Articoli marcati con tag ‘svizzera’

San Gottardo, aperto il tunnel ferroviario dei record

Da ieri l’Italia è più vicina alla Svizzera e all’Europa! Dopo l’inaugurazione di giugno e i test svolti nei mesi successivi, è entrata in servizio la galleria ferroviaria del San Gottardo, che con i suoi 57 chilometri è la più lunga del mondo.

Nel tunnel possono transitare ogni giorno fino a 250 treni merci e 65 treni viaggiatori, invece del limite massimo di 180 treni merci della vecchia linea alpina. Il percorso Milano-Zurigo si riduce di mezz’ora e nel 2020, con l’apertura della galleria del Ceneri, il viaggio fra le due città durerà circa tre ore.

La realizzazione della galleria di base del S. Gottardo, che è costata 12,2 miliardi di franchi svizzeri, è prima di tutto un capolavoro di ingegneria. Più lunga del tunnel giapponese di Seikan (53,9 km) e del tunnel sotto la Manica (50,5 km), è anche la galleria più profonda del mondo con una copertura massima di 2300 metri. Riduce di 30 chilometri l’attuale percorso, che diventa quasi pianeggiante. L’obiettivo: incrementare e a rendere più fluido il traffico tra il Nord e il Sud dell’Europa.

Servizi ferroviari pronti per l’apertura della Galleria di base del San Gottardo

Impiego di nuovi treni internazionali dall’apertura della Galleria di base del San Gottardo nel dicembre del 2016, sviluppo dell’offerta ferroviaria sull’asse nord-sud, le offerte del traffico merci, il potenziamento degli accessi in territorio italiano e futuro della FMV Mendrisio-Stabio-Arcisate-Varese. Sono questi i temi centrali che hanno animato l’incontro fra Michele Elia, Amministratore Delegato del Gruppo FS Italiane, e Andreas Meyer, CEO FFS, nella cornice di Expo Milano 2015.

Il vertice si iscrive nell’ambito dell’«Accordo dei Castelli». L’intesa del 2011 ha dato l’avvio a una regolare e più intensa collaborazione tra i due Gruppi ferroviari, pienamente operativi per l’Expo e pronti per la prossima apertura della Galleria di base del San Gottardo. Gli obiettivi perseguiti, tramite il potenziamento e l’ammodernamento delle infrastrutture ferroviarie tra le due nazioni confinanti che proseguiranno fino al 2020, sono in particolare lo sviluppo dell’offerta internazionale e regionale TILO.

L’«Accordo dei Castelli» permette di raggiungere risultati concreti per la clientela

L’«Accordo dei Castelli» persegue risultati concreti nell’ambito della collaborazione tra FFS e Gruppo FS Italiane. Quest’anno ad esempio esso ha permesso lo sviluppo dell’offerta dalla Svizzera verso Expo 2015. Ogni giorno treni speciali permettono alla clientela in partenza da Ginevra, Basilea, Zurigo e Lugano di giungere direttamente al centro dell’Evento internazionale.

Per quanto concerne lo sviluppo dell’offerta internazionale tra Svizzera e Italia con l’apertura della Galleria di base del San Gottardo, Michele Mario Elia ha annunciato ad Andreas Meyer  la messa in servizio dei treni ETR 610 già per la fine del 2015.

Sviluppo della rete ferroviaria per le Gallerie di base e conclusione della FMV Mendrisio – Stabio – Arcisate – Varese

Per potenziare l’offerta del traffico merci entro il 2020 saranno necessari cantieri ed alcune interruzioni della tratta ferroviaria da e per Luino. Tra le principali misure rientrano l’aumento del profilo delle gallerie con altezza a 4 metri, la realizzazione di binari d’incrocio per permettere il transito di convogli merci di 750 metri e l’adozione dello standard di sicurezza ETCS Level 2. Tutto ciò deve avvenire sia in Svizzera che in Italia. Entrambi i partner si impegnano per garantire ai clienti del traffico merci il massimo della capacità e vi saranno comunicazioni  nel mese di dicembre. Il programma di potenziamento infrastrutturale è conforme all’«Accordo dei Castelli» e buona parte dei finanziamenti sono garantiti.

Durante il vertice è stata dedicata particolare attenzione alle sfide necessarie per apportare soluzioni al piano orario e al futuro della linea FMV Mendrisio – Stabio – Arcisate -Varese (Malpensa). Secondo Maurizio Gentile, Amministratore Delegato di Rete Ferroviaria Italiana (RFI), la fine dei lavori è ipotizzabile entro l’autunno del 2017 e l’attivazione commerciale a partire da dicembre 2017. Michele Mario Elia ha ribadito la volontà del Gruppo FS Italiane di portare a termine i lavori nei tempi preventivati.

Il CEO di FS Italiane, dopo aver confermato che le loro infrastrutture sono pronte per affrontare la sfida del futuro ferroviario, ha poi chiesto maggiori dettagli sul previsto divieto dal 2020 dell’uso di carri rumorosi in Svizzera e sull’aumento del canone ferroviario sulla rete elvetica.

Incontro tra FS Italiane e FFS: collegamenti più stabili tra la Svizzera e Milano

Oggi a Zurigo, a quasi tre settimane dall’attivazione del nuovo orario Trenitalia (15 giugno), l’AD delle FS Italiane Michele Mario Elia e il CEO di Ferrovie Federali Svizzere Andreas Meyer hanno fatto il punto sui collegamenti ferroviari tra Svizzera e Italia.

Da agosto 2011, quando a Bellinzona le FFS e FS Italiane hanno firmato l’«Accordo dei Castelli», il management si incontra annualmente per fare il punto sullo stato di avanzamento dei lavori. Inoltre, oggi Michele Mario Elia ha incontrato, per la prima volta, Andreas Meyer quale AD di FS Italiane. Nei precedenti appuntamenti, infatti, era presente come AD di Rete Ferroviaria Italiana, il Gestore del network ferroviario italiano. Le FFS hanno sottolineato come per loro la nomina di Elia garantisca la continuità dei buoni rapporti tra le due società. «Mi congratulo con il collega Michele Mario Elia per la nomina e so che insieme potremo continuare a sviluppare e rafforzare le sinergie tra la Svizzera e l’Italia. I progressi fatti fino ad oggi ci indicano che siamo sulla buona strada e poter contare su un interlocutore attento e capace come Elia è per me positivo» ha affermato il CEO di FFS.

«Le attività connesse agli impegni bilaterali sottoscritti da FFS e FS Italiane proseguono con determinazione ed efficacia. Stiamo rispettando la tabella di marcia, anzi siamo in anticipo nell’adeguamento della sagoma sulla linea “Chiasso”, che consentirà il trasporto su ferro sia della cosiddetta “Autostrada viaggiante” sia del trasporto combinato» ha sottolineato l’AD di FS Italiane.

Grazie alle nuove tracce orarie in ingresso a Milano Centrale il traffico ferroviario Nord-Sud è più regolare ed è migliorato l’interscambio ferro/ferro con le Frecce AV di Trenitalia (Frecciarossa e Frecciargento). Da dicembre 2014 il viaggio sarà più confortevole grazie ai nuovi ETR 610, di seconda generazione, delle FFS. Il primo esemplare è uscito a inizio giugno dalla fabbrica Alstom di Savigliano e sta ora effettuando le corse test. Nei prossimi anni gli ETR 470, attualmente utilizzati sulla relazione Zurigo – Milano, saranno sostituiti dai più moderni ETR 610, sia delle FFS sia di Trenitalia, la società di trasporto del Gruppo FS Italiane.

EXPO 2015 – fino a 5 treni supplementari dalla Svizzera verso Rho Fiera
L’obiettivo principale dell’«Accordo dei Castelli» è stato raggiunto: l’offerta per EXPO 2015, infatti, è stata implementata. E’ previsto che la maggior parte dei visitatori svizzeri arriveranno in treno a Milano per l’importante appuntamento mondiale utilizzando sia l’asse del Lötschberg-Sempione sia quello del San Gottardo. Le FFS, insieme con Trenitalia, hanno quindi sviluppato un’offerta ad hoc che prevede ogni giorno fino a cinque treni speciali, con circa 2.500 posti a sedere supplementari. Da tutta la Svizzera sarà così possibile raggiungere la stazione di Rho-Fiera Milano e visitare EXPO 2015 anche in giornata. I collegamenti saranno garantiti la mattina, per il viaggio di andata, e la sera, per quello di rientro.

L’«Accordo dei Castelli» prevede anche il rafforzamento dei collegamenti fra il Canton Ticino e Milano. Anche in quest’ambito i progressi sono significativi. I collegamenti RE Ticino – Milano Centrale sono stati costantemente potenziati: dal 15 giugno ne sono stati aggiunti ulteriori 6. Complessivamente salgono a 17 le relazioni Ticino – Milano Centrale: 8 in direzione Sud e 9 in direzione Nord.

Pronti per la Galleria di base del San Gottardo

Il programma di potenziamento infrastrutturale, che prevede l’incremento della capacità di traffico fra Chiasso e Milano dopo la messa in esercizio della Galleria di base del San Gottardo, è in linea con quanto previsto dall’«Accordo dei Castelli» e per buona parte dei moduli del progetto i finanziamenti sono garantiti, secondo quanto ha comunicato l’AD di FS Italiane.

L’incontro è stato occasione anche per far il punto sui lavori, lato italiano, della nuova linea ferroviaria transfrontaliera Mendrisio – Stabio – Varese. La delegazione di FS Italiane ha ribadito la volontà di renderla operativa per metà 2016, confermando l’impegno del Gruppo FS Italiane «affinché i lavori su questa importante linea possano continuare senza ulteriori intoppi». Per quanto riguarda il lato Svizzera i lavori sono conclusi e da dicembre 2014 sarà attivata la linea S40 (Albate-Camerlata – Como – Mendrisio – Stabio). Un primo passo della futura linea ferroviaria che collegherà Como a Varese via Mendrisio.

Sviluppo positivo del traffico combinato

Sviluppo del traffico Lo scorso anno, l’operatore svizzero del trasporto combinato Hupac ha trasportato su rotaia complessivamente 656.877 spedizioni stradali. Ciò corrisponde a un incremento dell’1,7% rispetto all’anno precedente. La debolezza congiunturale, in particolare in Italia, il più importante mercato di destinazione dei trasporti di Hupac, ha ancora influenzato la domanda del mercato.

Nel core business del traffico transalpino attraverso la Svizzera, Hupac è riuscita ad aumentare il volume dell’1,9%, con 380.502 spedizioni stradali. Su numerose tratte è stata offerta una frequenza di cinque corse giornaliere per direzione. Nel traffico transalpino attraverso la Francia, all’inizio dell’anno è partito il collegamento tra Busto Arsizio e Barcellona. Nel traffico transalpino attraverso l’Austria, le spedizioni hanno visto un calo del volume del 2,1%, scendendo a 52.288 unità.

Il traffico si è dimostrato particolarmente vivace nello snodo di Anversa. Ad aprile è stato avviato un nuovo collegamento tra il terminal Combinant di Anversa e quello di Busto Arsizio, con quattro partenze a settimana. Sulle relazioni Anversa D Barcellona e Anversa D Verona è stato possibile aumentare il numero delle corse settimanali. In risposta alla crescita della domanda è stata incrementata anche la frequenza sui collegamenti Singen D Busto e Singen D Duisburg. Nel complesso, il traffico non transalpino sull’asse ovest-est ha registrato una crescita dello 0,9%.

Corridoio dei 4 metri via Gottardo – investimento per il trasferimento del traffico La messa in esercizio del tunnel di base del Gottardo nel 2017 e del tunnel di base del Ceneri nel 2019 apre nuove possibilità per il processo di trasferimento. “Accogliamo con favore l’accordo tra l’Italia e la Svizzera di fine gennaio, riguardante la costruzione di un corridoio di 4 metri fino ai terminal italiani, via Luino e via Chiasso”, sottolinea il direttore di Hupac Bernhard Kunz. Un’infrastruttura ferroviaria efficiente migliora la produttività, riduce i costi e rafforza la competitività dei trasporti su rotaia.

Gli investimenti nella rete italiana avranno un ritorno anche per la Svizzera, dal momento che permetteranno di ridurre gli attuali contributi d’esercizio destinati al traffico combinato. “Oggi, il governo federale abbassa il costo di produzione del trasporto combinato grazie a sovvenzioni. Domani saremo in grado di produrre in modo auto-sostenibile, utilizzando un’infrastruttura moderna. Quindi, l’investimento in Italia sarà ripagato rapidamente anche per la Svizzera”, illustra Kunz. “Partiamo dal presupposto che per prima cosa venga ampliata la tratta di Luino, in quanto non dipende dal completamento del tunnel di base del Ceneri. Così il trasporto merci su strada potrà essere trasferito più velocemente sulle nuove infrastrutture ferroviarie“.

Trenitalia, agevolazioni viaggi in treno da Milano per mercatini di Natale in Svizzera

Agevolazioni per i viaggi in treno da Milano per raggiungere i mercatini di Natale in Svizzera.
Fino al 29 novembre sarà infatti possibile acquistare con l’offerta Promo Mercatini biglietti con destinazione Basilea, Berna, Losanna, Lucerna, Montreux e Zurigo per viaggi di andata e ritorno in Svizzera, dal 22 novembre al 15 dicembre.
È la seconda edizione della promozione congiunta Trenitalia e Ferrovie Svizzere che consente di risparmiare fino al 70% per i viaggi in treno da Milano alle sei città svizzere grazie ai 14 collegamenti giornalieri.
I biglietti per l’offerta Promo Mercatini, seconda classe, sono in vendita su trenitalia.com nella sezione “Altri prezzi e servizi”, selezionando il nome offerta “PROMO1”.
L’offerta Promo Mercatini è inoltre disponibile nelle biglietterie di stazione, nelle Agenzie di Viaggio e chiamando il Call Center Trenitalia 89 20 21.

Infrastrutture Italia-Svizzera: accordo interministeriale entro l’anno

­ANITA è particolarmente soddisfatta per la notizia
sull¹esito dell¹incontro che si è tenuto ieri a Roma tra il Ministro alle
infrastrutture e trasporti Maurizio Lupi e il consigliere federale svizzero
Doris Leuthard durante il quale è stata ribadita l¹importanza della
realizzazione del Terzo Valico e la strategicità del corridoio Ten-T
Genova-Rotterdam per il trasferimento intermodale delle merci sulla
direttrice di traffico Italia-Nord Europa e soprattutto per la specifica
attenzione che è stata riservata alla realizzazione del collegamento
ferroviario Mendrisio-Varese e al tratto ferroviario Busto
Arsizio-Gallarate-Luino-San Gottardo, prioritario per il trasporto di merci
sull¹Arco Alpino.

Proprio su tale argomento, alla fine del mese di agosto, ANITA aveva scritto
al Ministro Lupi una lettera con la quale era stata sottolineata
l¹importanza del potenziamento e dello sviluppo della tratta in questione,
strategica per il traffico intermodale delle merci.

"Un'occasione da non perdere sia per superare le criticità legate al
trasporto merci sull'Arco Alpino sia per le ricadute positive in termini
occupazionali" sono le parole di Eleuterio Arcese, Presidente ANITA, che
esprime il proprio apprezzamento e ringrazia il Ministro Lupi e il suo
consigliere Bartolomeo Giachino per l¹attenzione dedicata all¹argomento.

TRENITALIA, PROMOZIONE VIAGGI IN PRIMA CLASSE EUROCITY ITALIA-SVIZZERA

La Svizzera con tutto il comfort della Prima Classe e con prezzi a partire da 55 euro.
È l'opportunità offerta, per tutta l'estate, dalla promozione congiunta di
Trenitalia e SBB CFF FFS (Ferrovie Svizzere), valida sugli Eurocity in partenza da
Milano per Zurigo, Lucerna, Berna, Basilea, Ginevra, e viceversa.
L'offerta, soggetta a limitazione di posti, è in vendita nelle biglietterie di
stazione, agenzie di viaggio e su  trenitalia.com<http://www.trenitalia.com>  dal 28
maggio al 23 giugno per viaggiare dall'1 giugno al 31 agosto 2013.

Frana sulla linea del Gottardo : Hupac garantisce la continuità della circolazione

Già a partire da domenica sera il traffico merci verrà ripreso sulla linea del Gottardo. Nel frattempo, Hupac istrada i suoi treni via
Lötschberg/Sempione. Sono penalizzate unicamente le relazioni domestiche Basilea <=> Chiasso e Aarau <=> Stabio per le quali attualmente non ci
sono alternative.
Le istituzioni preposte hanno subito adottato tutte le misure per sostenere il traffico merci ferroviario:
·       I gestori dell'infrastruttura di Italia, Svizzera e Germania lavorano in stretto coordinamento con l'obiettivo di offrire il maggior
numero possibile di tracce nonostante l'interruzione della linea del Gottardo
·       I lavori di costruzione pianificati sull'asse del Sempione sono stati differiti
·       La capacità della stazione merci Domodossola II è stata aumentata attraverso la messa in esercizio di ulteriori locomotive di manovra
eil rafforzamento delle squadre di movimentazione 

·       Le imprese ferroviarie internazionali lavorano gomito a gomito per ottenere una capacità la più alta possibile
·       Gli uffici doganali di Domodossola istituiscono un servizio 24 ore su 24 in caso di necessità. 

Inizialmente, fino allo smaltimento del traffico arretrato, sono da attendersi dei ritardi, ma a partire da lunedì 19.11.2012 la situazione
dovrebbe normalizzarsi entro alcuni giorni. 

Più treni tra Lombardia e Canton Ticino

Firmato un accordo tra Lombardia e Svizzera

Più treni e più linee tra la Lombardia e il Canton Ticino, il “pezzo di Italia” oltre confine. L’assessore alla mobilità della Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, e il direttore del Dipartimento del Territorio del Canton Ticino, Marco Borradori, assieme agli ad delle rispettive Ferrovie, hanno firmato un accordo per il potenziamento dell’offerta ferroviaria. Il che significa, tra l’altro, la realizzazione della linea Lugano-Mendrisio-Varese-Malpensa, una revisione degli orari sull’asse nord-sud (Zurigo-Milano) e la verifica, una volta all’anno, del raggiungimento degli obiettivi concordati.

“Questo accordo – ha detto l’assessore Cattaneo – fa seguito al percorso già intrapreso con l’Accordo operativo del 2008, che ha portato a sviluppare un servizio ferroviario transfrontaliero coordinato con il prolungamento della linea S10 ticinese fino a Como e Albate, l’istituzione della nuova linea S11 Milano P.Garibaldi-Chiasso e la progettazione di un orario coordinato Bellinzona-Gallarate attraverso la stazione internazionale di Luino, oltre ai collegamenti Regio Express verso Milano Centrale”. Un percorso che va anche nella direzione di “farci trovare pronti con l’appuntamento di Expo”.

Per l’evento del 2015, per il quale sono attesi dai 30 ai 50 milioni di visitatori, il traffico ferroviario regionale transfrontaliero tra il Ticino e Milano, così come quello internazionale al San Gottardo e al Sempione, sarà ulteriormente sviluppato e migliorato. Insieme alla firma dell’accordo è stato annunciato che, dal 12 settembre, una coppia di treni Flirt di Tilo effettuerà il servizio Luino-Malpensa.

Frontiera svizzera, arriva il sistema anticoda

Auto in coda alla dogana

Contrassegni auto strali svizzeri in vendita negli autogrill e nei punti blu autostradali. Già dalle prossime vacanze pasquali le cosiddette “vignette” da attaccare al cruscotto per circolare in Svizzera si potranno acquistare direttamente in Italia. Un metodo in grado di dare un colpo alle lunghissime file alla frontiera, o almeno di aiutare a far defluire il traffico in modo più rapido.

La situazione, infatti, è diventata insostenibile, soprattutto d’estate. Basti pensare che, secondo il ministero delle infrastrutture italiano, da gennaio ad agosto 2010 le ore in fila al valico di Chiasso-Brogeda sono state quasi 1.200.
Rimane, comunque, ancora molto da fare. In molti, infatti, sostengono che i doganieri svizzeri, nonostante gli accordi di Schengen, insistano eccessivamente con i controlli o aprano una sola corsia in entrata.

Per quel che riguarda il traffico dalla Svizzera all’Italia, invece, il problema è sotto controllo. Oltreconfine è possibile dotarsi di Viacard o Telepass, per rendere le operazioni ancora più scorrevoli.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner