffico per la stagione 2012-2013. L’autorizzazione sarebbe arrivata per fax nei giorni scorsi, in via provvisoria, dopo la sospensione effettuata durante l’estate.

Nei prossimi giorni il presidente di Windjet, Nino Pulvirenti, verserà la maggioranza del capitale sociale della Newco, della quale potrebbe fare parte anche la Regione Siciliana, come annunciato ieri dal governatore Raffaele Lombardo, attraverso l’Irfis-FinSicilia, la finanziaria dell’Ente.

Moby: compagna di viaggio ideale per le proprie vacanze

Moby porta gli italiani in vacanza. Anche quest'anno infatti la compagnia della balena blu potenzia i collegamenti con tutte le isole e
offre ai suoi passeggeri la comodità dis cegliere tra numerose tratte e differenti orari.
La splendida Sardegna è sempre più vicina con il collegamento
Civitavecchia-Olbia<http://www.moby.it/rotte/sardegna/traghetti-civitavecchia-olbia.html>,
attivo fino al 30 settembre. In programma partenze plurigiornaliere che permettono
di raggiungere l'isola in 8 ore al massimo. Per chi invece preferisce partire dalla
Liguria, fino al 15 ottobre è attiva la tratta
Genova-Olbia<http://www.moby.it/rotte/sardegna/traghetti-genova-olbia.html>, che
permette di viaggiare di notte e di sfruttare al meglio il tempo dedicato alle
vacanze e al divertimento. Sempre da Genova si può raggiungere anche Porto Torres
fino al 17 settembre, con la Genova-Porto
Torres<http://www.moby.it/rotte/sardegna/traghetti-genova-porto-torres.html>: la
comodità di viaggiare di notte a bordo di una delle navi Moby più amate dai bambini,
la Moby Corse.
Ma perché accontentarsi di un'isola sola quando se ne possono godere due? Fino al 30
settembre tutti coloro che si recano in Sardegna posso visitare facilmente anche la
Corsica grazie alla Bonifacio-Santa Teresa di
Gallura<http://www.moby.it/rotte/sardegna/traghetti-bonifacio-santa-teresa.html>. E'
possibile scegliere ogni giorno tra 4 partenze differenti ed in 50 minuti si può
respirare "un po' di Francia".
Per maggiori informazioni visita il sito www.moby.it/<http://www.moby.it/>

Lampedusa, inaugurato in anticipo il nuovo scalo

Il nuovo scalo di Lampedusa

Lampedusa corre, anzi decolla, con l’apertura del nuovo scalo in anticipo di un paio di mesi rispetto ai tempi previsti. Sabato scorso l’inaugurazione, alla presenza, tra gli altri del presidente del Senato Renato Schifani e dei vertici dell’Enac, il presidente Vito Riggio e il direttore generale Alessio Quaranta.
I lavori sono costati 16,7 milioni di euro, finanziati dalla Comunità europea, mentre ulteriori opere per circa 7 milioni hanno ulteriormente elevato gli standard di qualità e di sicurezza.

Lo scalo, realizzato dalla Sigenco Spa, l’impresa catanese appaltatrice dell’opera, con materiali e colori che richiamano l’architettura tradizionale dell’isola, rimanda nelle forme ad una nave. L’edificio è organizzato su un unico livello funzionale, il piano terra, dove sono espletate tutte le attività relative ai passeggeri e ai bagagli, sia in partenza che in arrivo. Al secondo livello, invece, sono presenti i servizi strumentali e le aree riservate agli operatori aeroportuali. I passeggeri avranno a disposizione sale di accoglienza ampie e funzionali e spazi ripartiti in una hall generale di circa 1000 metri quadrati, una sala partenze e una sala arrivi ognuna di circa 500 metri quadrati, una zona ristoro di oltre 500 metri quadrati tra parte interna e parte esterna e un’area commerciale. Sono invece 8 le postazioni di check in.

Sicilia, domani bus a singhiozzo

Nuovo sciopero in vista

Nuovo sciopero per i trasporti pubblici locali, domani, venerdì 20 luglio. In Sicilia i bus si fermeranno per quattro ore. Nel dettaglio, all’Amat di Palermo lo sciopero sarà così articolato: dalle ore 09.30 alle 13.30 il personale addetto al movimento, le ultime 4 ore lavorative il restante personale. A Catania sciopereranno gli autisti dell’Amt dalle 12 alle 16, le ultime quattro ore i lavoratori degli impianti. All’Atm di Messina, dalle 14 alle 18 fermi i bus, e stop per altri lavoratori nelle ultime 4 ore di servizio. All’Atm di Trapani dalle 12 alle 16, allo Sma di Marsala dalle 9.30 alle 12.30.

“Al di là delle motivazioni legate allo sciopero nazionale – spiega Salvatore Girgenti Segretario provinciale Fit Cisl – in Sicilia la protesta ha un significato in più: quello di sottolineare il futuro incerto delle aziende a causa del taglio del 20% del contributo regionale che rischia di far paralizzare il settore, e le condizioni in cui molte aziende di trasporto urbano portano avanti un servizio poco adeguato alle esigenze dei cittadini”.

Tirrenia, Sardegna e Sicilia chiedono quote di Cin

Ugo Cappellacci

Continua a far discutere la cessione della compagnia di navigazione Tirrenia a Cin. Adesso i due governatori di Sicilia e Sardegna, Raffaele Lombardo e Ugo Cappellacci, minacciano battaglia. Il primo passo è la consegna di una lettera, direttamente nelle mani del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Antonio Catricalà, in cui denunciano le conseguenze legate al passaggio di proprietà e annunciano di essere pronti a contestare la vendita.
Evitare il braccio di ferro è possibile, avvertono le due Regioni, ma solo a condizione di poter entrare nella compagine della società acquirente, la Cin appunto, attraverso le partecipate regionali. “Sardegna e Sicilia – scrivono i due governatori – hanno subito e subiscono pesanti conseguenze dall’assenza di fatto di concorrenza sulle rotte da e per le isole”. La partecipazione a Cin, dunque, dovrebbe avere la valenza di controllo su servizio e tariffe. Ma la strada appare ancora in salita.

Autotrasporto, emergenza furti a Catania

Il porto di Catania

E’ una vera e propria emergenza quella relativa ai furti che si stanno verificando nel porto di Catania, ai danni degli autotrasportatori. La situazione ha spinto la sezione regionale della Fai (Federazione autotrasportatori italiani) a scrivere al prefetto di Catania per chiedere la convocazione di un tavolo con le istituzioni. “Gli autotrasportatori siciliani sono molto preoccupati per il vertiginoso aumento di tali episodi – si legge nella lettera della Fai – . Questi furti danneggiano gravemente le aziende minando i rispettivi rapporti con le compagnie assicurative che, in molti casi, decidono, per non corrispondere le indennità, di rescindere le polizze”.

“Ancora oggi – conclude l’associazione di categoria – nonostante i nostri pressanti e accorati appelli alle forze dell’ordine e alle autorità competenti, abbiamo potuto più volte verificare l’assenza di controlli ai varchi di ingresso e di uscita dello scalo. I semirimorchi prelevati dai piazzali portuali non sono soggetti ad alcuna verifica prima di lasciare il porto. E’ una situazione incresciosa che va affrontata e risolta subito”.

Sicilia, i Forconi tornano in strada

Movimento Forconi in protesta

Tornano i blocchi dei Forconi in Sicilia. La protesta degli autotrasportatori, che oltre un mese fa procurò seri problemi di gestione del traffico e di rifornimento dei beni primari, riprenderà da lunedì prossimo.

Il movimento “ha dichiarato che il prossimo 28 maggio riprenderà questo tipo di attività con le medesime modalità, gli stessi blocchi sulle strade siciliane e probabilmente tentando di esportare al di fuori della Sicilia queste procedure”. Lo ha affermato il direttore dell’Aisi, Giorgio Piccirillo, in audizione davanti alla Commissioni affari costituzionali a Montecitorio. “Le forti misure anticrisi – ha spiegato – negli ultimi mesi hanno determinato forti pulsioni rivendicative soprattutto da parte di alcune categorie interessate dai provvedimenti di liberalizzazione”.

Pasqua “scontata” a bordo della Tirrenia

Promozioni primavera/estate

Sconti e tariffe promozionali per chi viaggia con Tirrenia durante le vacanze pasquali o la prossima estate. A meno di un mese dalle prime festività primaverili, torna in funzione il traghetto Clodia, pronto a solcare la rotta Genova-Olbia-Arbatax. Novità anche sulle tratte di collegamento per la Sardegna e la Sicilia per la prossima estate, con tariffe promozionali e sconti sui servizi di ristorazione offerti a bordo.

Tra le promozioni attive dalla prossima stagione (da giugno a settembre), quella dedicata alle famiglie che si mettono in viaggio: cabine quadruple per gruppi familiari costituiti da 2 adulti + 1 o 2 bambini + auto al seguito a un prezzo ridotto su tutte le partenze relative alle linee Genova/Porto Torres, Civitavecchia/Olbia e Napoli/Palermo. Altra riduzione tariffaria promozionale è stata introdotta per le coppie in viaggio e consentirà di prenotare, fino ad esaurimento posti, una cabina doppia + auto al seguito sulle linee Genova/Porto Torres, Civitavecchia/Olbia e Napoli/Palermo. Inoltre tutti i passeggeri che acquisteranno un biglietto sulle tratte Genova/Porto Torres, Civitavecchia/Olbia e Napoli/Palermo, nel periodo dal 2 aprile al 31 maggio, potranno effettuare un secondo viaggio a tariffa scontata, tra il 1° giugno e il 30 settembre. E su tutte le tratte sarà possibile prenotare la cena o il brunch.

Sicilia, nuovo sciopero di 8 ore il 27 marzo

Nuovo stop treni in Sicilia

Tempi duri per i pendolari siciliani: proclamato un nuovo giorno di sciopero unitario di otto ore per il prossimo 27 marzo. A renderlo noto è la Fit Cisl Sicilia. Treni fermi dalle 9 alle 17 e personale di Trenitalia in sciopero. “Nonostante i tanti incontri e le iniziative – spiegano Amedeo Benigno Segretario Generale Fit Cisl Sicilia e Mimmo Perrone Segretario Fit Cisl Ferrovie – le Ferrovie continuano ad ignorare le nostre richieste di miglioramento del servizio in Sicilia con un potenziamento del parco rotabile, insufficiente per le esigenze del territorio, e con l’aumento del personale”.

La Federazione trasporti della Cisl, torna dunque a chiedere “la firma del contratto di servizio con la Regione che non può più attendere e una politica seria di rinnovo del materiale rotabile, l’ammodernamento e il rilancio degli impianti della manutenzione, il ripristino dei treni a lunga percorrenza per garantire anche i livelli occupazionale”. Intanto venerdì prossimo si terrà un nuovo incontro tra Regione, sindacati e Trenitalia.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner