Articoli marcati con tag ‘tecnologia’

Nodo di Venezia: tecnologia d’eccellenza

Il traffico ferroviario (passeggeri e merci) sul tratto Mestre – San Donà di Piave è ora inserito nel Sistema di Comando e Controllo (SCC) del Nodo di Venezia gestito dal Posto centrale di Mestre.

Rete Ferroviaria Italiana ha concluso infatti la seconda fase degli interventi di ammodernamento tecnologico per il controllo e la gestione della circolazione dei treni nel Nodo di Venezia.

L’investimento complessivo per il completamento dell’SCC del Nodo di Venezia è di circa 22 milioni di euro, di cui un milione per interventi sul tratto Mestre – Padova, 14,5 milioni per il tratto Mestre – San Donà di Piave (32,79 chilometri), con rinnovo completo del sistema di distanziamento dei treni e la realizzazione del nuovo Apparato Centrale Elettrico ad Itinerari (ACEI) nella stazione di San Donà, 6,4 milioni per il previsto proseguimento sul tratto San Donà di Piave – Portogruaro, anche qui con rinnovo completo del sistema di distanziamento dei treni e nuovo ACEI nella stazione di San Stino di Livenza. L’Apparato Centrale Elettrico ad Itinerari (ACEI) consente agli operatori, sfruttando le potenzialità offerte dall’elettromeccanica, una dinamica gestione della circolazione dei treni e delle situazioni di criticità, ambito stazione, aumentando gli standard funzionali e qualitativi.

Al momento sono 63 i chilometri di linea e 13 le stazioni/fermate comprese nella giurisdizione del Nodo, che diventeranno rispettivamente 90 e 17 al termine della successiva fase dei lavori.

Gli operatori delle cinque postazioni con tecnologia SCC del Posto Centrale di Mestre, regolano, in tempo reale, il transito dei treni in 66 stazioni/fermate e 2 posti di servizio (bivi e posti di comunicazione) distribuiti lungo circa 387 chilometri sulle linee Tarvisio – Udine – Mestre, Mestre – San Donà di Piave, Treviso – Vicenza, Mestre – Bassano e Mestre – Padova.

La posizione del treno e il corretto funzionamento del “sistema stazione” sono visualizzati sui monitor delle postazioni informatiche di ultima generazione, dove sono riprodotte schematicamente le stazioni della linea.

Con l’SCC tutti gli enti e gli apparati delle stazioni – scambi, segnali, passaggi a livello – non sono più manovrati sul posto ma da un’unica “cabina di regia”. Il sistema consente di garantire standard di qualità e puntualità maggiori nella circolazione grazie a una consistente diminuzione dei tempi tecnici necessari per effettuare, nelle stazioni, il transito e gli incroci dei treni.

L’SCC opera secondo una visione di sistema: alla capacità di gestire la circolazione su una vasta area, aggiunge la diagnostica centralizzata di tutti gli apparati presenti sulla linea, la telesorveglianza delle stazioni e la diffusione in tempo reale delle informazioni alla clientela. Tutto questo con un miglior rapporto fra costi di gestione e prestazioni: miglioramento della qualità dell’offerta di servizio, maggiore efficienza nel processo di manutenzione, maggiore protezione dei beni della Società contro atti vandalici e furti.

Geodis sbanca e vince ben 2 premi de ‘Il logistico dell’anno’ organizzato da Assologistica

Grande soddisfazione quest’anno per Geodis che anche nell’edizione 2013 de “Il Logistico dell’anno” – il principale premio della logistica in c/terzi in Italia, che per primo ha introdotto un riconoscimento nazionale per gli operatori di questo settore strategico – si aggiudica il massimo riconoscimento sia nella categoria “Innovazione e Tecnologia” con il progetto firmato dalla divisione logistica “Il magazzino automatizzato Geodis a prova di errore” che nella categoria “Progetto Innovativo in ambito ambientale” con il progetto curato invece dalla divisione trasporti messaggeria e groupage “Paperless Company”.
Creato ed organizzato da Assologistica insieme alle sue ramificazioni, la testata giornalistica Euromerci e Assologistica Cultura e Formazione, il concorso, che ha l’obiettivo di portare a livello nazionale l’evoluzione innovativa dei processi nel settore della logistica in c/terzi ad opera delle imprese, dando valore aggiunto all’economia del Paese in termini di sostenibilità e competitività, è partecipato dai più importanti operatori logistici sulla scena internazionale.
I Premi assegnati alle due divisioni italiane del Gruppo Geodis sono stati consegnati questa mattina al temine del convegno “Internazionalizzazione e PMI, il ruolo della logistica nell’esportazione del Made in Italy” organizzato da Assologistica/Euromerci in collaborazione con Camera del Commercio di Milano e Promos.
“Quest’anno la nostra soddisfazione è doppia – ha dichiarato l’ing. Cazzaniga – Ricevere il Premio “Logistico dell’Anno” per i progetti realizzati dalla nostre divisioni di logistica e di trasporti messaggeria e groupage rappresenta per noi la conferma che l’impegno del nostro Gruppo sia riconosciuto e appoggiato dai principali operatori del settore e questo ci sprona a continuare il percorso che abbiamo intrapreso e che ci permette oggi di posizionarci tra i primi quattro Global Logistics Services Provider in Europa”.

L’auto a idrogeno? E’ ancora fantascienza

Ancora lontana l'auto a idrogeno

A conclusione del European Hydrogen Road Tour 2012, il giro d’Europa su auto a idrogeno, l’unico dato certo è che il motore più eco che esista è ancora lontano da venire. A prima vista, infatti, i vantaggi di un’auto a idrogeno rispetto a una elettrica sembrano evidenti: pochi minuti per fare il pieno e centinaia di chilometri di autonomia, con l’aggiunta che le celle a combustibile, deputate alla conversione del gas in energia elettrica, sono più efficienti dei motori a combustione interna.

Allo stato attuale della tecnologia, però, il miglior motore a idrogeno ha un rendimento del 19%, contro il 33% di un tradizionale motore diesel ed il 28% di un motore a benzina e, anche se si riuscisse ad ottenere un motore con un rendimento del 50%, un’auto ad idrogeno autoalimentata dovrebbe montare una superficie di pannelli fotovoltaici, necessari all’alimentazione delle celle a combustione, di 10mq, mentre se dovesse andare a batterie queste dovrebbero avere dimensioni molto superiori a quelle utilizzate dalle auto elettriche. Le auto poi dovrebbero essere dotate di serbatoi dove l’idrogeno possa essere conservato -253 °C, senza contare che comunque si hanno perdite per evaporazione nell’ordine dell’1% al giorno. Servirebbero serbatoi di ben altre dimensioni.

Le Frontiere dell’Innovazione viaggiano in Frecciarossa

Fs presenta il sistema di controllo degli scambi

Torna Frontiers of Interaction, l’evento internazionale dedicato alle idee più innovative in ambito di interaction design. Per due giorni, tra giovedì 7 e venerdì 8 giugno, gli studi romani di Cinecittà si trasformeranno nell’appendice europea della Silicon Valley, attirando ospiti internazionali e talenti italiani. Che viaggeranno n Frecciarossa. Il Gruppo Fs, infatti, trasporterà a Roma buona parte degli ospiti, dello staff e dei partecipanti alla settima edizione del FOI.

Nella due giorni romana, poi, il Gruppo FS presenterà, in uno stand dedicato, le nuove tecnologie di Rete Ferroviaria Italiana: l’ERTMS/ETCS Livello 2 (European Railway Traffic Management System/European Train Control System), sistema di controllo e gestione del traffico ferroviario, installato sull’intera rete Alta Velocita’ e scelto dall’UE come standard per l’interoperabilità fra tutte le ferrovie europee; e la cassa MET (Manovra Elettrica in Traversa), un moderno sistema per il controllo e l’azionamento degli scambi dei binari i cui benefici sono l’estrema facilità di installazione, la capacità di resistere a condizioni climatiche estreme e l’abbattimento dei costi di manutenzione. Presente anche l’ad Mauro Moretti, che parteciperà ad una delle conferenze in programma.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner