Articoli marcati con tag ‘tranitalia’

Telt: inizia la fase esecutiva della Torino-Lione

Inizia ufficialmente la fase esecutiva della Torino-Lione con il primo Consiglio di Amministrazione di TELT, Tunnel Euralpin Lyon Turin, il nuovo promotore pubblico responsabile della realizzazione e della gestione della Sezione Transfrontaliera della nuova linea ferroviaria. Il CdA della società bi-nazionale, che vede Presidente Hubert du Mesnil e Mario Virano Direttore Generale, partecipata al 50% da Italia e Francia attraverso Ferrovie dello Stato Italiane (FS) e Ministero Economia e Finanza francese, ha deciso di lanciare un appello agli oppositori dell’opera.
Un ulteriore passo dopo la svolta storica iniziata a febbraio con: l’approvazione del Progetto Definitivo della tratta italiana della sezione transfrontaliera da parte del CIPE, l’assegnazione della gara per la certificazione dei costi, la costituzione della società, la firma del protocollo addizionale per l’avvio dei lavori firmato dai ministri Maurizio Lupi e di Alain Vidalies nel vertice italo-francese di Parigi e la consegna all’Unione europea del dossier con la richiesta di finanziamento.
Consapevole di questa svolta, la nuova società TELT rivolge un appello, a quanti si oppongono alla Torino-Lione, per il superamento dei conflitti e per aprire una nuova fase di dialogo basata su: “riconoscimento del dissenso e della piena legittimità purché espresso nella legalità” e “una nuova fase di condivisione delle ricadute occupazionali possibili e dello sviluppo dei territori attraverso la realizzazione dell’opera”. Una pacificazione dei conflitti sotto il controllo delle Istituzioni potrà condurre a: “una revisione delle iniziative giudiziarie intraprese da LTF, per la tutela dei suoi interessi, dei suoi diritti e del personale coinvolto, e, da parte delle Autorità, della presenza delle forze dell’ordine a presidio del cantiere”. Se questo appello verrà recepito, la realizzazione della nuova linea potrà diventare un normale lavoro pubblico da realizzare al meglio, in una dialettica democratica tra favorevoli e contrari, in cui l’opposizione si fa stimolo e garante dei controlli e del rispetto degli interessi dei cittadini.
La Torino-Lione è l’anello mancante nel corridoio Mediterraneo che collega l’Europa sudoccidentale con i Paesi dell’Europa centrale e orientale. Una rilevante area socio-economica con il 18% della popolazione ed il 17% del PIL dell’intera Europa comunitaria.
Ora TELT ha davanti a sé circa 12 anni per costruire e 99 anni per gestire un’opera fondamentale per la circolazione di merci e passeggeri in Europa: la sezione transfrontaliera di circa 65 km tra Saint-Jean-de-Maurienne in Savoia e Susa/Bussoleno in Piemonte, con un costo di 8,6 miliardi (euro 2012). Il lavoro principale della nuova infrastruttura è il tunnel di base del Moncenisio, a doppia canna di 57 km (45 km in Francia e 12 km in Italia), analogo a quelli del Gottardo e del Brennero), con le stazioni internazionali di Susa e di Saint-Jean-de-Maurienne, gli impianti ferroviari per l’esercizio e la manutenzione della linea, le interconnessioni alla linea storica Torino-Frejus-Chambery e le opere connesse, tra cui le 4 gallerie di servizio (discenderie) e i pozzi di ventilazione.
Il finanziamento dell’opera è previsto al 40% dall’Europa, il 35% dall’Italia e il 25% dalla Francia, la richiesta di finanziamento, relativo al Mécanisme pour l’Interconnexion en Europe (MIE), per il programma pluriennale 2014-2020 è di 1,28 Miliardi di Euro sulla base di 3,06 Miliardi di lavori previsti. Con il decisivo impegno dei due governi, TELT dispone di tutti gli strumenti finanziari e decisionali per avviare i lavori principali. Grazie anche agli studi e lavori preliminari condotti da LTF (Lyon Turin Ferroviaire), da ottobre 2001 a febbraio 2015, da cui il nuovo promotore ha preso il testimone.
Oltre a Maurizio Bufalini, Direttore Tecnico con funzioni vicarie, il consiglio ha attribuito le deleghe da direttore giuridico a Marie-Pierre Cordier, della Corte dei Conti di Parigi, designata dal Governo Francese, e da direttore Finanza e Amministrazione a Paul Fraisse, designato da FS per conto del Governo italiano.

Berlino, Frecciarossa 1000: oltre 10mila persone hanno già visto il gioiello italiano

Oltre 10mila persone hanno visitato il Frecciarossa 1000 in mostra a InnoTrans 2014, la più importante fiera del settore ferroviario inaugurata a Berlino martedì 23 settembre. Più di 5mila in un solo giorno, ieri.

Oggi anche il ministro dell’Economia e degli Affari europei del Berlin Brandenburg, Ralf Christoffers, è voluto salire all’interno delle nuovissime carrozze Executive e Business.

Il Frecciarossa 1000 continua, dunque a suscitare curiosità, come avvenne in Italia durante tutte le tappe del road show 2012-2013. La gente, oggi come allora, vi si affolla intorno, ne ammira la sagoma affusolata, fa la fila per salirci, vuole essere fotografata davanti al “più bel treno al mondo”.

Visitatori di tutte le nazionalità si avvicinano per poterlo toccare. I tecnici orientali, presenti in forze, addirittura si stendono a terra per fotografarne i dettagli, le rifiniture, le ruote.

Considerato il “gioiello” della fiera internazionale di Berlino, il supertreno ad altissima velocità interamente made in Italy è un vanto per il nostro Paese, non solo per le FS Italiane. Tecnologia, design, materiali: tutto è italiano.

Esposto al binario 7 dell’area esterna di InnoTrans tra un centinaio di altri mezzi di trasporto, il nuovo supertreno attira mediamente 600 persone l’ora. E con i suoi interni luminosi, i sedili in ecopelle morbidissima e i colori raffinati e insoliti (champagne, crema, grigio perla, tortora), in questi giorni, si è trasformato da mezzo di trasporto a vero e proprio “oggetto del desiderio”.

Consegnato alla Regione Liguria un nuovo treno per i pendolari

Cresce e si ammoderna la flotta regionale ligure di Trenitalia. Un nuovo treno Vivalto è stato consegnato oggi alla Regione Liguria ed è da subito a disposizione dei pendolari.

Erano presenti alla cerimonia di consegna l’Assessore ai Trasporti della Regione Liguria, Enrico Vesco e, per Trenitalia, l’Amministratore Delegato, Vincenzo Soprano, il Direttore della Divisione Passeggeri Regionale, Francesco Cioffi, e il Direttore Regionale, Enrico Melloni. Presenti anche il Vice President di Ansaldo Breda e responsabile del Business Development, Arcangelo Fornelli, e il Direttore della Businnes Unit Locomotive di Bombardier, Giuseppe Tronconi.

Il treno, composto da confortevoli e capienti carrozze a doppio piano, è l’ultimo dei tre previsti dal piano sottoscritto nell’ambito del Contratto di Servizio che la Regione Liguria ha stipulato e sostenuto finanziariamente con Trenitalia.

Con questa ultima consegna salgono così a 7 i Vivalto in circolazione da oggi in Liguria con i quali saranno effettuate 35 corse quotidiane.

Le carrozze a due piani Vivalto hanno comode sedute con poggiatesta, braccioli, tavolini ribaltabili, prese elettriche da 220 V. in ogni seduta, appendiabiti, bagagliere, maniglie e corrimano per i passeggeri in piedi.

La carrozza semipilota, posta all’estremità del treno opposta alla locomotiva, ospita la cabina di guida, un ambiente multifunzionale per il trasporto biciclette, sci e bagagli ingombranti ed è dotata di un ambiente per passeggeri disabili con toilette dedicata.

La tecnologia di bordo permette un’attenta integrazione di tutti i sistemi di informazione (annunci sonori, monitor e segnaletica), mappe tattili nelle toilette e pulsantiere in “Braille” per i passeggeri non vedenti, 8 monitor a cristalli liquidi per ogni vettura (5 nella semipilota), un sistema di videosorveglianza e un pulsante di allarme dotato di citofono per comunicare con il personale di bordo.

Prosecuzione consegne

E’ stato siglato un nuovo accordo tra Regione Liguria e Trenitalia che garantirà l’arrivo in Regione di 8 nuovi treni, sempre di tipo Vivalto, mantenendo l’impegno ad ammodernare e potenziare la flotta e fornire, così, servizi sempre più adeguati alle esigenze dei pendolari.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner