Articoli marcati con tag ‘teu’

MSC Lucania attracca a Trieste

E’ arrivata nei giorni scorsi al Porto di Trieste la Msc Luciana, nave da 11.660 Teu che fa segnare un nuovo record per il Molo Settimo. Si tratta infatti, specifica una nota dell’Autorità Portuale, della portacontainer con la maggiore capacità mai entrata in Adriatico. La Msc Luciana, costruita nel 2009, misura 363,5 metri di lunghezza per 45,6 di larghezza, caratteristica quest’ultima che le consente di disporre i contenitori su 18 file. Le operazioni di carico e scarico potranno essere effettuate grazie alle recenti modifiche apportate alle gru gestite da Trieste Marine Terminal.

Il Molo Settimo è l’unica banchina dell’Adriatico a poter ospitare in contemporanea due meganavi oceaniche. La Msc Luciana fa parte del servizio “2M”, joint service tra Maersk Line e Msc che collega l’Adriatico all’Estremo Oriente.

Nei mesi scorsi i record di portata per navi che avevano toccato il Porto di Trieste, scalo che può vantare fondali profondi ben 18 metri, erano stati battuti da altre due meganavi dello stesso Consorzio, ma della compagnia di navigazione Maersk: la Gerda Maersk e la Maersk Altair

- Prosegue la crescita del traffico dei container nel porto di Livorno: secondo i dati diffusi oggi dall’Authority nei primi nove mesi del 2015 sono 582.586 i teu movimentati, con un + 41,8% rispetto a gennaio – settembre 2014.

- Prosegue la crescita del traffico dei container nel porto di Livorno: secondo i dati diffusi oggi dall’Authority nei primi nove mesi del 2015 sono 582.586 i teu movimentati, con un + 41,8% rispetto a gennaio – settembre 2014.

Dopo le ottime performance fatte registrare lo scorso semestre (+39,6%), i primi nove mesi del 2015 hanno regalato dunque allo scalo toscano un altro ottimo risultato. “L’anno non si è ancora concluso – ha commentato il commissario straordinario dell’Autorità Portuale di Livorno, Giuliano Gallanti – ma sul traffico dei container abbiamo già superato, di 5mila teu, i volumi complessivi del 2014″. Sulle banchine sono stati movimentati oltre 170 mila teu in più rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente. Le variazioni positive sono state conseguite sia allo sbarco (295.438 teu, + 41,1%), che all’imbarco, dove la crescita è stata maggiore (+42,4% sullo stesso periodo del 2014, con 287.148 teu). “I rapporti storici con gli Usa – ha aggiunto Gallanti – nostro paese di riferimento, ci hanno messi al riparo dalla crisi dei noli marittimi e dei traffici sulla rotta Asia-Europa e ci hanno consentito di crescere oltre ogni aspettativa. A questo punto, la meta dei 778.864 teu movimentati nel 2008, nostro record storico, appare sempre più vicina. Il dato – ha concluso – dimostra che il porto di Livorno è impegnato, sì, a progettare il proprio futuro, ma non per questo trascura il presente e le potenzialità attuali”.

Genova, a luglio crescita record per i contenitori

Il mese di luglio conferma e migliora l’ottima performance dei contenitori del porto di Genova nei primi sei mesi dell’anno con una percentuale significativa di crescita sia sul mese con 208.417 teu (+1,9%) sia sul progressivo con 1.341.534 teu (+6,1%). Sempre in tema di contenitori a luglio si registra anche il record assoluto dei contenitori per il terminal VTE che nel mese totalizza 116.142 teu (+6,5%). Il totale generale del traffico nel porto di Genova in tonnellate tra traffico commerciale e industriale cresce del 2,3% nel mese con 4.652.590 tonnellate e del 3,3% nel progressivo con 30.673.995 tonnellate. Per quanto riguarda crociere e traghetti, il traffico passeggeri complessivo cresce del +4,9% sul mese e del +2,1% sul progressivo.

BOOM DI CONTAINER A VENEZIA SUPERATO IL RECORD STORICO, OBIETTIVO 500MILA TEU/ANNO

Record storico per il container nello scalo veneziano, negli ultimi 12mesi (aprile-marzo 2014/15) si registra la movimentazione di 475mila Teu che, in valore assoluto, supera il precedente record (458mila TEU) ottenuto nel 2011.

Nel dettaglio, i dati di traffico del settore container fanno infatti segnare +17.7% nel primo trimestre 2015 nel corso del quale i container si assestano a 125mila TEU (+17.7%) rispetto ai primi tre mesi del 2014.
Un indicatore che trova conferma anche nei dati del mese di marzo +32.6% e un trend che pone l’ambizioso, ma ora raggiungibile, obiettivo di portare lo scalo Veneziano a superare i 500mila teu/anno.

Si segnala in particolare l’aumento di container pieni in export ancor più rilevante dell’aumento dei container vuoti in import, che conferma la vocazione all’export del porto lagunare a servizio delle imprese e dei mercati dell’hinterland.

Porto Salerno: traffico container +32% in 2014,bene crociere

Una festa per il Natale e per celebrare la chiusura di un anno molto positivo per il porto di Salerno, che guarda a ulteriori sviluppi grazie ai progetti infrastrutturali in atto. In vista della festa di fine anno dell’autorità portuale, in programma venerdì sera, per lo scalo salernitano è tempo di consuntivo e programmi futuri. “Dopo un 2013 – spiegano i vertici dell’autorità in una nota – caratterizzato da notevoli incrementi dei volumi di merce movimentata: con +30% per i container, +35% per le auto nuove e trailer e +15% per le merci varie; ai quali si somma il +10% per il traffico passeggeri.

Anche nel 2014 si registra un’ulteriore crescita; infatti, con un incremento del 32% per il traffico container, il Porto di Salerno si posiziona al primo posto tra tutti gli scali italiani. Un’ottima performance produttiva che viaggia di pari passo con il pieno inserimento nei circuiti mondiali della logistica integrata”.

Bene il comparto merci, quindi, ma anche quello turistico, con Salerno che si accredita sempre di più come porta per le bellezze naturali della costiera amalfitana e il patrimonio storico archologico di Pompei e Paestum. E infatti venerdì verrà fatto anche il punto sullo stato di avanzamento del nuovo Polo crocieristico che sarà in grado di offrire ai passeggeri tutti i servizi ed i comfort necessari: il nuovo terminal passeggeri, con l’ormeggio dedicato al Molo Manfredi lungo complessivamente 500 metri e con la Stazione Marittima, progettata dall’archistar Zaha Hadid, già dalla stagione crocieristica 2015, potrà accogliere le nuove navi da crociera e soddisfare le numerose richieste di approdo delle più importanti compagnie di navigazione di livello internazionale. “Si prevedono – aggiunge la nota – in pochi anni, di superare il milione di passeggeri solo per il settore crocieristico, con ulteriori potenzialità di crescita, nel breve periodo, dei flussi turistici e, in generale, dell’economia non solo della Provincia. La vicinanza del nuovo Terminal passeggeri al centro di Salerno permette, inoltre, ai crocieristi di visitare anche la città”. Ma gli interventi infrastrutturali, che valgono oltre 350 milioni di euro, riguardano anche il prolungamento del Molo Manfredi, che sono in fase di collaudo, e il consolidamento ed adeguamento funzionale dei cigli banchina della testata del Molo 3 Gennaio. In atto anche i lavori per il nuovo accosto dedicato ai traghetti Ro-Ro al Molo di Ponente, di adeguamento e potenziamento dell’impianto idrico e antincendio, e i lavori di costruzione delle gallerie di ‘Salerno Porta Ovest’ per il collegamento diretto tra Porto e svincoli autostradali e ferroviari.

Porti: Genova conferma il trend di crescita delle merci +21%

Aumenta il traffico container, di oltre il 17% che, se confermato come trend anche nei mesi successivi, potrebbe portare il porto di Genova a un nuovo record; crescono del 21%, rispetto allo stesso mese dello scorso anno, le merci e si conferma il boom degli olii minerali, con una crescita vicina al 50%. E’ un’ottima performance quella che lo scalo genovese ha compiuto nei primi nove mesi dell’anno, con una crescita in gran parte dei settori merceologici. Nel dettaglio la merce containerizzata ha fatto registrare nel progressivo 1.614.694 teu (+ 8,1%) e nel mese 186.614 teu (+17,3%).
Buoni risultati anche per il totale generale del traffico che segna una crescita del +4,2% nel progressivo con 38.456.602 tonnellate e del +21% rispetto a settembre dell’anno passato con 4.526.367 tonnellate. Confermati il preannunciato boom degli olii minerali che totalizzano un + 47,4% nel mese e la crescita delle altre rinfuse liquide che segnano un +16,5 % nel progressivo. In calo solo il settore settore passeggeri dove sia i traghetti che le crociere risentono di un temporaneo rallentamento, peraltro previsto, con un -6% sul progressivo.

Porti: Genova, record a luglio con oltre 200 mila teu

Il Porto di Genova corre e segna un nuovo record per il mese di luglio 2014: oltre 200 mila teu in un solo mese, primato assoluto nel mese e nel progressivo. La proiezione fissa il traffico a quota 205 mila teu contro i 188.519 dell’anno precedente, +8,7%.

Da gennaio a luglio 2014 dunque i teu movimentati sono stati 1.265.000 contro il 1.181.567 teu registrato nello stesso periodo del 2013, +7,1%. L’exploit è dovuto soprattutto alle performance dei terminal di Sampierdarena, con prestazioni tutte abbondantemente in doppia cifra.

“È un dato estremamente positivo – ha detto il presidente dell’Autorità portuale Luigi Merlo – che registriamo con grande soddisfazione, visto il periodo difficile di crisi che sta perdurando in tutta Europa e nel Paese. Il porto di Genova dimostra grande efficienza e competitività, con la conferma di buoni dati dal Vte di Pra’-Voltri e soprattutto con la significativa crescita dei terminal Sech, Rebora e Genoa Metal: tre realtà del bacino di Sampierdarena i cui risultati premiano le scelte fatte nella programmazione dello sviluppo del nostro porto. I lavori e le grandi opere messe in cantiere a Sampierdarena si dimostrano scommesse giuste. I 200 mila teu movimentati in un solo mese è un record che si compie grazie agli sforzi della comunità portuale e che incoraggia tutti a proseguire sulla strada intrapresa”

Spagna: 4 porti fra gli 80 con maggior numero containers

I porti spagnoli di Algesiras, Valencia e Barcellona in Spagna sono fra gli 80 con maggior numero di movimento di containers al mondo, secondo i dati diffusi dal ministero delle infrastrutture. Ai tre si unisce lo scalo di Las Palmas, alle Canarie, che figura fra i primi 120 a livello globale per numero di containers movimentati. Nella classifica mondiale elaborata, Algesiras occupa il posto 30, con 4,33 milioni di containers movimentati nel 2013, seguita da Valencia (posto 31, con 4,32 milioni di container) e Barcellona (posto 78, con 1,7 milioni di containers); mentre Las Palmas si colloca al numero 101, con circa un milioni di containers movimentati. Il primo porto spagnolo per scalo merci, quello di Algesiras, ha conquistato 4 posizioni rispetto alla classifica del 2013 (+5,5% rispetto al 2012), mentre Valencia e Barcellona ne hanno perso una ciascuna. La diminuzione del transito di containers a Barcellona, Valencia e Las Palmas nel 2013 è stata rispettivamente dell’1,7%, del 3,1% e del 15,8% rispetto all’anno precedente. I quattro porti hanno movimentato in totale 11,4 milioni di containers nel 2013, pari all’82% del totale di quelli transitati nei porti spagnoli, per complessivi 113,9 milioni e pari al 2,1% del totale dei containers movimentati nel 120 maggiori porti a livello mondiale (529,4 milioni). La Spagna, secondo la statistica, si situa all’undicesima posizione per numero di containers a livello mondiale e al terzo posto in Europa, dietro la Germania e l’Olanda. Algesiras conferma la sua leadership come primo porto del Mediterraneo, il quinto a livello europeo.

Porti: una partenza in più sulla linea Cagliari-Vado Ligure

Una partenza in più sulla linea marittima della compagnia Grendi Cagliari-Vado Ligure. Da tre a quattro: la nave, oltre il lunedì, il mercoledì e il sabato, salperà da luglio da entrambi i porti anche di martedì.
L’operazione è resa possibile dalla presenza sulla linea di due navi gemelle che possono arrivare sino alla velocità di 22 nodi: l’aumento della velocità di crociera e la diminuzione dei tempi di imbarco e sbarco in porto hanno consentito di estendere il servizio.
“Il progetto – ha spiegato l’amministratore delegato di Grendi, Antonio Musso – è ambizioso, visto il perdurare della crisi, e oneroso sul piano economico, perché il consumo del bunker marittimo aumenta molto, ma è stato reso possibile grazie ad una serie di circostanze favorevoli”. Le nuove navi – precisa la compagnia – inserite tra la fine dello scorso anno e l’inizio di questo hanno dato un’affidabilità e una stabilità al servizio di linea marittima tale da far aumentare in modo costante e continuativo gli imbarchi. Risultati: Grendi – questi i dati diffusi dal grupp – ha visto crescere sia i volumi di rotabili (12% all’anno) che il fatturato conseguente (15% all’anno). Un ruolo importante ha giocato anche il nuovo magazzino del Porto Canale di Cagliari, inaugurato ad aprile 2013, mentre ha assunto una rilevanza logistica notevole in seguito alla joint venture distributiva tra Grendi e Buratti e Parodi. Il progetto, partito a inizio giugno, ha portato alla costituzione di una nuova società, GP Logistica, a partecipazione paritetica fra Buratti e Parodi e Grendi. In fase avanzata un progetto di intermodalità nave/treno, dalle banchine di Vado Ligure a Modena: le merci provenienti e dirette in Sardegna verranno imbarcate su un treno dedicato tre volte alla settimana. “L’obiettivo – sottolinea la compagnia – è di sfruttare le infrastrutture ferroviarie del terminal savonese oggi scarsamente utilizzate e di diminuire il traffico su strada nell’ottica della sostenibilità, un tema al quale da sempre il Gruppo guarda con attenzione”

Porti: Savona chiude primo quadrimestre con + 1,4 % merci

Ha chiuso col segno più il primo quadrimestre in porto a Savona. Il traffico delle merci nel mese di aprile ha fatto registrare una crescita del 6.7% rispetto allo stesso mese 2013, portando così il bilancio del primo quadrimestre 2014 ad un totale di +1,4%. I contenitori in numero (TEU) segnano una buona ripresa, riportando un aumento del 14.4%. E’ il comparto delle crociere a trainare il porto di Savona che segna un generale +16.1%. Con 272.751 passeggeri supera il 2013 di 38.697 unità pari al +16.5%, I traghetti chiudono il primo quadrimestre 2014 con un aumento del +10.6%. Dati positivi che pongono lo scalo savonese tra quelli che, pur in un periodo di forte contrazione economica, continua a posizionarsi fra i porti italiani contrassegnati da un saldo positivo. Nel quarto mese del 2014 si è assistito ad una crescita delle rinfuse liquide (+32.7%), un leggero stallo delle merci convenzionali (-0.4%) ed una perdita delle rinfuse solide per le quali pesa il fermo della centrale elettrica Tirreno Power di Vado Ligure (combustibili minerali solidi -47.4%).

Passando all’analisi dei dati del primo quadrimestre 2014 rispetto al medesimo periodo 2013, si ha una crescita sul complessivo del 1,4%: in positivo le merci convenzionali (+10.7%) e le rinfuse liquide (+7.6%); in negativo solo le rinfuse solide (-18.5%). Nel dettaglio, per quanto riguarda le merci convenzionali si evidenzia un aumento degli acciai (+23.8%), delle merci su container (+20.7%) della frutta (+15.4%) e dei rotabili (+5.1%); in negativo i prodotti forestali (-24.7%), spesso oggetto di andamenti oscillatori nel corso dell’anno. Nelle rinfuse liquide segno positivo per i prodotti raffinati (+84.9%) e il greggio (+2.2%), in negativo le altre rinfuse liquide (-56.3%). Per le solide, il dato che riguarda il comparto cerealico riporta un +46% mentre nel caso dei minerali solidi il calo è del 25.5% e per il carbone si attesta a -39.2%.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner