Articoli marcati con tag ‘Vito Riggio’

Il Presidente Riggio alla presentazione del Master Plan di Firenze

Il Presidente dell’ENAC Vito Riggio nel suo intervento alla conferenza stampa di presentazione del Master Plan dell’Aeroporto di Firenze che si è tenuta nel Comune di Firenze ha evidenziato come l’approvazione sia giunta al termine di un iter articolato che ha visto coinvolti numerosi attori.
“La giornata di oggi – ha detto il Presidente Riggio – è molto importante perché rappresenta un ulteriore tassello per la ripresa del settore e del Paese. Non bisogna dimenticare, peraltro, che le decisioni assunte dall’ENAC in materia di aeroporti derivano dalle indicazioni internazionali, in particolare dell’ICAO, l’Organismo dell’ONU che racchiude le autorità per l’aviazione civile di 191 Paesi membri, che l’ENAC è chiamato a far applicare in Italia, nel suo ruolo di garante delle regole che tutelano la sicurezza del volo e lo sviluppo equo e competitivo del sistema”.
Il Presidente, inoltre, ha evidenziato come le decisione assunte dall’ENAC siano orientate verso l’integrazione del sistema intero, con il superamento di localismi e campanilismi.
“Questa – ha ribadito il Presidente – è l’ottica in cui l’Ente si è mosso già 5 anni fa, nell’elaborazione del proprio studio per il sistema aeroportuale diventato successivamente il Piano Nazionale degli Aeroporti adottato dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti”.
Il Presidente, infine, ha colto l’occasione per ringraziare tutti coloro che hanno partecipato alla definizione del piano, secondo le rispettive competenze, tra cui il Comune di Firenze, la Regione Toscana., la società di gestione ADF, le Istituzioni e gli Enti territoriali.

Presidente Riggio effettua sopralluogo Aeroporto Bari per lavori ampliamento aerostazione

Nel pomeriggio di oggi, 12 settembre, il Presidente dell’ENAC Vito Riggio ha effettuato un sopralluogo presso l’Aeroporto di Bari per una verifica dello stato dei lavori relativi all’ampliamento dell’aerostazione passeggeri che, come da cronoprogramma, saranno ultimati entro le metà del mese di ottobre e verranno quindi sottoposti al collaudo prima dell’entrata in esercizio.
Al sopralluogo erano presenti, oltre al Presidente Riggio, il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, l’Amministratore Unico e il Direttore Generale di Aeroporti di Puglia Giuseppe Acierno e Marco Franchini, il Direttore Aeroportuale ENAC Puglia e Basilicata Antonio Lattarulo, nonché i rappresentanti delle imprese che stanno realizzando le opere.
Nel corso del suo intervento il Presidente Riggio ha espresso il proprio apprezzamento per la società Aeroporti di Puglia e per i risultati conseguiti nella realizzazione degli investimenti e nella riqualificazione delle infrastrutture che hanno portato anche un potenziamento dei collegamenti aerei. Risultati in linea con quanto previsto dal contratto di programma stipulato tra l’ENAC e Aeroporti di Puglia, che permette alla società di avere certezza delle entrate e favorisce quindi gli investimenti previsti nel Master Plan aeroportuale.
Il Presidente, inoltre, ha sottolineato anche come gli aeroporti pugliesi siano un modello di riferimento per quanto riguarda il tema della compatibilità ambientale, richiamando il programma di efficientamento energetico dell’aeroporto di Bari e di attuazione di politiche sociali e di conciliazione vita/lavoro, tra cui, ad esempio, la realizzazione dell’asilo nido aziendale.

ENAC: Il Presidente Riggio in merito alla riunione organizzata dal Sindaco Bianco sullo sviluppo dell’Aeroporto di Catania

A conclusione della riunione odierna organizzata dal Sindaco di Catania Enzo Bianco, a cui ha partecipato una delegazione di tecnici dell’ENAC, in merito alla realizzazione di opere che favoriranno lo sviluppo dell’Aeroporto di Catania, il Presidente Vito Riggio ha dichiarato:
“Condivido con il Sindaco Bianco la necessità di sciogliere al più presto alcuni nodi relativi sia alla realizzazione delle opere, sia alle fonti di finanziamento. È importante che tutti gli attori del sistema capiscano che lo sviluppo dello scalo ha come diretta conseguenza la crescita del sistema aeroportuale della Sicilia Orientale e della sua economia. Auspico pertanto che il Comune di Catania diventi l’elemento aggregante per la realizzazione dei lavori”.
La riunione odierna ha riguardato essenzialmente il parziale interramento della linea ferroviaria nel tratto antistante l’aerostazione, opera che consentirebbe il prolungamento della pista di volo con la conseguente possibilità di ampliare l’operatività dello scalo e togliere quindi le attuali limitazioni operative.
Altro aspetto di particolare rilievo di cui si è discusso nel corso della riunione è quello relativo alla realizzazione dell’intermodalità attraverso interventi come il collegamento ferroviario fino all’interno dell’aeroporto, sia della linea ferroviaria Catania – Palermo, sia della linea Circumetnea.
Nel corso dell’incontro, infine, si è deciso di presentare un progetto ad hoc per la realizzazione delle parti delle opere che interessano maggiormente lo scalo. A tal fine ci saranno incontri tecnici a partire già dalla prossima settimana per la definizione dei passaggi successivi.

INCONTRO TRA IL PRESIDENTE RIGGIO E IL SINDACO BIANCO SULLO SVILUPPO DELL’AEROPORTO DI CATANIA

Il Presidente dell’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, Vito Riggio, ha incontrato oggi, 19 giugno, il Sindaco di Catania Enzo Bianco.
L’incontro, che si è svolto in un clima di collaborazione e stima reciproca, ha riguardato soprattutto le potenzialità di sviluppo dell’Aeroporto di Catania.
Quello di Catania, sesto tra gli scali nazionali – nel 2013 ha registrato 6.307.473 passeggeri, con un incremento del 2,6% rispetto all’anno precedente, – è l’aeroporto principale della Sicilia orientale e rappresenta un volano per la crescita economica dell’intero territorio.

ENAC ha presentato il Rapporto e Bilancio Sociale 2013 a Istituzioni, settore e stampa

Il Presidente dell’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile Vito Riggio e il Direttore Generale Alessio Quaranta hanno presentato  presso il Senato della Repubblica, a Palazzo Giustiniani, il Rapporto e Bilancio Sociale delle attività istituzionali svolte dall’ENAC nel 2013.
L’incontro è stato aperto dal saluto del Presidente del Senato Pietro Grasso.
A seguire, il Presidente Vito Riggio ha sintetizzato le principali attività sviluppate dall’ENAC nel corso dell’anno di riferimento, facendo anche una panoramica sull’andamento del settore in ambito nazionale e internazionale. Il Direttore Generale Alessio Quaranta ha illustrato le novità introdotte con il nuovo sistema di regolazione tariffaria. Il Vice Direttore Generale Benedetto Marasà è intervenuto sulla safety e sui rapporti tra l’Ente e l’industria. Il Segretario Esecutivo dell’ECAC, European Civil Aviation Conference, Salvatore Sciacchitano ha analizzato lo scenario internazionale del trasporto aereo.
Al termine delle presentazioni si sono succeduti gli interventi di Massimo Garbini, Amministratore Unico Enav, Lorenzo Lo Presti, Amministratore Delegato Aeroporti di Roma, Gabriele Del Torchio, Amministratore Delegato Alitalia, intervenuto anche come rappresentante di Assaereo. Le conclusioni sono state affidate a Giacomo Aiello, Capo di Gabinetto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti.
L’incontro si è svolto alla presenza di numerosi rappresentanti delle Istituzioni, dei referenti delle varie componenti del settore aereo e della stampa.
I lavori sono stati trasmessi in diretta sulla Web Tv del Senato, webtv.senato.it
Su Enac Channel, il canale video informativo dell’Ente su YouTube, sarà a breve disponibile un servizio sull’evento, mentre il Rapporto e Bilancio Sociale 2013, verrà pubblicato in versione integrale sul portale dell’Enac www.enac.gov.it.
Si rimanda a questa pubblicazione per l’analisi completa e ufficiale delle attività istituzionali del 2013.
Dal 2007, in un’ottica di trasparenza nei confronti delle Istituzioni e dei cittadini, attraverso la pubblicazione del Rapporto e Bilancio Sociale, l’ENAC fornisce annualmente una panoramica sul trasporto aereo nazionale, illustra dati e procedure relativi alla sicurezza nella duplice accezione di safety e di security, sottolinea gli obiettivi raggiunti evidenziando, al tempo stesso, i punti di criticità ancora da risolvere nel comparto, analizza i dati di traffico passeggeri e merci.
La pubblicazione presentata oggi è composta da quattro RELAZIONI INTRODUTTIVE che forniscono, sotto vari profili, l’analisi degli aspetti salienti del settore. Nello specifico, i temi degli interventi sono: “2013: un anno altamente positivo” a cura di Vito Riggio; “Il nuovo sistema di regolazione tariffaria” di Alessio Quaranta; “Safety e rapporti con l’industria”
2
elaborato da Benedetto Marasà; “Scenario del trasporto aereo mondiale nel 2013” presentato da Salvatore Sciacchitano.
Il volume riporta quindi i principali dati di traffico e le 40 schede del Bilancio Sociale (giunto alla 5a edizione) con il dettaglio delle attività svolte nelle 8 aree tematiche di riferimento, ovvero l’Istituzione, la Safety, la Security, la Pianificazione aeroportuale, la Regolazione economica, la Regolazione dello spazio aereo, l’Ambiente, l’Attività internazionale.

ENAC: Il Presidente Riggio in merito alla lettera e al comunicato di Santini curatore fallimentare aeroporto Rimini

In relazione alla lettera ricevuta ieri, 3 giugno 2014, da parte del Curatore del Fallimento di Aeradria S.p.A., Renato Santini, e al comunicato stampa emesso dal Curatore, sempre nella giornata di ieri, il Presidente dell’ENAC Vito Riggio ribadisce:
“La legge affida all’ENAC, l’Ente pubblico non economico che presiedo, il compito di garantire la sicurezza di tutti gli aeroporti aperti al traffico commerciale, sia che siano in concessione parziale o totale o in fallimento.
I soggetti responsabili devono costantemente dimostrare, al di là della presentazione dei bilanci, di essere in grado effettivamente di compiere atti e procedure necessari, a giudizio degli ispettori di ENAC, che garantiscano gli standard di sicurezza.
Da qui l’invito a tutti coloro che hanno responsabilità gestionali a non tentare nemmeno di intimidire, in qualsiasi modo, l’ENAC con pretestuose richieste di danni o altre azioni che lasciano assolutamente indifferenti il Consiglio di Amministrazione dell’ENAC, il suo Presidente e tutta la complessa struttura amministrativa che risponde al Parlamento e al Governo della cura dell’interesse pubblico, della regolarità e della sicurezza delle attività di volo”.
Inoltre, il Direttore Generale dell’ENAC, Alessio Quaranta, ha dato mandato alla struttura legale dell’Ente di verificare se sussistono gli estremi per presentare una querela nei confronti della curatela fallimentare.

Vertici ENAC incontrano ADR per verifica monitoraggio investimenti su aeroporto Fiumicino

Il Presidente dell’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, Vito Riggio, e il Direttore Generale Alessio Quaranta hanno incontrato, alla presenza delle relative strutture tecniche, la società di gestione Aeroporti di Roma rappresentata dall’Amministratore Delegato Lorenzo Lo Presti e da Giovanni Castellucci, Amministratore Delegato di Atlantia. La riunione si inserisce nell’ambito delle attività programmate di vigilanza e controllo svolte dall’ENAC nei confronti delle società di gestione, e in questo caso su ADR, come previsto dai contratti di programma in corso. L’ENAC ha verificato con soddisfazione un generale incremento dei livelli di qualità dei servizi raggiunto dall’Aeroporto di Roma Fiumicino negli ultimi tempi, evidenziato anche dalla classifica di ACI Europe (Airport Council International), l’associazione che riunisce i principali aeroporti, che colloca lo scalo romano in posizioni migliori rispetto al passato e a quelle attualmente ricoperte dagli aeroporti di Parigi, Francoforte e Madrid. L’incremento dei livelli di qualità è uno dei risultati raggiunti anche grazie al contratto di programma stipulato tra l’ENAC e la società ADR (dicembre 2012) che nel corso di questo primo anno effettivo di vigenza ha portato anche alla riattivazione degli investimenti che, peraltro, hanno subito una buona accelerazione. L’implementazione delle attività conseguenti al contratto di programma comportano, pertanto, benefici sia per i passeggeri utenti di Roma Fiumicino, sia per gli operatori aerei del comparto che hanno deciso di operare sullo scalo e, in particolar modo, di coloro che hanno fatto di Fiumicino l’hub per le proprie attività di volo. L’ENAC evidenzia come questi primi risultati raggiunti dalla società ADR, così come quelli conseguiti dalle altre società con cui è in corso un contratto di programma, sono il prodotto di un meccanismo di vigilanza collaborativa che si inserisce in un contesto costruttivo, insito nello stesso contratto di programma, che vede il soggetto vigilato agire in maniera propositiva, anticipando le soluzioni di un eventuale problema prima che si inneschi la normale procedura tra vigilante e vigilato. Preso atto del generale miglioramento, l’ENAC ha invitato la società Aeroporti di Roma a continuare a mettere in atto tutte le azioni volte ad accelerare la realizzazione completa del programma di investimenti e delle opere connesse al contratto di programma e allo sviluppo dello scalo. L’incontro è stato aggiornato a un successivo appuntamento intermedio di verifica del monitoraggio in corso e, inoltre, l’ENAC ha anticipato che organizzerà un evento pubblico per dare evidenza dei risultati raggiunti.

Presentati Atti Seminario ENAC su attuazione direttiva diritti aeroportuali e ruoli Enac – Autorità regolazione tariffe

Ieri, lunedì 7 aprile, presso la Direzione Generale dell’ENAC, il Presidente Vito Riggio e il Direttore Generale Alessio Quaranta hanno presentato ufficialmente alle istituzioni, ai rappresentanti del settore aereo e alla stampa gli Atti del Seminario: “L’attuazione della Direttiva 2009/12/CE sui diritti aeroportuali: l’ENAC e l’Autorità di regolazione dei trasporti” che era stato organizzato dall’Ente nel novembre del 2013. L’obiettivo del Seminario di studio tra rappresentanti delle Istituzioni, giuristi e qualificati operatori di settore, era quello di approfondire i rispettivi ruoli e le responsabilità tra l’Autorità di regolazione dei trasporti e l’ENAC.
I contenuti delle relazioni e degli interventi presentati nel corso del Seminario di novembre sono stati raccolti dall’ENAC in una pubblicazione presentata oggi e preceduta da una conferenza stampa che ne ha anticipato i contenuti ai media intervenuti.
Tra i partecipanti all’incontro odierno vi sono anche Altero Matteoli, Presidente Commissione Lavori Pubblici e Comunicazioni del Senato, Giacomo Aiello, Capo di Gabinetto Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Pierluigi Di Palma, Presidente Centro Studi Demetra, Mario Sebastiani, Docente ordinario Economia Politica Università Roma Tor Vergata, Elda Turco Bulgherini, Docente ordinario Diritto della Navigazione Università Roma Tor Vergata, Fulvio Cavalleri, Vice Presidente Vicario Assaeroporti, Andrea Zoppini, Docente ordinario Istituzioni Diritto Privato Università Roma Tre, Fabio Cintioli, Docente ordinario Diritto Amministrativo oltre che Olivier Jankovec, Direttore Generale ACI Europe che ha illustrato l’applicazione della Direttiva negli altri Paesi europei e l’avv. Mario Siragusa in qualità di moderatore.
Nel 2009 è stata emanata la Direttiva europea che stabilisce i principi comuni per la determinazione e riscossione dei diritti aeroportuali negli aeroporti aperti al traffico aereo commerciale il cui volume di traffico annuale supera la soglia di 5 milioni di passeggeri e nell’aeroporto con il maggior traffico passeggeri in ciascuno Stato membro.
A seguito di questa Direttiva, nel 2012 il legislatore italiano ha varato l’istituzione di un’autorità per la regolazione tariffaria per l’intero settore.
Nel periodo intercorso tra la Direttiva europea e l’attuazione in Italia, l’ENAC ha continuato a operare nella fase transitoria concludendo sia i contratti di programma con i principali aeroporti, sia definendo gli schemi tariffari che, dopo ampia consultazione con gli operatori e con i soggetti coinvolti, sono stati inviati per i pareri di competenza ai Ministeri delle Infrastrutture e Trasporti e dell’Economia e Finanza. Una volta approvati i modelli tariffari, si potrà procedere con la stipula di accordi ad hoc tra i gestori e gli operatori degli scali per la definizione delle tariffe.

Il Presidente Riggio e il Direttore Generale Quaranta incontrano vertici Gesac, società gestione aeroporto Napoli

Continuano gli incontri del vertice ENAC con i responsabili dei principali aeroporti nazionali nell’ambito dello svolgimento delle attività istituzionali finalizzate alla vigilanza e al controllo sulle società di gestione e sui piani di sviluppo e investimenti sugli scali.
Nel pomeriggio di ieri presso la Direzione Generale, il Presidente dell’ENAC Vito Riggio e il Direttore Generale Alessio Quaranta hanno incontrato Armando Brunini, Amministratore Delegato e Alessandro Fidato, Direttore Infrastrutture e Operazioni Volo della Gesac, la società di gestione dell’Aeroporto di Napoli Capodichino.
Dall’incontro con i vertici Gesac è emerso un rispetto sostanziale di quanto previsto dal contratto di programma stipulato tra l’ENAC e la società di gestione.
L’ENAC auspica, tuttavia, una rapida definizione del piano di sviluppo aeroportuale, aspetto determinante per la programmazione tariffaria.
L’ENAC e la Gesac, inoltre, hanno concordato un nuovo incontro entro l’estate per la verifica dello stato di elaborazione del piano di sviluppo.
L’ENAC, attraverso le proprie strutture tecniche, sta, infatti, continuando l’attività di monitoraggio sull’andamento degli investimenti realizzati secondo quanto previsto dai singoli piani di investimento contenuti nei contratti di programma stipulati con le società di gestione aeroportuale.

Riggio ha incontrato vertici Gesap su stato avanzamento lavori aeroporto di Palermo

La verifica dello stato di avanzamento dei lavori presso l’Aeroporto di Palermo ha rappresentato il motivo principale dell’incontro che si svolto nella Direzione Generale dell’ENAC tra Vito Riggio, Presidente dell’ENAC, Fabio Giambrone Presidente della Gesap, società di gestione dello scalo ‘Falcone Borsellino’ e Carmelo Scelta, Direttore Generale della Gesap.
L’incontro si è svolto al termine di un monitoraggio realizzato dalle competenti strutture dall’Ente per una comparazione sui lavori realizzati a fronte di quelli programmati.
L’ENAC ha preso atto di un recupero nella realizzazione delle opere che sta riducendo i ritardi accumulati negli anni scorsi. Ritardi che per la maggior parte non sono imputabili alla società, ma a motivazioni esterne tra cui si citano, a titolo di esempio, la procedura per l’ottenimento della VIA (Valutazione Impatto Ambientale), il fallimento di alcune ditte e un ritardo di 2 anni nell’erogazione dei finanziamenti da parte della Regione Siciliana.
L’ENAC ha riscontrato il completamento di alcune opere molto importanti, tra cui la viabilità e dei lavori all’interno dell’aerostazione, ma ha raccomandato alla società Gesap di accelerare il più possibile per ultimare quei lavori che hanno anche un impatto immediato sull’utenza e sulla qualità dei servizi.
L’ENAC, nel confermare che continua il monitoraggio costante sulla società di gestione, ha chiesto un’ulteriore incontro di verifica che si terrà, direttamente presso l’Aeroporto di Palermo, entro la fine del mese di giugno. Per tale data dovranno essere conclusi alcuni altri lavori per favorire anche lo svolgimento in efficienza e regolarità della stagione estiva, quella che registra un maggior numero di passeggeri su tutti gli scali nazionali.
Nel prendere atto che la Provincia di Palermo ha confermato la propria quota di ricapitalizzazione di 10 milioni, il Presidente Vito Riggio ha evidenziato: “Ritengo estremamente importante che venga sanata la definizione del finanziamento da parte della Regione Siciliana, situazione che sollecito dal 2009, e che è essenziale per la realizzazione di interventi come l’adeguamento antisimico e quindi anche per l’operatività dello scalo”.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner