Articoli marcati con tag ‘Up’

UPS presenta il 100° veicolo elettrico della flotta europea

UPS (NYSE: UPS) presenterà il 100° veicolo elettrico della propria flotta per le consegne in Europa a marzo di quest’anno. Con un peso totale consentito di 3,5 tonnellate, il veicolo P45E parte dal modello Mercedes Sprinter e lo rivisita con il caratteristico design dei mezzi di consegna UPS. Sarà utilizzato a Parigi dove le vie trafficate del centro urbano richiedono l’uso di veicoli più agili e di dimensioni maggiormente contenute. Il lancio rientra nel piano di UPS volto a convertire i veicoli con motore a diesel in veicoli elettrici attraverso il cosiddetto processo di “Retrofit”. In Germania è dal 2010 che UPS impiega veicoli elettrici convertiti da 7,5 tonnellate, chiamati P80E. Attualmente metà dei 100 veicoli elettrici della società sono operativi in Germania.
Una volta convertito, un veicolo diesel di otto anni e con quasi 200.000 chilometri percorsi ha ancora molti anni di vita utile davanti a sé. Il Retrofit elettrico di ElektroFahrzeuge Schwaben GmbH (EFA-S) permette infatti di preservare la funzionalità dei veicoli riducendone il rumore grazie al motore elettrico. Queste funzionalità rendono il veicolo perfetto per l’utilizzo nei centri urbani.
“La collaborazione con EFA-S è stata avviata nel 2010 e da allora abbiamo ottenuto risultati molti positivi” ha sottolineato Ralf Eschemann, vice president Automotive di UPS Europe. “La conversione dei veicoli diesel allunga il ciclo di
vita della flotta esistente, offrendo una soluzione sostenibile in cui la società è orgogliosa di investire”.
Nel corso di quest’anno altri veicoli saranno sottoposti a Retrofit per incrementare il numero dei veicoli elettrici della flotta UPS in Germania e in altri paesi europei. Questo progetto rientra nell’obiettivo della società di percorrere entro il 2017 un miliardo di miglia a livello globale utilizzando una flotta alimentata con fonti alternative e dotata di tecnologie avanzate. In questo modo UPS potrà ridurre l’uso di combustibili tradizionali di una percentuale fino al 12% annuo.

UPS introduce trasporto criogenico per prodotti termosensibili

UPS  ha annunciato il lancio in Europa del servizio UPS Temperature True® Cryo, che offrirà alla clientela del settore healthcare l’accesso a soluzioni end-to-end per la protezione dei prodotti e la possibilità di inviare campioni in ambiente criogenico. Il servizio include il tracking in tempo reale e la possibilità di intervento che, combinati alle soluzioni di mitigazione dei rischi e al network globale di torri di controllo di UPS, garantiranno un totale controllo delle spedizioni in ogni fase del loro viaggio lungo la supply chain.
Questa soluzione utilizza i container criogenici all’avanguardia di Cryoport che consentono ai clienti di UPS di mantenere i prodotti congelati a -150°C per 10 giorni, sia in fase di transito sia di stoccaggio, grazie all’utilizzo di vapore di azoto liquido. In caso di livelli di volume minimi, le spedizioni possono essere anche combinate con UPS Proactive Response® Secure, un servizio di tutela finanziaria che garantisce una copertura per questo tipo di spedizioni time-sensitive e termosensibili.
“In caso di trasporto di prodotti che richiedono una procedura di crioconservazione, i clienti vogliono essere tranquilli sul fatto che i prodotti siano protetti. Introdurre questa soluzione nel mercato europeo è stata quindi la naturale evoluzione della costante espansione dei nostri servizi di logistica all’avanguardia a livello globale nel settore healthcare e life science” ha dichiarato Jan Denecker, director of healthcare marketing & strategy di UPS Europe. “UPS Temperature True Cryo combina un packaging innovativo con un monitoraggio 24 ore su 24, sette giorni alla settimana, e capacità di intervento per i campioni time-sensitive e termosensibili più critici, in ambiti quali l’ingegneria tissutale, la medicina rigenerativa, la terapia genica, la ricerca biofarmaceutica e la medicina riproduttiva”.
Dall’ultima ricerca UPS Pain in the Chain, uno studio globale che valuta le principali problematiche nella gestione della supply chain in ambito healthcare, emerge che la sicurezza del prodotto, il suo danneggiamento e deterioramento
continuano a figurare in cima alle preoccupazioni dei dirigenti del settore. Il nuovo servizio UPS Temperature True Cryo, unitamente al servizio UPS Proactive Response Secure, aggiungerà uno straordinario valore per ricercatori, tecnici di laboratorio e professionisti del settore healthcare che inviano campioni dal valore spesso inestimabile che richiedono la criopreservazione.
Il portafoglio UPS Temperature True® offre un’ampia gamma di servizi di stoccaggio, trasporto e imballaggio dei prodotti con soluzioni a temperature che spaziano da quelle criogeniche a quelle ambiente, specificamente concepite per le aziende operanti nel settore farmaceutico, biotecnologico e dei dispositivi medicali. Tali servizi sono integrati da un’approfondita conoscenza delle normative e da un network globale di 51 strutture UPS specializzate per il settore healthcare.

UPS ESPANDE IL SERVIZIO DI TRASPORTO SU ROTAIA CINA-EUROPA CON L’OPZIONE LCL

UPS (NYSE: UPS) ha annunciato oggi di aver aggiunto alle spedizioni su rotaia dalla Cina verso l’Europa l’opzione LCL (Less-than-Container Load). Il servizio è disponibile tra Zhengzhou e Amburgo e diventa parte del portafoglio di servizi cargo multimodali UPS Preferred®. Nel giugno 2014 UPS aveva introdotto invece nelle spedizioni dalla Cina verso l’Europa la soluzione FCL (Full Container Load).

Il portafoglio UPS Preferred combina il trasporto aereo, su rotaia, via oceano e/o via terra al fine di aiutare le aziende a bilanciare la rapidità della supply chain e i costi in modo da soddisfare le esigenze dei clienti.

La crescita degli scambi tra Cina e Unione Europea, i maggiori partner commerciali a livello globale nell’ultimo decennio, è stata stimata in 600 miliardi di dollari[1] nel 2014 ed entro il 2020 si prevede che raggiungerà il triliardo di dollari. L’espansione del portafoglio dei prodotti UPS su rotaia in Cina riflette l’impegno della società a potenziare le infrastrutture lungo la Silk Road Economic Belt,  la cintura economica della via della seta. Un’espansione che coincide con la trasformazione del settore produttivo cinese da un modello caratterizzato da costi bassi e volumi ingenti a un modello dall’approccio più innovativo, incentrato sulla qualità e orientato al cliente.

“I nostri clienti si rivolgono a UPS per soluzioni che li aiutino a espandere la loro presenza in nuovi mercati, bilanciando al contempo i costi d’impresa”, ha dichiarato Jens Poggensee, Presidente Freight Forwarding di UPS Europa. “Il nostro servizio UPS Preferred™ LCL offre ai nostri clienti più opzioni di trasporto per soddisfare la crescente domanda in una delle maggiori e più trafficate direttrici commerciali”.

I clienti che hanno beneficiato del servizio FCL su rotaia di UPS lungo la rotta Cina-Europa hanno realizzato un risparmio in termini economici fino al 65% rispetto al costo del trasporto cargo aereo, nonché in termini di tempo di quasi il 40% rispetto al tradizionale servizio FCL via oceano lungo le medesime rotte.* Oltre ad offrire ai clienti opzioni più rapide ed economiche, queste opzioni su rotaia costituiscono altresì un’alternativa molto più ecosostenibile del trasporto cargo aereo o via oceano in virtù del minore consumo energetico e delle inferiori emissioni di CO2.

Le soluzioni FCL sono disponibili da Chengdu a Lodz (Polonia) e da Zhengzhou ad Amburgo (Germania). La combinazione tra trasporto su rotaia e i network camionistici di origine/destinazione consente a UPS di offrire ai clienti servizi sull’intero territorio cinese ed europeo.

Il servizio settimanale door to door è supportato dalla tecnologia di tracking di UPS che assicura piena visibilità e aggiornamenti in tempo reale sull’avanzamento della spedizione sia attraverso la funzione di ricerca su UPS.com che attraverso l’utilizzo della tecnologia GPS. Include inoltre misure di sicurezza e opzioni per il controllo della temperatura.

Moovit raggiunge la città di Catania

Moovit, l’app per il trasporto pubblico locale intelligente, utilizzata da oltre 1,2 milioni di italiani in 25 città, è da oggi disponibile anche per la città di Catania. Grazie al lavoro della community, dopo la prima fase di sperimentazione condotta da dicembre 2014 su 1.100 utilizzatori, Moovit ora consente l’accesso a tutti i dati, con i percorsi alternativi per risparmiare tempo, sulle 50 linee di autobus della Agenzia AMT di Catania, la linea metropolitana Catania Porto-Borgo dell’Agenzia FCE (Ferrovia CircumEtnea), e la nuova linea di autobus veloci Alibus che collega l’aeroporto di Fontanarossa con la Stazione di Catania.

“A un mese dal lancio della app sulla città di Palermo, che ha registrato un incremento del 30% tra i suoi utilizzatori, siamo particolarmente felici di poter aggiungere anche Catania tra le città servite” – dice Samuel Sed Piazza, Country Manager per l’Italia di Moovit – “Il nostro servizio, gratuito e disponibile in 35 lingue, sarà sicuramente apprezzato non solo dagli utenti catanesi, ma anche dalle centinaia di migliaia di turisti di tutto il mondo che utilizzano l’aeroporto di Catania come porta d’accesso privilegiata per il turismo in Sicilia.”

Moovit rivoluziona il viaggio sui mezzi di trasporto pubblico rendendolo più semplice, più veloce e più innovativo. Disponibile gratuitamente per iPhone, Android e Windows Phone, Moovit è nella top 5 delle app più scaricate di App Store, Play Store e Windows Store per la propria categoria, e tra le più apprezzate dagli utenti. L’app Moovit dà informazioni su autobus, tram, metropolitane, treni urbani, funivie e linee marittime che, unite a quelle fornite in tempo reale dalla community, evitano agli utilizzatori lunghe e inutili attese.

Il suo funzionamento è semplice perché combina i dati provenienti dalle aziende e dagli operatori del Tpl con quelli forniti direttamente dalla community di utilizzatori, garantendo a chi viaggia un’istantanea precisa e puntuale sul loro spostamento e suggerendo i percorsi più veloci e comodi in base alla destinazione desiderata. Le informazioni aggiornate in tempo reale dai viaggiatori offrono a tutta la community una migliore pianificazione del viaggio, stime più precise sui tempi di attesa del mezzo desiderato e un’ottimizzazione dei tempi di percorrenza. Grazie alla funzione modalità viaggio, una volta saliti sul mezzo pubblico gli utenti che si collegano alla app possono fornire in forma anonima al resto della community dati sulla puntualità del mezzo utilizzato, sui livelli di congestione, la pulizia della carrozza, la presenza di aria condizionata, connessione wifi e altro ancora.

La Volkswagen elettrizza H2R 2014

Le Volkswagen a trazione elettrica saranno le protagoniste di H2R 2014. e-up! ed e-Golf sono l’espressione più concreta della filosofia di vita ecosostenibile Volkswagen “Think Blue.”, il tratto distintivo di tutte le attività ecologicamente sostenibili del brand. I visitatori potranno effettuare test per toccare con mano l’interpretazione Volkswagen dell’auto elettrica. Le Volkswagen 100% elettriche e-up! ed e-Golf sono sul mercato da qualche mese e il prossimo passo sarà l’introduzione della Golf GTE, la prima ibrida plug-in della Casa

Proprio la Golf GTE, è disponibile per i test drive per la prima volta in Italia. Con il TSI 1.4 sovralimentato da 150 CV abbinato al motore elettrico da 102 CV, dispone di una potenza di sistema pari a 204 CV e di 350 Nm di coppia. Caratterizzata dallo stesso DNA sportivo della mitica Golf GTI, accelera da 0 a 100 km/h in 7,6 secondi e raggiunge 222 km/h; tuttavia, nel ciclo combinato NEDC consuma soltanto 1,5 l/100 km e 11,4 kW/100 km, per soli 35 g di CO2 emessi. Utilizzando la presa domestica, le batterie che alimentano il motore elettrico si ricaricano in 3 ore e 45 minuti, mentre bastano invece solo 2 ore e 15 minuti con la “wallbox” da 3,6 kW (a richiesta). L’autonomia in modalità 100% elettrica è di 50 chilometri, quella complessiva raggiunge 940 chilometri.

Passando alla e-Golf, la ricarica completa richiede 13 ore utilizzando la rete di casa, che con la “wallbox” scendono a 8 ore. Con il sistema rapido CCS (Combined Charging System), si recupera l’80% della carica già dopo circa 35 minuti. Con il “pieno” (24,2 kWh), la e-Golf arriva a percorrere fino a 190 km con un consumo medio pari a 12,7 kWh per 100 km. Tre modalità di marcia intuitive (Normal, Eco, Eco+) e quattro livelli di recupero dell’energia attivabili con altrettanta facilità (D1, D2, D3 e B) agevolano la gestione ottimale dell’autonomia.

Il motore della e-Golf ha 115 CV che, così come il cambio monomarcia e la batteria, è frutto di uno sviluppo interno. La coppia disponibile, 270 Nm, permette alle e-Golf di passare da 0 a 100 km/h in 10,4 secondi e la velocità massima è limitata elettronicamente a 140 km/h.

La e-up!, la prima vettura elettrica di serie della Volkswagen, ritorna alla rassegna di Rimini dopo il debutto della scorsa edizione. La city car a 4 posti identifica un innovativo concetto di automobile, ideale per l’utilizzo quotidiano in ambito urbano.

È equipaggiata con un motore elettrico da 82 CV che sviluppa 210 Nm di coppia e permette alla e-up! di accelerare da 0 a 100 km/h in 12,4 secondi. La velocità massima è di 130 km/h. Eccezionale il consumo: con soli 11,7 kWh, ovvero circa 3 Euro, percorre 100 chilometri. Con una carica completa la e-up! può percorrere fino a 160 km, grazie anche alle due modalità di guida improntate alla massima efficienza (Eco ed Eco+) e ai quattro livelli di recupero dell’energia in frenata (D1, D2, D3 e B), che aiutano a gestire nel migliore dei modi l’autonomia.

Per “rifornire” la e-up! è sufficiente collegarla a una comune presa domestica. Con una potenza di 2,3 kW per la ricarica completa servono 9 ore (7 per l’80%), con la “wallbox” da 3,6 kW il tempo scende a 6 ore (4 per l’80%). Con il sistema rapido CCS a corrente continua in soli 30 minuti viene ripristinato l’80% della carica.

Ad H2R 2014 la Volkswagen espone sullo stand la XL1, la Volkswagen costruita in serie limitata (250 esemplari) in grado di consumare soltanto 0,9 litri di gasolio per percorrere 100 chilometri. Caratterizzata da un’aerodinamica perfetta, è costruita con materiali leggeri high-tech (tra cui fibra di carbonio rinforzata) e sfrutta un sistema ibrido plug-in che unisce un Turbodiesel TDI bicilindrico da 48 CV con un motore elettrico da 27 CV. Il cambio è un DSG a 7 rapporti mentre ad alimentare il motore elettrico ci pensa una batteria agli ioni di litio da 5,5 kWh. La XL1 è in grado di raggiungere la velocità massima autolimitata di 160 km/h e passa da 0 a 100 km/h in soli 12,7 secondi. Il consumo pari a 0,9 l/100 km equivale a emissioni di CO2 di appena 21 g/km.

Debutta al H2 di Roma la Volkswagen Up a metano

La citycar a metano in anteprima nella Capitale. L’evento in questione è H2Roma, una delle kermesse di primo piano nel settore della ecomobilità, che si è svolto presso il Salone delle Fontane (Roma Eur) dall’8 al 10 novembre.

La vettura è l’inedita Volkswagen Eco Up!, declinazione a metano della piccola Up che ha debuttato a Francoforte 2011 e attualmente viene proposta a 3 e 5 porte, tre allestimenti (take up!, move up! e high up!) e due livelli di potenza (60 e 75 CV) per il tricilindrico da 1 litro. Il nuovo modello debutterà in prevendita a dicembre.

La vettura, esteticamente identica rispetto alla Up! già presente in listino ad eccezione della targhetta “Eco Fuel” presente sul portellone, si differenzia a livello strutturale per la presenza di due serbatoi per il metano, dalla capienza complessiva di 11 kg (corrispondenti a 72 litri) collocati “in tandem” sotto il pianale, in corrispondenza del retrotreno: il serbatoio anteriore è sistemato davanti all’asse posteriore, insieme al piccolo serbatoio da 10 litri per la riserva di benzina; l’altro viene collocato dietro l’asse, nel vano normalmente destinato alla ruota di scorta. Con questo sistema, la capacità del bagagliaio è invariata (251 litri in configurazione “normale”, 951 litri con il divanetto posteriore, frazionato, completamente abbattuto).

Sotto il cofano, la Eco Up! viene equipaggiata con il piccolo 3 cilindri 1.0 della gamma, opportunamente modificato nel sistema di alimentazione per il funzionamento a gas naturale. La potenza dichiarata da Volkswagen è di 68 CV (un valore intermedio, dunque, fra i 60 e 75 CV delle due versioni Up! già in listino) e 90 Nm di coppia fra 3000 e 4300 giri/min. Le prestazioni annunciate da VW sono notevoli, vista la destinazione d’uso di questa vettura (impiego prevalentemente urbano): velocità massima di 168 km/h, accelerazione 0 – 100 km/h in 15,8 secondi.

Sono i consumi e le emissioni, tuttavia, a segnare la voce di maggiore interesse. La VW Eco Up!, che viene equipaggiata di serie con il pacchetto BlueMotion Technology (che, fra gli accessori, offre il sistema start/stop e il dispositivo di recupero dell’energia cinetica nelle fasi di frenata) viene annunciata per un consumo a ciclo medio di 2,9 kg di metano per 100 km (in questo modo, l’autonomia arriva a sfiorare i 400 km) e le emissioni sono di 79 g/km di CO2.

Volkswagen eco up a metano è l’auto più ecologica tra quelle in commercio

Volkswagen eco up! a metano è stata eletta auto più ecologica tra quelle in commercio, secondo una classifica compilata dal VCD (associazione tedesca per la mobilità sostenibile). A rendere nota questa notizia nel nostro Paese è l’Osservatorio Metanauto, struttura di ricerca sul metano per autotrazione.

Ogni auto, tra quelle prese in considerazione da VCD, è stata valutata in base alle emissioni di CO2 e di altre sostanze nocive, ai consumi di carburante, alla rumorosità e alle modalità produttive. In una scala da 0 a 10, la eco up! a metano ha ricevuto una valutazione pari a 8,42 punti per quel che riguarda le emissioni di CO2; 6 punti per quel che riguarda la rumorosità; 9,35 punti per le emissioni di altre sostanze nocive; 7,60 punti per quel che riguarda l’ecocompatibilità del processo di produzione. La valutazione finale assegnata alla eco up! a metano è stata di 8,03 punti ed è stata superiore a quella assegnata a tutte le auto ibride prese in considerazione.

La Volkswagen eco up! a metano ha un motore a tre cilindri da 1 litro, motore che sviluppa 67 cv e consuma 2,9 kg di metano per percorrere 100 chilometri. Il tutto con emissioni di CO2 di 79 g/km. Di tutto rispetto le prestazioni, con una velocità massima di 168 km/h ed un tempo di 15,8 secondi per passare da 0 a 100 chilometri all’ora.

“Il premio ricevuto dalla Volkswagen eco up! a metano – dice Dante Natali, presidente dell’Osservatorio Metanauto e di Federmetano – testimonia l’alto valore ecologico dell’utilizzo di veicoli alimentati a metano. Oggi chi fosse interessato ad un veicolo a metano può scegliere tra diversi modelli messi in commercio dalle case automobilistiche (modelli che coprono vari segmenti di mercato: dalle piccole city car alle berline, passando per le auto familiari e per i veicoli commerciali) e può contare su una rete di distribuzione del metano che ha superato i 900 punti e che rende l’Italia il paese europeo con il maggior numero di distributori di metano per autotrazione”.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner