Articoli marcati con tag ‘terminal’

Porto Genova: sì a proroghe per tre terminal, no a Rinfuse

“Abbiamo sbloccato il dossier sulle concessioni che da lungo tempo aspettava una soluzione” annuncia il presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mar ligure Occidentale Paolo Emilio Signorini al termine della riunione del Comitato di gestione. Approvata l’estensione delle concessioni dei terminal Sech (fino al 2045), Spinelli (2054) e San Giorgio (2030) e anche le linee guida per l’assegnazione al Consorzio Bettolo (65% Msc e 35% Gip) della concessione per il terminal di Calata Bettolo che sarà pronto nel 2019 per 33 anni. L’unico “no” è arrivato per il Terminal Rinfuse, che chiedeva una proroga a partire dal 2020. “Abbiamo negato la proroga a causa del precario stato di salute gestionale finanziaria del terminal e di un parziale utilizzo di queste aree” sottolinea Signorini.

L’80% della società Terminal Rinfuse Genova che gestisce il terminal è appena stato ceduto da Italiana Coke per l’80% a Spinelli e Msc, ma L’Autorità portuale non è stata informata in anticipo e anche per evitare che avvengano simili episodi in futuro, nel nuovo regolamento concessorio approvato oggi “si prevede che ogni mutamento negli assetti di controllo di un terminalista debba essere autorizzato dall’Autorità di sistema portuale” sottolinea Signorini, mentre finora l’ente è stato “spettatore”. Ufficializzata anche la nomina a segretario generale di Marco Sanguineri, 55 anni, attuale direttore pianificazione dell’ente, che dal 15 maggio prenderà il posto di Sandro Carena.

Tornando ai rinnovi che hanno ottenuto il via libera “il messaggio di fondo è sbloccare celermente gli investimenti dei privati con le proroghe e mettere a valore un grosso investimento pubblico su Calata Bettolo, dove poi ci saranno gli investimenti dei privati” dice Signorini. In tutto gli investimenti privati ammontano a 350 milioni di euro, di cui 121 milioni Sech, 182 milioni Spinelli, 29 milioni Terminal San Giorgio, investimenti in infrastrutture, gru, armamento piazzali, impianti fissi. Per realizzare Bettolo l’Autorità di sistema ha già investito 230 milioni, compresi i dragaggi, inoltre ci sono altri 71 milioni di euro previsti per la messa in funzione.

Graduale ripresa di operatività a Fiumicino

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile rende noto che l’operatività dell’Aeroporto di Roma Fiumicino è in costante e graduale miglioramento, anche con la parziale riapertura del Terminal 3 per le attività di check in, a seguito degli interventi effettuati durante la notte.
Il Presidente dell’ENAC, Vito Riggio, sia nel corso della giornata di ieri, sia nella mattinata di oggi, ha aggiornato telefonicamente il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio che segue con attenzione l’evolversi della situazione.
L’ENAC, infine, rinnova l’invito ai passeggeri interessati a contattare le compagnie aeree di riferimento per avere conferma in merito all’operatività e all’orario del proprio volo.

Assiterminal protesta contro l’obbligo di utilizzare guardie giurate

Assiterminal, associazione nazionale maggiormente rappresentativa dei terminalisti e delle imprese per operazioni portuali, prende posizione, con una lettera al ministero dei Trasporti, contro un decreto del ministero dell’interno del 2009 che imporrebbe ai terminalisti l’obbligo di affidare a guardie particolari giurate i compiti di sorveglianza delle aree portuali in concessione. Lo scrive oggi la testata on line specializzata in materia di shipping ‘Ship2Shore’. Dopo un primo caso scoppiato l’estate scorsa a Ravenna, la materia è tornata alla ribalta, scrive ‘Ship2Shore’, lo scorso 14 febbraio quando il Voltri Terminal Europa del porto di Genova ha ricevuto un’ispezione mirata a verificare il possesso del decreto di guardia particolare giurata da parte del personale impiegato ai varchi e alla reception del terminal. Secondo Assiterminal, il decreto del 2009 è in contrasto con norme comunitarie del 2004 e nazionali del 2007 che nulla prevedono circa un obbligo di utilizzare guardie ma solo personale che riceve un determinato addestramento. Nei porti italiani, spiega il direttore generale dell’associazione Luigi Robba, le applicazioni di queste norme sono state eterogenee con alcuni terminal che hanno optato per ingaggiare guardie giurate e altri che hanno preferito ‘riconvertire’ personale del terminal al ruolo di addetto alla security evitando così il licenziamento di personale in esubero o non più idoneo a certe funzioni operative in banchina

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner