Articoli marcati con tag ‘trasporti pubblici’

Tpl, raffica di aumenti in Toscana

Biglietti più cari dall'1/11

Scatteranno il 1° novembre anziché il 1° ottobre, come inizialmente annunciato, ma saranno comunque consistenti gli aumenti tariffari per biglietti e abbonamenti del trasporto pubblico locale in Toscana. Interessati dai rincari sia i treni che gli autobus di competenza regionale.

Ma ecco i rincari: i biglietti di corsa singola aumenteranno del 10% e gli abbonamenti del 20%, ma solo per chi ha un reddito familiare certificato Isee o Irpef superiore ai 36 mila euro. Gli aumenti, prosegue la nota, sono necessari per mantenere l’attuale offerta dei servizi nonostante i tagli governativi alle risorse per il Tpl. Il rinvio di un mese è stato deciso per dare più tempo alle biglietterie per organizzarsi: la rivoluzione Isee, infatti, non si prevede né semplice né indolore.

Scioperi, settimana nera per i trasporti

Sciopero di 24 ore in vista

Si apre una settimana nera per i trasporti. Bus, tram e metro si fermeranno domani, martedì 2 ottobre, per l’intera giornata, a causa dello sciopero nazionale proclamato unitariamente dai sindacati di categoria Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugltrasporti e Faisa-Cisal, per il mancato rinnovo del contratto scaduto nel 2007.

Tra oggi e martedì (a partire dalle 21.00 e per 24 ore) incroceranno le braccia anche tutti gli addetti ai servizi ferroviari di pulizie, accompagnamento notte e ristorazione a bordo treno. Lo sciopero nazionale di 24 ore del trasporto pubblico locale di domani fa seguito alla protesta di 4 ore dello scorso 20 luglio. Diverse le modalità di sciopero a seconda delle città, nel rispetto dei servizi minimi e delle fasce orarie garantite.

Filt, Fit, Uilt, Uglt e Faisa tornano a chiedere la chiusura del contratto in tempo, “il che comporterebbe il consolidamento del processo verso il nuovo Ccnl della Mobilità, elemento fondamentale di stabilità per il risanamento ed il rilancio del settore”. Anche alla base dello sciopero degli appalti nelle ferrovie c’e’ il contratto.

Treni, bus e tir, è di nuovo sciopero

Nuovi disagi per i pendolari

Il settore dei trasporti incrocia nuovamente le braccia per manifestare la “grave condizione nel Paese, aggravata dalle decisioni del Governo”. Giovedì 1° marzo bus, treni, metro, traghetti e tir interromperanno il servizio per 4 ore con diverse modalità. I sindacati di categoria – Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti – unitariamente hanno proclamato lo sciopero generale del comparto. E lo hanno fatto inviando una lettera al premier, Mario Monti, ai ministri del Lavoro e dei Trasporti, Elsa Fornero e Corrado Passera, ed alla Commissione di garanzia sullo sciopero. L’obiettivo, spiegano nella missiva, è quello di ”recuperare un confronto di merito” con l’esecutivo e di ”correggere gli interventi sbagliati”, che vanno dalle misure contenute nel decreto Salva-Italia alle liberalizzazioni ”senza regole”, alla ”cancellazione della previsione del contratto nazionale di settore per le imprese ferroviarie”. I sindacati chiedono, invece, ”un rafforzamento delle regole a tutela del lavoro, a partire dalla definizione dei rinnovi dei contratti scaduti anche da oltre tre anni”. Per tornare a crescere, secondo i sindacati, serve innanzitutto una logica di integrazione tra le varie modalità di trasporto (dalla gomma al ferro), con investimenti e modelli di gestione selezionati e sostenibili.

Cittadini romani in rivolta. Nasce il comitato “Metro x Roma”

Il comitato apolitico punta a mettere la mobilità al centro del dibattito pubblico

“Mai provato un senso di frustrazione quando, di ritorno da qualche capitale europea, prendi un treno o una metropolitana a Roma? Inadeguatezza, inefficienza, insicurezza, sporcizia: questi sono i mali del nostro trasporto pubblico. Sempre tra le priorità dei discorsi dei nostri amministratori ma mai nella pratica del governo della città”.

Questa l’amara riflessione – riportata sul sito www.metroxroma.it – che qualche settimana fa ha spinto un gruppo di cittadini della città eterna a dar vita al comitato apolitico “Metro x Roma”. L’obiettivo perseguito – si legge sempre sul sito – è quello “di mettere la mobilità al centro del dibattito pubblico, affermandone la priorità assoluta per la città e cercando di influenzare in tal senso le scelte dell’amministrazione capitolina”.

Thetis sale sui bus di Malta

Thetis sbarca su Malta

Localizzazione dei mezzi, bigliettazione elettronica e conteggio dei passeggeri: a controllare gli autobus di Malta ci pensa Thetis. La società di ingegneria con sede all’Arsenale di Venezia è stata scelta dalla multinazionale Arriva per fornire le tecnologie di gestione del trasporto pubblico nell’isola del Mediterraneo.

La fornitura si inserisce in un contratto decennale recentemente assegnato dal Governo Maltese ad Arriva: a partire da luglio 2011 la società, acquisita dal Deutsche Bahn lo scorso agosto, si occuperà del rinnovo di gran parte della flotta, 264 autobus tra Malta e Gozo, e del rinnovo del servizio. Anche grazie all’impiego delle nuove tecnologie messe a punto da Thetis. Sarà la società italiana, infatti, a fornire i sistemi per la localizzazione in tempo reale dei bus, la bigliettazione elettronica, la videosorveglianza, il conteggio dei passeggeri e la gestione di tre parcheggi scambiatori. Il tutto sarà controllato da un unico “cervellone” che a sua volta invierà i tempi previsti di percorrenza dei bus a circa un centinaio di paline elettroniche installate alle principali fermate.

Socio ordinario di TTS Italia, Thetis non è la primo progetto internazionale: la società ha già esportato in Cina e India il proprio know how, grazie al quale sono stati realizzati sistemi innovativi a sostegno della mobilità sostenibile.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner