Articoli marcati con tag ‘skyscanner’

L’aereo dei sogni? Silenzioso e con sedili “anti-calci”

La doccia su un volo Emirates

Stop ai pianti dei bambini e ai calci nella schiena: l’aereo dei sogni per la maggior parte dei viaggiatori è prima di tutto un luogo silenzioso dove riposare in santa pace. Lo dichiarano i partecipanti al sondaggio di Skyscanner, portale dedicato alla ricerca di voli low cost.

Al primo posto sulla lista dei desideri (20%), in questo aereo “perfetto”, ci sono camere da letto “a capsula”, una sorta di luogo isolato per una dormita indisturbata durante il volo. A conferma che il relax è una priorità durante il viaggio, tra le preferenze seguono delle sezioni insonorizzate dedicate ai bambini (18%). Molto quotati in classifica sono i sedili anti calcio (8%), che considerati i tavolini e gli spazi ristretti, emergono tra i desideri dei passeggeri. A proposito di comodità spuntano le poltrone con tanto di avvolgenti massaggi. Per chi non fosse ancora rilassato completamente, c’è chi chiede in dotazione degli iPad, per dare al viaggio il giusto tocco tecnologico (5%). Alcuni, che decisamente non temono le altezze, pensano addirittura ad una vista panoramica, grazie a pavimenti e soffitti trasparenti.
La seconda parte della classifica prosegue verso richieste sempre più particolari, come l’area dedicata ai single (4%), dove i passeggeri in viaggio per conto loro potrebbero incontrarsi, flirtare e scambiare due chiacchiere ad alta quota. Non manca la richiesta di una zona dedicata alle docce, magari per non perdere tempo e per provare il piacere di una rilassante toilette a 10.000 metri di altezza. E alcune compagnie aeree si sono già attrezzate per fornire questo comfort.

Il cellulare in volo? I passeggeri dicono no

Al telefono ad alta quota

I passeggeri dicono no al cellulare in volo. Quella che era stata lanciata come una portentosa rivoluzione in alta quota, ovvero la liberalizzazione del cellulare in cabina, è bocciata dall’utenza. Secondo un sondaggio condotto da Skyscanner, sito di comparazione voli, l’86% delle persone preferirebbe che non fosse consentito l’uso del telefono cellulare sugli aerei, perché “è fastidioso dover ascoltare le conversazioni altrui”.

Alcune compagnie lo propongono già da tempo, come Ryanair, Air France, Emirates, TAP, Qantas ed ora è il turno di Virgin Atlantic, altre lo vietano come Aer Lingus, Alitalia o Wizz Air. Da quando la Comunità Europea lo ha consentito, sono molti i vettori che per determinate tratte, permettono l’utilizzo dei cellulari a bordo con servizi e tariffe dedicate.

In molti apprezzano il fatto che ormai ci si possa connettere quasi ovunque nel mondo, ma sembra che vi sia un atteggiamento molto diverso quando si tratta di conversazioni telefoniche in spazi ristretti. A rafforzare questa avversione, un 85% degli intervistati a cui “piace tenere spento il cellulare per qualche ora”. Al massimo, il 48% degli intervistati manderebbe un sms.

Vuoi viaggiare in testa all’aereo? Paghi di più

Il 6A è il posto preferito

Il posto più ambito sui voli aerei? E’ il numero 6A. Lo rivela un sondaggio effettuato dal portale di voli low cost Skyscanner.it, su un campione di 1.000 passeggeri. Come mai? Da un lato ci sono le statistiche sulla maggior sicurezza dei posti in testa all’aereo, dall’altro motivazioni ben più frivole: si viene serviti prima e si rimane a distanza di sicurezza dalle famigliole in gita con pargoli al seguito. E si è anche più vicini all’uscita, una volta atterrati.

Le prime sei file dell’aereo restano comunque tutte di gran lunga le più desiderabili. Tant’è che alcune compagnie aeree hanno cominciato a farle pagare di più: da poche sterline a oltre 100 euro. Tra le low cost sia EasyJet che Ryanair offrono già la possibilità di scegliersi il proprio posto. Un servizio che, ovviamente, si paga.

Restano più abbordabili, poiché meno desiderati, i posti centrali, in corrispondenza delle ali, che non offrono particolari vantaggi, né una buona visuale del panorama. Ma il posto più temuto di tutti è il 31E: centrale nella fila e centrale nell’aereo, il massimo della scomodità. Nessuno sconto in vista, però, per chi desiderasse sedersi proprio qui.

Il compagno di viaggio lo scelgo su Facebook

Meet&Seat

Viaggiare? Un’attività sempre più social. Inteso come social network. Se Facebook è diventato uno dei principali alleati nello scegliersi le mete per le vacanze (ma anche il compagno di viaggio sull’aereo), nasce anche un’applicazione apposita per condividere spese, percorsi e storie: si chiama Travellution e nasce come rete di viaggiatori. Non più solitari.

MEET&SEAT. Pioniera su questo fronte è stata la compagnia aerea Klm, che, lo scorso febbraio, ha lanciato un nuovo servizio chiamato Meet&Seat. Tradotto: il vicino di posto te lo scegli su Facebook. Per il momento il servizio è attivo solo sulle rotte intercontinentali: d’altronde è sulla lunga distanza che si apprezzano pregi e difetti di un buon compagno di viaggio. E chi vorrebbe ritrovarsi per delle ore accanto a una persona noiosa o, ancora peggio, fastidiosa? Ecco allora che nasce l’idea: nel momento della prenotazione sarà possibile consultare i profili Facebook e Linkedin degli altri passeggeri e scegliere il proprio Flight Mate.

DATING ON BOARD. C’è chi ha intravisto dietro questa novità il tentativo della compagnia aerea di sostituirsi alle agenzie di dating online, chi ha pensato a un’altra strategia per accedere ai dati dei clienti, ma Klm rassicura: si tratta solo di un servizio aggiuntivo pensato per rendere più gradevole la traversata. La compagnia ha pensato proprio a tutto: il posto si può cambiare fino all’ultimo minuto, scegliendosi un partner di viaggio diverso. Klm, infatti, aggiornerà via mail i clienti con i profili dei nuovi possibili compagni di viaggio.

PRIVACY. La privacy resta comunque garantita: entro 48 ore dalla partenza del volo, tutti i dati relativi a chi ha usufruito di Meet&Seat saranno rimossi dal server. Con buona pace di mogli e compagni gelosi.

Facebook-viaggi

DIARIO FACEBOOK DI VIAGGIO.

Non stupisce il collegamento diretto tra la compagnia aerea e Facebook. Secondo recenti sondaggi online, infatti, “faccia libro” è anche uno dei maggiori canali di ricerca per la programmazione dei viaggi. Lo conferma Skyscanner.it, il portale dedicato ai voli low cost. Leggi il resto di questo articolo »

Cibo ad alta quota, vince l’Orient Express

Una hostess Emirates

Il cibo in aereo? Spesso è considerato insipido. Ecco spiegata, almeno in parte, la ragione del successo delle compagnie medio-orientali nella classifica dei migliori pasti serviti ad alta quota. Insomma vincono le spezie e i sapori forti: la medaglia d’oro va alla Emirates, ma all’interno della top ten trovano spazio altre 5 compagnie aeree orientali.

Secondo un sondaggio promosso da Skyscanner su 1.200 passeggeri da tutto il mondo, la cucina dei vettori nordamericani non è molto appetitosa. Se la cavano meglio le compagnie europee: al secondo posto in classifica troviamo Lufthansa, al quarto la russa Aeroflot, mentre al penultimo gradino c’è KLM. Air France, compagnia di bandiera della Francia, universalmente nota per ricette raffinate, riesce a strappare solo il decimo posto.

Fuori classifica pasta e pizza: la nostra Alitalia non è fuori dalla top ten.

Aeroporti, la classifica secondo i turisti

Sono i voli per Roma i più ricercati

E’ Roma la città italiana più ricercata dai turisti di tutto il mondo. A svelare la classifica degli scali più cliccati è Skyscanner, primo portale gratuito di ricerca di voli low cost.

Al secondo posto Milano, capitale della moda e della finanza, sostenuta dai due principali scali lombardi. Il terzo gradino del podio se lo aggiudica Venezia. Segue Pisa, con uno degli aeroporti più gettonati dalle compagnie low cost. A ruota arriva Bologna, città che ha dato i natali all’università più antica del mondo.

Più giù in classifica compare Napoli e poi il capoluogo toscano, Firenze. Infine la Sicilia, che grazie ai voli per Lampedusa, Palermo e Catania si è rivelata una destinazione italiana in costante crescita. Infine Verona: anche la città di Romeo e Giulietta si ricava una dignitosa posizione in classifica.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner