Articoli marcati con tag ‘Veicoli’

Scania potrà riprodurre tutte le condizioni atmosferiche – in laboratorio!

Scania ha investito 400 milioni di SEK (circa 44,8 milioni di Euro) nella costruzione del più avanzato centro di simulazione climatico d’Europa. Grazie alla galleria del vento climatica, realizzata nel centro ricerche e sviluppo a Södertälje, Svezia, Scania può testare in fabbrica i veicoli nelle condizioni atmosferiche più difficili, velocizzando così la fase di sviluppo di nuovi prodotti ed il miglioramento delle prestazioni.

Grazie alla galleria del vento climatica, realizzata nel centro ricerche e sviluppo a Södertälje, Svezia, Scania può testare in fabbrica i veicoli nelle condizioni atmosferiche più difficili, velocizzando così la fase sviluppo di nuovi prodotti ed il miglioramento delle prestazioni.

Scania è ora meno legata ai test condotti sul campo e, utilizzando la galleria del vento climatica in ambiente controllato, sarà possibile ridurre il tempo tra lo sviluppo ed il lancio di un prodotto. “Questa struttura, unica nel suo genere, ci permetterà di lavorare per ridurre ulteriormente il consumo di carburante e le emissioni”, dichiara Harald Ludanek, Executive Vice President e responsabile del dipartimento Ricerca e Sviluppo. “Grazie alla riduzione dell’impatto di agenti atmosferici quali neve, pioggia e sporco, gli autisti potranno beneficiare di una migliore abitabilità in cabina e di una maggiore sicurezza”.

Dal freddo polare al caldo torrido

Nella galleria del vento climatica è possibile simulare una temperatura che può variare da -35°C a + 50°C e un’umidità tra il 5% e il 95%. Il sistema di ventilazione è dotato di alcuni piccoli cannoni in grado di produrre vari tipi di neve. La neve può essere sostituita dalla pioggia di qualsiasi intensità, può essere impostata perfino la dimensione delle gocce. Aggiungendo poi sostanze chimiche ultraviolette alla pioggia, e successivamente illuminando il veicolo in test con luce ultravioletta (UV), si può determinare esattamente dove la pioggia e lo sporco si depositano e come questi scivolano via dal veicolo.

Il test del veicolo avviene posizionandolo su dei rulli, uno per ogni gruppo di ruote. Questo consente ai tecnici di simulare velocità fino a 100Km/h, il passo ottimale per il test di veicoli e autobus.

Tra tutti i test che possono essere condotti vi sono anche quelli necessari per studiare il comportamento dei componenti a temperature estreme, come la pioggia scivola via dal veicolo, la visibilità degli autisti in condizioni di pioggia intensa e neve, come ghiaccia il parabrezza, la rumorosità generata dal vento e come lo sporco si attacca ai fianchi della cabina, agli specchietti retrovisori e alla maniglie delle portiere.

“I veicoli e autobus Scania sono progettati per offrire le migliori prestazioni, indipendentemente dalle condizioni atmosferiche”, dichiara Christer Ramdén, responsabile dei Test Veicoli. Quando entriamo in un nuovo mercato o segmento industriale, particolarmente impegnativo per le condizioni climatiche che impone, dobbiamo essere certi che i nostri veicoli si comportino in modo impeccabile”.

ACI: 4 MILIONI DI VEICOLI SENZA ASSICURAZIONE COSTANO 2 MILIARDI DI EURO

Sul fronte della rc-auto qualcosa finalmente si muove. L'avvio di un'iniziativa
comune tra ISVASS - Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni ed Antitrust è un
passo concreto nel contrasto agli illeciti che costano 2 miliardi di euro alle
Compagnie, con conseguenti aggravi di spesa per gli automobilisti onesti. Sulle
strade circolano oggi circa 4 milioni di veicoli senza assicurazione (1 su 8) e il
numero è in costante crescita". Lo dichiara il presidente dell'Automobile Club
d'Italia, Angelo Sticchi Damiani, alla luce della relazione annuale dell'ISVASS che
sottolinea quanto le tariffe rc-auto siano ancora alte ed ingiuste.

"ACI sollecita da tempo le istituzioni a muoversi - continua il presidente Sticchi
Damiani - e abbiamo anche presentato al Governo e al Parlamento un progetto di legge
con quattro articoli in grado ridurre il prezzo della rc-auto fino al 40%, favorendo
così una ripresa del mercato automobilistico e motociclistico ormai in crisi
strutturale".

L'assicurazione è la prima voce di spesa fissa per gli automobilisti, che con 740
euro in media incide per il 21% sul totale di 3.500 euro spesi ogni anno per l'uso
dell'auto, indipendentemente dai chilometri percorsi: se qualcosa si può risparmiare
in carburante riducendo la percorrenza ed adeguando lo stile di guida, la rc-auto si
paga sempre e comunque.

Volvo Trucks rinnova la gamma totalmente in 8 mesi

A partire da settembre 2012, Volvo Trucks ha lanciato cinque nuovi modelli di camion. È iniziato tutto l’anno scorso, con lo straordinario lancio del nuovo Volvo FH, seguito quest’anno dall’introduzione dei nuovi Volvo FM, Volvo FMX, Volvo FE e Volvo FL. In tutti i nuovi modelli sono incluse innovazioni e caratteristiche che consentono al conducente di lavorare in modo più semplice ed efficiente.

Questo periodo è stato uno dei più intensi ed entusiasmanti della nostra storia. Con la gamma Volvo più moderna e tecnologica di sempre, ora abbiamo una capacità straordinaria di aiutare i clienti di ogni segmento a migliorare la propria produttività e redditività”, dichiara Claes Nilsson, Presidente di Volvo Trucks.

Dal punto di vista visivo, i legami familiari Volvo tra il camion più potente (il Volvo FH16) e i suoi fratelli più piccoli ora sono più salde che mai. Su tutti i modelli, il classico Iron mark di Volvo è stato spostato in alto in una nuova posizione sotto il parabrezza. Con le caratteristiche luci di posizione diurne a V, i nuovi fari evidenziano ancora di più l’uniformità dell’aspetto.

Miglioramento dell’ambiente di lavoro per i conducenti

Dal punto di vista del conducente, tutti i nuovi camion Volvo offrono numerosi vantaggi. Tutti gli interni cabina sono stati migliorati o rinnovati con l’obiettivo principale di creare un luogo di lavoro valido, ergonomico, comodo e sicuro.

“Durante lo sviluppo dei nuovi camion, viene sempre riservata una particolare attenzione alle condizioni di lavoro dei loro conducenti. La rivoluzionaria sterzatura dinamica Volvo è un esempio eccellente di come siamo in grado di rendere meno faticosa la guida, mentre le sospensioni anteriori indipendenti, presenti per la prima volta al mondo sui mezzi pesanti, migliorano sia il comfort che la stabilità”, spiega Claes Nilsson.

Riduzione dei costi di trasporto

Volvo Trucks ha inoltre introdotto nuove tecnologie innovative e nuovi servizi pensati appositamente per ridurre i costi di trasporto dei clienti. Ad esempio, grazie alla possibilità di avvalersi della telematica per monitorare diversi componenti, i camion Volvo FH, Volvo FM, Volvo FE e Volvo FL sono ora disponibili con contratti Gold Volvo, ottimizzati per la massima operatività.

Tra le altre funzionalità e servizi per il risparmio di carburante disponibili per i conducenti Volvo vengono annoverati Dynafleet Fuel and Environment, il servizio Consulenza consumi e il corso di formazione Guida efficiente. Inoltre, l’apprezzato cambio automatizzato I-Shift, personalizzabile per diverse applicazioni specifiche e in grado di contribuire a ridurre i consumi, è disponibile non solo per Volvo FH, Volvo FM e Volvo FMX, ma anche per Volvo FE.

Una delle nuove caratteristiche più avanzate per il risparmio di carburante è I-See, ovvero un sistema paragonabile a un pilota automatico che si occupa della selezione della marcia, dell’accelerazione e dell’attivazione del freno motore in discesa, tutto nel modo più efficiente possibile dal punto di vista dei consumi. Quando un camion equipaggiato con l’ultima versione di I-See percorre per la prima volta un tratto di strada in pendenza, le informazioni relative alla topografia locale vengono trasmesse al server Volvo Trucks tramite wireless. Nel momento in cui un altro camion con I-See percorre la stessa strada, il sistema riceve automaticamente dal server le informazioni sulla topografia e garantisce che cambi di marcia, accelerazione e rallentamento avvengano in modo efficiente dal punto di vista dei consumi sin dalla prima volta. Il risparmio di carburante per le attività a lungo raggio può raggiungere il 5%.

“Sono comuni a tutti i nostri camion quelle qualità che consentono di offrire eccellenti proprietà di guida al conducente e vantaggi significativi al trasportatore, ad esempio massima operatività e costi di carburante ridotti al minimo”, conclude Claes Nilsson.

Minori emissioni e risparmi economici con il metano

Le auto a metano permettono importanti risparmi economici e di emissioni nocive.

Un risparmio di 109.366 euro e la mancata emissione nell’atmosfera di 15,86 tonnellate di ossido di azoto e di 18,17 kg di particolato. Questi i risultati dell’utilizzo di veicoli a metano, invece che a gasolio, monitorati nell’ambito dell’iniziativa “La settimana del metano”. Realizzata da Econometrica in collaborazione con Eni, dal 21 al 27 novembre, la settimana del metano ha monitorato le percorrenze chilometriche e i consumi di carburante di importanti flotte di veicoli alimentati a metano.

I 348 veicoli a metano coinvolti nel progetto hanno percorso 617.701 km consumando 292.865 kg di metano. Alla fine del monitoraggio è stato possibile calcolare il risparmio economico e le minori emissioni di ossidi di azoto e di particolato generati dall’uso di veicoli a metano. Al monitoraggio hanno partecipato aziende di grandi, medie e grandi dimensioni con parco auto da 3 a oltre 200 veicoli a metano.

Settembre, divieti di circolazione per i mezzi pesanti

Non potranno circolare fuori dai centri abitati in determinati giorni e orari.

I veicoli destinati al trasporto di cose di massa complessiva superiore alle 7,5 tonnellate non potranno circolare fuori dai centri abitati in determinati giorni e fasce orarie.

Il divieto è già entrato in vigore ieri dalle ore 16.00 alle 22. Ecco il calendario di settembre in cui saranno attive le limitazioni: domenica 2 settembre dalle ore 16.00 alle 24.00; venerdì 9 settembre dalle ore 16.00 alle 22.00; domenica 11 settembre dalle ore 7.00 alle 24.00; domenica 18 settembre dalle ore 7.00 alle 24.00; domenica 25 settembre dalle ore 7.00 alle 24.00.

Restano salve le altre deroghe già previste dal precedente calendario 2011.

Crescita esponenziale dei veicoli su strada. Ma le infrastrutture non si adeguano.

Negli ultimi quarant’anni si è passati da 81 a 225 autoveicoli sulle strade italiane.

Negli ultimi quarant’anni la densità di veicoli sulle strade italiane ha registrato una crescita del 178%, passando dagli 81 veicoli per km del 1970 ai 225 del 2010.

Un aumento esorbitante a cui però non ha corrisposto un adeguato sviluppo delle infrastrutture stradali. Infatti, tra il 1970 e il 2010, gli autoveicoli sono cresciuti del 271% mentre la dotazione nazionale di autostrade, strade statali e provinciali è aumentata solo del 34%.

I dati, forniti da uno studio dell’Osservatorio Autopromotec, mettono in evidenza le criticità della rete viaria italiana, del tutto insufficiente a supportare una delle più alte concentrazioni di veicoli a livello mondiale.

Le nostre infrastrutture stradali sono insufficientemente estese (183.705 km di cui solo 6.629 di autostrada) e vecchie ma l’ammodernamento è fermo da anni con conseguenze deleterie su sicurezza, impatto ambientale e competitività del sistema del trasporto merci.

Bayer taglia le emissioni grazie al metano

Bayer: 15% in meno di emissioni inquinanti grazie a metano

Bayer installa un nuovo distributore di metano presso il sito tedesco di Chempark per rifornire la sua flotta di circa 400 veicoli. Lo rende noto l’Osservatorio Metanauto, che sottolinea così la scelta della multinazionale farmaceutica a favore dell’ambiente.

Il nuovo impianto rientra nel programma “Ecofleelt”, lanciato da Bayer nel 2007 per ridurre l’impatto ambientale dei suoi veicoli, che ha previsto anche una serie di incentivi agli impiegati per l’utilizzo di veicoli ad alimentazione “verde”, tra cui il metano. Grazie a questa politica, la multinazionale tedesca  è riuscita a tagliare le emissioni di CO2 del 15% ed è sempre più vicina al traguardo del 20% entro il 2020.

Toyota, aumentano le vendite in Europa

Aumento del 13% delle vendite Toyota rispetto al 2010

Buoni i dati delle vendite europee di Toyota nel primo trimestre 2011. Con circa 230mila veicoli Toyota e Lexus piazzati, si registra un aumento del 13% rispetto all’anno precedente. Più di 100mila unità della casa giapponese vendute a marzo: un record che non si toccava dal 2009 e che porta a 4,71% la quota di mercato in Europa.

Grande richiesta per i modelli AYGO, Prius, per i Suv RAV4 e Land Cruiser – la cui domanda è aumentata di oltre il 60% – e per i veicoli full hybrid. Per questi ultimi, che rappresentano l’11% delle vendite europee totali, incremento del 28% rispetto al 2010. Ottimi risultati, infine, anche per i due nuovi modelli Toyota Verso-S e Lexus CT 200h.

MAN TopUsed, boom di vendite nel 2010

MAN TopUsed commercializza autocarri e autobus usati

20.000 veicoli tra autocarri e autobus venduti in tutto il mondo nel 2010, ben 7.000 unità in più rispetto all’anno precedente. Queste le cifre del successo della MAN TopUsed, divisione veicoli usati della Truck & Bus, che ha tratto un enorme beneficio commerciale dall’anno appena concluso. “Anche nel 2011 ci aspettiamo una forte richiesta di veicoli usati, cui seguirà un ulteriore rialzo del livello dei prezzi”, dichiara fiducioso Holger Hahn, responsabile internazionale di MAN TopUsed. L’azienda, presente in oltre 25 paesi in Europa e Asia, commercializza anche rimorchi e semirimorchi, garantendo revisioni e controlli in officina per i suoi usati. Il ventaglio dell’offerta, inoltre, comprende anche una serie di servizi accessori, tra cui soluzioni di leasing e finanziamento e contratti di riparazione e manutenzione. L’offerta completa è disponibile sul sito www.man-topused.com.

Toyota: oltre tre milioni di veicoli ibridi venduti nel mondo dal 1997

Recore di veicoli full-hybrid venduti da Toyota

La Toyota Motor Corporation ha superato un altro record, vendendo oltre tre milioni di veicoli full hybrid al mondo dall’inizio della sua “storia ibrida” nel ‘97. TMC prosegue nell’estensione della sua gamma sostenibile: quest’anno ha lanciato la prima vettura full hybrid nel segmento delle compatte premium, la Lexus “CT 200h”. Il nuovo veicolo va ad ampliare la gamma di vetture eco sostenibili di TMC, che arrivano a 16 modelli commercializzati in circa 80 paesi al mondo. Ma TMC non si ferma: già pianificata l’introduzione di 10 modelli full hybrid entro la fine del 2012. Da sempre per Toyota la mobilità sostenibile rappresenta una priorità ed i risultati sono tangibili: ad oggi si calcola che dal ’97 grazie alle vetture full hybrid c’è stata una sensibile diminuizione delle CO2, pari a 18 milioni di tonnellate cubiche.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner